Bathory
Twilight Of The Gods

()

Voto:

Esistono persone capaci di creare, con molto poco, dei veri capolavori: questo è il caso di Quorthon, che nella sua lunga carriera scrisse alcuni tra i migliori dischi di viking/epic, ma sicuramente con questo "Twilight Of The Gods" raggiunse il punto più alto del viking in generale, si...ne sono fermamente convinto, per due motivi fondamentalmente:

1) "Twilight Of The Gods" contiene alcune delle canzoni più belle del viking epico
2) "Twilight Of The Gods" contiene le più belle canzoni dei Bathory

Siamo nel 1991, ed i Bathory sono in circolazione già da un pò di anni, è risaputo che il gruppo non è sicuramente formato da geni musicali (tecnicamente parlando), ma ciò che più dà da pensare ai fan del gruppo è: "Quale strada deciderà di prendere Quorthon? Si tornerà al black cacofonico dei primi album?? Si continuerà il discorso di Death Blood And Fire?"... bhè la risposta è semplice, quel geniaccio di Quorthon fa quello che meglio gli viene... fregarsene di tutto e tutti e compone ciò che si sente... ed indovinate??? Nasce un vero capolavoro formato da 7 perle di viking, perle che rispondono al nome di "Twilight Of The Gods", una suite maestosa di 14 emozionantissimi minuti: la canzone di apre con una lunghissima introduzione suonata tutta in sordina, alla quale si uniscono poi, in un fantastico intreccio melodico, chitarre elettriche ed acustiche, che tessono una melodia pesante e cupa  accompagnata da un testo splendido. La teatralità della voce del cantante e i grandiosi cori che fanno da sfondo rendono la canzone veramente squisita e per nulla pesante da ascoltare. Si passa così a "Through Blood By Thunder", canzone che getta le basi alla stragrande post-produzione bathoriana, che comincia con un arpeggio inziale abbastanza calmo, al quale si attacca poi una base molto cadenzata basata su una ritmica quadrata e possente che viene accompagnata da un cantato particolarmente poco aggraziato che rende il tutto molto particolare. Dopo questa perla passiamo a "Blood And Iron", grande classico della produzione del gruppo, che si apre con uno stupendo arpeggio di chitarra acustica molto triste, che si trasforma poi in una canzone più complessa rispetto alla precedente: le chitarre si fanno più aggressive e i tempi di batteria risultano essere molto più vari e complessi. La monotonalità della voce di Quorthon è questa volta un pò il punto debole della canzone, che viene leggermente imbruttita. Il livello generale della song è comunque eccellente. 10 minuti di pura epicità. "Under The Rune" ci mostra invece un vocalist in grande forma, che ci offre una prestazione veramente ottima andando a costruire delle linee vocali eccellenti, accompagnate da cori fantasticamente epici. La base melodica è semplice, quasi elementare, ma non per questo brutta anzi... la melodia portante risulta essere una delle migliori dell' album, dove musicalità leggere ed aggressività sono perfettamente dosate. "To Enter Your Mountain" è la song che invece meno mi ha attirato, non perchè brutta (anzi, paragonata al viking moderno è qualcosa di innarrivabile), ma perchè complice una base che si rifà troppo a quella di "Twilight Of The Gods" ed un cantantato veramente pessimo risulta essere oscurata da cotanta bellezza(mi duole dirlo). "Bond Of Blood" riprende il percorso intrapreso con la precedente canzone, rispetto alla quale risulta essere però molto più ricca di spunti ed accompagnata da un cantantato migliore; bellissime le linee di chitarra elettrica che fanno da padrone in tutta la durata della canzone. L'ultima "Hammerheart" è una delle più belle canzoni che io abbia mai sentito: nulla di particolare dal punto di vista tecnico/strumentale, sia chiaro, ma la carica emotiva che sprigiona questo coro vichingo è qualche cosa di mai sentito prima d'ora; la teatralità e l'emozionalità che sprigiona la voce di Quorthon in questo pezzo è qualcosa di unico e fantastico. Ottima la melodia portante, assolutamente priva di chitarre e tutti gli strumenti classici quali basso e batteria (quest'ultimo compare solo con i piatti nel sognante ritornello).

In definitiva questo è sicuramente uno dei più bei dischi che io abbia mai ascoltato, ed è sicuramente il miglior prodotto di viking mai concepito; la produzione del disco, abbastanza sporca, rende il tutto più fantastico e gradevole.

Questa DeRecensione di Twilight Of The Gods è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/bathory/twilight-of-the-gods/recensione-emanuele

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentiNove)

Anonimo
Opera: | Recensione: |
bella copertina.... e buona recensione
BËL (00)
BRÜ (00)

longlivetohardrock!
Opera: | Recensione: |
Bravi, leggendari, ma a mio parere un pochino sopravvalutati...cmq il loro migliore dopo hamerheart
BËL (00)
BRÜ (00)

PasMal?
Opera: | Recensione: |
Contiene le più belle canzoni dei Bathory? No!, contiene alcune delle più belle canzoni dei Bathory del periodo Viking-Epic. Scusa la puntualizzazione. (:>)
BËL (00)
BRÜ (00)

emanuele
Opera: | Recensione: |
Pas, grazie della puntualizzazione :)
BËL (00)
BRÜ (00)

StefanoHab
Opera: | Recensione: |
Quoto. Grande album
BËL (00)
BRÜ (00)

emanuele
Opera: | Recensione: |
mi votate la recensione?
BËL (00)
BRÜ (00)

MetallaroBionico
Opera: | Recensione: |
PasMal?
Opera: | Recensione: |
Guardando le tue foto capisco che sei sempre di più l'uomo della mia vita: SEI BELLO!
Nick non lasciare che il mio amore venga sprecato: verme!
BËL (00)
BRÜ (00)

MetallaroBionico
Opera: | Recensione: |
:)) troppi scoppiati qui dentro...
BËL (00)
BRÜ (00)

PasMal?
Opera: | Recensione: |
Scherzavo: sei un cesso!
BËL (00)
BRÜ (00)

MetallaroBionico
Opera: | Recensione: |
secondo me per risolvere questa spinosa questione dovremmo aprire un forum...
BËL (00)
BRÜ (00)

PasMal?
Opera: | Recensione: |
Non c'é ne bisogno le foto si commentano da sole....(;<)
BËL (00)
BRÜ (00)

MetallaroBionico
Opera: | Recensione: |
ieri una mi ha detto che sono bello dentro...
BËL (00)
BRÜ (00)

PasMal?
Opera: | Recensione: |
Buon per te!
BËL (00)
BRÜ (00)

emanuele
Opera: | Recensione: |
Nick, grazie del voto...sei gentilissimo :p
BËL (00)
BRÜ (00)

NickGhostDrake
Opera: | Recensione: |
:) mi tentavi troppo...
BËL (00)
BRÜ (00)

emanuele
Opera: | Recensione: |
figurati...se eri così tentato va + che bene :p
BËL (00)
BRÜ (00)

donjunio
Opera: | Recensione: |
recensione simpatica, il voto al disco non lo affibio perché a differenza di te non mi esprimo su cose che non conosco!
BËL (00)
BRÜ (00)

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Cordiale de-recensoreo Monsieur Emanuele, pur rispettando completamente la sua de-commentazionem, non ne condividerei pressochè alcun aspetto (a partire dai due ben evidenziati punti salienti del Suo discorso). Sarà che avendo (da giovine) più che apprezzato il de-artistam in quaestionem nei tempi e dischi precedenti (soprattutto i primi foschi tre lavori) non appresi davvero con alcuna gioia la vacua (de gustibus, of course) e pressochè inudibile pseudo-svolta epicheggiante intrapresa a partire dal deludentissimo (sempre de gustibus..) Hammerheart, in avanti. Disco pressochè tronfio ed inudibile: perlomeno ciò alle bisunte orecchie del vetero sfascia-scritto. Ossequi cordialissimi nonchè a iosa. Your s.c. di (s)fiduciam.
BËL (00)
BRÜ (00)

emanuele
Opera: | Recensione: |
donjunio su cosa mi esprimo senza sapere le cose???
BËL (00)
BRÜ (00)

donjunio
Opera: | Recensione: |
IL disco di dave navarro!
BËL (00)
BRÜ (00)

emanuele
Opera: | Recensione: |
Ahhhh..mossa trpp azzardata la mia, scusa ma mi è profondamente antipatico...scusa comunque..:D
BËL (00)
BRÜ (00)

donjunio
Opera: | Recensione: |
eheh si lo so che è antipatico a molti....infatti ho scritto quella rece sperando di invogliare qualcuno all'ascolto della sua musica, perchè merita.
BËL (00)
BRÜ (00)

emanuele
Opera: | Recensione: |
bhò...è possibilissimo...vedrò che fare, magari appena ne ho la possibilità ascolterò qualche cosa :)
BËL (00)
BRÜ (00)

fritz
Opera: | Recensione: |
la title track è bellissima, una cosa sconvolgente. Il vento, e quell'arpeggio, e poi la fusione geniale tra chitarre acustiche e elettriche, i cori, la voce di quorthon, il testo...una cosa incredibile!
BËL (00)
BRÜ (00)

Anonimo
Opera: | Recensione: |
A me i Bathory piacciono in ogni caso...certo che i primi tre che han composto favevano "schiumare" le orecchie...ma anche dopo Hammerheart non mi dispiacciono affatto...Ebbbbbravo Emanuele!!
BËL (00)
BRÜ (00)

emanuele
Opera: | Recensione: |
Mi correggete la rece????
BËL (00)
BRÜ (00)

Hell
Opera: | Recensione: |
Porca vacca la puttana questo è viking... Con blood fire death e altri...
BËL (00)
BRÜ (00)

darkHaem
Opera: | Recensione: |

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: