Tu e The United States of America

Non hai acceduto a DeBaser! Accedi. È facile!
Il tuo voto:

Le recensioni di quest’opera che sono state scritte nel DeBaser

In tutto 9 utenti hanno votato "The United States of America" con una recensione o inserendola nella loro collezione. Il voto medio alla fine di tutto ciò è: 4,67.

psychopompe

Recensione di psychopompe

di psychopompe | DeRango™: 59,22 Samples!  Scelta degli editor  Recensione della settimana 39 del 2005

Storia breve e sfuggente quella degli USA, flebile stella cadente che solcò gli affollati cieli della psichedelia di fine '60, sovrastata per luminosità da ben più agguerrite comprimarie, ma che lasciò una persistente scia, incredibilmente seguita a decenni di distanza dai più svariati artisti. Unico lascito dei nostri è rappresentato…


Borrito

Recensione di Borrito

di Borrito | DeRango™: 39,11

Kraut, Elettronica, Fusion, Prog, New Wave (nel senso più esteso del termine) devono tutte qualcosa a questo disco decisamente avanti rispetto all’anno della sua comparsa (1968)! Fiati carezzevoli che all’occorrenza diventano uragani in tempesta, violini atmosferici Caleniani a irrompere con forza dove meno te lo aspetti, suoni sintetici che ben…

Gli utenti che hanno definito quest’opera

Vota la definizione che ti piace di più. La più votata diventerà la definizione ufficiale

Marco Salzano

Nella collezione di Marco Salzano

«Gli schizofrenici suoni dell'Altra America, quella veramente "alternativa". Coraggioso anche per il fatto di rinunciare del tutto alle chitarre.»

BËL (00)
BRÜ (00)


ALFAMA

Nella collezione di ALFAMA

«Disco perfetto per me che non cerco la perfezione, ma solo un'eccitante imperfezione»

BËL (06)
BRÜ (00)


hellraiser

Nella collezione di hellraiser

«Il "futuro" visto nel 1968. Album Unico...»

BËL (02)
BRÜ (00)



Gli utenti che hanno quest’opera nella loro collezione

Utenti che non si sono curati di dare una definizone all'opera che comunque hanno collezionato


Gli utenti che hanno ascoltato quest'opera

hellraiser

hellraiser : The United States Of America

| DeRango™: 17,41


IlConte

IlConte : The United States of America

| DeRango™: 14,46


luludia

luludia : "fireflies and good vibrations" (7)...

| DeRango™: 8,95

"fireflies and good vibrations" (7)... The United States of America - Hard Coming Love

BËL (03)
BRÜ (00)

IlConte: Siamo in sintonia Poeta, sono (ri)tornato in pieno periodo psichedelico di quei nobili, unici meravigliosi anni...
imasoulman: eccomi!

Almotasim

Almotasim : The United States Of America

| DeRango™: 12,27    JukeBox



IlConte

IlConte : The United States of America

| DeRango™: 6,00 Levitation


BËL (03)
BRÜ (00)

ALFAMA: Una finestra aperta , prova ad aprire questa finestra che non è stata molto spalancata su scenari psichofisici Joe Byrd And the Field Hippies (Usa, 1969) - The American Metaph
IlConte: Bello bello, quello dopo senza Dorothy è un po' più jazz ... una vita che non lo ascolto a proposito...
sergio60: BELLA A FLANAGAN....chi ce pensava più a sti schizzati...
Battlegods: Fighi! Sembrano anche i White Noise, altro gruppo da accostare agli sperimentalismi di United States e Silver Apples. Gli United quando abbandonavano il blues facevano pure meglio! Questa vi piace? L'opener del disco. The United States Of America "American Metaphysical Circus"

ZRob

ZRob : Senza alcun dubbio nella mia

| DeRango™: 4,02

Senza alcun dubbio nella mia top 5, from The United States of America..

The United States Of America "The Garden Of Earthly Delights"

BËL (02)
BRÜ (00)

Battlegods: La sua voce è uguale a Julie Driscoll e Grace Slick.
ZRob: Magari una via di mezzo tra le due. Musicalmente sono comunque molto lontane: la psichedelia dei Jefferson in particolare (vedi surrealistic pillow) è decisamente più mainstream e meno d'avanguardia.
Battlegods: Ma in realtà l'album che ho trovato più infarcito di pseudo kraut pseudo electro è quello dei Silver Apples. Qui giusto "American way of love" e "American circus" hanno qualche ritmo rallentato, annebbiato, sempre con delle linee psichedeliche puttosto standard.
ZRob: Dipende da quale accezione di "rock psichedelico" si prende in esame. Un rock psichedelico inteso come insieme di litanie filtrate di pre-space rock (vedi appunto silver apples in "Oscillations" o o i Floyd di Saucerful), allora hai pienamente ragione.
ZRob: Ritengo comunque gli USA un gradino superiori per una serie di motivi, primo fra tutti una strumentazione innovativa e una formazione eterogenea capace di interpretare il genere in tutte le salse (addirittura il blues di Wooden Wife).
ZRob: Senza togliere nulla agli Apples, ovvio, senza i quali probabilmente la musica elettronica non avrebbe raggiunto certi livelli.
Battlegods: Sono ottimi punti di partenza. Se confronti già qualche lavoro kraut monumentale di 3 o 4 anni dopo (ma neanche) con il disco dei Silver Apples c'è un dislivello abnorme ;D
ZRob: Vero. Gli USA sono per certi versi apice del periodo psichedelico ufficiale (che ritengo chiuso nel '67 salvo qualche eccezione), mentre gli Apples sono precursori del tutto il nuovo rock d'avanguardia degli anni a venire.
Battlegods: Sto a Roma da ieri e scrivo con il cell. Con tre amici stiamo suonando in un parco con acustica e didjeridoo AHAH buona serata freak! Sei di Roma? ahah
ZRob: No.. sto parecchio lontano.. Sardegna :)
Battlegods: Immancabili tra Silver Apples e USA (ma si che li conoscerai) 1. Love without sound
ZRob: Eccome :) Scaruffi dà i suoi frutti.. quel sito è una miniera d'oro
Battlegods: Ottimo! Certi lo odiano, ma va beh, non me ne frega nulla se odia i Beatles o cavoli vari...
ZRob: Le analisi sono comunque nella maggior parte della volte attente e coerenti, specialmente per quanto riguarda gli artisti più famosi (vedi gli stessi Beatles).
ZRob: DeBaser: auténticati! 15 dischi su 20 li ho scoperti lì e ne è valsa la pena :)
ZRob: Le classifiche di ZRob Ecco il link giusto
Battlegods: Metterei il 5, 6, 7, 8 al posto dei primi 3 ahah e alzerei un pochettino Zappa e "Lorca" (che solo per la titletrack è roba aliena).
Battlegods: Per non parlare dei VDGG ;)
ZRob: I primi tre sono proprio quelli su cui ho meno dubbi :) Con Blonde on Blonde nasce il rock come forma d'arte consapevole e indipendente. Astral Weeks vince a mani basse la sfida con qualsiasi altro album di cantautorato (specialmente per arrangiamenti) E i Doors sono i Doors, quel disco è qualcosa di irripetibile!
Battlegods: Sarà che mi suonano benissimo ormai e mi affascinano meno di qualche anno fa ;)
ZRob: A volte bisogna concedersi anche ascolti di cui vergognarsi ahahah Tipo Nashville Skyline e via dicendo
Battlegods: Ma no, è che i grandi (Doors, Who, Cream, Purple, Zeppelin...) li conosco a memoria, e magari con il tempo si va alla ricerca di altro. Comunque prog, kraut, "Dark star" dei Grateful, Jefferson, CSN&Y, "Eight miles high" dei Byrds e Zappa sono i miei amori di quel periodo.
ZRob: Dei Jefferson la trilogia surralistic-baxter-volunteers è fenomenale. I live dei Grateful idem, in studio Aoxomoxoa e Anthem. Con l'hard rock invece non me la tiro molto: sabbath, purple e tutti i cappelloni a seguire non mi hanno mai fatto impazzire..
Battlegods: I due dei Grateful sono ottimi, ma "Dark star" è quella che mi appaga totalmente, è tutto. Interessante anche "Feedback" nel "Live/Dead" (sempre per parlare di rumorismo). I Jefferson ti tirano fuori "Wooden ships", "Triad", "Ballad of you and me and pooneil"...Non c'entrano niente, ma per non farmi vedere troppo serioso con le robe strambe, mi piacciono molto anche i Marillion (l'unica band che mi piace del neo prog...i Rush ascoltati un periodo ma non…
ZRob: Gli ascolti vanno a periodi.. ora sono in quello country-folk-blues: da Seeger a Williams, poi van Ronk e compagnia.. E il blues classico di Johnson e Blind Lemon

imasoulman

imasoulman : "The Psychedelic Sound of the

| DeRango™: 13,93

"The Psychedelic Sound of the 100th Floor Soul-Elevators": come allargarsi la coscienza in cento canzoni viaggiando. Però stando fermi. (64)
The United States of America - Hard Coming Love

BËL (06)
BRÜ (00)

imasoulman: the President of The United (Psychedelic) States of America (pt.2, che poi, per amor di cronologia, sarebbe pt. 1). PS: uno Studio Ovale invero piuttosto ellittico...
hjhhjij: Conosco. YUppi.
Almotasim : Un giardino di delizie terrene.
Battlegods: La sua voce sembra quella della Driscoll con Brian Auger!
imasoulman: "la sua voce" sarebbe quella della signora Markowitz"?
imasoulman: Markowitz....diofa, correttore (a parlare troppo di economia/finanza)....Dorothy MOSKOWITZ
Battlegods: A me piace molto quel trip di "American way of love".

Battlegods

Battlegods : The United States Of America

| DeRango™: 1,69


Buzzin' Fly

Buzzin' Fly : Perché amo i 60' #

| DeRango™: 10,06


BËL (06)
BRÜ (00)

Buzzin' Fly: e poi devi sentire che i l miglior disco dei 60' è The Doors ?
Pinhead: Dove, quando, perché?

Battlegods

Battlegods : The United States Of America

| DeRango™: 3,71

The United States Of America - 10 - The American Way Of Love non so se sia più un trionfo lo Zappa di "Little housed I used to live in" o questo brano..comincio a pensare questo brano..

BËL (03)
BRÜ (00)

lector: Uno dei miei dischi da isola deserta.
Battlegods: L'isola sarà lusingata di ospitarti ahah

SilasLang

SilasLang : the U.S.A. THE UNITED STATES

| DeRango™: 0,86


BËL (01)
BRÜ (00)

Buzzin' Fly: Disco che inserirei in una mia ipotetica classifica dei migliori dischi psichedelici del passato.
SilasLang: Lo è infatti...Meraviglioso.

GIANLUIGI67

GIANLUIGI67 : 1968 -The United States Of

| DeRango™: 0,15