Le Canzoni Della Melevisione

Recensione scritta da per DeBaser. ()

Voto:

Nell'oramai preistorico anno astrale 1999, esordiva sui piccoli schermi, e più precisamente sulla fascistona RaiTre, un programma di quelli che, fin dalla prima puntata, era destinato a lasciare il segno come pochi altri nelle storia della Tv italiana: mi riferisco ovviamente alla "Melevisione", celebre varietà a misura di bambino che si proponeva come un programma educativo/d'intrattenimento all'avanguardia; un'esperimento assolutamente rischioso, coraggioso, ma che fu ripagato da ascolti incredibili che misero k.o il rivelatore dello share ovvero l'istat.

Il programma in questione ci sconvolse tutti perchè era qualcosa di assolutamente inaspettato; condotto egregiamente dall'elfo Tonio Cartonio e coadiuvato dalla Fata Gaia (ex donna-copertina della rivista Penthouse), oltre a una miriade di guest star quali - solo per citare i pù importanti -  il Genio Abù Zazà, il Lupo Fosco, l'Orco Bruno, l'Orco Rubio, la "Melevisone" non si limitava ad un'intrattenimento classico del tipo "Bim Bum Bam" con pupazzi parlanti e cartoni animati, ma spingeva piuttosto l'acceleratore sul versante educativo e musicale. Grazie a loro, infatti, imparammo che dire "Lunedì" era sbagliato ma piuttosto si doveva dire "Fioredì" o anche "Venerdì" diventava "Pescedì"  e ancora ci insegnarono un nuovo sistema decimale: ad esempio, 1-2-3-4-5-6-7-8 diventavano "uno", "bue", "re", "gatto", "pingue", "lei", "mette", "sotto"... geniale!

Ma era la musica la verà novità: la "Melevisione" era veramente all'avanguardia, visto che proponeva delle musiche classicheggianti con tanto di orchestrazioni e soluzioni sonore mai sperimentate nemmeno dalla pur imprescindibile Cristina D'Avena, punta di diamante delle musica per bambini su Mediaset. La Rai ai tempi non badò a spese e non esitò ad aumentare il canone pur di potersi permettere la produzione del disco che vorrei presentarvi. Il disco, lo dico subito, ebbe una gestazione lunga ed infatti uscì solo nel 2002, ma ciò sta solo a testimoniare la bontà del progetto che si preannunciava curato nei minimi dettagli, ben prodotto, pronto a scalare le classifiche per la gioa di tutti noi, che lo attendevamo con ansia.

Certamente un disco di 34 canzoni (dicasi trentaquattro!) non è di facile assimilazione e in alcuni punti rischia si essere indigeribile per alcuni, visto che le immancabili canzoni riempitivo  a volte spezzano la magia e l'atmosfera sulfurea del prodotto ma in tutta sincerità io non me ne guarderei troppo, visto che di contro ci sono degli incredibili pezzi da novanta. Spetta infatti alla sigla del programma, ovvero la titletrack, la "Melevisione" aprire le danze ed è subito magia con quella che si rivela una bellissima suite per trombone e clarinetto che sfocia occasionalmente in una danza-tribale di fisarmonica e maracas che lasciano stupiti l'ascoltatore: 24 minuti che marchieranno a fuoco la storia della musica. L'ascoltatore deve ancora riprendersi da tanta magnificenza quando invece ecco che parte, quasi in sordina, "Ambarabà Ciccicoccò" con delicate note di piano e la stupefacevole voce della Fata Gaia che lascierebbero presagire a una ballata ed invece pian piano, è la sezione ritmica a prendere il sopravvento con una batteria in controtempo e un contrabbasso scordato che rendono la base decisamente funky; stupendo il testo che resta subito in mente "in mezzo al fantabosco c'è un tendone grosso grosso...". Poesia.

Il disco, per il momento, non cala il ritmo ed infatti lo scatenato "Il Ballo Del Melastico" farà sculettare molti; "Tipiditappi" è un bel duetto tra la nostra Fata e Tonio Cartonio che ci deliziano con una progressione di rime baciate in terzine da otto che lasciano il segno e che prendono il sopravvento sulla musica che qui si limita a delle percussioni australiane che rendono comunque un'atmosfera tutta loro. Si prosegue col "Ballo del Cabrillo", bellissimo pezzo di chiara matrice blues con una botta risposta voce-flauto da far invidia alla celeberrima "Strange Kind Of a Woman" dei Rolling Stones. Si prosegue poi con una carrellata di pezzi dalla struttura simil pop tra cui segnalereì "La Pignastica" che ricalca in tutto e per tutto certe sonorità della disco americana e che sembrano addiritttura plagiare una Diana Ross dei bei tempi andati; stupenda la voce che provà ad emulare, seppur con un tono più basso, quella della D'Avena. C'è addirittura spazio per la denuncia sociale con l'inaspettata e pungente "Soldini Sonanti" che presagiva in qualche modo (ricordiamoci che il disco è uscito nel 2002) al disastro dell'euro, moneta si fortissima, ma che tartassa la povera gente alle prese con i mutui da pagare, le spese giornaliere ecc...

Ci sarebbe tanto altro da scrivere, ma credo di aver reso l'idea: segnalo per ultime le due  "Con La Carta Si Può" e "Gli Scacchi Sono Un sogno", due pezzi strumentali che dimostrano ancora una volta l'originalità del disco, con i musicisti coinvolti che qui giocano a mischiare due mondi distanti anni luce come il jazz e la techno riusciendo a garantire un risultato sempre e comunque originale ma mai eccessivo. 

In definitiva un disco sorprendentemente sorprendente. Se ve lo siete fatto sfuggire, rimediate immediatamente: il disco è disponibile in tutti i formati dall'lp al download di I-Tunes il tutto a un prezzo decisamente appettitoso che difficilemente supererà i due euro, motivo in più per acquistarlo: non ve ne pentirete.

Vota la recensione:

Questa DeRecensione di Le Canzoni Della Melevisione è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser:
www.debaser.it/recensionidb/ID_26972/AAVV_Le_Canzoni_Della_Melevisione.htm

Commenti (VentiTre)

CJBS
Opera: | Recensione: |
Ma su Itunes la prima canzone è "festa di compleanno"e le tracce sono 65!
    sfascia carrozze
    Opera: | Recensione: |
    Insieme a "Trebisonda" uno dei miei programmi de-preferiti. Le mie più fervide et complimentative complimentazioni.
      CJBS
      Opera: | Recensione: |
      No, ho sbagliato, la prima traccia è "la melevisione". Chiedo venia.
        CJBS
        Opera: | Recensione: |
        E sono 65 e non 34 su Itunes perchè tu hai recensito solo il Volume 1.
          il giustiziere
          Opera: | Recensione: |
          esatto cjbs, in realtà c'è anche un secondo volume: il progetto iniziale era quello del doppio album, ma i capoccia della sony-bmg preferirono non rischiare e così decisero di dividere la cosa, un pò come successe per "primo tempo" e "secondo tempo" di ligabue.
            GustavoTanz
            Opera: | Recensione: |
            Viva Lupo Lucio e Tonio Cartonio!
              PepsiForever
              Opera: | Recensione: |
              grandissimo giusty, questa volta ti sei davvero superato, non riesco a smettere di ridere. ma come fai a scrivere recensioni così perfette?
                Hybris
                Opera: | Recensione: |
                Spakka
                  SUPERVAI1986
                  Opera: | Recensione: |
                  _ :)
                    Appestato mantrico
                    Opera: | Recensione: |
                    W Melo Cotonio e i fakes di Giusti che gli fanno i complimenti
                      CJBS
                      Opera: | Recensione: |
                      Dimenticavo.
                        Trota-Da-Mare
                        Opera: | Recensione: |
                        Bravo Giustiziere, fa le cose che fanno tutti i bambini della tua età.
                          TheJargonKing
                          Opera: | Recensione: |
                          Grande prodotto! Recensione anomala quanto avvincente.
                            Axiom
                            Opera: | Recensione: |
                              Jimmy_cruscotto
                              Opera: | Recensione: |
                              La mia preferita? ovviamente "Pizza Margherita"
                                Anatas
                                Opera: | Recensione: |
                                edddddddaiiiiiiiiiii!!!!!!!!!
                                  KindOfBlue
                                  Opera: | Recensione: |
                                  E pensare che mio zio mi prendeva per il culo perché guardavo ste cose per bambini (avevo dieci anni a suo tempo). Ora che mio cugino ha tredici anni e continua a vedere i Teletubbies lui non dice niente ma so che dentro brucia dalla voglia di spegnere la TV. Son soddisfazioni :3
                                    Rock Antologya
                                    Opera: | Recensione: |
                                    Alcune delle pagine più belle della musica contemporanea. Questa è roba che scotta ragazzi! Prima un inchino, poi l'ascolto!
                                      macaco
                                      Opera: | Recensione: |
                                      Cado dalle nuvole! (per fortuna ho trovato un ramo sul quale appendermi!)
                                        Rorix
                                        Opera: | Recensione: |
                                        Non riesco a immaginare la mia vita senza questo capolavoro!
                                          lazy84
                                          Opera: | Recensione: |
                                          comunque è Lupo Lucio, non Lupo Fosco...
                                            il giustiziere
                                            Opera: | Recensione: |
                                            fidati che c'è anche lupo fosco ;-)
                                              gae
                                              gae
                                              Opera: | Recensione: |
                                              e l'Orco Dio non c'è?

                                                Ocio che non sei mica loggato sul DeBasio!

                                                Se vuoi commentare:
                                                Accedi oppure Registrati

                                                Accedi usando un altro servizio


                                                DeBaser non è un giornale in linea ma una “bacheca” dove vengono condivise . DeBaser è orgogliosamente ospitato sui server di memetic. Hai dei Problemi? Leggi qui