Sto caricando...

Violent Femmes
Violent Femmes

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Se sei un adolescente di Milwaukee nei primi anni '80 hai davvero poco per cui vivere.
Forse sperare che il papà ti dia la macchina per poter portare fuori la cheerleader di turno (se va bene ci scappa la pomiciatina in camporella) e magari trovare i soldi per comprare il 33 giri dei Buzzcocks; i locali in città non sono granchè, vorresti essere su un palco a fare punk rock con i tuoi amici ma devi accontentarti di improvvisare con strumenti acustici sul marciapiede. Ed è su quel marciapiede che nascono i Violent Femmes (i "codardi violenti"), cacciati dai locali "perbene" per via di quelle parolacce nei testi, finchè un tizio interrompe una jam session davanti un teatro: "mi piace la vostra musica, io sono il chitarrista dei Pretenders, perchè non aprite il nostro concerto domani?".

Un anno dopo lo strano trio (che si definisce folk-punk) registra l'album omonimo: la prima traccia la conoscono anche i sassi, quella Blister In The Sun ballata e abusata da tutti, ma che non rappresenta certo il momento migliore del disco; Kiss Off ci fa entrare nel mondo trasgressivamente soft dei ragazzacci di Milwakee, il basso acustico si fa sempre più audace, Add It Up e Confessions irrompono irriverenti e blueseggianti, la chitarra agita poche note azzeccate su testi che parlano di ragazze, di famiglie della provincia americana, di esperienze inquietanti e ironiche; Promise e To The Kill: frasi tristi su arrangiamenti allegri e viceversa, la voce di Gordon Gano è in primo piano: recita, canta, sussurra, fa il mattatore davanti ad una platea inesistente; in Gone Daddy Gone si divertono con uno xilofono poi piazzano una ballata beatlesiana come Good Feeling.

La versione remaster si chiude con due brani inizialmente pubblicati come singoli per il mercato inglese: Ugly (sicuramente il pezzo più "punk" dell'album) e la splendida Gimme The Car: solo due accordi e l'interpretazione "teatrale" e ironica di un testo che ci spiega che se sei un adolescente di Milwaukee nei primi anni '80 hai davvero poco per cui vivere, a parte la macchina di papà su cui far salire la cheerleader di turno.
"I hope you know that this will go down on your permanent record".

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su TrentaNove

VxS
VxS
Opera:
Recensione:
sapevo che i supporers del "si-stava-meglio-quando-si-stava-pe ggio" si sarebbero fatti vivi al nome Violent Femmes, tnx per i complimenti pervenuti :) ...
per nick: beh si forse il 5 ci stava, però non ho voluto strafare... facciamo che quel voto è un 4 e mezzo.


tam
tam
Opera:
Recensione:
ebbravo VxS! ma cos'é tutto questo ritorno agli anni80 anche su de-b???


Coelum
Coelum
Opera:
Recensione:
Forte, VxS, hai proprio stile.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
violent femmes era la marca di un'assorbente per donne...se non sbaglio...fosca questo disco piglialoa scatola chiusa...i successivi non mi hanno poi così entusiasmato come il primo...


VxS
VxS
Opera:
Recensione:
esistono assorbenti per uomini? :D


fosca
fosca
Opera:
Recensione:
Ok G____à, ecco come spendere altri soldi sotto Natale!!!! Gracias Smack!


kosmogabri
kosmogabri
Opera:
Recensione:
G__à questa degli assorbenti non l'ho mai sentita! A dire il vero sul sito dei Violent Femmes c'è scritto che : The name is a contradiction in terms, “Violent” being self-explanatory and “Femmes” being Milwaukee slang for wimp. (wimp=a person who lacks confidence, is irresolute and wishy-washy)


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
kosmo..a volte forse la memoria mi inganna....cmq continua a cercare..


nadir
nadir
Opera:
Recensione:
Grandissimo disco questo, gli altri no. A volte capita...


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Sentendo i Violent Femmes mi viene ancora un brivido giu' per il cudrone della schiena


LIAR
LIAR
Opera:
Recensione:
5 stelle because day after day i get angry!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Mà , non me la sento di stroncarti come meriteresti, in fondo hai scelto un disco veramente bello,( il secondo a mio parere è anche meglio). Però è una recensione fatta con i piedi.Tanto per cominciare, Milwaukee negli anni ottanta offriva agli adolescenti molto ma molto di più di quanto potesse offrire una qualsiasi città media italiana e te lo posso garantire, e poi tutto il viaggione fantastico che ci ricami sopra (cheerleader pomiciatine locali perbene), mi è parso una minchiata. Ma come dire il disco è bello.... hai gusto, sei giovine te farai.


rikardo
rikardo
Opera:
Recensione:
non possedere questo disco è un oscenità, immortale, la mia preferita, confessions, il country-blues più depresso della storia.
recensione fatta con i piedi per un disco enorme, anzi abnorme.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
uno dei capolavori degli anni 80 e uno dei miei dischi preferiti, perchè solo 4/5?


trellheim
trellheim
Opera:
Recensione:
Ashluke
Ashluke
Opera:
Recensione:
Veramente un gruppazzo con i marones glaces.


Vivis
Vivis
Opera:
Recensione:
bello e divertente sto disco..per certi versi incredibilmente innovativo...basso troppo fico!!


Vivis
Vivis
Opera:
Recensione:
cavolo i voti


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Disco fantastico! Loro tre suonano da Dio, e' incredibile come riescano con strumenti di fortuna a esprimere una gamma di emozioni cosi' ampia e variegata! Col folk non centrano una minchia, sono un gruppo garage-punk! Bellissimo tutto il disco, ma se devo sceglierne una allora vada per Kiss Off. Oh, ma da quello che dite, pare che questo disco fosse molto noto anche in Italia, negli anni 80! Allora non c'era solo Renato Zero!!! :-))


pretazzo
pretazzo
Opera:
Recensione:
Disco fantastico! Loro tre suonano da Dio, e' incredibile come riescano con strumenti di fortuna a esprimere una gamma di emozioni cosi' ampia e variegata! Col folk non centrano una minchia, sono un gruppo garage-punk! Bellissimo tutto il disco, ma se devo sceglierne una allora vada per Kiss Off. Oh, ma da quello che dite, pare che questo disco fosse molto noto anche in Italia, negli anni 80! Allora non c'era solo Renato Zero!!! :-))


pataweb
pataweb
Opera:
Recensione:
Bello bello bello disco potente anche se suonato con l'acustica, che personalmente non adoro, e ben fatto. Non sembra nemmeno anni '80, indecifrabile, singolare, io sinceramente non ce l'ho fra i miei dischi un'altro album di questo genere. La canzone che più mi piace è la quarta(eccheccazzo non ce l'ho i titoli delle canzoni, tanto poi non me li ricordo) e l'hanno usata anche in un film, mi semra giovani carini e disoccupati.


pretazzo
pretazzo
Opera:
Recensione:
Pata, la quarta canzone del disco e' la leggendaria Add It Up: DAAAAAAAYYYYY AFTER DAAAAAYYYYYY I GET ANGRYYYYYYY AND I WILL SAAAAAAYYYYYY. Stra-cult! :-)


PortoFolio
PortoFolio
Opera:
Recensione:
grandissimi i violent femmes...complimenti anche x la rece


trellheim
trellheim
Opera:
Recensione:
che concerto, che concerto!


ollywood
ollywood
Opera:
Recensione:
"Why can't I get just one fuck, why can't I get just one fuck? I guess it's something to do with luck"... Genere di rock diverso, per carità, ma io vedo molte affinità con i due capolavori dei Replacements a livello emozionale. Che belli questi anni Ottanta!!!


pretazzo
pretazzo
Opera:
Recensione:
ma davvero...


Rorix
Rorix
Opera:
Recensione:
Che disco!! Bastano Blister in the Sun e Gone Daddy Gone a farne un capolavoro


jdv666
jdv666
Opera:
Recensione:
ottimo disco di folk/country-punk... su questa linea preferisco peró un pelo meat puppets II che é più "psichedelico". in ogni caso da ascoltare se si ama il "rock-alternativo"


jdv666
jdv666
Opera:
Recensione:
Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Disco grandioso!


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Violent Femmes è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link