Recensioni di film e video

Questa qui è la paginella di ricerca delle recensioni. Se non la capisci evitala, ma sappi che puoi anche usare la ricerca libera.

Risultati


Sergio Corbucci: Il Grande Silenzio (1968)

Sergio Corbucci: Il Grande Silenzio (1968)

di happypippo1 | DeRango™: 4.16

Regista singolare, in grado di passare attraverso i generi più vari, con degli alti e dei bassi da capogiro, Sergio Corbucci ha espresso nel western un aspetto della sua personalità artistica unico nel panorama internazionale del genere. Il 1968 è l'anno della maturità del western italiano; le opere di questo…

Alfred Hitchcock: Psycho

Alfred Hitchcock: Psycho

di Bubi | DeRango™: 11.26

Marion Crane un'impiegata di Phoenix, nell'intento di raggiungere il proprio compagno e nell'illusione di cambiare la propria vita, scappa con 40.000 dollari che avrebbe dovuto portare in banca per conto del suo datore di lavoro. Durante la fuga si imbatte in un violento temporale, che la costringe a lasciare la…

Pier Paolo Pasolini: Salò o le 120 giornate di Sodoma

Pier Paolo Pasolini: Salò o le 120 giornate di Sodoma

di eletto1987 | DeRango™: 3.78

Tantissimi bei ricordi mi legano a questo film, che di piacevole non ha davvero nulla: l'ultimo di essi risale all'anno scorso: esame orale di maturità 2006, mi siedo tremante e con la grave sensazione di non ricordare un cazzo di niente e lascio che il mio sguardo di maturando atterrito…

Ettore Scola: C'eravamo tanto amati

Ettore Scola: C'eravamo tanto amati

di M.Poletti | DeRango™: 5.84

Segnatevi queste date a futura memoria: 1958, 1975. Sono due date, ok, ma sono due date importanti. In qualche modo segnano l'inizio (1958) e la fine (1975) della storia del cinema italiano che conta. L'apripista fu "I soliti ignoti" (di cui un giorno vi parlerò), la fine la segnò "Amici…

David Cronenberg: La Mosca (The Fly)

David Cronenberg: La Mosca (The Fly)

di Fidia | DeRango™: 26.28

Amore, dolore e morte. Un brillante scienziato dà vita ad un rivoluzionario macchinario che, nelle intenzioni del suo costruttore, avrebbe dovuto teletrasportare un essere umano da una cabina ad un'altra. I primi tentativi di verificarne la riuscita danno risultati perfetti, ed una grossa bistecca ed un babbuino compiono quel viaggio…

Woody Allen: Manhattan

Woody Allen: Manhattan

di London | DeRango™: 4.39

Va bene, dunque, perché vale la pena di vivere? Ecco un'ottima domanda. Uhm. Beh, esistono al mondo alcune cose, credo, per cui valga la pena di vivere. E cosa? Okay. Per me? ehm, io direi? per Groucho Marx tanto per dirne una, mhmmmm, e Willie Mays e? il secondo movimento…

Fernando Di Leo: Milano Calibro 9

Fernando Di Leo: Milano Calibro 9

di happypippo1 | DeRango™: 12.99

Definito da Quentin Tarantino, non senza una qualche esagerazione, il Don Siegel italiano, Fernando Di Leo è certamente il migliore autore di polizieschi mai avuto nel nostro paese. Un genere che, quasi come il western, pareva non appartenerci. I precedenti illustri erano stati "Nel nome della legge" (1949) di Pietro Germi…

Ferzan Ozpetek: Saturno contro

Ferzan Ozpetek: Saturno contro

di Ferito | DeRango™: 2.10

Esistono registi che non deludono mai le aspettative; uno di questi può essere, che so, Scorsese: andai a vedere "The Departed" convinto di vedere un capolavoro, e così fu. Allo stesso modo, Ozpetek non mi piaceva prima di aver visto "Saturno contro", e non mi piace neanche ora. Premettiamo: non…

Stanley Kubrick: Full Metal Jacket

Stanley Kubrick: Full Metal Jacket

di Gregor_Lake | DeRango™: 19.19

Marines. Macchine. Full metal jacket è un film sulla decisione di uccidere e sulla perdità di umanità. Nella prima parte vediamo come le persone vengono trasformate in assassini. Questo processo di disumanizzazione fa sì che il soldato Palla di lardo, già ritardato, impazzisca e si uccida perchè non sopporta più…

Gabriele Muccino: L'Ultimo Bacio

Gabriele Muccino: L'Ultimo Bacio

di bjork68 | DeRango™: 25.12

Quando si esaltano, in televisione e nei giornali, registi come Muccino e i suoi films come l'espressione migliore dell'attuale cinema italiano è lampante come quest'ultimo sia arrivato non alla frutta, ma al caffè e al limoncello. Se c'è una cosa che mi manda in bestia è sentire sproloquiare in tv…