Recensioni di musica

Questa qui è la paginella di ricerca delle recensioni. Se non la capisci evitala, ma sappi che puoi anche usare la ricerca libera.

Risultati


Arena: Double Vision

Arena: Double Vision

di splinter | DeRango™: 0.00 Novità!

25 maggio 2018, non poteva essere una data migliore per la musica: tre dragoni del rock progressivo moderno, Arena, Subsignal e Spock’s Beard pubblicano in contemporanea il nuovo album. Partiamo dagli Arena (poi proseguirò con gli altri due, tempo al tempo…). Proprio a vent’anni da “The Visitor” (rimasterizzato per l’occasione)…

Napalm Death: Inside the Torn Apart

Napalm Death: Inside the Torn Apart

di GenitalGrinder | DeRango™: 21.54

Si affidano ancora una volta alle capaci mani di Colin RIchardson i Napalm Death per il settimo lavoro della loro pesantissima discografia. Siamo nel 1997, a dieci anni esatti dall'esordio e assoluta pietra angolare Scum, e rispetto agli estremismi degli inizi ci troviamo di fronte ad un lavoro molto meno…

Alice in Chains: Rainier Fog

Alice in Chains: Rainier Fog

di GrantNicholas | DeRango™: 25.72 Novità!

Il Monte Rainier è un vulcano alto quattromila metri che sovrasta Seattle. Bellezza naturale e forza della natura potenzialmente terrificante: entrambe le cose contemporaneamente. Solo la musica degli Alice In Chains avrebbe potuto efficacemente sintetizzare un contrasto del genere. Ed ecco che il terzo lavoro dalla “rinascita” con William DuVall…

Expo '70: Mother Universe Has Birthed Her Last Cosmos

Expo '70: Mother Universe Has Birthed Her Last Cosmos

di caesar666 | DeRango™: 17.78 Novità!

Continua la riproposizione, da parte della Zoharum, di materiale d’archivio del progetto Expo 70 del chitarrista Justin Wright che, nel corso del tempo, ha creato un universo sonoro dedito a sonorità elettroniche evanescenti e cosmiche in linea con quanto fatto da Manuel Gottsching con gli Ash Ra Tempel negli anni…

Radiohead: Kid A

Radiohead: Kid A

di POLO | DeRango™: 5.57

Secondo me i Radiohead hanno scritto questo disco per dimostrare di essere la più grande band di sempre anche a quei quattro miserabili figli di puttana che ancora pensavano il contrario. Intendiamoci, "Ok Computer" non era poi sto granchè, ma a sua discolpa c'è da dire che soffriva dell'handicap del…

The Kooks: Let's Go Sunshine

The Kooks: Let's Go Sunshine

di GrantNicholas | DeRango™: 6.00 Novità!

Band amata/odiata per eccellenza, i britannici The Kooks giungono al quinto album in studio con questo “Let’s Go Sunshine”. Il nuovo lavoro di Luke Pritchard e soci arriva ad un solo anno dal best of con due (ottimi) inediti “The Best Of… So Far”, ed è co-prodotto da Brandon Friesen…

Medeski Martin and Wood: Shack-Man

Medeski Martin and Wood: Shack-Man

di ziltoid | DeRango™: 28.17

A giudicare da questa paginella, medeschio, martino e bosco li ho ascoltati per la prima volta un anno fa, casualmente e verso lo speculare cambio di stagione; a parte qualche pioggia, l’aria sa essere ancora abbastanza torrida per sudare sulla musica di questa super benevola banda, perché con loro un…

Black Flag: Three Nights

Black Flag: Three Nights

di gate | DeRango™: -4.67

Non ho più intenzione di scrivere o avere a che fare con questo posto, quindi facciamo cifra tonda e chiudiamo bottega. Lo scritto sarà breve e lacunoso, ma tanto a voi non frega nulla: procediamo. "Three Nights" è la seconda traccia del lato B di "My War", l'incipit del grunge…

Loincloth: Iron Balls of Steel

Loincloth: Iron Balls of Steel

di sfascia carrozze | DeRango™: 30.58

Nei rutilanti eighties in ambito hard'n'heavy vi fu un frangente, un lasso, un varco spazio temporale, un buco nero dal quale contravvenendo le leggi della fisica convenzionale vennero letteralmente espulsi una miriade di dischi di (cosiddetti) guitar-heroes pubblicati perlopiù da apposite label discografiche dèdite all'esclusiva divulgazione di cotante sbrodolose opere.…

David Sylvian: Red Guitar

David Sylvian: Red Guitar

di mauriziodag | DeRango™: 6.22

Con l’arrivo di Settembre è immancabile sui social (su Facebook in particolare) l’irresistibile spinta a postare almeno nel primo giorno del mese, September di David Sylvian. Noi ci discostiamo alquanto da simili fenomeni ripetitivi e di massa, e ricorriamo, con l’aristocratica sufficienza e l’inossidabile ammirazione che si conviene per l’ex-Japan,…