Sto caricando...

Bad Bunny
YHLQMDLG

()

Voto:

<< Bisogna lasciare il passo alle nuove generazioni: anche perché se non glielo lasci se lo prendono comunque.>>

Due sono le cose che temo: la prima, la più imporntate, è l'inesorabile scorrere del tempo, che con un'anudita prepotenza, sbiadisce ogni cosa, saccheggiandone le peculiarità e gettandola nell'oblio; la seconda, meno di impatto, è il momento esatto nel quale non riuscirò più a trovare un punto di contatto con la musica che muove le teste delle generazioni più giovani.

Non ci si può fare nulla, prima o poi capita a tutti: chi a 25 anni, chi a 40 e chi è nato completamente distaccato dalla propria epoca e trova rifugio solo in un opaco passato idealizzato, frutto più di elucubrazioni mentali e proiezioni distorte vomitate da terzi. Un fatto, non ci si può fare niente.

Domani è il mio compleanno e con lo spettro dei 30 in avvicinamento (maledetto, sento il suo fiato fetido sul collo), qualche crepa, da assiduo ascoltatore, la vivo pure io. Non è andata male fino ad ora, ma certe ondate giovanili proprio non mi solleticano i testicoli. Zero, merda da australopitechi che si ficcano banane nel culo muovendosi a ritmo. Avessi avuto qualche anno di meno, probabilmente quelle banane me le sarei messe pure io nel culo, muovendomi a ritmo. O forse no.

YHLQMDLG

IL FOTTUTO RAGGAETON, luridi brufoli sulle chiappe della società, è il genere predominante degli utilmi 10 anni, quello che sputa in culo a qualsiasi altro genere, dal suo trono sulle app di musica in streaming. Un genere giovane (non sto a farvi la storia, non interessa a me, non interessa a voi, che siete appunto dei brufoli sulle chiappe della società). Una produzione vasta, su scala globale, che volenti o nolenti, ci tormenta. Prima era un divertissement relegato al solo arco temporale estivo, ma adesso ogni stracazzo di settimana esce qualcosa. Il 4 maggio, il 2 novembre, il 13 agosto porca puttana persino nello stracazzo di giorno di Natale una di questi maledetti beduini pensa a pubblicare l'ennesima hit. Si, miei cari: è solo di hit che si parla.

Eppure una produzione così vasta ancora fatica a trovare una propria dignità, prodotti che, seppur incentrati a muovere le chiappe, possano vantare una certa nobiltà. Ci siamo riusciti con ogni forma musicale, persino a quello schifo di EDM si guarda con nostalgia, parlando in certi casi di CLASSICI.

La cosa da un fastidio enorme in particolare ad un simpatico e coloratissimo personaggio con il curioso nome d'arte di Bad Bunny, al secolo Benito Antonio Martínez Ocasio: un soggetto atipico, figlio di Porto Rico, con la smania per figa e motori, che ha fatto del crossover e della fusion gli elementi cardine della sua proposta musicale.

Andiamo con ordine: nel 2013 parte in sordina con la pubblicazione di qualche pezzo su Soundcloud e il successo non tarda ad arrivare; piccolo salto temèprale, siamo nel 2018, è il 24 Dicembre, e Bad Bunny pubblica l'esordio discografico che arriva in frettissima al diamante. 7 mesi dopo, la collaborazione con un'altra istitutizione del genere, J Balvin e ennesima abbuffata di platini. 9 mesi dopo, a ridosso della pandemia globale, con i club di tutto il mondo che esalavano gli ultimi respiri prima della chiusura, pubblica il suo manifesto.

Tradotto: FACCIO QUELLO CHE VOGLIO

E lo fa, cazzo. Musica che trova la sua raison d'être unicamente nei dancefloor, mentre viscida si muove tra corpi sudati e inebriati dall'acool, arriva su tutte le piattaforme il 29 febbraio di quel fatidico 2020.

Un prodotto mastodontico (una tracklist corposa contenente la bellezza di 20 pezzi), un entusiasmantee coloratissimo kaleidoscopio musicale dal sapore estivo, capace di catturare l'essenza di quei pomeriggio pigri e assolati di Luglio, dove il caldo narcotizza ogni impulso vitale. Un percorso musicale in bilico tra contemporaneità (t)rap e stilemi raggaeton classicheggianti. Uno sguardo ai grandi pezzi del passato, ripuliti e riadattati. Addio a quell'ossessione verso il machisimo ad ogni costo, da sempre peculiarità del genere, retaggio culturale di un contesto sballato. Sempre presente invece la sessualità, meno volgare, richiamata tramite il ballo, il perreo. In altre sedi si è parlato di progressismo, ma è più calzante il concetto di duttilità, conseguenza di una grande interpretazione de tempi.

Già a partire dal zuccheroso incipit, Si veo a tu mamá , con quel ritornello killer e quella melodia gommosissima, quella che trasuda è una lapalissiana anima pop, che poi percorre tutta l'opera, nelle sue variopinte sfaccettature, sia che si tratti delle atmosfere cloudy della più malinconica Pero ya no o della più aggressiva Está cabrón ser yo, episodio rap impreziosito dalla presenza di AA Anuel dove il flow trascinante vi farà muovere le chiappe. Una menzione doverosa poi va fatta a Safaera, che condensa 30 annni di musica portoricana in 5 minuti scarsi. Un bramo dalle tinte quasi prog nella sua caotica avvenenza.

Il fottuto raggaeton, che è il linguaggio pop di odierno. Quello che, credetemi, vi farà soffocare in un quantitativo di figa ALLUCINANTE.

Musica giovane. Avete perso il contatto o ci siete ancora?

Commenti (Dodici)

Dislocation
Dislocation
Opera:
Recensione:
Per il rispetto che porto ad un DeUtente che sfiora il decennale, mi cimento, già perplessissimo, nell'ascolto di siffatta opera. Dopo sei minuti, pur apprezzando la colorata naïveté del tuo scrivere, mi permetto di sommessamente domandarti, due punti aperte virgolette...
"Ma stai scherzando?"
Tu però, nella tua infinita bontà, considera che i tuoi trent'anni li sto per doppiare, da lì vedi bene...

BËL 00
BRÜ 00

CosmicJocker
CosmicJocker
Opera:
Recensione:
"e se la nuova generazione fosse una generazione di fessi? Capita, ogni tanto, una generazione di fessi" (cit.)

Non capisco il timore per il "momento esatto nel quale non riuscirò più a trovare un punto di contatto con la musica che muove le teste delle generazioni più giovani"

Così come non capisco chi pensa che "aaaah, i giovani d'oggi non capiscono un cazzo".

Cercare semplicemente di rimanere in contatto con noi stessi: l'unica cosa che conta (ed è già difficile questo). Ma se ci riesci troverai automaticamente punti di contatto e con i giovani e con gli anziani.

BËL 02
BRÜ 00

ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Brufolo sulle chiappe della società ci sarei te! Torniamo a noi: la recensione stuzzica, però devi rileggere bene dopo aver scritto, perché ci sono un po' troppi refusi. Quanto al reggaeton, alcune cose le trovo tamarre, insopportabili, altre, invece, mi sembrano più "deep" e ricercate dal punto di vista musicale. Proverò a buttare un orecchio.

BËL 01
BRÜ 00

ZiOn: *sarai, a proposito di refusi.
little horn 2.0: Vero, devo prestare più attenzione.

L'album invece è un misto tra cose tamarre e insopportabili e altre invece più Deep e "ricercate".

Da provare, assolutamente. Anche solo per comprendere la direzione in cui sua andando la musica pop odierna
ZiOn: Ovvio, vivere scollegati dal presente è un errore notevole.
ZiOn: Devo aggiungere, a malincuore, che preferisco altre vie intraprese dal pop degli ultimi anni: quelle percorse da gente come Rosalía, Grimes, Jessie Ware, Róisín Murphy, The Weeknd.
little horn 2.0: The Weeknd fino ad Afterhours aveva trovato un equilibrio ideale, ma con l'ultimo pure lui non ha saputo rinunciare ad una certa tendenza revival che sta aggredendo buona parte della pop music odierna (vedasi Dua Lupa, Harry Styles ecc.).

Motomomami invece lo ascolti ancora? Io mollato, anche se qualche pezzo lo ascolto ancora assiduamente
ZiOn: A me l'ultimo di The Weeknd è piaciuto un sacco 😃

Sì, anche "Future Nostalgia" di Dua Lipa è un bel disco. "Motomami", invece, mi ha deluso tantissimo. "El Mal Querer" è tutta un'altra storia.
Poldojackson
Poldojackson
Opera:
Recensione:
Dire i giovani d'oggi mi sembran coglioni è il primo passo verso il vecchiume
ogni generazione dice così di quella successiva
benvenuto a bordo

BËL 01
BRÜ 00

axel
axel
Opera:
Recensione:
Allora, io sono un estimatore di BadBunny. In realtà il reggaeton che fa lui è molto atipico e molto più multiforme rispetto a quello dei suoi soci. È più vicino ad una Rosalia che non ad un qualsiasi reggaetonero. BB è pop fino al midollo, giova con reggaeton, con la trap, con l'elettronica, col pop, con generi classici latini. Musicalmente il primo album (X100pre) è un prodotto perfetto, inaspettato da uno che si pensava fosse lì solo come hitmaker e non gli fregasse nulla del concetto di album. YHLQMDLG è bellissimo, ha dei momenti meravigliosi (Yo Perreo Sola è un pezzo riempipista che ha una carica sociale che i gruppetti rockettari mezzeseghe non hanno mai partorito) però tirando le somme come album ha pure qualche lungaggine e lo stesso vale per El Ultimo Tour.. che però ha due pezzi incredibili come Booker T e Yo Visto Asi (canzone dell'anno, una potenza punk clamorosa pur nel suo suono patinato).
Un Verano Sin Ti è uscito da poco. Ha spaccato le classifiche ma poco importa. A sentirlo pare un dischetto molto più rilassato dei precedenti, con un BB che predilige la morbidezza con sentori di malinconia. Sembra l'album meno prorompente ma sembra anche bellissimo. Siamo quasi ai livelli di X100Pre. Forse siamo pure oltre. Chi lo sa, ci vuole un po' per metabolizzare. BB è musica per tutti ma non è musica facile.

BËL 00
BRÜ 00

IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Siamo lontanissimi, issimi musicalmente ma in compenso comprendo tutta questa tua “incazzatura”… io ho iniziato da bambino a essere così, figurati…

Però avevo letto bugs bunny e pensavo altro…

Sono vecchio, forse morto … ma discretamente attivo come nevrastenia …

BËL 00
BRÜ 00

musicanidi
musicanidi
Opera:
Recensione:
Ci lottavo giusto due giorni fa col Bad Bunny….lui era a palla negli altoparlanti del minivan turistico mentre io ero rintanato nelle mie cuffiette (a massimo volume, NON coi massivo volume) ad ascoltare i viagra boys. A una certa età i vecchiacci, hanno bisogno di stimoli particolare….

ps
ti lascio immaginare chi ha vinto

BËL 00
BRÜ 00

musicanidi
musicanidi
Opera:
Recensione:
Non voto la pur bella recensione perché sotto i 30 non puoi sprecare tempo ad ascoltare e a scrivere di Bad Bunny!!!!

BËL 00
BRÜ 00

Hetzer
Hetzer
Opera:
Recensione:
Ma tu seriamente hai cercato di dare un senso a una produzione reggaeton? È vero che non bisogna ragionare a pregiudizi, ma con il reggaeton non si sbaglia: già il fatto che probabilmente senza gli smartphone e le app del cazzo non esisterebbe nemmeno, dovrebbe essere sufficiente per capire che, come la trap, stiamo parlando del nulla montato a neve.. È vibrazione ritmica intesa solo a far muovere corpi scimmieschi che solo per puro caso hanno anche una testa attaccata al vertice.. Il più stramesso sciamano della Rhodesia che danza coperto di fango e piscio al suono cacofonico di sonagli e latrati ha un'auto-consapevolezza superiore alla troia-tipo che si bagna e struscia con questo pandemico cesso sonoro, o al bambino che si è autoconvinto che l'atteggio gangsta fa grosso solo perché glielo ha detto un post su Instagram (se si usa ancora...)..
Poi non capisco ciò che vuoi concludere: dobbiamo giustificare l'esistenza del reggaeton solo per il fatto che fa sgallettare figa umettosa? Ma a che pro? Qua non si sta più parlando di musica, quindi qual è il punto?

BËL 01
BRÜ 01

little horn 2.0: Madonna, ma questo indicibile disadattamento umano ve lo trascinate dietro sempre, anche nei contesti sociali più improbabili o la riversate solo sul Debaser? Per capire, come fai la mattina a svegliarti, vestirti e prepararti la colazione da solo?

Che compassione. O che schifo, non so, devo capire bene.
Hetzer: @[little horn 2.0] non ti ho capito; nemmeno tu ti sei capito, secondo me.. Di sicuro, se cerchi di inquadrarmi in quel modo, tu non hai capito me.. Fair enough..
little horn 2.0: Vai tranquillo, che ti ho capito benissimo, caro il mio sfigatissimo sterwoptipo vivente. Per fortuna che i ratti come te si autosabotano da soli e finiscono (giustamente) a vivere in sudici scantinati dimenticati da Dio no cioè intendevo trilocali del cazzo.

Pensa solo se ti fossi ritrovato a ricoprire una posizione importante, quanti danni avresti fatto. Madonna
Hetzer: @[little horn 2.0] no, direi che ci hai capito poco, sia del commento che del sottoscritto, ¢a va sans dire.. Ebbene sì, ricopro una posizione piuttosto importante ed ebbene no, non vivo nell'idilliaco contesto che hai immaginato per me.. Tu dirai "Bugiardo merda!" e io dirò "E sticazzi?" Poco male, non sei il primo che sbaglia a disegnarmi.. Il mio commento comunque poneva, in maniera certamente tranchant e goliardica (ma dove siamo, a "Porta A Porta" per caso?) un quesito o dubbio che dirsivoglia a cui, nella furia dell'insulto, ci si è "dimenticati" di rispondere.. Poco male, ce ne faremo una ragione!
Buon compleanno eh..
axel: Il punto all'incirca è che stai parlando di roba che non conosci quindi a che pro
axel: Che poi pensare a bad bunny come un reggaetonero random è già tipo l'attestato del "ok raga di sta roba non so un cazzo e sono totalmente scollegato ai fenomeni pop moderni"
Hetzer: @[axel] ma chi se ne incula di Bad Bunny non ce lo metti? Quindi la gente che comprensibilmente disprezza questi "luridi brufoli sulle chiappe della società", come dice il recensore, è "totalmente scollegata ai fenomeni pop moderni"? Che problemi hai? Si può ancora dire che un "genere" ci fa schifo, lo si può perculare un po', oppure no?
Comunque, oltre ad aver sbagliato anche tu sul dipingere la tua versione del sottoscritto (però hai usato meno insulti d'accatto, hai più stile..) nemmeno tu hai saputo o voluto chiarire il dubbio: oltre a lubrificare vulve, oltre a "farvi soffocare in un quantitativo di figa ALLUCINANTE", di cosa stracazzo stiamo parlando?
axel
axel
Opera:
Recensione:
"chi se ne incula di Bad Bunny non ce lo metti?"

Letteralmente tutto il mondo

"Si può ancora dire che un "genere" ci fa schifo, lo si può perculare un po', oppure no?" Boh si può anche dire che denigrare un intero genere dovrebbe essere di pubblico dominio che è una cosa da sprovveduti

BËL 00
BRÜ 00

Hetzer: @[axel] forse non mi sono spiegato: ma chi se ne fotte di Bad Bunny? Cosa registra, il Sgt. Pepper del reggaeton? Ma per cortesia..
Non si denigra nulla, credo che il reggaeton si denigri già da sé.. Se averne un'opinione negativa e greve sarebbe da sprovveduti, cercare di trovarci significati reconditi o un qualche senso che non sia far vibrare glutei, far sentire grossi i ragazzini e machi sventrapapere i papi gordos o il pezzente sudamericano medio è come minimo da fessi.. Ci saranno le eccezioni alla regola, do sicuro,.ma eccezioni appunto sono.. E i toni del trentenne che ammette che sì, questa musica fa fondamentalmente schifo MA attira la vulva bagnata suonano un tantinello patetici..
axel: "forse non mi sono spiegato: ma chi se ne fotte di Bad Bunny? "

Letteralmente mezzo mondo
"Cosa registra, il Sgt. Pepper del reggaeton? " Circa sì

"cercare di trovarci significati reconditi o un qualche senso che non sia far vibrare glutei, far sentire grossi i ragazzini e machi sventrapapere i papi gordos o il pezzente sudamericano medio è come minimo da fessi.. " ecco come dimostrare che non si sa NULLA di cio di cui si parla grande. Si sei sprovveduto o fesso vedi tu.
Hetzer: @[axel] guarda, credo che tu abbia qualche problema con le domande retoriche, per cui riformulo.. A me non me ne frega una mazza di Bad Bunny, del suo successo e del fatto che mezzo mondo se lo inculi (argomento da fan di Vasco Rossi, in pratica. Annamo bene ...).. Tu puoi dire quello che vuoi, ma non potrai mai negare che senza una ben precisa matrice estetica, senza l'atteggio da club, senza il machismo verso un'idea "consumistica" e distorta di figa (o per usare un termine più vicino al genere, di "cagna") cosa rimane del reggaeton? Ritmiche microcefale? Qualche bachata del cazzo? Sorry, per me non è assolutamente abbastanza per meritare dignità.. Questo tizio fa qualcosa di diverso? Ha fatto i money? Beh, beato lui, ma hai dimenticato di dire "E sticazzi?".. Poi di nuovo, e definitivamente: concludere gorgheggiando che il reggaeton ti farà sommergere dalla figa (non l'ho detto io...) è una conferma lampante della mia personale valutazione.. Ed è da fessi.. Altro di dire non c'è..
axel: Si ok ma dalla qualche riga in più di un argomento e un genere di cui non sai assolutamente nulla.
Ti faccio un istantanea bella precisa: presente gli scemi in Italia che nei '90 quando si parlava di rap credendosi super scaltri sfoggiavano facce da ebeti pensando di essere simpa e iniziavano a fare imitazioni tipo gesti delle corna e "YO YO". Ecco sei in pieno quella roba lì ma con un altro genere di cui, guarda caso non sai nulla.

Cioè sono 20 commenti che ripeto che sta roba ti fa schifo e che quindi non sai nulla. Ti si dice: uè va che BB non è quello stereotipo che pensi tu" e parti con la filippica di chi ci tiene a mettere in chiaro che davvero non sa un cazzo di nulla ma Hey vuole avere ragione. Cioè la ragione si dà ai fessi, dicono e un po' ci credo quindi ti accontento.
Hetzer: E ancora con sto BB... De coccio sei!
proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
discone, uno dei pochi che ho trovato nel genere
peccato che oltre a questo ci siano solo pezzi sparsi

BËL 00
BRÜ 00

snes
snes
Opera:
Recensione:
Il raeggetton "giovane" ? Ma "la gasolina" c'ha 17 anni. DICIASSETTE.
detto questo, sia romina falconi che i nanowar hanno interprtato il genere alla grandissima.
Però ripeto: non so se possa essere considerato un genere prettamente "giovane"

BËL 00
BRÜ 00

proggen_ait94: beh 10 anni fa lo era
proggen_ait94: sicuramente fa meno vecchio della trap che ormai c'ha la barba brizzolata

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera