In Questo Mondo Di Ladri

Recensione scritta da per DeBaser. ()

Voto:

Nel settembre 1988 viene pubblicato "In questo mondo di ladri", il best-seller assoluto (1.500.000 copie vendute!) del Venditti nazional-popolare: un autentico "capolavoro", non tanto artistico quanto di "paraculaggine" commerciale (solamente "Benvenuti in Paradiso", tre anni dopo, saprà fare di meglio -o di peggio, dipende dai punti di vista!-), tra l'altro desumibile fin dal titolo, qualunquista quanto si vuole ma certamente atto allo scopo (...del profitto commerciale, s'intende!).

Si comincia con la strafamosa "Ricordati di me", ovvero l'accorato appello che il nostro Antonello indirizza al suo ex (?) amore di sempre: melodia struggente di immediato impatto, e, cosa inusuale, in tonalità decrescente: si parte dal Fa# maggiore per arrivare al Re maggiore, quasi a voler simboleggiare una "normalizzazione" del proprio stato d'animo: dal furore alla ragione, ovvero "dalla pelle al cuore"!: "e non c'è sesso senza amore, è dura legge nel mio cuore (...però 'sta rima cuore-amore...) che sono un'anima ribelle (...Antonè, semmai ERI un'anima ribelle)". Purtroppo il solo di sax eseguito da Amedeo Bianchi in coda al brano riprende (...vabbè: è copiato pari-pari da) il tema di pianoforte in "After the love has gone" degli Earth Wind & Fire (1979)... AAAARRRGH! Curiosità: l'intro di "Ricordati di me" farà da colonna sonora agli spot TV dell'ex PCI.

"Miraggi" è un motivetto estivo e niente più (ma molto ben riuscito), mentre "Correndo Correndo" (dedicato a Sebino Nela, calciatore della A.S. Roma) riprende il giro di accordi di cui in "Stella" (da "Cuore", 1984), con variazioni tonali.

"Mitico Amore", la cui parte musicale è scritta a quattro mani con Marco Colucci, è un po' una sorpresa: struggente l'incipit e la melodia che si inerpica su un inusuale giro di accordi nella frase mediana, e bello anche il finale con il solo di chitarra elettrica del prode Marco Rinalduzzi che si fonde col tema principale di tastiera ad libitum in dissolvenza (...però la rima "universo-perso" di baglioniana memoria...).

La title-track è indubbiamente un capolavoro, non musicale ma di qualunquismo ("in questo mondo di ladri c'è ancora un gruppo di amici che non si arrendono mai", "noi stiamo bene tra noi e ci fidiamo di noi", "e disprezziamo i politici e ci arrabbiamo, gridiamo, piangiamo", "e questa festa è per noi"), ma on stage è certamente irresistibile, e visti i "lungimiranti" riferimenti con gli sfaceli dei colletti bianchi (leggi "Tangentopoli"!), non sorprende che sia stata eletta a furor di popolo come l'ideale "inno nazionale italiano"! l'enorme successo del disco lo si deve certamente anche alla furba scelta di questo titolo (...studiata a tavolino, e non si dica che non è vero!).

"Il compleanno di Cristina" è un evento a cui è impossibile mancare: il brano diventerà un evergreen nei concerti dal vivo, forte di una base musicale fresca e trascinante, sebbene lungi dall'essere un capolavoro, specialmente per quel che concerne il facile testo. Altra curiosità (neanche troppo velata!): le liriche iniziali sono le stesse di cui in "Sotto il segno dei pesci" (1978, "ti ricordi quella strada / eravamo io e te / e la gente che correva ... ed il rock passava lento sulle nostre discussioni").

"21 modi per dirti ti amo" è un brano dalla potenza deflagrante (Derek Wilson alla batteria picchia preciso e duro, come sempre, mentre Fabio Pignatelli al basso non è da meno!) che sarà altrettanto devastante nelle esecuzioni dal vivo ("in nome dell'amore io combatterò", risaputo quanto si vuole ma nel contesto musicale certamente efficace). La coda strumentale è affidata alla "seconda voce" del sax by Amedeo Bianchi. Per la stesura della parte musicale, Venditti si è avvalso della collaborazione del tastierista Danilo Cherni e del chitarrista Maurizio Perfetto.

Si chiude come meglio non si potrebbe con il brano più bello ed ispirato, non solo del disco, ma di tutta la contemporanea produzione di Venditti: "Ma che bella giornata di sole" è esattamente per "In questo mondo di ladri" quello che fu "Vento nel vento" per "Il mio canto libero" (1972) di Lucio Battisti: una canzone assolutamente da riscoprire, paradossalmente poco celebrata, forte di liriche e melodia dense di struggente passione e di carica emozionale, entrambe fuse in perfetta simbiosi. Antonello ricorda il 25 Aprile ed il suo significato storico, vissuto attraverso i tragici ricordi e, nonostante ciò, le buone speranze dei suoi genitori: "e mio padre vivrà solo il sogno di questa terra perché quello che ha è ancora guerra, e mia madre amerà questo sogno di prigioniero perché quello che avrà è il mondo intero". L'arrangiamento è funzionale alle liriche e viceversa, con crescendo di tonalità e strumentazione. Indovinata è la pausa che prelude al solo di chitarra elettrica sul quale si conclude in dissolvenza la canzone. Unica pecca, a voler essere pignoli, l'hi-hat campionato che quasi soverchia il bel suono compresso di batteria.

Denso di tastiere suadenti, drumming poderoso e campionamenti elettronici, "In questo mondo di ladri" è forse il penultimo lavoro di Venditti in cui è presente una ancora ispirata vena melodica, per contro accompagnata in più punti da una involuzione lirica che già si manifestava nel precedente "Venditti e Segreti" (1986). Il successivo (e ancor più paraculo) "Benvenuti in Paradiso" (1991) non aggiungerà alcunché, se non altrettanti enormi introiti nelle casse del nostro.

Da segnalare la presenza di Carlo Verdone alle percussioni e l'eccellente lavoro di Sandro Colombini e Marco Manfellotto in sede di mixaggio. Bella ed autoironica la copertina.

Vota la recensione:

Questa DeRecensione di In Questo Mondo Di Ladri è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser:
www.debaser.it/recensionidb/ID_21056/Antonello_Venditti_In_Questo_Mondo_Di_Ladri.htm

Copertina di Antonello Venditti In Questo Mondo Di Ladri
Vota l’opera:

Generi:

DeRango™: 9.14, Commenti: 14, Visite: 6603

Voti: 6, Media: 4.33

Campioni audio: Aggiungi

Opere collegate: In questo mondo di ladri

Informazioni nel web: Antonello Venditti

Artisti collegati: Antonello Venditti «Promettente cantautore romano, tragicamente scomparso durante i festeggiamenti dello scudetto della Roma del 1983. La sua casa discografica lo fece sostituire con un porchettaro del Testaccio che gli assomigliava fisicamente.»

Commenti (Quindici)

Blackdog
Opera: | Recensione: |
E' Venditti-maniacs! 'Correndo, correndo' dedicated al grande Seba-Hulk..L'album ke ascoltava siempre
Di Pietro before l'interrogatori a Cusani. But alcuni not accettano il contenuto del disculo in question, come Filippo Facci ke lo ha giudicato 'riprovevole esempio di fantapolitica applicata alla
music leggera..'
    tom traubert
    Opera: | Recensione: |
    Bruttissimo disco che porta Venditti al livello artistico delle spice girls, solo che lui non avendo gnocca da mostrare ha dovuto vendere (sempre artisticamente parlando si capisce) il didietro. Non si rialzerà più.
      iside
      Opera: | Recensione: |
      era già morto e putrido, ora dovrebbe esssere solo polvere
        djmushroom
        Opera: | Recensione: |
        A mio parere non siamo ancora arrivati al Venditti più becero. Darei 2,5
          GustavoTanz
          Opera: | Recensione: |
          L'ultimo colpo di coda di Venditti, parlando di cd interi.
            GustavoTanz
            Opera: | Recensione: |
            Voto alla recensione...
              vortex
              Opera: | Recensione: |
              Ho letto questa recensione proprio per caso, ma è stata una piacevole sorpresa (la recensione, non il disco). Proprio bravo, 5 è forse eccessivo (allora a lester bangs cosa dovremmo dare?), ma te lo lascio volentieri. L'Antonello nazional popolare si commenta da se. La curiosità su "Ricordati di me" come colonna sonora degli spot dell'ex PCI mi ha davvero divertito. A Botteghe Oscure non si può dire che manchi il senso dell'umorismo!
                reverse
                Opera: | Recensione: |
                però ha sempre buoni arrangiamenti/produzioni. Non riesco a disprezzarlo.
                  ecioso
                  Opera: | Recensione: |
                  a me propio non va giù......
                    MisterGigi
                    Opera: | Recensione: |
                    morto e putrido, ora dovrebbe esssere solo polvere, concordo.
                      Alfredo
                      Opera: | Recensione: |
                      Una voce insopportabile.
                        sadeyedpocahontas
                        Opera: | Recensione: |
                        preferisco guzzanti che lo imita.....
                          desade
                          Opera: | Recensione: |
                          Venditti lo scorticherei vivo per le sue canzoni inutili, la sua voce del cazzo e i testi di un quindicenne privo di materia grigia. Però nulla da dire sulla recensione, affatto...
                            rafssru
                            Opera: | Recensione: |
                            Bel disco, tutte canzoni apprezzabili. Tutte.
                              Bonzo
                              Opera: | Recensione: |
                              Rimango attonito nel leggere certi commenti, che spero siano di laziali che non riescono a separare il Venditti romanista dal Venditti cantautore. Perché alcuni insulti (si, parliamo di insulti, non di appunti), ma paiono eccessivamente gratuiti, verso un artista che volente o nolente, rappresenta un bel mattoncino del nostro cantautorato.

                                Ocio che non sei mica loggato sul DeBasio!

                                Se vuoi commentare:
                                Accedi oppure Registrati