Sto caricando...

link rotto
I luoghi comuni sono schifosi perché poi quando c’è da dirlo veramente perde di intensità.
Caro Gigi, un Signore vero, un Gentiluomo di quelli a cui vuoi bene al di là delle bandiere.
Personalmente un ricordo indelebile di quei due anni in cui andavo ancora allo stadio per Lei.
IlConte 22 mag 14:47 — DeRango: 24,56


Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dieci)

algol
Noooo.
Cavolo, che dispiacere.
Mi ha sempre dato l'impressione di essere una persona perbene.

IlConte: Era malato da tempo Purtroppo e aveva i suoi anni
Quando “un Signore” bisognerebbe utilizzarlo con parsimonia come in questi casi
IlConte: Siamo talmente sfigati che clicchi Inter ed esce link rotto
Madooooooooooo
algol: Sapevo che non se la passava bene.
Avrebbe meritato di più dal campo, ma si sa come andavano le cose.
Ciò non intacca minimamente la grandezza della persona.
Rimane nei cuori nerazzurri, e di tutti quelli che apprezzano un certo stile e statura Umana.
Dislocation


Sempre nei nostri cuori, Gigi, ti vogliamo bene.

Flame
cazzo se mi dispiace. Non amo il calcio ma lui ne ha passate di veramente brutte, mi spiace un casino.

Lao Tze
R.I.P.

fedezan76
L'allenatore a cui sono più affezionato. Nonostante il triplete. Ma Gigi era un Signore, un uomo d'altri tempi. E quella era una bella Inter, grazie al Fenomeno certo, ma anche alla passione e genuinità di quest'uomo.

IlConte: Uguale !
imasoulman
e da imberbissimo bimbo-neotifoso lo vidi pure giocare (la sua ultima stagione in A, 1973-74, Juve-Genoa 3-0).
Un grande, quello scudetto semi-scippato è quello che non sento neanche un po'

IlConte: Fin troppo Signore?!
No, quando lo fai perché lo sei dentro non è mai troppo.
Farnaby
Era l'allenatore del mio Genoa la prima volta che andai allo stadio. Quello di una delle promozioni dalla B alla A più belle (80-81). Quello della salvezza a Napoli (2-2 con goal "rocambolesco" di Faccenda negli ultimi minuti) a discapito del Milan (hi hi hi). Con la maglia rossoblù chiuse la sua carriera da giocatore.
La sua caratura da Uomo sta nel post del nostro attuale mister DavideNicola "Un giorno mi dicesti: La signorilità nel calcio è l'unica cosa che conta. Grazie Mister"

IlConte: E che altro vuoi dire...
Farnaby: Nulla...il mio ricordo è ancor più intenso perché è il calcio che ho vissuto tra, più o meno, i 10-15 anni.
E, per tutti, a prescindere dall'età, è il momento più bello.
dsalva
Rip, un vero signore e non è poco!

omahaceleb
Che tempi, quando i cross per Zamorano li faceva Colonnese.

IlConte: Ahahahahahahah
Ciccio Colonna fa parte di quel gruppo, molto folto, di “giocatori” che non ti spieghi come abbiano fatto a giocare così tanti anni - ma pure pochi - ad alto livello.
Tra l’altro proprio un pupillo di Simoni. Tanta abnegazione questo si.
aragnof
Grande uomo e grande allenatore a cui mi inchino e porgo la mia sciarpa rossonera.
Ricordo di aver litigato (si fa per modo di dire) con amici interisti quando Moratti lo esonerò a mio avviso sbagliando, mentre loro sostenevano che era una scelta giusta. Forse il tempo ha dato ragione a me ma essendo un'opinione non è detto sia quella giusta. Da milanista mi incazzai come un toro quando venne negato dal potere lo scudetto 1997/1998 che Gigi avrebbe meritato alla grande...

IlConte: L’Inter era l’unica mia amante duratura in quel periodo.
Su Moratti il pensiero è semplice: amava tanto l’Inter ma di calcio, soprattutto di come gestire un gruppo, una squadra non capiva nulla. Era ossessionato dai giornali, da ciò che pensavano gli addetti ai lavori, dal vincere subito e comunque (volere prendere Moggi, dice tutto). Ha distrutto squadre che avrebbero avuto un gran futuro, cacciato allenatori senza senso. Ora viene ricordato per il triplete ma io, al contrario degli ignorantoni, non dimentico. Poi ci mancherebbe era il presidente e faceva quel cazzo che voleva... ma non capiva nulla. Senza Mourinho, il gruppo compatto e l’è paria da lui creata - e la dose di culo che ci vuole sempre - non c’era Moratti che tenesse.
IlConte: * L’empatia
aragnof: Per correttezza io ho sempre commentato i miei presidenti (che è già impresa difficile) e non quelli delle altre squadre ma trovo che tu abbia ragione. La squadra di quegli anni avrebbe potuto e dovuto vincere di più se lasciata giocare, basta un nome da solo: Ronaldo e poi Vieri e tanti altri, quell'anno famoso ricordo anche un certo Taribo West che sulla fascia destra faceva sfracelli.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi: