Moaning
Moaning

()

Voto:

Nonostante il ritorno negli ultimi due-tre anni dei cosiddetti big-four del sound shoegaze (The Jesus and Mary Chain, Ride, Slowdive, My Bloody Valentine), il genere dopo essere stato riportato in auge e avere raggiunto forse a un certo punto lo stesso seguito della "golden age" ha subito chiaramente una flessione sul piano dei contenuti con quella che si può considerare essere stata una inarrestabile deriva dream-pop e che poi sarebbe forse ala sua naturale evoluzione secondo i canoni dell'estetica indie. In questo ultimo periodo tuttavia un nuovo rilancio del genere nei suoi contenuti più tipici (a partire chiaramente da una certa inflessione noise e rumorosa) sembrerebbe provenire direttamente da derivazioni e estensioni sonore elastiche nel genere post-punk.

In questo senso merita attenzione questa nuova proposta su Sub Pop Records: si tratta de i Moaning, un trio composto da Sean Solomon, Pascal Stevenson e Andrew McKelvie e che costituiscono già da qualche anno una realtà affermata nel giro di Los Angeles, California. Il loro primo LP eponimo è uscito lo scorso 2 marzo e si compone di dieci composizioni fulminanti e che hanno tutte una durata relativamente breve tra due e i tre-quattro minuti e un sound complessivamente easy-listening, sebbene i toni siano per lo più oscuri e cavernosi e i testi affrontino tematiche complesse e al limite tra il delirante e l'ossessivo: lo shoegaze di tracce come "Tired", "Close", "The Same", "For Now" assume a tratti connotati tipicamente dark-wave come "Artificial" e si caratterizza per accelerazioni hardcore oppure Pavement ("Don't Go", "Useless") fino alle visioni blur e ossessive nello stile A Place To Bury Stranges di "Does This Work For You" e "Misheard".

Prodotto da Alex Newport (At The Drive-In, Bloc Party...), questo primo LP dei Moaning potrà attirare le attenzioni di ascoltatori diversi dato il carattere trasversale delle composizioni: se aprirà una nuova fase nella "storia" del genere shoegaze questo sarà tutto da vedere e comunque sarà qualche cosa che prescinde dalla qualità complessiva della proposta (per lo più sufficiente) e che dipenderà dal potere anche mediatico di una etichetta che nel mondo alternative è abituata a dettare i tempi come la Sub Pop Records.

Questa DeRecensione di Moaning è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/moaning/moaning/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sei)

BortoloCecchi
Opera: | Recensione: |
Quando mi sono iscritto qua ero a casa da lavoro e riuscivo a scrivere anche tutti i giorni, ma da quando ho ricominciato se riuscirò a scrivere una roba alla settimana sarò già contento. Sei iperprolifico, ammazzateò
BËL (00)
BRÜ (00)

Falloppio: Io uno come Soto lo comprerei e lo terrei sul comodino per chiedere aiuto sulla scrittura della mia recensione mensile..... :)
madcat
Opera: | Recensione: |
Da un po' che non ascolto nulla di shoegaze, tra le "novità" ho solo l'ultimo dei My Bloody Valentine; dovrei recuperare almeno anche l'ultimo dei Ride prima.
BËL (01)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG: si mad l'ultimo dei Ride sicuramente e anche il nuovo ep
RinaldiACHTUNG
Opera: | Recensione: |
Dopo averlo ascoltato bene posso dire che SECONDO ME non aprirà nuove fasi. Ho adorato l'impeto della opener Don't Go ma non credo sia un album che potrà lasciare il segno a dovere per riaprire qualche vecchia porta alle nuove generazioni.
BËL (00)
BRÜ (00)

aleradio
Opera: | Recensione: |
Al completo opposto di madcat in ufficio da me sono mesi che gira shoegaze a più non posso e nonostante io riesca ad apprezzare e lamentarmi meno degli altri ho notato un netto calo del riflesso verbale e non so se ci sia correlazione ma approfondirò.
BËL (00)
BRÜ (00)

aleradio: Questo titolo non lo conosco ma di sicuro lo so a memoria. Io ho le casse ma non la playlist a video, quindi è un tripudio di ignoranza nel senso che ignoro
lector
Opera: | Recensione: |
Secondo me lo shoegaze ha fatto il suo tempo
BËL (00)
BRÜ (00)

kloo
Opera: | Recensione: |
Ripeto lo shoegaze dopo mbv (2013) é tornato sotto il letto. orA é un buon momento per le riprese altrock lofi e post-hc. Moaning deludenti la sub pop può e deve puntare a qualcosa di meglio.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: