Alexander von Zemlinsky
Lyrische Symphonie

()

Voto:

Una meravigliosa trasfigurazione musicale dell'amore in tutte le sue forme. Un amore che cambia forma e colore come una nuvola nella bocca del vento, al tramonto. Ecco cos'è innanzitutto la "Sinfonia Lirica" di Alexander Zemlinsky. Un immenso affresco di note e di colori orchestrali, di misticismo, di tensione emotiva e di sognante abbandono. Un mondo dove il canto e la musica si fondono in perfetta comunione, come la voluttà di due corpi che si spogliano o di due anime che si ascoltano rispecchiandosi l'una nell'altra. Un bellissimo ciclo di lieder orchestrali per soprano, baritono ed orchestra, con i testi colmi di lirismo e sensualità del grande poeta Rabindranath Tagore.

"Ich bin friedlos", sono irrequieto.È con queste parole che la sinfonia spalanca il suo sipario ai paesaggi più reconditi dell'anima e del desiderio. Il baritono intona il suo impulso alla trascendenza in un canto colmo di tensione come un orizzonte carico di nubi. Tensione che si sublima in tinte orchestrali feroci, in un incessante turbinio emotivo e musicale, coi colori cupi e sfavillanti di timpani, violini ed ottoni e le note taglienti di un flauto che richiama quella "sete di cose lontane" che mai nessuna vicinanza potrà sanare. La tensione emotiva si stempera in una maliziosa innocenza nel secondo brano "Mutter, der junge Prinz", dove il soprano celebra in modo etereo e sognante la sua ansia d'amore per il giovane principe, che passerà col suo cocchio sotto le finestre della giovane donna. Un canto a tratti estatico e sensuale, a tratti ironico e disincantato, ma che cresce improvvisamente in un "fortissimo" orchestrale spaventoso. Qualcosa che irrompe dentro e che non si può più trattenere. È come se si rompessero le dighe dell'anima e le parole dei cantanti si spegnessero nel silenzio di un bacio, con l'orchestra a rovesciare rabbiosamente ondate di suoni a coprire la sensualità di questo silenzio.

L'atmosfera trasfigura ulteriormente in "Du bist die Abendwolke", dove il paesaggio musicale si stempera in toni mistici e profumati come l'incenso, dove l'erotismo è dipinto dal timbro sensuale del corno inglese, mentre il baritono intona appassionato: Tu sei la nube della sera che vaga nel cielo dei miei sogni. Un lied erotico e cullante, opulentemente raffinato come un giardino traboccante di palme, di felci, di ninfee, di fior di loto. Un canto coi colori intensi di un tramonto, che prelude al clima notturno del quarto lied del ciclo, "Sprich zu mir, Geliebter". L'atmosfera è qui rarefatta, spettrale a tratti, con il violino a fare da alter-ego al soprano in un sensuale dialogo con se stessi, prima ancora che con l'altro. "Parlami, amore mio", e l'invocazione tremante del soprano sale al cielo quasi come una preghiera, una supplica, per poi spegnersi amaramente nel finale: Il giorno verrà e ci guardaremo negli occhi, prima che ognuno segua il suo cammino. Alla quiete estatica di questo lied, si contrappone fortemente "Befrei' mich von den Banden", dove su un tappeto di timpani e trombe, il baritono proclama Liberami dai lacci della tua dolcezza, e lascia che io ti possa offrire il mio cuore di uomo reso libero. Il canto più breve, rabbioso, violento, come un vortice che trascina verso l'abisso della fine dell'amore. Ed è così, nel sesto brano, "Vollende denn das letzte Lied", la risposta del soprano è gelida, e la musica affonda come la passione verso quegli abissi dove non c'è più nessuna luce a riscaldarti.

La sinfonia si chiude in una atmosfera di serena accettazione, ma non priva di brividi di sensualità, con "Friede, mein Herz". E' come se, dopo una tale tempesta di emozioni, il cielo dell'anima si spalancasse su colori celesti, e raggi di luce filtrassero tra nubi che si inseguono veloci come ricordi sul filo del pensiero. Lascia che l'amore si fonda con la memoria e il dolore divenga canto. E il ricordo e l'amore a perpetuarsi in una lunga e vibrante coda orchestrale, senza più parole.

Questa DeRecensione di Lyrische Symphonie è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/alexander-von-zemlinsky/lyrische-symphonie-symphonische-gesange-royal/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (Undici)

Hal
Hal
Opera: | Recensione: |
Hal
Hal
Opera: | Recensione: |
trellheim
Opera: | Recensione: |
che cognome squisitamente ceco...
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Pietro Minchiadura
Opera: | Recensione: |
Voto la recensione, sull'autore non so davvero nulla e non ho nulla da aggiungere; vedo che qualcuno invece ha trovato qualcosa da dire a riguardo...beh, io questa preparazione non ce l'ho sui nomi cechi, bel commento baby ;)
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

trellheim
Opera: | Recensione: |
... peccato che l'autore in questione sia austriaco. è una cosa molto comune però, cognomi cechi in austria. suppongo che sia merito dell'impero austroungarico. sono contenta che tu abbia apprezzato il commento, enea-tesoro ;)
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Cleo
Opera: | Recensione: |
H metto anche questo nella lista dei consigli! Adorabile John!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

El Gheievo
Opera: | Recensione: |
Beh, Baby Trell, un commento veramente impegnativo, che denota ottima cognizione dell'oggetto in questione... very good ;-)
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

trellheim
Opera: | Recensione: |
enea-tesoro, non indispettirti quando so qualcosa che tu ignori. ed ora lasciamo questa bella recensione a chi ci capisce qualcosa, mh? per farmi scusare da john lo rivoto...
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

El Gheievo
Opera: | Recensione: |
Certo, ignoravo che quello potesse essere un nome ceco, anche perchè non lo pensavo, guarda un po'. Logico. Comunque hai ragione, dileguiamoci: non è la prima volta che imbrattiamo le ottime recensioni di John, Baby Love. Rivoto e sparisco
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Bisius
Opera: | Recensione: |
Sì, bella.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

mozart61
Opera: | Recensione: |
Questo è un vero e proprio capolavoro,che nulla ha da invidiare al"Canto della terra"di mahler......Zemlinsky è sicuramente mahleriano e straussiano,ma questa Lyrishe symphonie è davvero un capolavoro,qiualcosa di speciale,unico,irripetibile.Ed una lode particolare al recensore!
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: