Recensioni di tutto - drammatico

Questa qui è la paginella di ricerca delle recensioni. Se non la capisci evitala, ma sappi che puoi inserire un testo nel campo in alto a destra.

Risultati


 Michael Almereyda: Marjorie Prime

Michael Almereyda: Marjorie Prime

di sotomayor | DeRango™: 6.00 Novità!

Mi sono espresso di recente su di un editoriale peraltro a quanto pare molto discusso (non lo sto menzionando per ritornare nuovamente sulla questione nello specifico, non è questa la sede) per quello che riguarda l'importanza per così dire 'taumaturgica' della parola, definendola un vero e proprio collante nelle diverse…

Denis Villeneuve: Blade Runner 2049

Denis Villeneuve: Blade Runner 2049

di BogusMan97 | DeRango™: 0.00

[contiene spoiler] Denis Villeneuve con Blade Runner 2049 firma il suo primo capolavoro, non esente da piccole imperfezioni di sceneggiatura, ma trascurabili di fronte all'imponente portata contenutistica del film. La scelta di voler confrontarsi con il capolavoro del 1982 dichiarando sfacciatamente la volontà di non volersi distanziare tematicamente e visivamente…

Mateo Gil: Proyecto Lazaro

Mateo Gil: Proyecto Lazaro

di sotomayor | DeRango™: 3.00

'Proyecto Lazaro' è un film così difficile e doloroso da raccontare che francamente non saprei neppure da dove cominciare. Come molte altre volte, come molte altre volte che scrivo e forse anche più specificamente di altro, penso che forse il punto di partenza possa essere quelle che sono delle mie…

Nick Copus: Ice

Nick Copus: Ice

di sotomayor | DeRango™: 6.00

Lo scetticismo della maggioranza, pure di appassionati al genere, davanti a un ennesimo film di fantascienza dai contenuti drammatici e apocalittici e che abbia come tema centrale il riscaldamento globale è chiaramente comprensibile. Questo soprattutto quando, come in questo caso, ci troviamo davanti a un'opera dalla durata complessiva superiore alle…

Denis Villeneuve: Blade Runner 2049

Denis Villeneuve: Blade Runner 2049

di Anatoly | DeRango™: 28.00 Novità!

Il film più atteso dell'anno. Il film più atteso degli ultimi anni. Il film più atteso di sempre. Massì, tanto vale lasciarsi andare. Pur non essendo tra gli integralisti, solitamente contrari a prescindere a sequel, reebot e quant'altro, non avevo mai visto granché di buon occhio il ritorno di Blade…

Franklin J. Schaffner: The Boys From Brazil

Franklin J. Schaffner: The Boys From Brazil

di sotomayor | DeRango™: 20.00

Questa notizia girò tantissimo sui giornali una decina di anni fa in occasione dell'uscita del libro 'Mengele, l'angelo della morte in Sudamerica' dello storico Jorge Camarasa, che ha dedicato gran parte dei suoi studi a quelle che furono le vite dei gerarchi nazisti in fuga dalla Germania dopo la Seconda…

Joshua Oppenheimer: The Look of Silence

Joshua Oppenheimer: The Look of Silence

di Hellring | DeRango™: 24.00

Adi è un ottico. Visita gli anziani del suo villaggio. Adi aveva un fratello, massacrato nell'Indonesia del '65 da quel Suharto che abbiamo rimosso dalla storia. Quello che ha svenduto l'Indonesia alle multinazionali e che sottobanco prendeva soldi dalla CIA, squartando un milione e mezzo di comunisti, minoranze e oppositori.…

Paul Schrader: The Canyons

Paul Schrader: The Canyons

di Anatoly | DeRango™: 19.00

Con 150 000 $ raccolti via crowdfunding, mettere in scena la morte del cinema, sotto forma di noir scritto dall'ex ragazzo prodigio Bret Easton Ellis; con protagonisti la più discussa attrice da gossip ed il più famoso pornodivo americano in circolazione; portare il film a Venezia ed essere stroncato (quasi)…

Paul Schrader: Dog Eat Dog

Paul Schrader: Dog Eat Dog

di Stanlio | DeRango™: 9.00 Novità!

Curiosando tra i film di una persona che fino a 18 anni non aveva il permesso di guardare film e che ha vissuto dei periodi di depressione dovuti alla solitudine e all'alcolismo, tale Paul Joseph Schrader (ne ha diretti ben 21 dal primo “Blue Collar” del 1978 al suo ultimo…

Paul Schrader: American Gigolo

Paul Schrader: American Gigolo

di Anatoly | DeRango™: 32.00

Gli anni '70 sono conclusi, e con loro terminato il tempo delle contestazioni, della paranoia del post-Watergate (di coppoliana memoria), del Vietnam e dei traumi che sono seguiti al lunghissimo e devastante conflitto, perfettamente immortalati per sempre nel definitivo capolavoro che è Il Cacciatore e da quello straziante inno americano…