Pedro Almodovar
Dolor Y Gloria

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Amo Almodóvar. Ma soprattutto amo, e mi emoziona moltissimo, l'amore per il cinema di quest'uomo. La sua fede sconfinata ed incrollabile, la venerazione per il mezzo filmico, la necessità estrema, spirituale e fisica, di creare immagini, di narrare, filmare, di raccontare il rapporto di inscalfibile e profonda simbiosi tra vita e cinema. Ma anche per il teatro. E per qualsiasi cosa che sia rappresentazione in generale.

Tutto il cinema del regista, autore, maestro spagnolo è pregno di questa urgenza, di questa necessità. In Tutto su mia madre, sua opera più famosa e simbolica, la simbiosi arte/cinema-vita è presente ed esplicitata fin dalla prima scena, e dal titolo stesso: un richiamo ad All about my Eve (Eva contro Eva). E sia prima che dopo lo storico film del '99, molti altri richiami meta-filmici, Buñuel, Visconti, Rossellini... E questo auto-nutrimento, questo citazionismo, questo cinema che nasce e si sviluppa dal cinema, ne ha fatto uno dei registi simbolo del post-modernismo cinematografico. In modo diverso e complementare dagli altri grandi esponenti di questa tendenza, da De Palma a Tarantino.

Almodóvar vive per realizzare immagini, su storie che lui stesso scrive e produce. Unico e solo responsabile di ogni aspetto e scelta nei suoi lavori.

Ora, di fronte a quella che, unanimemente, e giustamente, è stata considerata la sua opera più sofferta, intima e personale, bene ha comunque fatto a sottolineare che sempre di fiction si tratta, e di non prendere alla lettera tutto quel che è presente nelle due ore di proiezione. Dolor Y Gloria è liberamente ispirato alla sua vita. Ma, nondimeno, è un film di una sincerità e crudezza disarmante, che mostra la crisi di un regista giunto all'autunno (come lo definirebbe Ozu) della sua esistenza e della sua creatività. L'impossibilità di girare per motivi fisici (i problemi che Almodóvar ha realmente avuto alla schiena) rende la vita senza significato, la rende "vita e basta". A questo si aggiungono la depressione, l'assuefazione dai farmaci, la dipendenza da eroina, le emicranie, l'esperienza accumulata che diventa sia fonte di piacere che di immenso dolore. La consapevolezza che il proprio percorso terreno si volga all'ultima fase. Ed affiorano ricordi, l'infanzia, i rimpianti, la malinconia.

Troppo facile e troppo semplice il richiamo all'8 1/2 felliniano. D'altronde, i registi che hanno creato, con debite proporzioni, il proprio 8 1/2, non si contano. Tra i molti: Allen, Greenaway, Gilliam, Moretti... Semplice ed immediato accostamento anche ora, appunto. Ma fuorviante.

Dolor Y Gloria non è un 8 1/2 di Almodóvar, ma solo l'ultimo film a rappresentare la visione artistica e vitale del suo autore. Il mestiere del regista, la sacralità dello schermo, i film "da completare" anche a distanza di anni e anni, le esperienze dolorose ad essi legate ed intrecciate, la passione, il rapporto indissolubile, di cui sopra, tra vita, messa in scena all'interno del film ed oltre la quarta parete pur senza mai sfondarla esplicitamente. Ne La Mala Educación, ne Gli Abbracci Spezzati, una serie infinita di questi corsi e ricorsi, interni ed esterni, alla vita ed alla visione di Almodóvar, alla storia del cinema.

Ed ora in Dolor Y Gloria, Pedro ritorna su quei terreni creando uno dei suoi capolavori. Rivelando solo all'ultimo la totale assenza di onirismi felliniani, ma solo il proseguo di questo personalissimo filo stretto. Ed oltre a questo, i fantasmi del passato, personale e collettivo, sempre presenti. Il franchismo, mai evocato esplicitamente ma mai dimenticato, la povertà, l'analfabetismo, in alcuni casi. Le radici popolari e culturali della Spagna cattolica, (da) sempre fin troppo ingombranti. Il rapporto di grandissimo amore, ma anche contrastato e tormentato, per la figura materna, quello tra piccola terra di paese (talvolta con i relativi bagagli di superstizioni e credenze, come in Volver) e grande metropoli, una Madrid "necessaria", in cui Pedro fu celebre protagonista e cantore della movida degli anni '80, periodo di rinascita culturale ed artistica post regime. Eppure, forse, mai amata fino in fondo.

Spesso nei film di Almódovar è anche ricorrente il doppio: in questo caso però non c'è nessuna trasformazione in stile La pelle che abito, ma una totale identificazione col proprio alter-ego Banderas, all'ottava collaborazione con l'amico Almódovar e fresco di una strameritata Palma d'oro come miglior attore. Banderas che anche nell'aspetto richiama direttamente il regista ed autore. Nei capelli, un po' come era per Cage nel Ladro di Orchidee, in cui ricalcava l'aspetto di quell'altro genio che si chiama Kaufman. Per Banderas è l'interpretazione più intensa e straordinaria della vita, e non poteva che essere lui il protagonista di questo film, lui che ad Almodóvar deve tutto, e che quest'ultimo ha definito "il suo Mastroianni".

Dolor Y Gloria è anche l'ennesima discesa nei meandri del desiderio. L'origine del desiderio in questo caso. El primer deseo. Il desiderio, nelle sue più varie sfumature, a cui Almodóvar ha dedicato la propria opera omnia e la propria casa di distribuzione El Deseo, richiamo anche a Un tram che si chiama Desiderio, di Tennesee Williams, pièce che in Tutto su mia madre era stata vera protagonista occulta.

Tutto questo nello splendido stile visivo e pittorico caratteristico del regista iberico, con in primo piano, ancora una volta, i rossi. Il rosso, colore della passione, del sangue e del desiderio, appunto. Ma nessuna scena di sesso questa volta, anzi, un volersi trattenere per esprimere ancora più in profondità il trascorrere del tempo e dei sentimenti, e l'approdo ad una dimensione intima diversa.

Questa è una delle più alte e nobili opere della maturità di Almódovar, come sempre così ricco anche di libri, quadri, dipinti, acquerelli, mai per pura ostentazione ma in modo estremamente funzionale a caratteri e psicologie di individui che non posono vivere senza essere circondati da arte. Personalmente, comunque, già avevo amato immensamente anche quella sottovalutata perla che era il precedente Julieta. Peccato solo che Iñárritu non abbia ritenuto di premiare ieri a Cannes con il massimo riconoscimenti questo vero e proprio capolavoro.

Fino all'ultimo sono stato indeciso se scegliere questo o John Wick 3. Certo, se avessi scelto quest'ultimo, terzo capitolo della delirante saga con Keanu Reeves di cui sono un convinto e fiero adoratore, mi sarei divertito di più e depresso meno, ma sapevo che Almodóvar dà molto, e che ti lascia qualcosa dentro come pochi altri. E così è stato, fin dai meravigliosi titoli di testa (per fortuna c'è ancora chi li fa!)

Lunga vita ad Almodóvar ed a John Wick!

Questa DeRecensione di Dolor Y Gloria è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/au-421969/dolor-y-gloria/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tredici)

proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
ma esiste un regista pettinato?
BËL (00)
BRÜ (00)

puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini Presidénte onoràrio
Opera: | Recensione: |
Se volete vincere Birre al Bar, chiedete cos'è la "Movida".

Ovviamente prima guardate cos'è (era) davvero, che tanto tutti risponderanno "la vita notturna", ma non c'entra un cazzo.

Fonte = vinco birre da anni.

Detto questo: Almodovar serve solo a una cosa. Far vincere birre.
BËL (01)
BRÜ (00)

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Di John Wick ho visto i primi dieci minuti del primo capitolo: gli ammazzano il cane e lui per ripicca stermina una decina di (sub)umani.
Poi ho spento.
BËL (00)
BRÜ (00)

puntiniCAZpuntini: << Almodóvar dà molto, e che ti lascia qualcosa dentro come pochi altri. >>

CHI HA "ORECCHIE" PER INTENDERE...
JOHNDOE
Opera: | Recensione: |
è bravo, bei film ma a volte troppo morbosi e contorti nello svolgimento dei fatti, al limite dell'inverosimile. Non tutti riusciti.

Film drogati.

Che io sappia sono almeno 20 anni che non si droga più (così avrebbe detto in un'intervista poi vai a sapere).
BËL (00)
BRÜ (00)

MrDaveBoy73: fillm drogati wow, malo passa dallo schermo o tiene tutto per sè??? , stupendi , "donne sull'orlo di una crisi di nervi" .....forse la "mala educacio" è quello che mi ha lasciato meno ma b^visto più volte mi piace assai , poteva sviluppare meglio la trama ma sarebbe risultato troppo lungo e la gente non gradisce più molto i film troppo lunghi .........è un regista geniale, di "Volver" comprai pure la scenggiatura film fantastico !!!!
nangaparbat
Opera: | Recensione: |
bella pagina.
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
Opera: | Recensione: |
Quando ero ancora un convinto cinefilo, in dvd comprai,pregno di curiosita,' il fenomeno cinematografico "alto" dell'anno prima: "Tutto su mia madre". non fu una visione pessima. Il film era un buon film, ma distante anni luce dal filmone di cui si parlava in giro. E' stato il momento che hoo smesso di dire che sono un cinefilo. Per urlare al "capolavoro madre di dio ancora dammene ancora che questo e' un genio del cinema" non devi essere ignorante cinematograficamente (un po' si, pero' non e' li il problema): devi essere ignorante e basta per aver bisogno di questo cinema. E pensare poco dal lunedi' al sabato.
BËL (00)
BRÜ (00)

MrDaveBoy73
Opera: | Recensione: |
completamente d'accordo !!!!
BËL (00)
BRÜ (01)

MrDaveBoy73: qui scrissi una sciuoccheza.... !!! completmente d'accordo che sia un gran film!!!!
MrDaveBoy73
Opera: | Recensione: |
il problema è che i verbi non vogliono l'apostrofo più che altro ..........:) e "Tutto su mia madre " è UN CAPOLAVORO DI CIMENA CONTEMPORANEO, NON SI DISCUTE , RIFERIMENTI A BETTE DAVIS, ("All about Eve" ) , non bisogna essere cinefili, è solo necessario capire la sceneggiatura , i riferimenti .La pièce che stanno allestendo, nel film "un tram che si chiama desiderio " viene trasportato nel film , Almodòvar inverte il carattere dei personaggi e diventa "teatro nella cinematografia"; la parte che fa la tipa drogata di Stella in effetti è una donna maltrattata, ma è quella che alla fine si salva ; Blanche -che è la sorella di Stella- (nella pièce di Tennessee Williams) in realtà è una pazza (cui piacciono i ragazzi più giovani, e finisce nei guai anche per quello , per guai intendo manicomio.... mentre nel film le piacciono le ragazze più giovani ) , mentre nel film è una donna forte che cerca di salvare Stella ...... tante cose da capire e collegare .... .....e magari -anzi io lo riterrei quasi doveroso- guardarli più volte per cogliere tutte le sfumature ...... E "VOLVER" anche .......ciao
BËL (00)
BRÜ (01)

nes: Hai parlato della trama, di cinematografia zero. Ironizza pure su quello che ti pare, ma se chiami qualcuno in causa per discuterci, assicurati prima, cortesemente, di avere anche qualche cosa di pertinente da dire.
nes: "apocalypse now e' bello perche' e' 'cuore di tenebra' con gli elicotteri!!!"
MrDaveBoy73: questa co'è un provocazione "apoicapse now" devo parlar di cnemoatografi??? va bene adesso il bevo il caffè e lo feci!!! è cinematografia parlare del fatto .......scusa sta venendo su il caffè!!!!
MrDaveBoy73: innanzittto sono andato "by heart" perché lo vidi un po' di volte ma sono passati almeno 7 annni , -ora- lo reupero (ser ieso siamo a fine mese i soldi sono pochi , e trovare il DVD potrebbe rivelarsi un po' complicato dove vivo io ) e -quando l'ho rivisto- , ca. 3 volte ti parlo della fotogarafia e della camera, se ne ho voglia.- che poi mi sembra tu avesti le nozioni per farlo da solo/a perché se rompi a me significa che le cose le sai - ultimamemnte sono focalizato su "out of rosenheim", che bel risveglio , grazie ..........ciao
MrDaveBoy73: "è"??
nes: "Questa co'e' un provocazione" e hai il coraggio di dire agli altri come si scrive? "Cnemoatografi" WOW!!!
MrDaveBoy73: ho spiegato che schiaccio Enter per evitare l'ipocrisia di modificare le proposizioni per compiacere gli altri, poi si dovrebbe poter modificare i commenti perché se uno fa errori è perché scrive in fretta .....mi scuso per averti dato dello "stronzo" .........però un po' di gentilezza non guasterebbe..........
MrDaveBoy73: p.s.: poi finisco qu il dibattito: :-"'ho scritto alle 2 di notte , in condizioni no propriamente sane ,. permettimi qualche errore visto che sei il primo a farli, e tu quanti hannni hai ??? " ciao Dxxx
MrDaveBoy73: "qui" vedi io devo poter modificare i commenti perché scrivo troppo in fretta vado "mente- tastiera" .......
MrDaveBoy73: ciao, passa una Buona Domenica, con reale cortesia, D
nes: No aspetta. Tu, dall'alto del tuo "non so un cazzo, non ho idea di quel che succede qui" mi chiami in causa, sfottendomi, e quando ti faccio notare che non sei nella posizione di potwr prendere in giro nessuno mi vieni a dire" si va beh ma ieri ero fatto quindi posso?" Ma sul serio: chi sei, il ragazzo down delle pubblicita' progresso anni 90? L'eta' tornerebbe... E si': in quel caso saresti giustificato. Purtroppo pero' sei l'ennesimo sterile " non ho niente da dire, provo a dirlo facendo rumore che magari qualcuno si gira" la prossima volta pruva a ruttare, dieci a uno ci fai una figura migliore.
nes: E ti giustifichi pure "scrivo di fretta" ... Gli altri no, quando scrivono a te cercano di comporre una missiva adatta pure al presidente della repubblica.. che pena, cristo.
MrDaveBoy73: va bene.- un saluto non più cordiale, adesso la facciamo finita per favore e non ho detto che fossi "fatto" , ho scritto "in condizioni non propriamente sane " che è diverso -poi che ne sai di cosa mi faccio??? Saranno cazzi miei -a questo punto dove abiti che ne parliamo a 4 occhi???- sono medicinali comunque non sono down- e i ragazzi down sono simpatici ,non si offende così meschinamente la gente che non conosci ..... ho solo tentato un suicidio e sono tornato a casa 5 giorni fa .... ciao basta finita qui la storia .-
nes: ok, non sei down ma sei giustificato. adesso cerca un centro di recupero, non siamo né dei missionari né la Caritas.
nes: oppure cambia atteggiamento che magari riesci a divertirti.
MrDaveBoy73
Opera: | Recensione: |
devo capire come funziona questo sito non si possono cancellare i commenti ???? o modificare ???? non è Truffaut ......non è Risi ......non è Visconti .......né un conte -neanche dimezzato- , ........:) ciao
BËL (00)
BRÜ (00)

nes: No, e' ora che la gente si cominci a prendere la responsabilita' delle stronzate che scrive.
MrDaveBoy73
Opera: | Recensione: |
"è"?? prenditi la responsabilità di comperare un dizionario di italiano .
BËL (00)
BRÜ (00)

nes: Scusa: ma sei ritardato?
MrDaveBoy73: scusa ma sei stronzo?
nes: Con chi mi provoca si. Non yi sta bene? Cazzi tuoi, come ti ho gia' detto, e' ora di assumersi le proprie responsabilita'. Che se quel "73" lascia supporre tu non sia proprio un lattante. O mi sbaglio?
MrDaveBoy73: Pensavo di aver trovato un sito di gente simpatica.........la delusione è all'ordine del giorno , è una cosa ormai assodata, ma la mattina appena mi sveglio "NO" sarai tu ritardato tu che metti l'apostrofo quando ci vuole un'accento, io farò errori ortograifci per evitare l'ipocrisia e schaccio Enter , farò più attenzione ma anche tu : ogni tanto scrivi "perché" , altre volte "perchè", altre volte "è" , altre volte "e'", chi è il ritardato??? .-
MrDaveBoy73: ritardato??? grazie per la risata mattutina ah ah ah ah ah ah
nes: Siamo simpatici con chi e' simpatico. E quindi Tu, di preciso, che cosa cazzo e' che vorresti?
MrDaveBoy73
Opera: | Recensione: |
ho letto qualche tuo commento tu non sei simpatico sei ironico e sarcastico e ogni tanto va bene va ogni tanto no .- Stamane mi sveglio e trovo il tuo comento che mi ha fatto un po' ...........cosa vorrei?? prima di tutto sono appena entrato devo capire come funziona il sito, la gente che gira, io vrrei ridere, scherzare e ascoltare musica decente.- e io scrivo in fretta e ho la tastiera un po' andata, e devo sempre tornare indietro a correggere perché non fa quello che vorrei - tutto qui - , io sono un po' polemico occhei, chiudiamo qui pf? un saluto veramente cordiale ciao
BËL (00)
BRÜ (00)

puntiniCAZpuntini: Fratè, se fai le pulci alle "è" ma usi la punteggiatura come una Nigeriana strafatta di Kech... tre puntini di sospensione. La maiuscola dopo il punto. Poi - se proprio vuoi usare il trattino - non farlo seguire da virgole o punti.

Sicuramente Nes starà scrivendo da un cellulare bidone oppure si è incasinato le opzioni tastiera e quindi non trova gli accentati. Benvenuto nella terribile era dove la gente va su internet col telefono. Lo so, lo so, è triste ed io sono con te.
puntiniCAZpuntini: P.S.
Nes fa uso di droghe illegali.
puntiniCAZpuntini: Ah, proprio parlando di e come congiunzione, le virgole su un testo servono proprio a non scrivere ducento volte "e". Se metti virgola e poi la e, è una doppia pausa. Addirittura virgola, congiunzione, trattino. Così non è una pausa, sono le vacanze estive.
nes: Funziona che se entri a gamba tesa poi ti devi aspettare i tacchetti sugli stinchi. Funziona come funziona tutto il resto.
MrDaveBoy73
Opera: | Recensione: |
MrDaveBoy73
Opera: | Recensione: |
sulle virgole hai perfettamente ragione, (virgola) puntiniCAZpuntini, (virgola) grazie per avermelo fatto notare. Ma che gamba tesa, (virgola) ho solo scritto quello che succede nel film, (virgola) inverte i ruoli di Williams e tante altre cose, (...) ciao a tutti vado a mangiare, e Presidente della Repubblica è maiuscolo e anche Cristo.- ah ah ah ma io scherzo, adoro scherzare, non lo avete capito ??? ciao Buona Domenica comunque per il centro di recupero il mio medico dice che sono tropppo intelligente, (virgola) farei solo casino e basta.-grazie sei un angelo , anche Lucifero lo è.-
BËL (00)
BRÜ (00)

puntiniCAZpuntini: "Ho scritto solo quello che succede nei film DUE PUNTI inverte i ruoi di Williams e tante altre cose PUNTO.
nes: Non solo sei entrato a gamba tesa, ma non hai mai smesso e stai continuando pure qui. Se vuoi continuiamo: anche quando hai cercato di farla finita ti diceva che eri troppo intelligente? Io, per il bene della tua persona, cambierei medico.
MrDaveBoy73: caro stai entrando in una cosa che non ti riguarda e che è veramente "dolore puro" adesso vado anche a prendere cose illegali perché mi hai tirato fuori, basta pe favore .-sì lo voglio cambaire in effetti ma ci conosciamo da troppo; ripetere tutta la storia a un altro/a come faccio? E' lunga, complicata, piena di merda, di violenza , esclusione...anche di belle cose -però- non voglio fare la vittima però non calcare su queste cose per favore... adesso la finiamo qui ti DeAmo.- ok??? lo faccio perché mi piace la polemica, io sono un polemico, l'ho detto io però certe cose si leggono e si mettono non si riprendono più...scusami mi porti alle acrime .- ciao
puntiniCAZpuntini: Fratè, io sono troppo curioso di capire a cosa credi che serva il " - " , e come si usi.
MrDaveBoy73: lo uso io come mi pare .- è per dire punto a capo .- finita la storia .-ok sarò più attento veramente non tocchiamo più certe cose perché mi atterrite.- lì a destra c'è una lametta , qui sotto la scrivania un'altra, sulla scrivania un'altra...ciao vado a fare la spesa ;)
MrDaveBoy73: e non mi chiamo Donatella Rettore
puntiniCAZpuntini: << lo uso io come mi pare >> Ed era appunto ciò che chiedevo, sapere come ti pareva usarla.

Poi così, come consiglio, puoi usarla come ti pare ma sappi che sembri un coglione. E nota bene - che se no magari ti offendi - il verbo sembrare.
MrDaveBoy73: 1. I consigli se non sono richiesti non si danno 2. Le freccette a cosa servono, Di Grazia? Sono curioso, però sappi che sembri un coglione , ti faccio notare il verbo "sembrare" altrimenti ti potresti offendere.
puntiniCAZpuntini: << 2. Le freccette a cosa servono, Di Grazia? >> Freccette? Dimmi come posso citarti in maniera più comprensibile, anzi, consigliami. Io so di sembrare un coglione, è il mio compito in questa comunità. Di recupero, se non te n'eri accorto.
MrDaveBoy73: Adesso scusatemi ma mi devo fare una sn****a.per forza. mi farò una corazza. un'altra ancora; qui a furia di corazze non si vive più.- omioddio ho usato ancora il trattino è più forte di me la coglionaggine...
puntiniCAZpuntini: Io sto tagliando i pomodorini per l'insalata di farro. E voi? #geenoomerda

Secondo me, questo qui merita.
MrDaveBoy73: pasta in bianco con noci e parmigiano ...
aleradio: Grazie non avevo notato. Mettici un barattolo di pesto al peperoncino
puntiniCAZpuntini: Ammè me piace o'capitoun'
MrDaveBoy73: okkei visto che per tre giorni sarà, sono secco di soldi .- pesto??? va bene ci provo, ciao
ZannaB: Ma questo è un coglione!
puntiniCAZpuntini: (notate che c'è il trattino dopo il punto. I'M THE BLOODY HEADMASTER)
aleradio: ZANNa non mi puoi uscire allo scoperto così a crepapelle mi fai tutto l'effetto commozione
nes: Ciao Zanna.
puntiniCAZpuntini: Perchè Zanna è così, come il bicchierino di Scotch Single Malt di 20 anni che il Nonno tira fuori ogni morte di papa, meraviglioso, ma solo un bicchierino ed ogni tanto. E forse è buono proprio per questo.

Però, il Nonno è morto e lo Scotch è finito dal 2003, e quindi Zanna si mette tutte quelle canzoni che ti aprono il cuore come un bisturi e finalmente, puoi piangere di disperazione come si deve.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: