Bene! Hai selezionato il genere Sentimentale

Luigi Comencini: Delitto d'amore

Luigi Comencini: Delitto d'amore

di Fairy Feller | DeRango™: 1,15

Luigi Comencini evolve la sua analisi dell'orrore della società che non concede tregua intrapreso con "Lo scopone scientifico"; e lo fa con un'opera di denuncia verso i meccanismi mostruosi delle fabbriche, che contaminano i fiumi e distruggono la natura. Al contempo i due protagonisti del film, Nullo e Carmela, sono…

Michael Winterbottom: Codice 46

Michael Winterbottom: Codice 46

di Fairy Feller | DeRango™: 0,00

Sospeso a metà, fra "Il tè nel deserto" e "Gattaca", e uscito in sordina, il film dipinge una storia d'amore impossibile, sullo sfondo paesaggistico estremamente evocativo: un collage tra Dubai, Shangai, Kuala Lampur; abbinati a interni austeri Londinesi. E' un futuro low-key, (senza astronavi o affini) che richiama inevitabilmente alla…

Wong Kar-Wai: In The Mood For Love

Wong Kar-Wai: In The Mood For Love

di Hellring | DeRango™: 17,36

E' il cinema delle immagini e dei sentimenti quello del maestro cinese Wong Kar Wai. La sua arte è silenziosa, priva di retorica, sentimentale nella sua semplicità. Tocca, scruta, affanna senza mai offendere o politicizzare. Descrizioni di attimi, sguardi fugaci, sensazioni, musiche. Tutto sembra essere sempre al posto giusto nei…

Sam Mendes: American Life

Sam Mendes: American Life

di Hellring | DeRango™: 3,18

Salito alla ribalta internazionale con il trionfo agli Academy Awards del 2000 grazie al suo "American beauty", Sam Mendes ha potuto usufruire del suo iniziale successo per costruire una carriera degna di nota, proseguita con film di un certo spessore come "Era mio padre", "Jarhead" e l'ultimo impegnativo "Revolutionary road".…

François Truffaut: Tirate sul pianista

François Truffaut: Tirate sul pianista

di FakeFrench | DeRango™: 12,55  Scelta degli editor

Per la sua seconda prova da regista, per certi versi una prova d'appello verso chi credeva che "I quattrocento colpi" fossero l'exploit isolato di un critico destinato ad entrare presto nei ranghi, Francois Truffaut scelse di cimentarsi con il cinema di genere, rileggendo il noir di matrice nordamericana e calandolo…

James Ivory: Quel che resta del giorno (1993)

James Ivory: Quel che resta del giorno (1993)

di Geo@Geo | DeRango™: 14,02

Quando il dovere è piacere, è orgoglio, è fattore pregnante di tutta la tua vita. Quando la fedeltà è al di sopra delle tue idee, delle tue convinzioni, della tua "anima" "La sera è la parte più bella della giornata. Hai concluso una giornata di lavoro e adesso puoi sederti…

Jean Renoir: La regola del gioco

Jean Renoir: La regola del gioco

di jackskellington | DeRango™: 0,00  Scelta degli editor

Le mille traversie post-produttive ne fanno uno dei film più sfortunati della storia del cinema. Uscito nel 1939, alla vigilia della guerra, non ebbe praticamente successo; fu in seguito tagliato – riducendo la durata da 113 minuti a 85 – e poi ritirato dalla distribuzione; la censura tedesca ne proibì…

Isabella Marchiolo: 10 grandi donne dietro 10 grandi uomini

Isabella Marchiolo: 10 grandi donne dietro 10 grandi uomini

di Geo@Geo | DeRango™: 5,07

Se mi chiedessero di stilare un decalogo di cose, persone o categorie da salvare, un ipotetico bagaglio utile del mondo di oggi da portare con noi nel futuro, io non potrei fare a meno di pensare alle donne. E non è per una sorellanza di genere, perché anch'io sono una…

Nanni Moretti: Io sono un autarchico

Nanni Moretti: Io sono un autarchico

di babymurdoc | DeRango™: 14,37

«Il comico si annida nelle cerniere della storia come una ruggine corrosiva. Esso nasce infatti da cambiamenti radicali nella scala dei valori, per cui ciò che era reale e dunque sacro ieri, diventa irreale e dunque dissacrato oggi.» (Alberto Moravia su "Io sono un autarchico")La trama è semplice, ma non…

Steven Antin: Burlesque

Steven Antin: Burlesque

di Darius | DeRango™: 4,08

Nel bel mezzo delle produzioni made in USA, sperse fra distopica fantascienza e comiche demenziali, sussiste ancora la voglia di lanciare blockbusters musicali e/o pseudo - musicali. Un genere che negli ultimissimi anni ha preferito orientarsi verso le ripetute sfide danzerecce delle crew hip hop piuttosto che sulla classica, genuina…

Stephen Daldry: The Reader

Stephen Daldry: The Reader

di Hellring | DeRango™: 4,14

Possono le parole di un registratore donare un nuovo senso alla vita? Può una persona analfabeta ritrovare nella lettura e nella scrittura, la fiamma di un nuovo ardore, la scintilla di una rinnovata forza vitale? A quanto pare si, o almeno in parte. Stephen Daldry, l'acclamato regista di "The hours",…

Pete Docter: Up

Pete Docter: Up

di Laggio | DeRango™: 49,49  Recensione della settimana 21 del 2011

Ci sono vite che s/corrono parallele indipendentemente da tutto. Il primo paio che io conosco e qui rimando è quello dei miei nonni Olga e Sergio, 57 anni di matrimonio e fin 65 di assoluta condivisione dei fatti della vita. Ci sono paia di vite ormai finite che, viste ai…

Billy Bob Thornton: Passione Ribelle

Billy Bob Thornton: Passione Ribelle

di Hellring | DeRango™: 3,00

Il fascino letterario di Cormac McCarthy venne portato sul grande schermo ancora prima dei fratelli Coen e di John Hillcoat, dal famoso attore Billy Bob Thornton, quì alle prese con la sua terza opera da regista. Passione ribelle (titolo originale "All the pretty horses"), è l'adattamento cinematografico del romanzo "Cavalli…

Belinda Starling: La Rilegatrice dei Libri Proibiti

Belinda Starling: La Rilegatrice dei Libri Proibiti

di Geo@Geo | DeRango™: 42,88

Cosa cerchiamo in un libro: originalità, avventura, passione, intrigo, amore, sesso, buoni sentimenti, grandi emozioni, un pizzico di perversione? Spesso non scegliamo, è il libro che ci sceglie, ma non sempre ce ne accorgiamo e così, deliziati da un'innumerevole quantità di libri che ci sorridono, ben ordinati, dagli scaffali, quella…

Paolo Guzzanti: Mignottocrazia

Paolo Guzzanti: Mignottocrazia

di De Lorenzo | DeRango™: -0,09

Mai come negli ultimi mesi la mia casella postale su DeBaser è stata intasata da richieste di utenti del sito che mi chiedono di commentare e valutare con l'opportuna oggettività le vicende relative al c.d. "Rubygate", che - a mo' del "Watergate" di nixoniana memoria - potrebbe imporre un'interpretazione della…

Giovanni Veronesi: Manuale D'Amore 3

Giovanni Veronesi: Manuale D'Amore 3

di Geo@Geo | DeRango™: 33,45

A volte non ti rendi conto che il masochismo può essere involontario, o forse pensi che, come fu per "Amici miei" di Monicelli, tutti e tre i films saranno sicuramente da vedere. Sicuramente, se pensi questo, non ti rendi conto che Veronesi non ha nulla a che vedere con Monicelli, nè con la…

Cesare Pavese: La Spiaggia

Cesare Pavese: La Spiaggia

di Hellring | DeRango™: 6,14

Pavese bisogna amarlo, perchè vuol dire amare una delle più grandi espressioni letterarie dell'Europa del '900. Vuol dire addentrarsi nella sua prosa sofferta ma semplice, proletaria nei toni e nei paesaggi, ancorata ai luoghi, viva, energica, nostalgica. Una miriade di aggettivi potrebbero essere usati ma nessuno riuscirebbe a contenere appieno…

Francesco Nuti: OcchioPinocchio

Francesco Nuti: OcchioPinocchio

di babymurdoc | DeRango™: 26,97

"Pinocchio non c'è più, Pinocchio non c'è più, Pinocchio non c'è più, Pinocchio non c'è più..."Addentrarsi nella disanima di un film di questo tipo non è impresa facile. E' opportuno parlare della sua genesi in modo quanto più dettagliato. "OcchioPinocchio" è il film che ha rovinato Francesco Nuti, artisticamente ed…

Anne Brontë: Agnes Grey

Anne Brontë: Agnes Grey

di the green manalishi | DeRango™: 6,07

Anne Brontë, delle tre sorelle scrittrici, fu quella che ebbe minor successo. Scrisse e pubblicò nel 1847, sotto lo pseudonimo Acton Bell e in concomitanza con l'uscita dei romanzi delle sorelle Emily e Charlotte, la sua opera di debutto "Agnes Grey".  La storia di "Agnes Grey" ricalca grosso modo il…

Charlotte Brontë: Jane Eyre

Charlotte Brontë: Jane Eyre

di the green manalishi | DeRango™: 11,61

"Avverse alla fama personale, abbiamo usato gli pseudonimi di Currer, Ellis e Acton Bell; tale ambigua scelta è stata dettata da un sorta di scrupolo coscienzioso nell'assumere nomi cristiani maschili, poiché non ci andava di dichiarare di essere donne, perché avevamo la vaga impressione di essere valutate con un certo…