Atom Heart Mother

Recensione scritta da per DeBaser. ()

Voto:

I Pink Floyd sono stati, oltre che grandissimi musicisti, furbissimi autori di album graziosissimi impreziositi, quasi sempre, da copertine scioccanti passate, giustamente, alla Storia. Qui c'è una paffutissima vacca che, col sedere tondeggiante, sembra sorriderci impunemente (poi verranno le geometrie spaziali di "Dark side of the moon" e poi, come ultimo grande colpo di coda, il muro grigiastro inquietante di "The Wall").

Stiamo ovviamente parlando di "Atom heart mother", uno dei più grandi successi commerciali dei Pink Floyd e uno dei dischi più famosi della storia della musica. Album non perfetto, occorre chiarire subito, eppure estremamente sperimentale e coraggioso. Non siamo ai livelli di "The Piper at the gates of dawn" (livelli, per altro, praticamente irragiungibili), ma siamo comunque di fronte ad un disco stralunato e abissale, esempio lucentissimo di cosa erano in grado di comporre quei geniacci dei Pink Floyd in piena era psichedelica e femminista (è doveroso ricordare che i Pink Floyd non si sono mai espressi chiaramente circa questioni politiche e morali, salvo esporre tutte le proprie paure e angosce, anche politiche, in "The Wall", 1979).

"Atom heart mother" è più definibile come 'opera musicale ai limiti della liricità', piuttosto che musica pop o, peggio ancora, psichedelia sofisticata. Si tratta di un disco ambizioso e sperimentale: la prima parte, lunghissima, è composta da "Atom heart mother", energica rivisitazione in chiave soft-pop di un certo modo, a volte ingiusto, di concepire la musica americana (risuonano moltissime le chitarre, il basso, i violini), con l'aggiunta, intelligentissima, di una fortissima visione melodica e strumentale che accentua, in alcuni passaggi in maniera quasi violenta, la voglia di trasgredire e rivoltare, come se si trattasse di un calzino, l'intera gerarchia musicale anglofona (i Pink Floyd si fanno beffe, in maniera quasi indecente, di Jimi Hendrix, Bob Dylan, i Beatles e i Rolling Stones). Eppure, paradossalmente, è proprio "Atom heart mother" il punto debole dell'intero album: grandi musiche, grandi capacità strumentali, qua e là molte (troppe) lungaggini che rischiano sempre di appesantire e, altresì, forzare il concetto di originalità e modernità. Lungaggini che, nonostante molte buone cesellature (vedi "Dark side of the moon"), saranno uno dei limiti, e per qualcuno uno dei pregi, della leggendaria band inglese capitanata dal geniale Roger Waters.

Più riuscito il secondo lato. Un trittico affascinante, "If", "Riser and shine", "Summer '68" splendono, ed emozionano, senza nè trucchetti nè compromessi. Musica affascinante, suoni avanguardistici, melodie insuperabili: è questo il meglio, e forse il massimo, a cui possono aspirare i Pink Floyd di inizio anni Settanta. Letteralmente da sezionare, e da studiare, il modo con cui la band inglese smonta e rimonta, in maniera del tutto naturale, le più disparate melodie avanguardistiche e cerca, forse un pò forzatamente, di creare nuovi stili e nuove mode. Eppure, nonostante qualche difettuccio, il basso di Waters e la chitarra di David Gilmour (che sostituì, nel 1968, l'ottimo Syd Barrett) sono, come sempre, una garanzia di genialità e perfezione.

"Atom heart mother", album comunque epocale, può essere considerato il diretto discendente di "Ummagumma", famoso disco dei Pink Floyd datato 1969 (si trattava di un doppio album in cui la band inglese si divertiva a sfaldare, e ricucire, il rock), eppure, questo "Atom heart mother" gli è addirittura superiore: un brano come "If" vale, come si suol dire, il prezzo del biglietto. Un disco, come tutti quelli dei Pink Floyd, da ascoltare attentamente senza nè disturbi nè rumori.

Enorme successo di vendite a cui seguì, come successo precedentemente, un mastodontico tour mondiale e una inaspettata popolarità cinematografica: "assoldati" da Michelangelo Antonioni cureranno, benissimo, la colonna sonora del famosissimo "Zabriskie Point".

Vota la recensione:

Questa DeRecensione di Atom Heart Mother è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser:
www.debaser.it/recensionidb/ID_9437/Pink_Floyd_Atom_Heart_Mother.htm

Ultimi Cinquanta commenti su SettantOtto

killgod
Opera: | Recensione: |
I Clash caro amico non solo hanno fatto la storia della musica ma erano dei fottuti geni perchè semplicemente erano avanti di trent' anni, con le loro musiche hanno anticipato generi che si inizieranno a diffondere solo negli anni '90 come il rap il funk il dub. Sei un cretino se pensi che tutta la musica venuta dopo i Pink floyd faccia cagare perchè è semplicemente un cambio generazionale a far evolvere i suoni le melodie degli ultimi anni. In conclusione tutte le musiche annoiano o sono monotone, il rock non morirà mai non finirà mai di stupirci si evolverà rimarrà eterno prendi Kurt chi glie lo doveva dire che veniva seguito da milioni di persone eppure non è nato ancora un gruppo come i Nirvana... perciò i Pink Floyd siano essi degli anni '60 '70 '80 sono semplicemente inutili monotoni ripetitivi e mi fanno alquanto schifo. Non capisci ma io amo gli Oasis e disprezzo i Pink floyd perchè io ragiono quando ascolto la musica non la sento perchè sono famosi Waters si buttasse nel cesso Gilmour andasse a strimpellare nelle strade come uno zingaro io sono certamente migliore di loro....
    killgod
    Opera: | Recensione: |
    ari ciao fan cazzoni dei pirla floyf
      Isenicon
      Opera: | Recensione: |
      mi sembra evidente che killgod sia un povero pazzo.
        Lewis Tollani
        Opera: | Recensione: |
        shine... personalmente adoro il periodo Barrett (e lui nel suo periodo solista) ed amo alla follia tutto fino a The Final Cut... ammetterai che dopo di idee interessanti ne sono uscite poche poche dai 3 superstiti... ottimi live, esercizi perfetti di stile... ma idee proprio pochine. in questo senso è una bestemmia... e poi waters ha scritto il 70/80% del materiale, Gilmour gli dava armonia...
          killgod
          Opera: | Recensione: |
          Ciao non riesco a leggere ho una cacca nell' okkio grande quanto una vespa, avrò ragione??
            Kobe-Bryant
            Opera: | Recensione: |
            naaa
              ugly panda
              Opera: | Recensione: |
              insomma io non digerisco il latte quindi il latte è merda e io faccio colazione con la porchetta. E la porchetta in qualche modo discende dal latte perchè il porchetto che suggeva dalla materna tettarella suina cosa suggeva? latte no? Bene!
                psychopompe
                Opera: | Recensione: |
                ancora con ste recensioni doppie!!! oh avete rotto il cazzo la facciamo finita si o no? E poi dove cazzo l'hai trovata la canzone del lato b "riser and shine"? Ma chi te l'ha registrata? sul lato b ci sono: If, Summer of '68, Fat Old Sun e Alan's Psychedelic Breakfast. fine. E poi citi 5 volte la musica d'avanguardia, ma qui ad esempio rispetto ad umma gumma o a saucerful ce n'è ben poca, suite iniziale a parte. Boh non vedo il motivo per cui dovere recensire qcosa che non si conosce bene e che molti conoscono. Riguardo le polemiche sopra: killgod se sei un adolescente va bene se sei + grande la tua cultura musicale è grossa come il taschino di cui parli. Ancora con ste gare da terza media "ah i ramones sò mejo dei floyd!" che palle
                  spaccazucche
                  Opera: | Recensione: |
                  pesante come la mucca in copertina
                    Erlad
                    Opera: | Recensione: |
                    Secondo me killgod getta merda sui gruppi storici solo per farsi notare e giocare al finto alternativo...
                      barret70
                      Opera: | Recensione: |
                      la recensione è discreta,non sono d'accordo su atom heart mother per me è uno dei massimi capolavori dei pink floyd,il trittico di canzoni è if,summer 68,fat old sun.rise and shine è una delle tre parti di alan psichedelyc breakfast.
                      killgod vatti ad ascoltare i take that che è meglio.
                        Anonimo
                        Opera: | Recensione: |
                        Per Killgod, ti sei confuso: non sono stato io a dire che il punk non avrebbe mai dovuto essere inventato, ho solo fatto intendere che secondo me non c'è paragone fra leinnovazioni dei Floyd e quelle dei Ramones, ma non ho nulla contro il punk. Non brucierò i miei dischi di Ramones, Sex Pistols o Black Flag. Qualcuno ha detto che il genio dei Floyd era Gilmour... ingenuo...
                          Alfredo
                          Opera: | Recensione: |
                          Ragazzi, vi svelo un segreto...Killgod è Chuck Norris!!
                            JimMorrison
                            Opera: | Recensione: |
                            Killgod, kill... god... ammazza... Dio... O mmadonna mia bbella come ho fatto a non pensarci prima? Scusami kill, scusami se per tante volte ti ho dato del patetico coglionazzo o povero imbecille. Scusami. Non potevo sapere..
                              Alfredo
                              Opera: | Recensione: |
                              ...è troppo tardi, Jim...troppo tardi...
                                JimMorrison
                                Opera: | Recensione: |
                                Quindi non serve chiedergli scusa per avergli dato del sottosviluppato, dell'idiota e del massimo candidato dopo babbANO alla carica di miglior imbecille del sito? Mooo, e mo'?
                                  Fidia
                                  Opera: | Recensione: |
                                  Scusate se m'intrometto, ma per il momento al primo posto c'è Sexyayax-Kobe-Blaster, poi viene Killgod
                                    Alfredo
                                    Opera: | Recensione: |
                                    L'unica è chiamare Steven Seagal, almeno lo tiene occupato per un po' con le sue mefitiche giacche...
                                      JimMorrison
                                      Opera: | Recensione: |
                                      Cazzo ma non dimenticare il mega anello testa di leone, quello si che è un micidiale finisher...
                                        geenoo
                                        Opera: | Recensione: |
                                        Concordo con l'amico militante sopra. Killgod benevenuto nel ristretto club di Basta Coglioni Su DeBaser.
                                          Antonino91
                                          Opera: | Recensione: |
                                          killgod i ramones sono migliori dei floyd vero??? sentiti animals e vediamo chi la spunta! una curiosità:c'è qualcuno di voi che conosce i devo?
                                            Juza
                                            Opera: | Recensione: |
                                            Chuck Norris sta a Dio così come Satana sta a Steven Seagal.
                                              Luca-LJ
                                              Opera: | Recensione: |
                                              I Devo avevano fatto una bizzarra cover di "Satisfaction" ma di più non so, a parte il fatto che mi sembra di aver sentito un gruppo hard rock-metal degli anni '70 con lo stesso nome (ma è ovvio che non potevano essere loro) però su Google non se ne trova traccia!
                                                JimMorrison
                                                Opera: | Recensione: |
                                                Juza non nominare mai così impunemente quel nome, stai attento.
                                                  tom traubert
                                                  Opera: | Recensione: |
                                                  Pensavo che la canzone di Gilmour nel lato B si intitolasse Fat Old Sun... pensa te che la suona ancora dal vivo, ma qui leggo Riser and shine, boh e che è? Sarà mica una delle parti della suite del lato A, Rise and shine? Quanto al mastodontico tour mondiale... in realtà non fecero niente di mastodontico, ovvero concerti negli stadi, mega effetti speciali, prima del successo di Dark Side. E come si fa a recensire questo disco senza nominare Rick Wright e Ron Geesin?
                                                    iside
                                                    Opera: | Recensione: |
                                                    mi chiedo:"Ma i dischi di cui chiacchierate tanto li avete ho avete visto solo la copertina?" tracklist completa e esatta 1 ATOM HEART MOTHER- comprende: a)Father's shout/ b)Breast milky/ c)Mother fore/ d)Funky dung/e)Mind your throats please/ f)Remergence 2-IF/ 3-SUMMER '68 4-FAT OLD SUN 5-ALAN'S PSYCHEDELIC BREAKFAST comprende: a)Rise and shine/ b)Sunny side up/ c)Morning glory.
                                                      TheWickerMan
                                                      Opera: | Recensione: |
                                                      Non si può dire che questo sia un disco storico nella musica, anche se AHM e IF son dei bei pezzi da qui a dire ste caxxate ce ne passa. O devo riempirmi di LSD per capirlo?
                                                        Saputello
                                                        Opera: | Recensione: |
                                                        recensione assolutamente incompleta (dov'è alan's psichedelic breakfast???) e con giudizi assurdi. Mammamia.
                                                          StefanoHab
                                                          Opera: | Recensione: |
                                                          Vorrei far notare al caro KILLGOD che se non fossero esistiti i Pink Floyd, nemmeno i Tool sarebbero mai esistiti... e questa cosa non la dico io, ma i Tool stessi... E per favore osannare i Ramones (cmq grande gruppo) e lanciare merda sui Pink Floyd è... non mi viene una parolaccia, pensatela voi, quella ke volete
                                                            StefanoHab
                                                            Opera: | Recensione: |
                                                            " Non capisci ma io amo gli Oasis e disprezzo i Pink floyd perchè io ragiono quando ascolto la musica " .............................. .............................. .............................. .............................. .............................. .............................. .............................. ....................ah, si bene, mmm si bene, capisco........ scusate, c'è un dottore???????
                                                              DaveJonGilmour
                                                              Opera: | Recensione: |
                                                              Idee buone ma confuse, periodi pesanti alla lettura.
                                                                DaveJonGilmour
                                                                Opera: | Recensione: |
                                                                Ma forse quando ho votato nel post precedente stavo male...
                                                                  iside
                                                                  Opera: | Recensione: |
                                                                  Cos'è??? il DaveJonGilmour nel Poletti tour???
                                                                    sentence
                                                                    Opera: | Recensione: |
                                                                    Mai letto un simile agglomerato di cazzate in un sol colpo. Vedi di ascoltarli i dischi prima di recensirli.
                                                                      Fkam
                                                                      Opera: | Recensione: |
                                                                      Grande complesso, sicuramente, hanno fatto canzoni eccezionali e sono nella storia della musica, meritatamente. Molto bella la recensione. Però conesentimi, GRANDI MUSICISTI no, proprio no: fatta eccezione per Gilmour -eccellente chitarrista- e Waters -scarso bassista ma sicuramente un GENIALE compositore-... beh, Wright è quello che è e Mason è uno dei peggiori batteristi (tecnicamente e non solo) della storia del rock.
                                                                      Grandi, grandissimi, sono d'accordo... ma non grandissimi musiciti.
                                                                        sentence
                                                                        Opera: | Recensione: |
                                                                        boh punti di vista, per me un grande musicista è quello che compone grandi canzoni, non quello che suona col pilota automatico.
                                                                        comunque punti di vista.
                                                                          DaveJonGilmour
                                                                          Opera: | Recensione: |
                                                                          Caro Fkam che intendi con "tecnicamente e non solo"??
                                                                            iside
                                                                            Opera: | Recensione: |
                                                                            tecnicamente e per fantasia, mi sembra logico......Dave
                                                                              DaveJonGilmour
                                                                              Opera: | Recensione: |
                                                                              Ah per fantasia,per te è logico isi, si...da The Wall in poi semmai!
                                                                                tom traubert
                                                                                Opera: | Recensione: |
                                                                                Caro fkam Waters è un buon compositore ma quanto a geniale insomma, tende a usare sempre gli stessi accordi e le stesse strutture. Ben più geniale da questo punto di vista a livello compositivo è Wright il cui uso delle armonie è sicuramente meno scontato in quanto pesantemente influenzato dal jazz e dalla musica contemporanea. Dal punto di vista esecutivo poi, assodato che Gilmour è il più dotato tecnicamente, tutti hanno saputo fare una forza dei propri limiti tecnici proprio compensando con fantasia e personalità, due fattori che il 99% dei musicisti più tecnici, veloci e quant'altro, non possiedono, ma che fanno la differenza fra il virtuosismo anonimo e fine a sè stesso e la musica in grado di emozionare. E questo vale per tutti e 4 i Floyd.
                                                                                  BabaCoffeeshop
                                                                                  Opera: | Recensione: |
                                                                                  Come si fa a fare la recensione di un album e a nn parlare dell'ultimo brano!?!? Se ci metti poi ke è magnifico... se ci metti poi ke sono solo 6 cazzo di brani, uno mi dirai è una suite ok, ma se devi risparmiare sulle tracce nn farle le recensioni! Incompletisssssssssssssssssima !
                                                                                    coolermaster
                                                                                    Opera: | Recensione: |
                                                                                    Tom traubert le tue parole sono perle di saggezza! Cazzo scrivila tu una rece su AHM....
                                                                                      Anonimo
                                                                                      Opera: | Recensione: |
                                                                                      killdom è in piena confusione mentale e musicale..non tanto perchè attacca i floyd, ma perchè confonde l'innovatività, la sperimentazione e la creatività che suscita la musica dei floyd, con la tecnica musicale dei gruppi insignificanti che lui cita...è come dire della musica apprezzo la tecnica non le emozioni che suscita...hai una mente troppo ristretta killdom!
                                                                                        Anonimo
                                                                                        Opera: | Recensione: |
                                                                                        a me anche the wall fa impazzire.... poi uno la musica la deve sentire individualmente...e una stessa canzone fa provare sensazioni diverse per ogni persona
                                                                                          Anonimo
                                                                                          Opera: | Recensione: |
                                                                                          è un bel disco.oggi per caso l'ho trovato alla media world originale in cd a 7 euri e 90,che facevo,non lo prendevo?Anche se collezionando vinili compro raramente cd.Per il resto,non per altro d'accordissimo sull'irraggiungibilità di "The Piper At The Gates Of Dawn",adoro anche i Pink Floyd dei non primi dischi,ma credo profondamente nel genio di Syd.Comunque Atom heart mother è veramente bello,lo sto riascoltando adesso,c'è anche un po di tempo funk e a me prende bene..Shine on you,Crazy Diamond.
                                                                                            coolermaster
                                                                                            Opera: | Recensione: |
                                                                                            @KILLGOD

                                                                                            Mi sa caro che tu hai un'idea del Punk assolutamente errata.. Il Punk e non mi stancherò mai di dirlo nacque in Usa e nn in Uk!! Nella seconda metà dei sixties gruppi come Mc5, Chocolat Watchband e tanti altri che fecero quel genere (risposta al beat inlese)che si chiamò GARAGE ROCK! fu l'antenato dle punk... Poi arrivarono gli Stooges ...eccheccazzo, ma almen odocumentati prima... Poi nel '77 qualche pirla di 18 anni riprese le sonorità di ...nell'ordine... Garage Rock americano, le mischiò al Beat à la Mode di Who e Cream e in più ci mise anche un po' di sano GLAM tipo T-REX di Marc Bolan!!! Ecco quell fu il Punk del '77...rabberciato, raffazzonato...
                                                                                            AHM, capolavoro immortale...travmane uno Punk ...1 che fra altri 1000 anni si ascolterà ancora e ti offro una birra

                                                                                              Anonimo
                                                                                              Opera: | Recensione: |
                                                                                              ... pallosetto in più punti e suonato (al netto di orchestre e cori) non proprio benissimo, ma si sa (o meglio si nasconde) che i Pink non erano proprio grandi musicisti almeno sul piano della esecuzione tecnica. Penso inoltre che questo album sia stato sempre (soprav)valutato a posteriori alla luce dei susseguenti successoni commerciali (soprattutto dal 1973 in poi) e pertanto in modo prettamente acritico. Avrei voluto vedere se un simile disco non avesse portato il nome Pink Floyd stampigliato sopra che accoglienza avrebbe ricevuto da tutti i recensori (sviolinatori) qui sopra.
                                                                                              Mooolto meglio il contemporaneo III dei Soft Machine (ma anche lo spettacolare Lizard di King Crimson e perfino l'acerbo Trespass dei Genesis entrambe sempre del 1970).
                                                                                              PS: non mi aggredite, in fondo sono solo opinioni soggettive ;-)
                                                                                                slash85
                                                                                                Opera: | Recensione: |
                                                                                                Killgod posso con certezza affermare che di musica non ne capisce un cazzo......patetico!!
                                                                                                Insulta re così i Dott. Floyd.....camera a gas immediata!!!!
                                                                                                  BadBastard
                                                                                                  Opera: | Recensione: |
                                                                                                  per favore osannate i miti veri e non i miti falsi e costruiti su quattro accordi qualche spiattata un gong messo qua e la e quattro luci colorate!!W I RAMONES!!!

                                                                                                  Riconoscere dignità al punk o al punk-rock è una cosa ma la tua affermazione oltre che discutibile è anche contraddittoria. Parli di 4 accordi e proprio i Ramones vai a tirar fuori? Bo

                                                                                                    ssisar
                                                                                                    Opera: | Recensione: |
                                                                                                    in silenzio e' un album che mi godo sempre..........

                                                                                                      Ocio che non sei mica loggato sul DeBasio!

                                                                                                      Se vuoi commentare:
                                                                                                      Accedi oppure Registrati

                                                                                                      Accedi usando un altro servizio


                                                                                                      DeBaser non è un giornale in linea ma una “bacheca” dove vengono condivise . DeBaser è orgogliosamente ospitato sui server di memetic. Hai dei Problemi? Leggi qui