Ma quei 62 chili di Alaphilippe che non solo si difendono ma vincono la crono dando 14 secondi a Thomas (per non parlare del vantaggio sugli altri specialisti)? Qualcuno che ha visto ci crede?
Carlos Il 19 luglio 2019 — DeRango: 0,00


Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti all'ascolto

IlConte
Non ho seguito oggi, sto seguendo poco il Tour... pure il ciclismo mi ha stancato. Comunque queste cose sono già accadute negli ultimi 20 anni; il corridore più in forma che, “sorprendentemente” va oltre i suoi limiti nelle crono. Il doping nel ciclismo moderno ha appiattito i valori perché ormai tutti sanno cosa fare e come farlo. È lo sport più falso in assoluto purtroppo... perché fatica e sacrifici li fanno eccome ma è quello che più si può aiutare col doping (fiato e gambe sono drogabili facilmente, un gesto tecnico particolare no)

Carlos: Per carità dici cose verissime, però negli ultimi anni non ho mai visto uno così palesemente inadatto alla crono vincerla addirittura per non pochi secondi contro uno specialista. Cioè non ne avrà mai vinta una in vita sua cristo. Va bene tutto ma la maglia gialla non trasforma in superman
IlConte: Ahahahahahahah.... la maglia gialla mo ma la maglia gialla condita al meglio può farlo. Nel mio piccolo frequentando un po’ quel mondo “fatto” di tutto ho compreso che il ciclismo (già detto prima) e soprattutto nello specifico le crono brevi, magari con salite sono le più “facili” da adattare al meglio ad un ciclista già forte ed in forma in quel momento anche se, appunto, non specialista. Sicuramente vi erano salite e/o saliscendi perché in una crono 50 km piana piana è impossibile davvero #forse
Detto ciò il tuo stupore, Comandante, è giustissimo
Carlos: Sì è vero quello che dici. Non erano certo le crono lunghe che può vincere un Tony Martin con più di un minuto su altri cronomen come lui. Però figa...sono strascettico su oggi. Anche uno con cui sono in rapporti amichevoli che è appassionato e cerca di difendere il ciclismo dalle generalizzazioni sul doping, mi ha mandato una foto di Madrona con una maglia che recita "NO DRUG" ahahah
Carlos: Maradona *
IlConte: Ma infatti devi essere scettico perché ho detto che il ciclismo è da un paio di decenni alla deriva totale. Non riconosci più un talento perché il doping ha appiattito tutto e tutti. Ormai anche nelle salite durissime lo scalatore puro non si riesce più a fare differenza, assurdo. Il mio discorso era di un mix di cose in queste situazioni: la forma super del momento, la crono ideale è il doping che raddoppia la la forma strepitosa.
Per Maradona è un’ altra storia ovviamente; lui mica pippava per il calcio, anzi questo gli ha dato solo danni. Come dicevo nel ciclismo e corsa, dove il gesto tecnico conta molto meno, il doping può quasi trasformare un atleta; nel calcio, tennis, basket, volley ecc ecc dove il gesto tecnico è fondamentale non puoi trasformare un giocatore... può essere più forte agonisticamente ma non puoi migliorare il gesto ... quindi più di tanto non rende.
Carlos: Per carità su Maradona non discuto nemmeno, era solo per dire che non ci crede nemmeno uno che è sempre pronto a difendere il ciclismo da ste accuse. Comunque perfettamente d'accordo. Vedremo come andrà domani e domenica.
IlConte: Ahahahahahahah si, ovvio ... ho fatto il “serio” altrimenti ridevo e basta. Dopo il secondo tour di Armstrong dicevo tante cose e tutti “ma Conte no, cosa dici...” e vabbè... era idolatrato da tutti, stampa e Usa in primis... poi mollato come l’ultimo dei pezzenti... tipico del capitalismo ahahahahahahah
Carlos: Riprendo qui il discorso: Alaphilippe si è piazzato secondo oggi al Tourmalet con gli Scalatori (quelli dalla S maiuscola appunto) lasciati indietro mezzi morti. Oggi è stata solo la conferma di quello che dicevo. Passo e chiudo.
IlConte: Oggi ho seguito. Sinceramente mi aspettavo questa tappa più o meno. Scalatori che partono a 10 km dalla vetta come Pantani che non guardano dietro e vanno del loro passo staccando tutti non ce ne sono più da tempo (in modo costante dico non due tappe all’anno). Ci sono buonissimi passisti scalatori. Sono molto più “impressionato” della sua crono di ieri. Lui in salita va forte, ha il fisico giusto per la montagna. L’anno scorso se non erro ha vinto la maglia a pois è un paio di tappe. Gli scalatori staccati erano già dei mezzi morti, quelli in gamba sono arrivati con lui.
Mi ripeto ma è il classico “caso” di mix giusto al momento giusto per lui. Oggi non sono impressionato, poteva prendere qualche decina di secondi al massimo ma gli va tutto “perfetto”. Però il tour è lungo, basta una tappa in crisi e sei fritto.
Ti dirò di più ha fatto vincere Pinot, molto astuto.
Carlos: La questione è ieri-oggi insieme. Questo qui fa l'unica crono vinta nella sua cazzo di carriera come un fottuto treno e il giorno dopo regge di brutto DA SOLO. Perché diciamo le cose come stanno. Gli unici scalatori che sono rimasti con lui sono stati Pinot e Bernal eh. Kruijswijk è arrivato perché la Jumbo è una squadra della madonna quest'anno e lo stesso comunque si può dire sia di Bernal (che è rimasto in fondo alla sua squadra per un bel pezzo comunque) e in parte ancora più grande di Pinot. Alaphilippe ha avuto Mas fino a una certa che comunque si faceva i cazzi suoi dai. Praticamente l'ha fatta senza nessun compagno di squadra!!! Se ieri non avesse vinto la crono come l'ha vinta ma si fosse difeso e oggi avesse fatto la stessa cosa che effettivamente ha fatto ti direi: Ok il discorso fila. Ma così no. Oggi per me è anzi la conferma assoluta di quello che ti dicevo ieri. E' vero che l'anno scorso ha vinto la maglia a pois ma non è mai stato tra i più forti scalatori in assoluto. Tra i più forti passisti-scalatori ormai ci sono gregari che fanno il lavoro sporco come certi cronomen che tirano non solo la loro squadra ma pure il gruppo intero per metà tour.
Carlos: In sintesi questo per me è il punto: Cioè IERI lui che non è specialista ha fatto 27 km in 35 minuti alla velocità media DI 46,63 KM ORARI dando 14 secondi al SECONDO, che è un cronoman e OGGI arriva secondo (e se voleva vinceva pure), facendo una salita che ha fatto STRAGE senza compagni di squadra.
Carlos: Va bene che al Tour 2005 non siamo, ma è assolutamente imbarazzante dal mio punto di vista.
IlConte: Probabile non mi sia fatto capire. Concordo per le due prestazioni una dietro l’altra... ma ti anticipo che visto che “tutto funziona al top, appunto” (forma fisica e psichica al massimo più varie e non eventuali) sarà così anche nelle altre tappe dure. Il mio discorso era che tra montagna e crono, dove mi ha “impressionato” è stata la crono... anzi quando mi hai detto ieri e sono andato a leggere... immaginavo oggi in una sua garona perché in un percorso più per lui (è più uno scalatore che un cronoman!). Mi ricorda un Jalabert ... anni dopo, quindi molto più “strutturato” in tutti i sensi. Comunque scalatori classici non ce ne sono più perché ora il passista scalatore va forte come loro ... si sono persi e anche lo spettacolo ne risente a manetta. D’altronde già da Indurain e poi con l’apoteosi Armstrong è ancora con Froome il passista-scalatore aveva superato lo specialista in salita perché non aveva lo scatto uguale ma andava su del suo fortissimo passo senza fatica e poi lo distruggeva...
Mah...
IlConte: Un jalabert più “strutturato” comprende tutto, ovvio.
IlConte: Vedi che Quintana non regge più... lui vero scalatore?!
Viene demolito dal ritmo degli altri e oltre a non riuscire più a scattare, prende anche continue legnate.
Saluti, Comandante
Carlos: Sì beh Froome è impressionante. Quello che ha fatto al Giro l'anno scorso è una roba tipo indelebile. Sì che mi premeva era proprio mettere in luce come l'accoppiata fosse tipo assurda, per il discorso "varie e non eventuali" appunto. Per il resto sono d'accordo su tutto.
Jalabert è uno dei primi ciclisti di cui conservo memoria nel mio cervello quando da bambino guardavo il ciclismo col nonno. Ci sta
IlConte: Ahahahahahahah Froome, come Armstrong, non è più un essere umano... se mi permetti si vede pure dal volto, dalle espressioni. Jalabert (al di là del doping che, ripeto, tutti utilizzano) era uno di quelli che era un piacere guardare... talento purissimo, completo come Bugno andando indietro. Gente che sembrava nata sulla bici e non impostata come un robot. Talento che si manifestava in forse vinte in modi sempre diversi. Ma il talento, da tempo, non solo non basta ma spesso è “nocivo” perché poi vedi gente che sai essere molto meno forte di te batterti e allora dici ... ma vaffanculo va.
Ahahahahahahah
IlConte: *corse non forse
IlConte: Di Ullrich non parlo neanche... non era un ciclista

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi: