Sto caricando...

La lista d'ascolto



Paolaa
Paolaa |
ACILLIDE
ACILLIDE |
sergio60
sergio60 |


Dislocation: Chiaro?
Insomma.
Nel dubbio... a soreta.
CosmicJocker
CosmicJocker |
Mah

Dislocation: Eh.
lector: Come non essere d'accordo?
hjhhjij: Filosofico.
fedezan76
fedezan76 |
sergio60
sergio60 |
Vangelis - Hypothesis Full e questo è forse anche meglio...


sergio60
sergio60 |
We Are All Uprooted degno erede del capolavoro degli Aphrodite child's 666 ma che in pochi conoscono...tra l'altro uno dei dischi più rari della Vertigo...


vibration
vibration |
Sadness Boulevard
Love & Hate
The Sleeves - Always the Sun Go Down
#treperuno --- furono i Nostri Dream Syndacate e tutto quello che suona simile


RamirezAlHassar
RamirezAlHassar |
"La cultura delle armi negli Stati Uniti è un fatto assolutamente trasversale e ancestrale, svincolato da categorie politiche, culturali, religiose, generazionali". All'indomani dell'ennesima strage nelle scuole d'America, sembrano quanto mai centrate le parole di Gabriele Galimberti, il pluripremiato fotografo italiano vincitore del World Press Photo 2021 per il suo lavoro #Ameriguns.
Ospite dell'ultima edizione del Festival Internazionale del Giornalismo, Galimberti, in dialogo con il giornalista Alessio Jacona, ha spiegato al pubblico com'è nato il progetto #Ameriguns, un incredibile documento per immagini che prova l'ossessione degli americani per le armi.
"Mi è capitato di fotografare gli arsenali più disparati", ha detto Galimberti. "Emblematico quello di un CEO di Google a San Francisco, omosessuale, sostenitore di Obama, sulla carta un democratico progressista ma con un arsenale da fare invidia a un convinto trumpiano. Così come sorprendente è stato quello di un pastore protestante star dei social che alterna sermoni su Gesù e sui fucili. L'immaginario delle armi in America è un sentimento profondo che lega gli americani all'esperienza storica dei pionieri con le diligenze nel vecchio far west".
#Ameriguns si divide in quattro capitoli – Family, Freedom, Passion, Style – proprio a partire dai motivi che spingono le persone a comprare armi. "Ciò che ho riscontrato è un amore per le armi che, come spiega il libro, si lega a tradizioni famigliari trasmesse di generazione in generazione", spiegava Galimberti in un'intervista a Rolling Stone dello scorso anno. "La maggior parte dei soggetti che ho fotografato hanno iniziato a sparare da bambini semplicemente perché gliel’ha insegnato lo zio o il nonno: come da noi a un certo punto arriva un adulto che ti insegna ad andare in bici, così negli Usa c’è quasi sempre qualcuno della famiglia che ti insegna a sparare, quasi fosse un rito di passaggio. Tant’è che persino tra chi non possiede armi è difficile scovare individui che non abbiano mai sparato, a quasi tutti almeno una volta è capitato, e questo perché le armi sono un po’ dappertutto. Solo che quando viaggiamo non ci pensiamo, perché non ci siamo abituati. Persino io che frequento gli Stati Uniti da 20 anni non mi ero mai reso conto dell’ampiezza del fenomeno: sapevo fosse diverso che in Italia, certo, ma non mi ero mai fermato a riflettere sul serio sul fatto che se vai in un cinema in Texas molto probabilmente ti sederai accanto a uno con una pistola in tasca e metà della sala sarà armata. Idem per strada o al supermercato: se punti lo sguardo e inizi a farci caso poi lo noti, che moltissimi hanno un’arma sulla cintura, nascosta in tasca o altrove".
🎥 > Gli Ameriguns: il progetto fotografico sulla cultura delle armi in USA, vincitore del World Press Photo 2021 bit.ly/3LPEuZy

Fonte Valigia Blu

RamirezAlHassar: Joel (44), Lynne (43), Paige (5) and Joshua (11), Austin, Texas, December 2018
Fonte sempre Valigia Blu
Onirica: Interessante, mi hai ricordato un articolo che lessi anni fa in cui Brad Pitt dichiarava: "L’America è un Paese fondato sulle armi, è nel nostro Dna. Non mi sento al sicuro senza una pistola in casa. E’ strano ma sto meglio se ho un’arma, se non ce l’ho nascosta da qualche parte non sento la casa completamente al sicuro”.
CYPHER
CYPHER |
Cows - "Cow Jazz/Car Chase"

Beccatevi 'ste belle vaccheee


hjhhjij: Ahahahahahaha bellissimi dementi.
IlConte
IlConte |
Beasts Of Bourbon - Cool Fire (1990)

Album particolare (e splendido)… già detto…
C’è un po’ di tutto di bel


adrmb
adrmb |
The North Star Grassman And The Ravens Sì scusate, io sono lento ad assimilare i dischi.
Questa è bellissima, anche strumentalmente


hjhhjij: E certo che si. Gran compositrice, musicista, arrangiatrice, e accompagnata dal fior fior di musicisti della sua cricca (ad esempio gli ex Fotheringay e Richard Thompson).
imasoulman: massì, un dischetto de niente, in fondo...
lector: Robbetta...
dsalva
dsalva |
Trump: "Armi nelle scuole per fermare il male" - Adnkronos.com

Ovvio!

Almotasim : Oh Signur!
sergio60: idiozia declamata da un idiota
Dislocation: L'ho già detto.
L'unica speranza è che, a forza di spararsi l'un l'altro, si estinguano.
vibration
vibration |
ui
ui |


RamirezAlHassar: Santo Dio

La sua canzone più bella
Una delle più belle di sempre, della storia della musica tutta
ui: Pure Er Califfo c'avea i suoi momenti
IlConte: Scatto apocalittico
Daje
SilasLang
SilasLang |


hjhhjij: Grandissimi. Di base li preferisco più "maturi", ma grandissimi.
De...Marga...: Grandissimi già dai primi passi!
pinKCrimson
pinKCrimson |
Gli Isley Brothers ed un giovanissimo, ma già notevole, Jimi Hendrix!! Gran bel pezzo!!
Have You Ever Been Disappointed, Pts. 1 & 2