The Winery Dogs
The Winery Dogs

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ormai è ben nota a tutti la tremenda bulimia musicale che affligge Mike Portnoy: il batterista di Long Beach da anni svolge una febbrile attività che l'ha coinvolto nei più disparati e numerosi progetti. Che si trattino di vani tentativi di lenire il trauma della violenta rottura con i Dream Theater? Difficile dirlo (anche se ultimamente le sue dichiarazioni in merito fanno pensare ad una certa dose di rosicaggio), fatto sta che questa tendenza ha dato origine a progetti diversissimi quali Flying Colors, Adrenaline Mob e le brevi collaborazioni con Stone Sour e Avenged Sevenfold.

Progetti in gran parte effimeri, destinati al limbo dei side projects "portnoyiani".  

Vorrei parlare di una di queste formazioni, la più recente e, probabilmente, la sola dotata di un' alchimia unica, che scaturisce dall'intesa fra tre talentuosi musicisti al top della scena mondiale.

 

Ma andiamo con ordine: nel luglio del 2011, Portnoy comincia a lavorare con il celebre chitarrista John Sykes e il virtuoso del basso Billy Sheehan ad un progetto in stile power trio; tuttavia, l'incostanza di Sykes fa calare il progetto a picco e manda a spasso i due restanti membri del gruppo.E' in questo delicato frangente che viene fatto il nome di un chitarrista di LA da anni affermato sulla scena, ovvero Richie Kotzen.

La nuova formazione si chiude in studio nel 2012 e all'inizio del 2013 termina le registrazioni del disco. Nascono così i "The Winery Dogs".

 

Di cosa si tratta? Fondamentalmente ci troviamo davanti ad un eterogeneo disco di hard rock tecnico ma asciutto, senza troppi fronzoli, in cui la sezione ritmica fracassona e dinamica di Portnoy e Shehaan accompagna le tessiture chitarristiche/vocali di Kotzen.

Non c'è quindi da stupirsi nell'imbattersi in tiratissimi pezzi di hard rock quali "Elevate" o "Not Hopeless" seguiti da dolci ballate (marchio di fabbrica del Kotzen odierno) come "Damaged" e "Regret" e momenti più bluesy come "One More Time", "Desire" o "The Dying" (il mio preferito del lotto), per arrivare ad un totale di tredici tracce sempre contraddistinte da spunti melodici, cori a tre voci, virtuosismi su ciascun strumento nel rispetto del brano e mai fini a se stessi.

Da segnalare in rilievo le due bonus track, ovvero "Criminal" e "Time Machine"; la prima è un pezzo sporco e aggressivo con adrenalinici e repentini assoli, mentre la seconda è contraddistinta da una strofa orientaleggiante alternata ad un ritornello a tre voci molto melodico e di grande effetto; una è destinata al mercato giapponese, l'altra a quella occidentale.

I ragazzi sono "on fire": sentiamo un Billy dal suono più distorto che mai (alla larga, puristi!) e il solito Mike dai fills a tratti tecnici, a tratti pestoni; è tuttavia Richie a sorprendere maggiormente con ruvide, fulminee parti di chitarra ed esecuzioni alla voce di grande qualità, che vedono l'apice nei due pezzi finali del disco (le già citate "The Dying" e "Regret"). C'è comunque un equilibrio solido tra le forze portanti e nessuno dei tre che cerca di imporsi sugli altri, a beneficio quindi di un sound compatto e coinvolgente.

 

"The Winery Dogs" è un lavoro che tutto sommato convince grazie ad un songwriting ispirato ed alla grande immediatezza nell'ascolto: sarebbe un peccato lasciare che l'umore lunatico di Portnoy impedisca al progetto in questione di diventare una band consolidata che duri nel tempo. Chi vivrà, vedrà.

Questa DeRecensione di The Winery Dogs è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/the-winery-dogs/the-winery-dogs/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quattro)

SUPERBOIA
Opera: | Recensione: |
Spettacolo, uno dei guitar hero preferiti in assoluto (uno dei pochissimi in grado di suonare a 360 ed avere una voce da brividi) insieme ad altri due "mostri", per un power trio da paura, non potevo chiedere di più. Di Sheehan non dico niente tanto è intoccabile, invece ero curioso di come si calasse portnoy nella parte. Il risultato per me è ottimo perchè sono i pezzi che parlano da soli e dicono più dei cognomi illustri. Dimenticavo il 18 del mese me li godo pure dal vivo...
BËL (01)
BRÜ (00)

IAmRapture: Ti BËLO il commento in tutto e per tutto! :)
macaco
Opera: | Recensione: |
Uhmm, diciamo che potrebbe pure interessarmi.
BËL (00)
BRÜ (00)

Cornell
Cornell Evangelìsta
Opera: | Recensione: |
Li ho scoperti quasi per caso, quando ho letto i nomi a momenti (s)vengo. Questa è roba assolutamente per le mie orecchie. Kotzen per me è Dio, forse, anzi, senza forse, meglio pure di Chris Cornell, Sheehan ... Che te lo dico a fare? Portnoy ormai lo conoscono pure i sassi sulla via di Gerusalemme. Meno male che c'è gente che si mette ancora in testa queste idee meravigliose.
BËL (01)
BRÜ (00)

Y2Jericho
Opera: | Recensione: |
Disco davvero superbo.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: