Machinations Of Dementia

Recensione scritta da per DeBaser. ()

Voto:

Continua la saga iniziata nel 1989 da Jarzombek con "Control And Resistance" dei texani Watchtower. Attraverso gli Spastic Ink e qualche disco solista, siamo arrivati ad oggi con questo "Machinations Of Dementia" a nome Blotted Science, supergruppo capitanato appunto da Jarzombek con Alex Webster (bass) e Charlie Zeleny (drums) che ci propone un Prog-metal o meglio, un Techno-metal di pregevole fattura, vera e propria linfa vitale per il sottoscritto.

Il Techno-metal, è un genere che cura maniacalmente la complessità dei brani rendendo l'operato dei musicisti molto ostico per l'ascoltatore, quantomeno ai primi ascolti. Quest' opera infatti, necessita di molti, attenti e ripetuti ascolti per essere metabolizzata o quantomeno capita. Il disco (così amo chiamarlo) in questione, rispecchia pienamente quanto ivi detto in precedenza, solo che a differenza di altri lavori che appartengono al genere (o non-genere) quali "A Sceptic's Universe" degli Spiral Architect e le produzioni stesse di Jarzombek, questo ammasso sonico di materia informe, è impostato in lungo e in largo si su strutture ipertecniche, ma di scuola Techno-death e caratterizzato qua e la da strutture ritmiche che lontanamente richiamano i Meshuggah se non addirittura i misconosciuti Kobong, il tutto interpretato splendidamente in chiave personale, non sviando così dai canoni del genere.

Un intricatissimo lavoro chitarristico e una sezione ritmica tanto potente quanto dinamica completano il quadro, definibile come uno dei "dipinti" metal migliori dell'annata. La produzione, consentendo all'ascoltatore di seguire tutti gli strumenti, puo' definirsi molto buona; peccato per il basso che a modesto avviso non si ode a dovere, ma questa è solo una minuscola precisazione.

In conclusione, un plauso a Ron per aver interpretato questo genere in un nuovo modo e un calorosissimo invito a non ignorare codesta opera (nonostante l'ostichezza di essa) tanto è elevata la sua caratura.

Vota la recensione:

Questa DeRecensione di Machinations Of Dementia è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser:
www.debaser.it/recensionidb/ID_20985/Blotted_Science_Machinations_Of_Dementia.htm

Commenti (Tre)

emanuele
Opera: | Recensione: |
mmmm...me gusta mucho! Bella rece
    ThirdEye
    Opera: | Recensione: |
    Ottima sia la rece che il disco in questione...i dischi di Jarzombek sono ostici ad un primo ascolto, ma non privi di fascino dopo che si è entrati nella "logica" di questi album (a differenza invece degli Spiral Architect che dopo un pò mi risultano pallosi). Machinations Of Dementia all'inizio doveva essere il nome del gruppo e non del disco
      Anonimo
      Opera: | Recensione: |
      Spettacolo allo stato puro!

        Ocio che non sei mica loggato sul DeBasio!

        Se vuoi commentare:
        Accedi oppure Registrati

        Accedi usando un altro servizio


        DeBaser non è un giornale in linea ma una “bacheca” dove vengono condivise . DeBaser è orgogliosamente ospitato sui server di memetic. Hai dei Problemi? Leggi qui