Ottimo disco pop.
U2: Under A Blood Red Sky
Vinile Ce l'ho ★★★★★
Il loro apice, grezzo cazzuto e stra-colmo di quelle influenze post punk che già con il disco successivo andranno a perdersi. Le migliori versioni in assoluto di "Sunday Bloody Sunday" e "New Year's Day" sono in questo disco.
  • selfadjoint
    24 feb 14
    ce l'ho anch'io in vinile, preso usato in un negozietto di Praga per pochi euro: i primi U2 non mi fanno impazzire, ma questo è un live davvero forte e diretto, lontanissimo dalle impalcature faraoniche degli anni '90
  • dondeloro
    25 feb 14
    concordo in pieno , questo è l'album che preferisco
  • De...Marga...
    25 feb 14
    Possiedo i primi sei album in vinile degli irlandesi in un elegante cofanetto. Fino all'albero di Giosuè ritengo la loro musica necessaria per la mia crescita musicale; concerto maggio 1987 a Modena con Pretenders, Big Audio Dynamite e Lone Justice, nonché U2 stessi, pietra miliare della mia vasta attività live.....Dopo Achtung Baby potevano concludere la loro carriera, senza perdersi in un oblio senza fondo. Ed ho versato lacrime amare per tutto ciò.
  • SydBarrett96
    25 feb 14
    Per me gli U2 finiscono con "Rattle and Hum", seppur i due successivi siano comunque ottimi.
  • selfadjoint
    25 feb 14
    Sarà che sono meno legato ai primi U2, ma per me restano interessanti fino a Pop incluso. (e ci aggiungo pure il progetto Passengers)
    Potranno anche non piacere, ma per dischi come Zooropa e Pop bisogna perlomeno riconoscere agli U2 una certa dose di coraggio, cosa che è totalmente mancata dal 2000 in avanti...
  • De...Marga...
    25 feb 14
    E' fuor discussione il coraggio che hanno avuto nello sperimentare e ricercare qualcosa di diverso nella loro musica dopo l'oscuro capolavoro berliniano Acthung Baby; quello che non ho mai accettato è la metamorfosi ridicola di Bono, paladino di qualsiasi crociata contro i mali del mondo....il tutto purtroppo a discapito della loro musica, che si è fatta album dopo album sempre più spenta, con rarissimi spunti sonori degni del loro glorioso passato.
U2: Pop
CD Audio Ce l'ho ★★★★
Atipico e controverso quanto volete, ma per me rappresenta l’ultimo grande album degli U2 “sperimentatori” e più coraggiosi. Techno-dance ed elettronica pura, con testi molto belli. Da rivalutare.
U2: The Joshua Tree
CD Audio Ce l'ho ★★★★★
Uno dei vertici degli U2 (probabilmente il più alto assieme al precedente "The Unforgettable Fire"). Dal punto di vista testuale, Bono Vox è probabilmente al suo apice di ottimo paroliere e mescola impegno sociale, religioso e spirituale. Il gruppo percorre un gran numero di generi, passando dal folk al blues ed al country, senza tralasciare alcune sperimentazioni che richiamano ad una certa paranoica New Wave (le perle sono "Exit" e "Bullet the Blue Sky").
  • hjhhjij
    30 ott 12
    Ti dico la verità, per quanto reputi questo un buon disco senza dubbio, gli preferisco non poco, oltre a The Unforgettable, anche Boy e War :)
  • SydBarrett96
    30 ott 12
    Se dovessi fare una classifica, la farei così: 1) The Joshua Tree 2) The Unforgettable Fire 3) War 4) Boy.
  • hjhhjij
    30 ott 12
    1) War 2) Unforgettable 3) Boy :)
  • SydBarrett96
    30 ott 12
    Comunque, credo di adorare Closing Time. L'ho consumato a furia di ascolti... Hj, un altro disco di Tom Waits che si avvicina fortemente a questo c'è? :)
  • hjhhjij
    30 ott 12
    No, sorry :) Già il successivo è più jazzy. Comunque prova ad ascoltarlo ed anche Nighthawks at the diner, sono tutto sommato i più vicini :) Oh,son contento che ti piaccia così tanto, poi se t'è piaciuto anche Small Change, a me va benissimo :) Blue Valentine l'hai sentito ?
  • SydBarrett96
    31 ott 12
    No, purtroppo non ho avuto il tempo materiale. :)
  • hobermallow
    31 ott 12
    Sarò una voce fuori dal coro ma il mio preferito è Achtung Baby: Until The End of the World, The Fly, Who's Gonna Ride Your Wild Horses.... e poi non sottovalutate October!
  • SydBarrett96
    31 ott 12
    Infatti anche October è bellissimo, purtroppo come hai detto tu molto sottovalutato. Achtung Baby è un bel disco anch'esso, ma preferisco di più gli Ucciù anni 80' ;)
  • hjhhjij
    31 ott 12
    october è carino ma mi convince poco rispetto agli altri. Achtung è l'ultimo buono degli Ucciù per me.
  • hjhhjij
    31 ott 12
    "No, purtroppo non ho avuto il tempo materiale. :)" Giusto, dischi cosi vanno ascoltati per bene quando si ha tempo :)
  • SydBarrett96
    31 ott 12
    Comunque Hj, se fossi in te darei almeno un'altra possibilità a Zooropa, che è comunque un buonissimo disco da 4 palline. Almeno per "Stay" (che trovo meglio anche di One, altrettanto bella ma un tantino sopravvalutata), se lo merita dai. ;)
  • hjhhjij
    31 ott 12
    Zooropa è da 3 pallini (6/6,5) non di più per me. Gli U2 d'altronde li ho già masticati e digeriti da un bel pezzo, li conosco fin troppo bene ;)
  • hjhhjij
    31 ott 12
    E anzi, riascoltare Zooropa potrebbe essere deleterio. Meglio tenersi il ricordo tutto sommato piacevole che ne ho adesso.
  • SydBarrett96
    31 ott 12
    Almeno una sufficienza gliel'hai concessa. Perché allora hai detto che Achtung è l'ultimo buono per te? :)
  • hjhhjij
    31 ott 12
    Perché è così :) Achtung è ancora un buon disco, Zooropa no, è solo sufficiente/discreto ;)
  • SydBarrett96
    31 ott 12
    Io pensavo invece che tu avessi stroncato Zooropa XD.
  • hjhhjij
    31 ott 12
    Ma no, dai :) Pop invece non mi piace. Gli unici però che stronco davvero (e di brutto) sono i dischi dei '00, l'ultimo in particolare se dico che è orribile sono generoso.
  • SydBarrett96
    31 ott 12
    Anche a me Pop non piace, come anche i dischi dei 00'. Invece ho sempre trovato interessante il progetto The Passengers con Brian Eno :)
  • hjhhjij
    31 ott 12
    Non lo conosco. Però la collaborazione di Braianino con gli Ucciù è la cosa che meno apprezzo di lui (solo perché ha fatto tante altre cose straordinarie, seminali ecc. E le collaborazioni coi Coldplay non le considero proprio eh ;)
  • SydBarrett96
    31 ott 12
    Quelle con i Coldplay neanche io le prendo in considerazione. :D Per quanto riguarda The Passengers, non conosci proprio nulla? Neanche Miss Sarajevo con il maestro Luciano Pavarotti?
  • hjhhjij
    31 ott 12
    Ah, è quello dove c'era anche Pavarotti ? Allora syd lassamo sta che non voglio fare il j&r della situazione, ma Pavarottolo lo preferisco in altri ambiti diciamo più classici. Queste sue collaborazioni mi hanno sempre fatto un po'... come dire... non trovo la parola... :D
  • SydBarrett96
    31 ott 12
    Dai, almeno quella è 'na bella canzone! ;)
  • hjhhjij
    31 ott 12
    MMMMMMMmaahhhhh........ XD
  • hjhhjij
    31 ott 12
    Non ne ho un buon ricordo, Syd. Diciamo che sia di Pavarottolo, di Brianino e degli Iucciù preferisco (tanta) altra roba :)
  • hjhhjij
    31 ott 12
    Soprattutto del secondo (sul primo sono ancora troppo ignorante, nel senso che ignoro, e imbecille, nel senso che imbello perché non mi decido ad approfondire).
  • SydBarrett96
    31 ott 12
    Hahahahah la citazione di Aldo, Giovanni e Giacomo fa sempre la sua porca figura!
  • hjhhjij
    31 ott 12
    Ci sono cresciuto, ti segnano per tutta la vita, certe cose :D
  • SydBarrett96
    31 ott 12
    Lo stesso discorso vale per me. :)
  • hjhhjij
    31 ott 12
    Beh guarda loro, per quanto riguarda gli schec televisivi e gli spettacoli a teatro li trovo eccezionali :) Al cinema sono finiti dopo i primi tre film (quelle erano però piacevolissime commedie, molto curate anche da un punto di vista tecnico e davvero ben fatte, con loro personalmente alla regia insieme a Venier) e gli spot wind faccio finta che non esistano. Ma ogni volta che riguardo uno qualsiasi dei loro spettacoli a teatro, passo un'ora e mezza-due a ridere no-stop. Gli voglio bene :)
  • SydBarrett96
    31 ott 12
    Erano soprattutto grandi ai tempi di Mai Dire Gol: ti ricordi i Sardi, bimbo Gigi, Rolando, gli Svizzeri? Io, al sol pensiero, ci rido ancora cazzo. :3
  • hjhhjij
    31 ott 12
    Eh si, lì esilaranti XD Gli svizzeri cazzo, mitici :D Come avevo già detto, negli schec televisivi erano grandiosi. Però l'hai mai visti "I Corti" e "te chi el telun" (o come si scrive). Con quei due spettacoli la loro comicità ha raggiunto il definitivo nirvana :D Però gli svizzeri non me li dovevi ricordare :-DDDDDDDDD
  • hjhhjij
    31 ott 12
    "Rolando" :D Gli voglio bene.
  • SydBarrett96
    31 ott 12
    Gervasoni e Rezzonico! Hahahaha! Comunque i due spettacoli teatrali mi pare di averli visti, ma tempo fa ;)
  • hjhhjij
    31 ott 12
    Credo ci siano interi sul tubo. Io li ho rivisti lì, poco tempo fa :) Ora vado a comprarmi l'ultimo di Neil Young & Crazy Horse che non vedo l'ora di sentire, quindi ci si risente quando mi dirai della Valentina Blue (e mi raccomando consigliatissimo ascoltarlo con i testi sottomano). Bye.
  • SydBarrett96
    31 ott 12
    Hj, c'è solo un problema... non riesco a trovare un sito dove ci siano tutti i testi tradotti del Tommaso. D:
  • SydBarrett96
    31 ott 12
    Comunque a dopo, rispondimi quando torni ;)
  • hjhhjij
    31 ott 12
    Mi sa che non c'è in effetti. E' che io mi sono abituato all'inglese ormai. La title-track credo ci sia tradotta. Intanto pigliati i testi in inglese, per farti un'idea. Se trovo qualche altro testo tradotto di quel disco te lo passo con un Messaggio privato ;)
  • hjhhjij
    31 ott 12
    Non ero ancora uscito XD Ciao ;)
  • SydBarrett96
    31 ott 12
    Ok, grazie ;)
  • hjhhjij
    31 ott 12
    Syd, se scrivi "Tom Waits-Kentucky Avenue-traduzione" su google, e clicchi sul primo risultato, arrivi alla traduzione del testo e da lì dovresti riuscire ad arrivare (cliccando su Blue Valentine lì dove c'è scritto menù sulla banda gialla) su altri tre testi tradotti del disco (meglio di niente, sono: title-track/Romeo is Bleeding e Wrong Side of the Road). Piglia e ascolta :)
  • SydBarrett96
    31 ott 12
    Grazie Hj, sto proprio adesso ascoltando Blue Valentine e sono arrivato proprio a "Kentucky Avenue". Mi sa che mi piace sia più di Small Change che di Closing Time e non l'ho trovato per nulla ostico. Molto bello, bello (almeno per ora, ti dirò alla fine) ;)
  • hjhhjij
    31 ott 12
    Le premesse sono ottime. Aspettiamo la fine dell'ascolto per conclusioni definitive :)
  • ProgRock
    31 ott 12
    Per restare in tema nella vostra discussione molto inerente alla definizione di "The Joshua Tree", sto pensando, come detto poco fa in un commento di JDV, di prendere questo del Tommaso(o forse singolarmente gli Album in futuro boh vedrò), forse può interessare anche a voi, cari dittatori HJ e Syd Ingrandisci questa immagine .
  • hjhhjij
    31 ott 12
    Io celo già quasi tutti (e quelli originali che mi mancano li avrò comunque a breve), quindi grazie lo stesso ma sono già apppppppposto :) Però è interessante la proposta, secondo me ti conviene approfittarne ;)
  • hjhhjij
    31 ott 12
    "Per restare in tema nella vostra discussione molto inerente alla definizione di "The Joshua Tree" :D Puoi notare come un po' più in alto siamo finiti a parlare di Aldo, Giovanni e Giacomo XD
  • ProgRock
    31 ott 12
    E io ti dico sempre per restare in tema / inerentemente che apprezzo molto anche "Greendale" di Nello.
  • hjhhjij
    31 ott 12
    Io invece quello lo apprezzo poco. Ma sono ancora in fibrillazione dopo l'ascolto dell'ultimo, doppio: Psychedelic Pill, il suo migliore dal 1996, forse da prima. Un pezzo da 27 minuti che non finisce più, due cavalcate da 16 minuti e passa, altri pezzi piuttosto ispirati, distorsioni pompatissime, pezzi tellurici, testi ultra-autobiografici/ultra-nostalgi ci. Bellissimo, prendilo prendilo prendilo.
  • ProgRock
    31 ott 12
    L'ho visto in negozio, lo prenderò di sicuro (forse quando sarà in offerta o prima), felice di sapere che ci son quei branozzi.
  • ProgRock
    31 ott 12
    A Syd farei ascoltare "Mule Variations" del Tommaso, ma vedo che sta andando in ordine.
  • hjhhjij
    31 ott 12
    Si, è un Neil Young carico a mille (ripeto, all'età di 67 anni, e spinge fortissimo su quella chitarra elettrica e spinge fortissimo su quei distorsori, e con lui quei Crazy Horse davvero in forma smagliante). Dei vecchi cantautori, è quello che mi ha stupito di più. Da Cohen abbiamo avuto un buon (buonissimo prodotto) ma non mi aspettavo certo il capolavoro, da Waits abbiamo avuto per la prima volta davvero "la solita solfa" laddove Real Gone puntava ancora a rinnovarsi, Bad as me, è un semplice ripetersi di clichè Waitsiani. Discone, ma non mi ha stupito anzi, è comunque un passo indietro. Young invece m'ha stupito perché si, anche per lui è la solita minestra nostalgica (anzi, più nostalgica del solito) ma stavolta è cucinata divinamente e viene dopo una serie di dischi per me poco esaltanti (il contrario di Waits, visto che i dischi prima di Bad as erano eccellentissimi :). Quindi Nello stavolta ha fregato tutti.
  • hjhhjij
    31 ott 12
    Si si, aspetta, adesso fagli finire gli anni '70. Saltare al 1999 (ok, il ritorno alle radici più tipicamente Blues, però...) mi sembra troppo ;)
  • hjhhjij
    31 ott 12
    E per la cronaca "Bad as me" è bellissimo e esaltante, solo che non aggiunge nulla di nuovo, Waits fa un passo indietro e si adagia sui suoi collaudati clichè. E a Waits meno di 5 lo do solo quando non fa proprio niente niente di nuovo.
  • hjhhjij
    31 ott 12
    Syyyyyyyyyyyd, ormai è finito Blue Valentine! Che l'hai messo in loop ?
  • SydBarrett96
    31 ott 12
    Allora posso dire che mi è piaciuto molto, probabilmente lo preferisco sicuramente a Small Change mentre il discorso si fa più duro con Closing Time. Comunque davvero bello, però mi sa che devo assimilarlo meglio (ovviamente l'ho solo ascoltato una volta :D). Per quanto riguarda acquisti musicali futuri, credo che completerò la discografia dei Beatles in edicola e prenderò i primi due album + Live 1975\85 del Brucio Primaveradolescenza. ;)
  • hjhhjij
    31 ott 12
    "Comunque davvero bello, però mi sa che devo assimilarlo meglio (ovviamente l'ho solo ascoltato una volta :D)" Si, si, un altro paio di ascolti e lo assimili per bene ;) Comunque sono contento ti sia piaciuto molto. Nel caso dovesse sorpassare in graduatoria Closing Time, sarei felice di aver sbagliato il pronostico, visto che Blue Valentine è il mio preferito di Waits, nei '70 :)
  • SydBarrett96
    31 ott 12
    Ok, bene! Però, se posso dire una cosa, muoio dalla voglia di ri-ascoltarmi Rain Dogs e Swordfishtrombones. Mi sa che dopo aver assimilato per benino Blue Valentine ed aver ascoltato The Heart of the Saturday Night, ripiombo di nuovo su di loro. :D
  • hjhhjij
    31 ott 12
    Ok, dopo aver ascoltato "The Heart of Saturday Night" (secondo me ti piacerà) puoi passare a quelli tranquillamente (dovresti anche ascoltare Nighthawks at the diner ma se proprio non resisti puoi recuperarlo dopo, magari con Foreign Affairs). Però lo sai, devi prepararti a qualcosa di completamente nuovo, e diverso. Un artista rivoluzionato e rivoluzionario, compositore maturo, geniale e innovativo, diviso tra tradizione e avanguardia :) Sappilo, fu rivoluzione :)
  • SydBarrett96
    31 ott 12
    Credo di aver ascoltato anche roba un po' più sperimentale, magari va' a finire che mi piacciono sul serio. :)
  • hjhhjij
    31 ott 12
    Be si, se ti piacciono per finta non vale XD Scherzi a parte, non c'è nulla di particolarmente ostico (soprattutto in Rain Dogs, dove ci sono un paio di pezzi puramente pop) in quei dischi. Sono sperimentali e d'avanguardia per come rivoluzionano e stravolgono la cosiddetta forma canzone e le varie forme di musica popolare, mischiandole con Blues e Rock'n roll del più marcio e con elementi rumoristici, ma non c'è nulla di così complesso, quindi si, avrai sicuramente ascoltato anche roba più complessa ;)
  • pana
    15 nov 12
    qui, if lo ignoraviste, there are all the testi of Tom Waits.
U2: Rattle And Hum
CD Audio Ce l'ho ★★★★
Spin-off post-Joshua Tree, più che un disco è il loro ultimo testamento prima delle derive Berlinesi-elettroniche degli anni successivi. "All I Want is You" e "Angel of Harlem" sarebbero potute rientrare benissimo nell'albero di Giosuè.
U2: Zooropa
CD Audio Ce l'ho ★★★★
L’altra faccia di “Achtung Baby”, di cui funge da fratellino minore. Non ha del precedente il colpo di genio, la folgorazione e l’immediatezza, però per me resta un ottimo album. Più cupo ed elettronico, meno accessibile, ma dalla sua ha almeno 4-5 brani molto belli: title-track, “Numb”, “Lemon”, “The Wanderer” (bellissima interpretazione di Johnny Cash), “The First Time” ma soprattutto “Stay”, tra i migliori pezzi in assoluto di Bono e soci per me, colonna sonora di “Così lontano, così vicino” di Wim Wenders.
  • Pink84
    22 nov 21
    Ottima analisi syd.. Disco molto sottovalutato per me..
  • SydBarrett96
    23 nov 21
    @[Pink84] Grazie Pink. E ti dirò, mi piace anche “Pop”.
  • Pink84
    23 nov 21
    Anche a me piace pop... E pure al that you can't leave behind... E per me gli U2 finiscono li...
  • Ditta
    23 nov 21
    Disco di transizione, per me né carne né pesce. Diciamo che dopo diaconi come The Unforgettable Fire, The Joshua Tree e Achtung Baby dopo averlo ascoltato lascia un po’ l’amaro in bocca, anche se in futuro faranno ben di peggio.
  • Ditta
    23 nov 21
    *disconi
  • Geenooofficial
    23 nov 21
    Il canto del cigno
  • Confaloni
    25 nov 21
    Un bel disco, concordo ma resta il fatto che gli U2 sono stati migliori per tutti gli anni 80.
  • pi-airot
    25 nov 21
    Concordo 100%. E non sai che inc#**#tura quando - visti due volte dal vivo - non hanno fatto nemmeno un brano da quest'album.
U2: Achtung Baby
CD Audio Ce l'ho ★★★★★
Epocale.
Utenti simili
Zarathustra

DeRango: 0,43

Peppe Weapon

DeRango: 0,72

il giustiziere

DeRango: -20,60

Roby86

DeRango: 2,54

Gruppi