Karate
Karate

()

Voto:

Formatisi a Boston nei primi anni '90, i Karate di Geoff Farina sono una di quelle rare formazioni che in ambito indie è riuscita a conservare un'impronta rock molto marcata e “classicista”, e a proporre nel contempo una musica intensa, personale e di forte impatto emotivo. Se i singoli suggerivano una versione più colta e dinamica dei Codeine, di cui univano le cadenze e l’essenzialità ad una maggiore ricchezza armonica e perizia strumentale, questo debutto al full lenght espande il discorso di molto; speziato ancora più dei primi di elementi blues e rock nelle partiture e nei suoni, - quello della chitarra di Farina, un overdrive caldo e “vintage”, con frequenti vibrati e giochi di volume - li integra con equilibrio e maggiore apertura melodica al post-hardcore “ emo” e minimalista di scuola Fugazi, in un songwriting moderno e tecnicamente laborlimato.

Se l’apripista “Gasoline” è un gioiellino slow-core condito con accenti spostati all’ unisono, bruschi stop ed intense aperture, “If You Can Hold Your Breath” è un mid-tempo dal sapore emo-blueseggiante, che testimonia la bravura del bassista Eamonn Vitt nell’ imbastire grooves ultramelodici che fanno da vera e propria spina dorsale ai pezzi. In “What Is Sleep” è il timbro alla Sting di Farina a far decollare il brano, lavorato eccellentemente in un’alternanza di crescendo, pacificazioni ed esplosioni. L’intera band è un meccanismo di precisione, con il batterista Gavin McCarthy superbo in tutte e nove le canzoni, dalla tirata e “punkish” “Trophy” alla conclusiva ed emozionante “Caffeine Or Me” dove la capacità del gruppo di giocare con le dinamiche arriva all’apice, e le liriche di Farina -sempre personali ed incisive- rimangono scolpite nella memoria, incorniciate dalla potenza del brano.

Disco (e gruppo) consigliato.

Vota la recensione:

Questa DeRecensione di Karate è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/karate/karate/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (Otto)

Lewis Tollani
Opera: | Recensione: |
Geoff è un eroe...!!!
BËL ( 0 )
BRÜT ( 0 )

Lello
Opera: | Recensione: |
Conosco "Unsolved" e mi piace molto, ma mi pare un disco più intimista di quello che descrivi qui, conosci anche gli altri?
BËL ( 0 )
BRÜT ( 0 )

Lello
Opera: | Recensione: |
Oops il voto
BËL ( 0 )
BRÜT ( 0 )

Mars
Opera: | Recensione: |
Sì, "Unsolved" è molto jazzy, ed è in assoluto il disco più downtempo ed intimista dei Karate... i primi due hanno questo feeling emo-punk che il gruppo ha poi sgrezzato nel corso della carriera, sostituito dall'approccio emo-jazz-rock che senti appunto in "Unsolved" o nel successivo "Some Boots". "The Bed Is In The Ocean" è l'album di transizione, mentre l'ultimo "Pockets" è più conciso e orientato al songwriting. Non perderti i Karate in versione post-rock nello splendido ep "Cancel/Sing". Grazie per i voti!
BËL ( 0 )
BRÜT ( 0 )

nessuno
Opera: | Recensione: |
Buon disco e bella recensione!
BËL ( 0 )
BRÜT ( 0 )

Lewis Tollani
Opera: | Recensione: |
Bravo Mars... sei una delle primissime persone che conosco che parlano dei Karate con passione, ma soprattutto con cognizione di causa. Bravo.
BËL ( 0 )
BRÜT ( 0 )

Melo
Opera: | Recensione: |
Bravo.Non troppo lunga, non troppo dispersiva, si vede che sei uno che i Karate li conosce sul serio e che li ama. Forse ci avrei messo un pizzico di "scherzo" in più....
BËL ( 0 )
BRÜT ( 0 )

Marcel Proust
Opera: | Recensione: |
sottoscrivo in pieno ogni commento!!
BËL ( 0 )
BRÜT ( 0 )

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

DeBaser non è un giornale in linea ma una "bacheca" dove vengono condivise . DeBaser è orgogliosamente ospitato sui server di memetic. Informativa sulla privacy