Recensioni di tutto - rock

Questa qui è la paginella di ricerca delle recensioni. Se non la capisci evitala, ma sappi che puoi inserire un testo nel campo in alto a destra.

Risultati


The Residents: Wormwood

The Residents: Wormwood

di Almotasim | DeRango™: 37.00 Novità!  Immaginifica

L’Anti-Pop per antonomasia, il Rock d’avanguardia e la sua esasperazione, la sperimentazione elettronica e la musica concreta, gli sbiechi arrangiamenti orchestrali e le voci filtrate, la manipolazione dei nastri ed i collages fuori da ogni logica e schema, l’allestimento visivo oltre che sonoro di abnormi teatrini dell’assurdo, la capacità di…

Blodwyn Pig: Getting to This

Blodwyn Pig: Getting to This

di GhostTrain | DeRango™: 5.00

I Blodwyn Pig registrarono due album tra il 1969 ed il 1970, la loro alchimia dava origine ad una miscela di blues, jazz, rock astutamente distribuiti. La mente dietro il progetto era senz'altro Mick Abrahams, già ex Jethro Tull (che abbandonò dopo This Was) supportato da una sezione ritmica di…

The Yardbirds: For Your Love

The Yardbirds: For Your Love

di Kinks49 | DeRango™: 16.00 Novità!

Mi sono spesso chiesto se ci sia mai stato un motivo per cui, finché gli Yardbirds avevano Eric Clapton come chitarrista, in Italia non si siano mai degnati di pubblicare lo straccio di un singolo. A guardar il pelo nell’uovo però, non è così. Nonostante sulla copertina italiana del 45…

Johnny Hiland: Johnny Hiland

Johnny Hiland: Johnny Hiland

di Onirico | DeRango™: 13.00 Novità!

Johnny è un polistrumentista obeso, in grado di suonare fino a ventidue strumenti. Ma Johnny è anche affetto da nistagmo, una rara malattia che provoca l’involontario e frenetico movimento oscillatorio degli occhi. Ma Johnny non ha bisogno di guardare, per suonare. Sa esattamente dove si trovano le note sulla sua…

Folkamiseria: Follia

Folkamiseria: Follia

di bambi2016 | DeRango™: 4.00 Novità!

FOLKAMISERIA – FOLLIA (OnAirish) I Folkamiseria sono finalmente tornati con il loro quarto album: “Follia” Già dal titolo si può intuire la mentalità della band, che vuole rappresentare a pieno l’instabilità dei suoi componenti e il loro approccio alla musica. Per quanto riguarda ciò che l’album racchiude, invece, il discorso…

AA. VV.: Lost Highway Soundtrack

AA. VV.: Lost Highway Soundtrack

di Ivo Avido | DeRango™: 34.00  Colonna sonora

“Dick Laurent è morto” (Bill Pullman, “Lost Highway”) Lynchiano. Nell'immaginario collettivo, patrimonio di simboli e di miti nella cultura di un popolo, tale termine ha, da almeno vent'anni, fatto la sua comparsa. Ma cosa significa esattamente Lynchiano? Tale vocabolo è quantomeno espressione, sintomo di una traslazione, al di fuori dei…

The Gutter Twins: Saturnalia

The Gutter Twins: Saturnalia

di jeff3buckley | DeRango™: 13.00

I saturnalia erano delle festività romane in onore del dio Saturno caratterizzate da banchetti, doni agli dei ed un momentaneo sovvertimento dell'ordine sociale, in cui gli schiavi diventavano liberi e partecipavano all'evento lasciandosi andare ai vizi e alle orgie assieme ai padroni. Ascoltando questo disco si avverte in effetti un…

Steve Wynn: Melting in the Dark

Steve Wynn: Melting in the Dark

di De...Marga... | DeRango™: 31.00

Un album che parte a razzo con i tre minuti viscerali di "Why": chitarre nervose, taglienti, ustionanti. Si prosegue nello stesso consistente modo per buona parte di "Melting in the Dark", quarto disco solista di Steve Wynn. Scordiamoci il limpido Rock Folk del precedente "Fluorescent". Predomina l'oscurità; gli strumenti urlano,…

Bush: Black And White Rainbows

Bush: Black And White Rainbows

di GrantNicholas | DeRango™: 7.00 Novità!

A distanza di tre anni dal buon “Man On The Run” i britannici Bush tornano a farsi sentire con un nuovo lavoro intitolato “Black An White Rainbows”. Licenziato tramite Zuma Records (e prodotto dal carismatico frontman Gavin Rossdale) il nuovo lavoro procede sulle ormai consolidate coordinate sonore del quartetto londinese.…

U2: The Joshua Tree

U2: The Joshua Tree

di Ugly | DeRango™: 8.00

The Joshua Tree è un nome evocativo, potentissimo, fortemente riconoscibile ovunque. Pochi altri dischi hanno titoli (e simboli) così evocativi sostenuti da contenuti così pesanti, pensiamo a: “Dark Side Of The Moon”, “Exile on Main Street”, “Nevermind”, “Born to Run”, etc… “The Joshua Tree” rappresenta un’epoca e una pietra miliare…

DeBaser non è un giornale in linea ma una "bacheca" dove vengono condivise . DeBaser è orgogliosamente ospitato sui server di memetic. Informativa sulla privacy