Sto caricando...

Axel F
Crazy Frog

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Chi sono? Fatti i cazzi tua! C'è scritto tra l'altro. Quello che mi appresto a recensire è un capolavoro assoluto capostipite del black e del viking metal quanto Burzum ed i Bathory, del Jazz quanto JOHN COLTRANE, del raggae come Bob Marley, in effetti trovo che il suddetto cd abbia ispirato e influenzato notevolmente gran parte della scena compresa la musica classica (pare che Beethoven si sia ispirato a uno dei brani qui presenti per comporre la celeberrima nona sinfonia): avete capito bene, sto parlando di Crazy Frog di Axel F (f come fashion). La copertina potrebbe indurvi in inganno, potrebbe apparire un disco facile, leggero, ma è solo ascoltandolo e riascoltandolo che si riuscirà ad apprezzarne la vera essenza; infatti questo è un cd molto difficile da assimilare, ma sono sicuro che ognuno di voi dal metallaro al ragazzo yoyo troverà qualcosa di familiare, qualcosa che gli è proposto da anni dai suoi beniamini che tuttavia pur impegnandosi al massimo non riescono a raggiungere il talento e la classe nella composizione di questo Axel F. E se anche riuscissero, i loro brani non avrebbero mai un'intensità anche solo minimamente paragonabile a quella dei brani di Crazy Frog.

Ascoltare per credere, "Radio Edit", la opener: delle urla inumane e disperate che Burzum ha sempre tentato di imitare ci introducono a un brano frenetico e da un'atmosfera in un certo senso iberica (flamenco infatti è un'interpretazione scorretta di F che invece sta per fashion). Si passa poi a "Bounce Mix", veloce, violenta e brutale dove Axel si esibisce in growl malati e grotteschi in una canzone che ha un testo che altro non è che una riflessione sul marcio della società moderna. Si coglie una decadenza infinita, un gotterdammerung della borghesia e dell'imperialismo; i principali esponenti del Death e anche ma non solo del comunismo e soprattutto Luchino Visconti si sono ispirati a questo brano per realizzare i loro lavori. "Bounce Mix Instrumental" è un brano interamente strumentale dove il delicato suono delle tastiere accarezza l'orecchio dell'ascoltatore che per un attimo si trova quasi trascinato via da un malinconico sassofono il cui suono mesto avvolge qual soffice nebbia l'ascoltatore che privato del mondo circostante può arrivare a scrutarsi l'anima e a capire quanto l'uomo sia solo all'interno dell'universo. Coltrane ha tentato senza peraltro riuscirci a far raggiungere all'auditore simili emozioni ispirandosi notevolmente a questa stupenda ballad. Introdotta da cori seguiti da pesanti schitarrate, con il suo mefitico growl rappato "Reservoir Frogs Remix" è una lunga suit di trentotto minuti (i Manowar ci hanno provato ma più di ventotto minuti non gli è riuscito ma almeno non sono stati noiosi come i Dream Theater che senza offesa suonano musica che imita imitazioni di questo inarrivabile capolavoro) dove il Viking si mischia col Rap e l'allegria del Raggae si fonde con l'infinita tristezza del Gothic. Un brano assolutamente indescrivibile, come indescrivibile è questa opera d'arte che Michelangelo stesso ha usato come sottofondo musicale mentre si concentrava nel cogliere la divina perfezione del Signore Dio Nostro (per gli amici SDN) mentre lo rappresentava sui muri della Cappella Sistina, residenza oggi dell'eminentissimo Reichsfuhrer Des Vatikan Joseph Ratzinger.

Mai scontato, mai raggiunto, sempre fashion.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su QuarantaSei

CoolOras
CoolOras
Opera:
Recensione:
wow growl malati e grottesti, rap che si mischia col viking, accenni jazz.. lo vado subito a comprare!!!!


JIL
JIL
Opera:
Recensione:
Matteo
Matteo
Opera:
Recensione:
non voto il disco semplicemente perchè non è un disco, ma merda pressata, che a quanto pare piace, ma solo a chi non ha la più pallida idea di cos'è la musica. Spregevole il fatto che sia in commercio e ancora più spregevole è il fatto che qualcuno la compri.


Devon
Devon
Opera:
Recensione:
dies cd ist so celestialen...mi zento cozi ficino a zio onnipotente...ehm..folefo dire dio...ma in effetti...dio e' diminutifo di io...io zono dio..hahahahahahahahhhhhhhhhhhhhh


Qzerty
Qzerty
Opera:
Recensione:
a me la rana pazza piace!!!!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Ah ah ah Grazie per le risate.


Mr. Orange
Mr. Orange
Opera:
Recensione:
La rece è un capolavoro, ma la rana pazza al rogo!


Fred1
Fred1
Opera:
Recensione:
io ho pogato sul remics gingol bell. GINGOL BEEEL GINGOL BEEEL GINGOL OLL DE UEIII unz unz unz [il disco comunque è divertentissimo :°°°°D]


Massimof
Massimof
Opera:
Recensione:
Ciccio, hai errato sul nick, si dice e scrive: FATTE LI CAZZI TUA. O scrivi bene, iniziando dal nick, o tornatene a scuola di dialetto. Comunque questa è una recensione sorpassata per uno stile oramai iperinflazionato su Debaser. Pollice verso.


Devon
Devon
Opera:
Recensione:
HAHAHA un mucchio di cazzate, pero` bella! LI non dire belinate e` divertente. Se correggi il nome, dovresti correggere anche tutto il resto


Devon
Devon
Opera:
Recensione:
scuola di dialetto? o testa di cazzo e' pisano non lo sai?


accattone
accattone
Opera:
Recensione:
Non rompetemi le palle


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
sticazzi sta rece merita il massimo, il cd non so e non me ne sbatte un cazzo, ma la rece è imba


br17is
br17is
Opera:
Recensione:
da non dimenticare la dimansione esistenzial-politica del disco. anima marxista e cuore platonico convivono in un turbine di focose passioni.


Devon
Devon
Opera:
Recensione:
no non mi ha identicata; HAHAHAHA bellissima SDN per gli amici che genio chi la ha scritta


Cate
Cate
Opera:
Recensione:
meravigliosa! :D ahahahahaaa


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
cc'è un mi amico ritardato gli piace 'sto ammasso di piscio


MetallaroBionico
MetallaroBionico
Opera:
Recensione:
devon ma che c'e' di cosi' esilarante nella frase "mentre si concentrava nel cogliere la divina perfezione del Signore Dio Nostro (per gli amici SDN)"?! state fuori!! :)


frasco
frasco
Opera:
Recensione:
grande! kuesto disko è superlativo!!!! soprattutto quando comincia l'assolo di motoretta... uao!!!! e poi? come si fa a dare 1 a kuesto disko kua? ma kosa askoltate voi? e? brittni spiirs? o i grin dei? ma askoltatevi un po' di sana musika ekekkazzo! viva la tekno miusic!!!


ReZ
ReZ
Opera:
Recensione:
strawberryNgarlic
Opera:
Recensione:
di cosa t fai??mescalina mista a bifloruro di sodio tagliata con mercurio?


jack frusciante
jack frusciante
Opera:
Recensione:
Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
LA RECENZIONE è VERAMENTE UNO SCHIFO GLI AXEL F SONO DEI FROCI CHE SI FANNO LE SEGHE DAVANTI A ALBANO E SPUTANO ALLA LECCISO IO MI VERGOGNEREI FOSSI IN LORO BRUTTI DROGATI !!!!!!W LE DONNE


Adriano Bernard
Adriano Bernard
Opera:
Recensione:
Grandissima recensione... Ma io a volte riesco a cogliere in questo disco risonanze di classica e di new age. Tu no?!


BLACK METAL
BLACK METAL
Opera:
Recensione:
mah, dare 5 non è un po' esagerato??? va be, bella rece disco of shit


BLACK METAL
BLACK METAL
Opera:
Recensione:
ho cambiato parere


sorciopeloso
sorciopeloso
Opera:
Recensione:
TheChosenOne
TheChosenOne
Opera:
Recensione:
sei un fottutissimo dio!!!!


Yosif
Yosif
Opera:
Recensione:
ahaha recensione spettacolare :DDD


Peppe Weapon
Peppe Weapon
Opera:
Recensione:

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Crazy Frog è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link