Storm{O}

Recensione scritta da per DeBaser. ()

Voto:

Gli Stormo, giovanissimo gruppo di Belluno, grazie al mini autoprodotto per Rizoma sta facendo parlare molto di sé: vuoi per la formula applicata alle 4 tracce che compongono il platter (Disfonia, breve intro, è scritta per loro da Enrico, membro di un'altra new sensation italica, Gli Amia Venera Landscape), ovvero un math-core tra Botch, Dillinger, l'irriverenza degli Psyopus e la furia dei Converge, il tutto frammentato da intrecci più propriamente Hardcore figli di Negazione e Raw Power, oppure vuoi per l'età media del gruppo, circa 19, che fatto due conti sono davvero pochi per le capacità tecniche e la "forza" nel consegnarci un prodotto particolare come questo mini. 

"Inconsiderata Putrefazione" è una scheggia dove i cambi di tempo, le accelerazioni blues infuocate, attimi di buio Post Hardcore e l' HC più"canonico" si incrociano fatalmente per aggredire: Luca si cala perfettamente nella parte dello screamer "anni 80" sul tappeto sonico, ipercinetico e fulminante dei compari Giacomo (chitarra), Simone (batteria) e Beatrice, la bassista che ai tempi delle registrazioni faceva parte della line up.

"Abbandono la mia Volontà", traccia seguente, ha il mood che attinge dal calderone delle produzioni Post Hardcore più cupe, prima di ripartire subdolamente per la tangente schizofrenica e sinistra del Math più feroce: - abbandono ad una scatola nera la mia volontà - queste le parole prima della conclusione che ci porta "Quando non ci Sei",  canzone che sembra uscita da una raccolta di outtake dei Dillinger Escape Plan in tutto e per tutto, pezzo lounge-fusion  con tanto di marranzano incluso.

"Al Punto di Non ritorno" non ritocca di una virgola ciò che abbiamo sentito fino ad ora, accresce solo la convinzione che la band si trova a percorrere più che bene il passaggio che crearono i padri putativi del genere con una spiccata dose di irriverenza, tecnica e gusto che non ha nulla da invidiare alle produzioni più blasonate e sotto i riflettori internazionali in ambito  Post e affini, trend molto in voga negli ultimi due anni.

Aspettiamo fiduciosi un album che sancisca la definitiva ascesa di un gruppetto di ragazzini audaci e capaci, ai quali manca solo un ulteriore dose di personalità per emergere definitivamente e cominciare a far parlare di sé anche al di fuori degli stretti confini della nostra penisola, per il momento premiamoli e ascoltiamoli.

Vota la recensione:

Questa DeRecensione di Storm{O} è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser:
www.debaser.it/recensionidb/ID_24468/Storm_7bO_7d_Storm_7bO_7d.htm

Commenti (Sei)

Alfredo
Opera: | Recensione: |
Nooo, questi li conosco! sono bravi e, come dici, molto giovani. Il batterista deve avere tipo 16/17 anni se non sbaglio...:D possono migliorare ancora tanto, il talento c'è eccome. Conosco anche il cantante degli Amia Venera, gran personaggio!! :D
    telespallabob
    Opera: | Recensione: |
    Bella rece, molto interessante. Cercherò qualcosa
      Suonoonous
      Opera: | Recensione: |
      ed ecco cosa ascolta un appassionato di final fantasy...(o della cultura ebraica?). Recensione più o meno utile.
        absinth
        Opera: | Recensione: |
        AAAAH!!! gli stormo!! avevo una mezza idea di recensirli, mi hai battuto sul tempo
          Sid
          Sid
          Opera: | Recensione: |
          5 e basta, grazie sephiroth ero in cerca di qualcosa del genere ;)
            giakshc
            Opera: | Recensione: |
            Grande sephi!! gran bella rece!
            mi ha fatto molto piacere il paragone con gli Psyopus!
            rispondendo ad Alfredo, il batterista ha 16 sì! il cantante ne ha ancora 17, io ne ho 18 e il bassista (arrivato da 6 mesetti) ne ha 19!
            sarei felice di sapere chi sei! mi sa che ci conosciamo più che di vista!!
            e absinth??

              Ocio che non sei mica loggato sul DeBasio!

              Se vuoi commentare:
              Accedi oppure Registrati

              Accedi usando un altro servizio


              DeBaser non è un giornale in linea ma una “bacheca” dove vengono condivise . DeBaser è orgogliosamente ospitato sui server di memetic. Hai dei Problemi? Leggi qui