The Cranberries
To the Faithful Departed

()

Voto:

Sembra che Dolores ci abbia provato. Ha seriamente tentato di non uscire dal suo ruolo di cantante da boyband per ragazzini gelatinati coi bracciali borchiati che suonano la "chitaVVa". Qua però, in parte, non ci è riuscita. Ho letto sulla bella recensione di Rax qui sul deBasio che Dolores commentò questo album in questo modo: “L’ ho fatto in un momento terribile della mia vita, in cui andavo avanti a sigarette e vino. Poi ci siamo presi una pausa e siamo tornati con un album migliore”. Beh se è vero, credetemi, quando ha detto sta cosa stava ancora ubriaca ed in ogni caso meglio così. Perchè questo è l'unico album dei The Cranberries che non puzza (troppo) di ragazzina neomestruata che va in giro a ruttare nel microfono perchè vuole cantare come "DoloVes". Se l'ha fatto sotto l'effetto dei fumi dell'alcool ben venga. Avendo poi ascoltato l'ultima schifezza che hanno partorito (Something Else - 2017), una specie di rivisitazione in chiave karaoke/pianobar dei loro migliori successi per glabri e pallidi ragazzini, questo "To The Faithful Departed" è veramente oro colato. Per non farla troppo lunga forse questo è l'unico album dei The Cranberries dove si sono sforzati di uscire dal loro essere uno dei tanti gruppi pop del panorama musicale per lattanti e cercare di crescere in un qualcosa che sia più vicino all'alternative rock. Attenzione però: il fatto che abbiano cercato di farlo non significa che ci siano riusciti completamente. Questo disco infatti va dalle tiratone pseudopunk molto con la puzza sotto al naso alle solite canzoncine tipiche dei The Cranberries. Però dai anche se pseudo e con la puzza sotto al naso qualcosa c'è. Qualcosa di quasi incazzato l'hanno tirato fuori. Qualcosa di leggermente più maturo, qualcosa che faccia tirare un sospiro di sollievo, qualcosa che faccia schioppare un pelo sul petto a quei ragazzini abituati a ciucciare il latte dagli inflazionatissimi pezzi da pubblicità di integratori vitaminici come Just My Imagination, Animal Instinct, Zombie e simili. In sostanza questo disco è un saliscendi di cose che ai più attempati farà tornare a mente la puzza della prima sigaretta fumata di nascosto mentre a quelli che hanno il timpano di primo pelo potrebbe essere un'ottima occasione di allenarsi a suoni appena appena un po' più tosti. Un disco non male dopotutto, un disco che esula dalle solite chitarre acustiche di plastica dei The Cranberries, un disco che Dolores dice di aver fatto in un periodo che era continuamente ubriaca. Posso dire una cosa? La dico? Dolò, bevi. Stammi a sentire a me. Ora però lo tolgo che mi sta evirando.

Questa DeRecensione di To the Faithful Departed è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/the-cranberries/to-the-faithful-departed/recensione-twiggytrace

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (Sette)

algol
Opera: | Recensione: |
ahahahhah.
questo riesco ad ascoltarlo pure io.
Ogni cinque o sei anni.
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

TwiggyTrace: Si, ovviamente sempre a scaglioni molto distanti. Si rischia la castrazione chimica.
algol: loro hanno queste melodie del cazzo tanto fastidiose quanto appiccicose. E non è facile far roba che ti si stampa nella testa. Ecco (crocefiggetemi pure), gli ABBA sono altrettanto appiccicosi ma, sarà la voce o la mia sveziofilia, ben altro effetto hanno nella mia testa.
algol: ... e sul mio scroto. Che poi non ci passa tutta sta differenza.
TwiggyTrace: Amen! :D
Limercury
Opera: | Recensione: |
Insomma è da ascoltare, mi chiedo perchè non l'abbia fatto prima.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Limercury: Che poi il continuo starnazzare di lattanti, neomestruate, ragazzini che ciucciano latte etc. è giustificabile al max alla presenza di qualcuno in zona post-adolescenziale oppure (forse) qualcuno vicino agli -anta e in una pesante modalità di nonnismo. In caso contrario, un pò di imbarazzo empatico lo susciterebbe.
Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Insultatemi pure i preferisco i primi due.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

TwiggyTrace: Ah beh... de gustibus...
nes
nes
Opera: | Recensione: |
Questa del "coldplay: bella band/cranberries: boyband" urla vendetta e implora giustizia.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

templare
Opera: | Recensione: |
Mah.....
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Lastwaltz
Opera: | Recensione: |
Stai troppo sul generico, frate'
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

TwiggyTrace: Boh!?
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Ho letto proprio una bella recensione. Ma non era questa. Scherzi a parte, di questo album salverei solo "When Your're Gone", che e' molto carina, ricorda "Ode to my Family". Meglio dell'ode stessa. Quoto il parere di Lastwaltz, ma riconosco che la tua tesi e' interessante nella misura in cui va controcorrente.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera:

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi: