Viandante sul mare di nebbia

Recensione scritta da per DeBaser. ()

Voto:

"Viandante sul mare di nebbia" (Der Wanderer über dem Nebelmeer) è un dipinto ad olio su tela di Caspar David Friedrich realizzato nel 1818.

Non sono un critico d'arte e non mi interessa nemmeno esserlo, se volessi parlare di questo quadro tecnicamente, scriverei sulle sedi opportune e invece voglio descriverVi cosa provo ogni qual volta mi trovo di fronte questa immagine. Il dipinto di Fredrich è l'essenza del Romanticismo stesso, con la sua carica emotiva impressionante, la sua negazione della ragione, il suo significato spirituale e la sua natura individualista. Ogni volta che vedo questo dipinto, mi immedesimo all’istante nell’uomo ritratto di spalle. E medito. Rifletto sull’origine delle cose, sullo scenario che m’è davanti, montagne impervie avvolte dalla nebbia. Cosa avvolge la nebbia? Essa è come un velo che nasconde l’inconoscibile?

Eppure basterebbe un po’ di vento per diradare quella nebbia e raggiungere la Conoscenza. E’ un viaggio mistico, un’esperienza conoscitiva senza eguali. Il tempo si ferma attorno a me, sono quasi arrivato a cogliere il senso di quel messaggio arcano, fino a quel momento inaccessibile a tutti, tranne a me, fortunato individuo. E invece mi blocco, rimango estasiato e allo stesso tempo impotente e terrorizzato di fronte a quello scenario. In piedi su questo picco, col tramonto che lentamente entra nel gioco visivo delle parti, mi accorgo di come sia meraviglioso l’Universo, il cosmo, lo spazio infinito. Mirabilia e impotenza allo stesso tempo, perché dell’Universo fanno parte delle forze a noi sconosciute che non possiamo combattere, destinate a soggiogarci per sempre, fino all’eternità. E’ il sublime, elemento tipico della cultura romantica. Sono estasiato nell’osservare questo panorama, ma non posso fare a mene di aver paura di esso e soprattutto di Colui che l’ha creato.

E allora? Devo per forza chiedermi chi governi queste forze, chi ha generato questo spettacolo sì inaccessibile? Per un attimo della vita mia non voglio pensare a cosa accadrà dopo, che cosa ne sarà di me, per un attimo della mia esistenza voglio essere un piccolo particolare della Natura, del suo mondo indomabile. Sarò parte di essa per quel momento che durerà in eterno.

Quando, purtroppo, mi riprendo da questo sogno, mi accorgo che i miei pensieri sono solo dei vagheggiamenti, delle riflessioni senza senso apparente, forse lo conosce il mio Io, ma non ne sono sicuro. Può darsi che abbia sbagliato tutto, ma non mi interessa. Ciò che conta sono le emozioni che mi regala questo quadro e il viaggio che compio osservandolo...

..."e il naufragar m'è dolce in questo mare..."

Vota la recensione:

Questa DeRecensione di Viandante sul mare di nebbia è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser:
www.debaser.it/recensionidb/ID_29085/Caspar_David_Friedrich_Viandante_sul_mare_di_nebbia.htm

Commenti (VentOtto)

lemuro
Opera: | Recensione: |
Mi ci ritrovo nel dipinto.....mi è capitato spesso di dominare la pianura ricoperta di nebbia, soffice come panna montata.....e che emozione sentire il ronzio di un mondo celato che comunque lavora, si muove, esiste.....
    geenoo
    Opera: | Recensione: |
    Troppo romantico. Questo quadro mi da la stessa sensazione di quando mangio certe caramelle al gusto di lampone. Bocca dolciastra.
      Hell
      Hell Divèrs
      Opera: | Recensione: |
      Pagina molto sentita, forse forse un po' troppo, ma visto l'argomento non troverei altri modi per parlarne :))
        Gasta
        Opera: | Recensione: |
        Hai colto il fulcro del pensiero Romantico: l'estasi davanti alla vastità incommensurabile della Natura, della catarsi nell'osservare questo spettacolo; e l'uomo - non a caso di spalle - che si sente piccolo davanti a tutto ciò. I quadri di Friedrich sono davvero stupendi. Gingue! :D
          Hell
          Hell Divèrs
          Opera: | Recensione: |
          Accidempoli, mi sono scordato i voti. Tiè!
            Gasta
            Opera: | Recensione: |
            Una proposta: per godere meglio delle rece sulle dermiche non è il caso di fornire un link ad un'immagine ad alta risoluzione (quando è possibile reperirla almeno)? Sennò è una cosa un po' "a metà". Ricordo che era stato fatto per la rece dell'Orfeo decapitato...
              Jigen
              Opera: | Recensione: |
              LO VOGLIO. Di prenderlo all'asta non se ne parla, tentiamo il furto in stile io e il compare Lupin.
                Gasta
                Opera: | Recensione: |
                Una proposta: per godere meglio delle rece sulle dermiche non è il caso di fornire un link ad un'immagine ad alta risoluzione (quando è possibile reperirla almeno)? Sennò è una cosa un po' "a metà". Ricordo che era stato fatto per la rece dell'Orfeo decapitato...
                  Gasta
                  Opera: | Recensione: |
                  Chiedo zorry per il doppio commento :)
                    Lupin
                    Opera: | Recensione: |
                    JIGEN, ma questo non l'avevamo già rubato? Cazzo o non mi ricordo le cose, oppure era un falso...comunque ok, ci troviamo all' ora X nel posto Y ed andiamo. Si va con la mia macchina? L'importante è che Goemon lasci a casa i suoi cd di musica giapponese, altrimenti lo lasciamo a piedi.
                      alia76
                      alia76 Divèrs
                      Opera: | Recensione: |
                      mmm...inglese 3. 30/30
                        Appestato mantrico
                        Opera: | Recensione: |
                        quello che proprio non cerco. Leopardi con sto coso non ci pagna un beneamato cactus. pace!
                          MuffinMan
                          Opera: | Recensione: |
                          Capolavoro!
                            Deep-Frenk
                            Opera: | Recensione: |
                            @appestato mantrico: ho tentato di creare un ponte di collegamento fra arte visiva e arte letteraria. "L'infinito" è la trasposizione letteraria di "Viandante sul mare di nebbia". L'individuo osservando un semplice panorama, cade nella suggestione di raggiungere l'oltre. Ne rimane terrorizzato ma allo stesso tempo affascinato e trova piacere nel provare quelle sensazioni nuove posto a contatto con la natura. Il verso finale sintetizza appieno la stessa sensazione che provo io guardando questo quadro, chè grazie ad esso anche io cerco di raggiungere l'infinito. Ciao!
                              Gasta
                              Opera: | Recensione: |
                              Vedo che i Nani hanno accolto il mio invito. Merci...
                                kosmogabri
                                kosmogabri Divèrs
                                Opera: | Recensione: |
                                oh gasta la prossima volta però parlare un po' anche dell'artista? Dipinto che mi ha sempre attratto molto, siamo tutti dei lupi solitari.
                                  Gasta
                                  Opera: | Recensione: |
                                  Ehm...Kosmo, la rece non l'ho fatta io :)
                                    Appestato mantrico
                                    Opera: | Recensione: |
                                    Ieri sera ero un po' in fase burp, è che ho un'avversione innata per il romanticismo e ho sempre considerato Leopardi un tipo piuttosto "oltre" le classificazioni. In effetti il Leopardi dell'Infinito era ancora giovincello e non ancora svegliato del tutto, ma io ci vedo già un sentimento di frustrazione che i romantici non avevano. Opinioni comunque, e bravo te per la recensione! baibai :)
                                      Mopaga
                                      Opera: | Recensione: |
                                      Recensione degna del quadro. Complimenti! Inutile dire che condivido anche io queste emozioni, ma alla fine non so mai per quale interpretazione propendere.
                                        Deep-Frenk
                                        Opera: | Recensione: |
                                        @mopaga: datti una interpretazione personale, senza curartene dei pareri degli altri e soprattutto degli "esperti". L'arte per me è sempre soggettiva. In ogni caso.
                                          CoolOras
                                          Opera: | Recensione: |
                                          A parer mio uno dei migliori quadri del Romanticismo.
                                            kosmogabri
                                            kosmogabri Divèrs
                                            Opera: | Recensione: |
                                            Ok Gasta! sorry.
                                              telespallabob
                                              Opera: | Recensione: |
                                              Personalmente ho sempre amato il periodo Romantico e i quadri di Friedrich, a cominciare dal "Monaco in riva al mare", quadro che secondo me esprime quei concetti che dicevi molto di più di questo, dipinto diventato famosissimo e citato all'inverosimile. E' un bellissimo dipinto ma non l'essenza del Romanticismo. Un altro dipinto straordinario suo è "Le scogliere di gesso". I riferimenti a Leopardi? Sinceramente non mi garbano e poi non li trovo neanche giusti, sarà che ho una pessima idea di lui.
                                                World SBK Fan
                                                Opera: | Recensione: |
                                                Friedrich è l'essenza del romanticismo, frase giustissima. Il quadro è meravigliosamente sublime, come tutte le sue opere(consiglio soprattutto Il mare di Ghiaccio e quello che per me è il suo capolavoro, Il Monaco in Riva al Mare).
                                                  Mopaga
                                                  Opera: | Recensione: |
                                                  Tanto per rimanere in tema ecclesiastico, non sottovaluterei nemmeno " 'O Monaco s'a pazzea", uno dei capolavori di Gigione. Altro che Leopardi...
                                                    Hetzer
                                                    Opera: | Recensione: |
                                                    Be' grandissima opera. Ma sulla lettura, farei qualche appunto. Non è altro se non la rappresentazione del poeta romantico, l'unico che può sollevarsi oltre le nebbie della ragione che coprono il mondo degli uomini, e scorgere il vero paesaggio, la vera realtà. E di questa realtà coglie solo le vette più aspre e inarrivabili. Quelle placide e lontane, le pianure diafane dove forse dimora Dio, gli sono precluse, al pari di tutti gli altri. Ma solo lui può contemplarle e raccontarle. Ottima scelta.
                                                      trix
                                                      Opera: | Recensione: |
                                                      il quadro non mi colpisce particolarmente. Se invece mi trovassi davanti a un paesaggio simile nella vita vera, allora si che mi coinvolgerebbe.
                                                        Fripp Pelùviano
                                                        Opera: | Recensione: |
                                                        Ah sì, mi sa che l'ho visto su Tele Elefante.

                                                          Ocio che non sei mica loggato sul DeBasio!

                                                          Se vuoi commentare:
                                                          Accedi oppure Registrati

                                                          Accedi usando un altro servizio


                                                          DeBaser non è un giornale in linea ma una “bacheca” dove vengono condivise . DeBaser è orgogliosamente ospitato sui server di memetic. Hai dei Problemi? Leggi qui