Far From The Madding Crowd

Recensione scritta da per DeBaser. ()

Voto:

Strano accostamento, il nome di questo gruppo, Wuthering Heighs dal romanzo di Emily Bronte, e il nome del disco, “Far From The Madding Crowd” dal romanzo di Thomas Hardy.

Nel 2004 vede la luce il terzo lavoro di questa band danese, “Far From The Madding Crowd” che è anche il terzo e ultimo capitolo di una trilogia iniziata nel 1999 con “Within” e proseguita con “To Travel For Evermore” del 2002.

Il tema trattato nell’intero concept è il viaggio, inteso come viaggio di formazione del protagonista che risponde al nome di Eric Ravn, chitarrista e leader di questa band, che ha inserito nella storia molte sue esperienze personali. Tuttavia non si può parlare propriamente di lavoro autobiografico in quanto in esso troviamo anche composizioni che nulla hanno a che vedere con il vissuto di Ravn.
Minimo comune multiplo di questi tre capitoli è l’estro compositivo dei Wuthering Heights, che uniscono e accostano generi e stili musicali diversi: dal folk (componente costante in tutto il disco) al metal progressive, dal power a sfumature neoclassiche fino a sfociare in atmosfere celtiche sottolineate dall’uso di cornamuse, fiati e archi.

Alla voce troviamo una bella novità: Nils Johansson, a mio avviso più versatile del precedente vocalist, caratterizzato da un timbro più profondo e dalla capacità di alternare momenti aggressivi a momenti più dolci. Il pezzo più rappresentativo di questo disco è senza dubbio “Longing For The Woods”, una suite composta di tre parti non consecutive, che tracciano così il filo conduttore dell’intera storia con melodie che si rincorrono e si riprendono in più momenti. Nella prima parte troviamo atmosfere folk più melodiche e orecchiabili, la seconda è prevalentemente power, con riff e assoli veloci e potenti, mentre l’ultima parte è decisamente progressive, più tecnica, e caratterizzata da tempi dispari. A sottolineare i differenti momenti di questa suite sono anche le variazioni stilistiche del vocalist, che si adattano in modo magistrale alle varie atmosfere proposte.
I testi e i titoli di alcune tracce richiamano al capolavoro di Tolkien “Il Signore Degli Anelli” come “Bad Hobbits Die Hard” pezzo strumentale ricco di spunti neoclassici, o “Lament For Lorien”, una ballata triste e malinconica.

A mio parere questo disco è, seppur di pochissimo, inferiore al precedente “To Travel For Evermore”: manca infatti quella verve compositiva e quella voglia di sperimentazione che si respirava in tutto il precedente lavoro; resta comunque un ottimo album che consiglio caldamente a chi ama la tecnica accostata al sentimento.

Vota la recensione:

Questa DeRecensione di Far From The Madding Crowd è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser:
www.debaser.it/recensionidb/ID_13985/Wuthering_Heights_Far_From_The_Madding_Crowd.htm

Copertina di Wuthering Heights Far From The Madding Crowd
Vota l’opera:

Generi: ,

DeRango™: 1.89, Commenti: 6, Visite: 1695

Voti: 2, Media: 4.00

Campioni audio: Aggiungi

Opere collegate: Far From the Madding Crowd

Informazioni nel web: Wuthering Heights

Artisti collegati: Wuthering Heights (non è DeFinit_)

Commenti (Sei)

foreveryoung
Opera: | Recensione: |
E' una recensione abbastanza particolareggiata e in grado di ispirare l'avvicinamento a questo gruppo di chi come me non lo conosce ed è attratto dagli elementi stilistici evidenziati. Risulta però un pochino troppo tecnica e leggermente asettica per i miei gusti. Comunque me li vado a cercare!
    Pulp
    Opera: | Recensione: |
    Grazie del commento foreveryoung! Forse hai ragione, sono stato un tantino troppo tecnico, tralasciando il lato "personale"...il fatto è che cerco di essere sempre il più oggettivo possibile!
    Ero sicuro che recensendo questo gruppo sconosciuto (ma con questo nome)sarei riuscito a incuriosire solo un'insegnante di inglese! Ciao!
      Pibroch
      Opera: | Recensione: |
      Wuthering Heights?? Porcacciavacca, non li conosco... ma con quel nome devo (DEVO!!) ascoltarli; e anche il genere sembra piacevole. Curiosita' chiedo venia perche' su 'sto pc d'accademia non trovo le vocali accentate) a mille!
        foreveryoung
        Opera: | Recensione: |
        Sentita "Lament for Lorien", piacevolmente sorpresa e in procinto di esplorare Le Cime più attentamente. Soooo...thank you for the useful tip!Ciao ciao
          Pulp
          Opera: | Recensione: |
          Allora ti consiglio di iniziare con il precedente "To Travel For Evermore", forse il più facilmente assimilabile! Bye!
          PS: se hai amato i Pink Floyd e vuoi ascoltare qualcosa di "simile", leggi la mia rece su Riverside!
            Pibroch
            Opera: | Recensione: |
            Ah, per inciso... spettacolo!

              Ocio che non sei mica loggato sul DeBasio!

              Se vuoi commentare:
              Accedi oppure Registrati