The Concretes
The Concretes

()

Voto:

The Concretes, dalla Svezia con furore e con fragore.

Il furore lo porta la miriade di elementi che compone la band dei "calcestruzzi" (fondamentalmente in 8, in pratica incalcolabili). Il fragore arriva invece dalla loro musica, che ad un primo ascolto sembra un'accozzaglia di suoni disorganizzati e ridondanti, strutture nebbiose e disposizioni ubriache. In realtà si impiega veramente poco a comprendere che ci sono solide basi nel background sonoro dei membri della band.

La prima magia arriva con "Chico" (#3), di una dolcezza e di un incanto unici: se fosse rallentata rimanderebbe addirittuta alla Bjork degli esordi. Le sorprese piacevoli comunque non finiscono qui. Ad esempio il percorso intrapreso omaggiando la Motown, con "Diana Ross" (#2) e "You Can't Hurry Love" (#5), porta ad un vintage pop di tutto rispetto che convince sempre di più a proseguire nell'ascolto di questo esordio dal freddo nord.
Si prosegue a bocca aperta ricevendo in cambio abbondanti e appaganti cucchiaiate di letargia, sino a raggiungere un completo rilassamento muscolare.

Attenzione però, sconsiglio vivamente l'album a chi è appena uscito da un brutto momento: procuratevelo, custoditelo assieme ai vostri adorati album e ascoltatelo in momenti nei quali il vostro animo avrà un approccio più positivo. Il confine tra la pacatezza e la malinconia è così sottile, è solo questione di predisposizione! Credo proprio che ne verrete catturati, soprattutto se il gelo aumenta e la nebbia si abbassa questa è la colonna sonora perfetta.

......................

Come al solito si pone il problema del voto, 5 stelline non mi bastano: per i lettori superficiali che leggono il voto alla fine della recensione metto 4/5, per chi ha avuto la voglia di leggersela approfondisco la questione con un 7+/10, che mi pare molto più equilibrato.

Questa DeRecensione di The Concretes è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/the-concretes/the-concretes/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sei)

zzzzzzzzzzzzzzzzzzzz
Opera: | Recensione: |
Dici fragore e furore? A me sembrano moooolto soft tutto sommato... Sul vintage pop d'accordissimo. Un altro dei cd che ho comprato per la copertina (non è bello er ghepardo?) molto bello tutto il loro sito (lickingfingers mmmhh...) pieno di disegni, dove si possono ascoltare dei samples e pure vedere due video sempre di disegni animati. Bella anche la loro biografia.
BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri
Opera: | Recensione: |
"Si prosegue a bocca aperta ricevendo in cambio abbondanti e appaganti cucchiaiate di letargia", quanto è descrittiva questa frase! Interessante proposta. Hejdå Diggei, ha det bra.
BËL (00)
BRÜ (00)

Diggei_brusco
Opera: | Recensione: |
"Hejdå Diggei, ha det bra"?...scusa l'ignoranza Kosmo, ma non capisco...potresti tradurre?
grazie comunque,e spero non sia un insulto :)
BËL (00)
BRÜ (00)

Diggei_brusco
Opera: | Recensione: |
mi ero dimenticato di autenticare
BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri
Opera: | Recensione: |
... vuol dire "saludos Diggei, stammi bene" ... niente insulti, solo un saluto affettuoso :)
BËL (00)
BRÜ (00)

lukin
Opera: | Recensione: |
al diggei piacciono i dischi con i felini in copertina.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: