Hollowscene
Hollowscene

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Le origini degli Hollowscene affondano nei primi anni ’90 quando il chitarrista Andrea Massimo e il tastierista Lino Cicala formarono i Banauu. Nel 2016 si sono riformati con il nome Hollowscene pubblicando un disco – “Burial” - con una formazione ampliata a diversi elementi. Ora esce, per la Black Widow, un disco consacrato all’opera di Shaekspeare “Coriolanus”. D’altronde, nella migliore tradizione prog, gli Hollowscene hanno sempre avuto ispirazioni letterarie nobile come quelle di T.S. Eliot e la sua “Terra desolata” ed Edgar Allan Poe. Stilisticamente gli Hollowscene sono devoti direi calligraficamente al suono dei Genesis degli anni ’70: il loro e’ un classico progressive sinfonico ben suonato e con una buona ispirazione di base. Fin dalla traccia iniziale “Welcome To Rome” siamo proiettati, in una sorta di viaggio a ritroso nel tempo, alle atmosfere di un disco come “Selling England By The Pound”. Nella successiva “A Brave Fellow” troviamo momenti molto ispirati al pianoforte. Il limite di una proposta di questo tipo e’ quello di essere eccessivamente manierista e autoindulgente: tuttavia, nonostante la voce non costituisca uno dei punti di forza di questo lavoro, il disco e’ valido e non e’ assolutamente inferiore alla media di altri gruppi attuali del genere Anzi la classe e la capacita’ strumentale degli Hollowscene e’ di ottimo livello come possiamo ascoltare nella mini suite “Rage & Sorrow”. La traccia finale e’ una piccola sorpresa ovvero la cover di “The Moon Is Down” dei Gentle Giant. Consigliato ai seguaci del prog sinfonico si astenga chi e’ in cerca di sonorita’ non derivative.

Questa DeRecensione di Hollowscene è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/hollowscene/hollowscene/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Due)

Falloppio
Opera: | Recensione: |
Ottima recensione. Come piace a me, hai raccontato tutto senza troppi giri di parole. Ascoltato fino alla traccia traccia. Musicalmente bravi, il cantato sfortunatamente stonatelllo (c'è autotune che raddrizza anche le curve....) In effetti ricordano lontanamente i Genesis.
BËL (00)
BRÜ (00)

caesar666
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «http://www.banaau.com/». Vedi la vecchia versione Hollowscene - Hollowscene - Recensione di caesar666 Versione 1
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: