Sto caricando...

Gleemen
Gleemen

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Nel 1966 si formano a Genova i Gleemen, una delle primissime prog-band italiane, che subito si fanno conoscere grazie a una più che decente cover di "Lady Madonna" dei Beatles.

Al tempo coverizzare brani di gruppi famosi, per lo più anglosassoni, era, per le band italiane, un must. Sono stati necessari anni di concerti in giro per l'Italia per far sì che la band affinasse il proprio sound e arrivasse alla registrazione di un disco abbastanza originale per l'epoca: nel 1970 esce l'omonimo "Gleemen". La line-up era composta da Bambi Fossati alla voce e alle chitarre, Maurizio Cassinelli alla batteria e alla voce, Angelo Traverso al basso e Lio Marchi alle tastiere e all'organo. Il merito principale dei quattro fu quello di essere tra i primi in Italia ad avviare un certo discorso prog, passando da momenti per così dire classici a tinte hard-rock e arrangiamenti acustici e blues, sulle orme di Nice e Moody Blues ma mantenendo una certa originalità.

Se la chitarra di Fossati, selvaggia e hendrixiana, la fa da padrona, Marchi all’organo non è da meno e le trame tessute non hanno niente da invidiare ad altri complessi, specie italiani. I testi a tratti ingenui hanno rimembranze di un periodo beat ormai al tramonto, (“Ora vedo prati senza fiori e farfalle senza pois” - “ Chi sei tu, uomo, se guardi i miei vestiti ma non guardi dentro me” – “Clacson qua clacson là prova un poco a immaginare strade di mille anni fa” – “Fiordalisi senza fiori lisi i miei blue-jeans” – “Anche tu bambina prendi una farfalla e voli via”), prossimo all’avvento del più impegnato periodo prog.

Difatti il gruppo di lì a breve cambierà nome in “Garybaldi”, mantenendo la stessa line-up, e virando verso sonorità maggiormente progressive.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Cinque)

BeatBoy
BeatBoy
Opera:
Recensione:
Li conosco solo di nome, e ho ascoltato il brano "Marta Helmuth" a nome di Garybaldi... a dir poco strepitoso!!! Dopo, Fossati formerà la Bambibanda e Melodie o un gruppo con un nome del genere.


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
L'INTENTO DI QUESTA RECENSIONE PURAMENTE DESCRITTIVA E' QUELLO DI RIVALUTARE ALCUNI GRUPPI ITALIANI INGIUSTAMENTE CONSIDERATI APPARTENENTI A UN COSIDDETTO "PROG MINORE"


antoniodeste
antoniodeste
Opera:
Recensione:
Nonostante non abbia mai avuto modo di ascoltare Gleemen, ti dò atto DaveJon di aver ripescato un capitolo non trascurabile di quel periodo "seminale" del "pre-prog" italiano dell'epoca. L'intento che poi ti prefiggi è nobile e quindi va lodato. Da parte mia posso solo dire che ho approfittato della recentissima ristampa di BTF del secondo lavoro di Garybaldi, "Astrolabio"(1973) e l'ho trovato, (eccetto alcune cose un pò datate) ancora piuttosto stimolante. Anche più del precedente "Nuda". Direi però che qui siamo più dalle parti di Hendrix che del prog..... .


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
Grazie per i tantissimi commenti lasciati in questa rece..alla prosima


47
47
Opera:
Recensione:
sentito oggi, sinceramente non mi fa gridare al miracolo. Recensione interessante, in ogni caso.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Gleemen è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link