Recensioni di tutto - alternative

Questa qui è la paginella di ricerca delle recensioni. Se non la capisci evitala, ma sappi che puoi inserire un testo nel campo in alto a destra.

Risultati


METZ: Strange Peace

METZ: Strange Peace

di sotomayor | DeRango™: 30.00 Novità!

In questo momento i METZ sono sicuramente quelli che si potrebbero definire i veri e propri alfieri della Sub Pop Records. Dopo la pubblicazione di 'METZ' (2012) e 'II' (2015) con il nuovo disco 'Strange Peace', uscito lo scorso 22 settembre, il trio originario di Ottawa (Canada) e adesso di…

Wand: Plum

Wand: Plum

di sotomayor | DeRango™: 12.00 Novità!

I Wand non sono esattamente una band particolarmente celebre e specialmente nella vecchia Europa, eppure hanno tutte le carte in regola date le sonorità proposte, per potere essere presi in considerazione da una fetta di pubblico ben più ampio. Il nuovo disco del quintetto di Los Angeles, California è uscito…

Prologue Of A New Generation: Mindtrip

Prologue Of A New Generation: Mindtrip

di Sheep | DeRango™: 0.00 Novità!

I Prologue Of A New Generation potremmo definirli come una delle tante (buone) risposte italiane a ciò che il djent (o alternative metal, chiamatelo come preferite) made in UK/Australia ci ha propinato negli ultimi anni. Rispetto a moltissimi colleghi intenti a sfoggiare doti tecniche al di sopra della media –…

Beck: Colors

Beck: Colors

di GrantNicholas | DeRango™: 20.00 Novità!

Dopo i tre Grammy Awards vinti (un po’ inaspettatamente) per “Morning Phase” del 2014 (Album of the Year, Best Engineered Album, Non-Classical e Best Rock Album), la carriera di Beck ha subito improvvisamente una nuova impennata, per quanto la qualità nel corso degli anni non sia mai mancata nella sua…

William Patrick Corgan: Ogilala

William Patrick Corgan: Ogilala

di GrantNicholas | DeRango™: 11.00 Novità!

Ci ha provato tante volte a rinascere artisticamente, il buon Billy. Il dopo scioglimento degli Smashing Pumpkins è stato un lungo tormento, iniziato con un primo album solista carichissimo ed iper-prodotto ma assolutamente non fondamentale (“TheFutureEmbrace”), passando per una reunion delle “zucche” a formazione completamente rinnovata che ha portato pochissime…

Institute: Subordination

Institute: Subordination

di sotomayor | DeRango™: 12.00 Novità!

Finalmente un disco che non richiede nessuna interpretrazione e/o speculazione di natura concettuale e che mira direttamente al vecchio cuore punk e rock and roll degli ascoltatori. Prodotti da Ben Greenberg (Uniform) e direttamente da Austin, Texas, ecco gli Institute che con questo disco, 'Subordination', rinnovano la propria partnership con…

The Darkness: Pinewood Smile

The Darkness: Pinewood Smile

di GrantNicholas | DeRango™: 9.00 Novità!

Da un gruppo come i Darkness sappiamo sempre cosa aspettarci: che facciano i Darkness. Possono farlo a volte bene, a volte meno; col precedente “Last Of Our Kind” avevano quasi totalmente deluso (e non a caso era il disco con il quale si erano maggiormente allontanati dalla Sacra Triade AC/DC,…

My Expansive Awareness: Going Nowhere

My Expansive Awareness: Going Nowhere

di sotomayor | DeRango™: 12.00 Novità!  Levitation

Direttamente da Saragozza, Spagna, ecco i My Expansive Awareness di José Briceno (voce e chitarra), Lucia Escudero (voce e percussioni), Juan Gracia (batteria), Diego Lis (synth e Farfisa) e Jota Garcia (basso). 'Going Nowhere' è il loro ultimo LP ed è stato registrato tra giugno e luglio del 2016 al…

Entrance: Book Of Changes

Entrance: Book Of Changes

di sotomayor | DeRango™: 16.00 Novità!

Guy Blakeslee aka Entrance questa volta ha realizzato un disco di musica cantautoriale dalla bellezza coinvolgente e inaspettata e che ti conquista sempre di più ascolto dopo ascolto. Classe 1981 e nato a Baltimora negli Stati Uniti d'America, Blakeslee vanta un lungo curriculum come musicista, attività cominciata come membro di…

Pavement: Terror Twilight

Pavement: Terror Twilight

di ygmarchi2 | DeRango™: 19.00

Nelle prossime righe si argomenterà come "Terror Twilight" sia da considerarsi, al contrario dell'opinione consolidata, il miglior disco dei Pavement. Già, perché se, nel precedente album, i nostri potevano cantare "We are underused", beh, dovevano solo biasimare se stessi. Perché? Perché i dischi dei Pavement sono così, pieni di buone…