Bring Yo' Ass To The Table

Recensione scritta da per DeBaser. ()

Voto:

(Le diable probablement)...

Nel 2005 non ci sono più campi di cotone e le anime nere da possedere con la musica scarseggiano. Meglio spostarsi nelle cittadine in cerca di anime bianche affossate in luridi garage o agli angoli delle strade a strimpellare per qualche dollaro. Questi due ragazzi: John Evans, che per suonare porta la slide al banco dei pegni e Brenn Breck che usa i cartoni come grancassa, sono quelli più maledetti dal vicinato assordato dall'infernale rumore. Hanno un amico d'infanzia che suona il basso con loro nei peggiori bar di Fort Wayne ma non occorre: il suono deve essere più crudo possibile. Se stringi un patto con il Diavolo devi essere spietato, niente sentimentalismi.

 Per premio la vittoria alla Battle of Bands dell'Indiana e un disco autoprodotto con i soldi del primo posto. La voce di John si trasforma in un ghigno da cane rabbioso, le rasoiate della sua slide tirano giù la carta dei parati delle linde casette di Fort Wayne e il suo nuovo nome è Freddie J IV. Invece Brenn è ora Sausage Paw e batte come un dannato quella cassa da 30 pollici sul pavimento dove a pochi metri di profondità dormono gli spiriti di vecchi sciamani.

  Nel gennaio 2008 potete portare il vostro lercio deretano al tavolo, vi sarà servito il miglior whiskey dell'annata appena cominciata. Gli strumenti vengono presi d'assalto come per ricucire con un filo di sangue quella vecchia passione che risale alle deportazioni di schiavi Yoruba e Mandingo. Buttate nel cesso i dischi di quei fighetti dei White Stripes e ruotate la testa al boogie di "Set me free", nemmeno gli ZZ Top dei tempi d'oro sarebbero stati capaci di esaltarvi in questo modo. Con " Amy's in the kitchen" fanno davvero male con quel cantato doom spalmato sulla chitarra allo sbaraglio e batteria a giocare a rimpiattino. Per parlare del loro piatto preferito ("Pork n' Beans") si servono di una cadenza hip hop annegata in sciabolate di slide, mentre per discutere di razzismo ("Justify")  il loro blues fonde accordi ed assoli con una potenza di fuoco necessaria per attraversare incolumi le strade del profondo e violento sud: "...Well the mama and the children, came out to watch you burn/ And the lawyer and the preacher, came out to take their turn."

 Fatevi venire addosso un brano come"Big Momma" e forse capirete che il blues nel suo profondo è una musica più feroce del punk. Un ipnotico caleidoscopio di distorsioni e dissonanze che perpetua le vibrazioni del grande fiume Mississipi. La lezione del grande hobo errante Seasick Steve non è andata perduta, brani come "KFD" o "G Bob" costringono anche noi a viaggiare a sbafo sui treni merci della Pacific & Eastern Railways cercando di non farci massacrare dal sadico capotreno Shack ("L'imperatore del nord" di Robert Aldrich, film del 1973).

 Siamo al sicuro nelle mura di casa. Peccato.

P.S.: questa recensione è dedicata al grande hobo virtuale Odradek, che possa scampare alla ferocia del capotreno Shack.

Vota la recensione:

Questa DeRecensione di Bring Yo' Ass To The Table è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser:
www.debaser.it/recensionidb/ID_23265/Left_Lane_Cruiser_Bring_Yo_Ass_To_The_Table.htm

Ultimi Cinquanta commenti su SessantaSei

therealramona
Opera: | Recensione: |
dei black keys più marci, ma perché quelli che recensiscono questo disco devono trattare così i white stripes?
    Lewis Tollani
    Lewis Tollani Divèrs
    Opera: | Recensione: |
    Mi accodo...
      Lewis Tollani
      Lewis Tollani Divèrs
      Opera: | Recensione: |
      Ops... un saluto ad odra...
        Tobby
        Opera: | Recensione: |
        Bella, molto bella.
          N.I.B.II.O
          Opera: | Recensione: |
          sentiti, niente male ma nulla a che vedere con gente come Junior Kimbrough, RL Burnside o T-Model Ford gente che col diavolo ci flirta da una vita.
            claISdead
            Opera: | Recensione: |
            sporco e trascinante, e la recensione lo rispecchia in pieno.
              supersoul
              Opera: | Recensione: |
              amico NIBIIO questi sono bianchi, la musica del diavolo la devono imparare e magari contrattare per fare un disco fottutamente nero e questo vale il bonus. E poi RL Burnside con il diavolo ci flirtava in Too Bad Jim, poi a settanta anni si è messo a fare dischi rap e hip hop assieme a Kid Rock, basti il nome. Comunque credo che il Diavolo sia il proprietario della Fat Possum.
                trellheim
                trellheim Divèrs
                Opera: | Recensione: |
                Mi ricordano i Deltahead ma meno sporchi. I Deltahead sì che sono veri zozzoni. Però come loro hanno un difetto: dopo un po' diventano noiosi. Verso la fine del disco mi sembrava di sentire sempre lo stesso pezzo.
                  Gummo
                  Opera: | Recensione: |
                  bella recensione, però loro non è che siano questo granché
                    odradek
                    Opera: | Recensione: |
                    Grazie per la dedica e l'augurio, SuperNetta. E per la dritta su Seasick Steve - 4 stelle semplici e ruspanti a questi e a lui. Saluti sudati
                      Festwca
                      Festwca Divèrs
                      Opera: | Recensione: |
                      Yeah
                        LucaGranziero
                        Opera: | Recensione: |
                        Recensione ruffiana e furbacchiona. Disco notevole, da 4 stelle abbondanti, altroche'. Nettadebaser e' odradek, mi pare lapalissiano. Va be', non che sia importante...
                          odradek
                          Opera: | Recensione: |
                          Davvero arguto, LucaGranziero, Lapalisse resterebbe sconcertato. Comunque hai ragione almeno quando dici che non è importante.
                            NettaDebaser
                            Opera: | Recensione: |
                            @lucagranziero quello che mi pare lapalissiano è che sei un fake di un babbo di minchia, garantito da Supersoul. Il resto è ruffiano e furbacchione.
                              OleEinar
                              OleEinar Divèrs
                              Opera: | Recensione: |
                              Ah, ecco chi mi ricordava lo stile di questa recensione ;-)
                                claISdead
                                Opera: | Recensione: |
                                migliora di ascolto in ascolto, siamo sul 4,5!
                                  mocampo
                                  Opera: | Recensione: |
                                  Probablement..il mio disco dell'estate!
                                    supersoul
                                    Opera: | Recensione: |
                                    io non riesco a toglierlo dal lettore, intruglio torcibudella ad alto tasso alcoolico che provoca assuefazione, 12 bicchierini al giorno con "Justify" e "Amy's in the kitchen" che valgono un whisky doppio.
                                      Festwca
                                      Festwca Divèrs
                                      Opera: | Recensione: |
                                      E' rimasto incastrato anche nel mio, di stereo. Minghiazza com'è sudato marcio 'sto disco. E pure la rece (l'ho riletta) non è male davvero.
                                        psychopompe
                                        psychopompe Divèrs
                                        Opera: | Recensione: |
                                        pensavo la stessa cosa ieri, l'ho addirittura messo su cd. Tra le cose garage blues migliori di st'anno insieme ai The Oh Sees.
                                          Q
                                          Q
                                          Opera: | Recensione: |
                                          .............................. ............
                                            claISdead
                                            Opera: | Recensione: |
                                            The Oh Sees, me li segno.
                                              insolito
                                              Opera: | Recensione: |
                                              fai cagare al cazzo idiota
                                                NettaDebaser
                                                Opera: | Recensione: |
                                                il baNbino insolito è venuto a prendersi la sua vendetta di babbominkia...clap clap clap.
                                                  insolito
                                                  Opera: | Recensione: |
                                                  attenzione il latte
                                                    Festwca
                                                    Festwca Divèrs
                                                    Opera: | Recensione: |
                                                    Cazzo, ne sono rimasto invischiato. Si avvicinano ai primi Cows o persino agli australiani Feedtime in quanto a ferocia, ma è molto più legato alla tradizione. Uno dei dischi blues più violenti che abbia sentito. In rete si trova anche il primo (2006) che è una sorta di demo autoprodotta e che ovviamente vale la pena indagare. Già che ci sono, in campo blues sporcaccione segnalo anche Seasick Steve, un vagabondo barbuto che dopo una vita ai margini se ne esce a settant'anni scoppiati col suo primo disco (favoloso) e al quale i Left Lane Cruiser devono non poco.
                                                      therealramona
                                                      Opera: | Recensione: |
                                                      io preferisco blues&snake. mai sentiti i twenty miles?
                                                        Festwca
                                                        Festwca Divèrs
                                                        Opera: | Recensione: |
                                                        Secondo me coi Blues & Snake non c'è proprio confronto, questo due sta su un altro pianeta. Ed è una delle scoperte migliori degli ultimi tempi. Twenty Miles invece mai sentiti nominare, corro a cercare?
                                                          therealramona
                                                          Opera: | Recensione: |
                                                          certo che sono su pianeti differenti. per twenty miles (judah bauer & brother) consiglio il primo, molto lo-fi e il secondo, più pulito, ma con canzoni di qualità. poi basta.
                                                            therealramona
                                                            Opera: | Recensione: |
                                                            e se non trovi, chiedi. qui o là.
                                                              therealramona
                                                              Opera: | Recensione: |
                                                              therealramona
                                                              Opera: | Recensione: |
                                                              e con questo faccio 800 commenti. adesso scoccio più (e voto)
                                                                Festwca
                                                                Festwca Divèrs
                                                                Opera: | Recensione: |
                                                                grazie ramona :)
                                                                  therealramona
                                                                  Opera: | Recensione: |
                                                                  (ri-scoccio) sul sito della fat possum si possono sentire canzoni complete. vado.
                                                                    supersoul
                                                                    Opera: | Recensione: |
                                                                    questi due spaccano pure al negozio di dischi sotto casa...Un Link
                                                                      supersoul
                                                                      Opera: | Recensione: |
                                                                      ...senza spazio tra com/ watch...
                                                                        IcnarF
                                                                        Opera: | Recensione: |
                                                                        Voti definitivi, dopo aver cacato il cazzo.
                                                                          katharsys
                                                                          Opera: | Recensione: |
                                                                          Netta, mi stupisci... una recensione davvero efficace, per un genere difficile e che, non ci crederai mai, apprezzo anch'io, seppur da lontano... e io che credevo che il tuo nick significasse che la tua massima aspirazione era fare l'operaio della nettezza urbana. Bah... Comunque non ti voto, perché mi sembra giusto che al momento io e te rimaniamo mooolto distanti.
                                                                            aristogatto
                                                                            Opera: | Recensione: |
                                                                            il disco ha una media troppo bassa
                                                                              Festwca
                                                                              Festwca Divèrs
                                                                              Opera: | Recensione: |
                                                                              Mi suggeriscono dalla regia: Left lane Cruiser in Italia! 8 ott 2008 20.00 Dei Brigandi (Borgo San Dalmazzo) // 9 ott 2008 20.00 Locandia Di Campagna (Brescia) // 23 ott 2008 20.00 Nero Su Bianco (Cesena) // 24 ott 2008 20.00 La Salumeria Del Rock (Arceto) // 25 ott 2008 20.00 Arcikoen (Villafranca di Verona). Avessero scelto qualche posto non in culo ai lupi... Comunque ne approfitto per dirlo: disco dell'anno senza neanche concorrenza.
                                                                                psychopompe
                                                                                psychopompe Divèrs
                                                                                Opera: | Recensione: |
                                                                                ci stavo pensando sti gg, forse pure per me disco dell'anno al momento! E puttana eva il 23 ottobre provo Cesena, però checcazzo di giovedì, poi pure alle 20, ma che è un'aperitivo r'n'r?????
                                                                                  therealramona
                                                                                  Opera: | Recensione: |
                                                                                  correggo io la data del 9 ottobre: locanda di campagna, lonato, bs. se si cerca quello che dici tu, ciao bambina!
                                                                                    therealramona
                                                                                    Opera: | Recensione: |
                                                                                    (non vado. è lontanissimo)
                                                                                      claISdead
                                                                                      Opera: | Recensione: |
                                                                                      "Avessero scelto qualche posto non in culo ai lupi" probablement preferiscono serate per pochi intimi!
                                                                                        OleEinar
                                                                                        OleEinar Divèrs
                                                                                        Opera: | Recensione: |
                                                                                        Una bomba. Recensione consigliata.
                                                                                          psychopompe
                                                                                          psychopompe Divèrs
                                                                                          Opera: | Recensione: |
                                                                                          arrivato ieri da amazzone, e me li vado a vedere a cesena il 23. Voglio vedere di persona se la grancassa è realmente di acrtone come da foto
                                                                                            supersoul
                                                                                            Opera: | Recensione: |
                                                                                            credo di esserci anche io a cesena psycho, anche se mi dovrò sciroppare una mappata di km, meno male che ho una ragazza ospitale in ogni città :-D
                                                                                              blechtrommel
                                                                                              blechtrommel Divèrs
                                                                                              Opera: | Recensione: |
                                                                                              Amo questi due..ragazzi? naaa..uomini? naaa..amabili buzzzzzzurri! :)
                                                                                                pretazzo
                                                                                                Opera: | Recensione: |
                                                                                                forse il rock è morto, ma il blues non schiatta mai! la slide che si sente in questo disco si scioglie nei timpani come un tiramisù in bocca! squisiti! tutto senza basso, quindi...come nei Cramps e in John Spencer, ma con molto più sole e molta più polvere...bella la citazione dal grande Aldrich...
                                                                                                  PabloEscodalbar
                                                                                                  Opera: | Recensione: |
                                                                                                  Scoperti solo ora, sono in ritardo, ma questi spaccano il culo e non poco! il mio disco dell'estate 2011!!!!

                                                                                                    Ocio che non sei mica loggato sul DeBasio!

                                                                                                    Se vuoi commentare:
                                                                                                    Accedi oppure Registrati

                                                                                                    Accedi usando un altro servizio


                                                                                                    DeBaser non è un giornale in linea ma una “bacheca” dove vengono condivise . DeBaser è orgogliosamente ospitato sui server di memetic. Hai dei Problemi? Leggi qui