Sto caricando...

Billy Idol
Cyberpunk

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Probabilmente uno dei dischi più sottovalutati degli ultimi 50 anni.

A quanto pare il disco non dev'essere andato giù neppure al suo autore, dato che dopo questo piccolo capolavoro ha aspettato 12 anni per incidere un altro album e, soprattutto, dato che ha abbondantemente rinnegato questa sua esperienza al limite del visionario. Billy Idol lo conoscono più o meno tutti: tamarrone biondo ossigenato, è stato tra i protagonisti della scena punk sul finire degli anni '70 con i Generation-X e poi ha spaccato nelle classifiche di tutto il mondo con ottimi album di rock (melodico?) per gran parte degli anni '80. Poi era sparito, causa un brutto incidente in moto, ed era tornato sulla cresta dell'onda con 'Charmed Life', in dischetto discreto e un po' paraculo.

Poi la svolta: probabilmente Billy legge "Neuromance", libro manifesto della Cyberculture di William Gibson edito negli USA nel 1984, e prende una sbandata per tutto ciò che è Cyber. Ad essere banali si potrebbe dire che Idol è arrivato una decina d'anni prima di tutti (il disco è uscito nel '93), tentando di far diventare pop(ular) un mondo ed una cultura che esisteva già da un bel pezzo, ma assolutamente a livello di subculture.

Il risultato è un disco bellissimo, in cui chitarre distorte, Macintosh (il primo disco "fatto" con Protools e con il Mac? non ne sono sicuro ma penso di si), atmosfere apocalittiche e visioni chill out. Il disco naturalmente all'epoca è stato un mezzo flop, e ancora adesso solo a sentirlo nominare la gente storce un po' il naso. Probabilmente si tratta di persone che non l'hanno mai ascoltato. Io credo che sia un disco da ascoltare assolutamente, per poter capire buona parte di tutto quello che è successo dopo. Chiaro, in quegli anni esplodeva il fenomeno del grunge, molto più rumoroso e fracassone, e con il senno di poi era logico che un disco del genere (fatto da uno come Billy Idol poi!) non incontrasse i favori del grande pubblico. È molto difficile citare le singole canzoni: il disco è un vero e proprio concept album e come tale va assolutamente ascoltato dall'inizio alla fine (e io sono uno che di norma odia i concept album), come un unico viaggio onirico e allucinato.

Segnalo comunque la splendida "Wasteland", "Adam in Chains" e la cattiva "Shock To The System", in cui il suono sporco e grezzo di quel fenomeno di Steve Stevens si fonde in maniera perfetta con la voce di Idol, novello Casey urlante a più non posso. Impossibile non citare le citazioni di Max Headroom (ve lo ricordate? il primo deejay virtuale che si sia mai visto sul pianeta). Una curiosità: il termine "cyberpunk" è stato inventato da Bruce Bethke, che aveva intitolato così un suo racconto pubblicato nel 1983 sul numero di novembre della rivista americana Amazing. Un bel po' di anni dopo l'autore statunitense, parlando della genesi di quel nome, ha risposto così:

"[...] Voglio dire, avevo un'idea di base [per il mio protagonista], era alla moda e sgargiante coi capelli ossigenati. Ma l'essenza del suo carattere stava nel fatto che era un'impostura! Rayno era un parassita che viveva delle capacità delle altre persone: una creatura che era solo stile, posa e immagine, senza alcun talento. Come detto avevo dei problemi a visualizzarlo? fino a che per caso non ho scorto delle registrazioni iniziali di MTV di Billy Idol. Saltai su indicando lo schermo: ?è lui!? Il che rende abbastanza divertente il fatto che negli anni '90 il vero Billy Idol ha adottato l'identità cyberpunk fino al punto di darne il nome ad un album. Se sapesse la verità? Pensate debba dirglielo?".

Visionario.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Venti)

Donzia81
Donzia81
Opera:
Recensione:
finalmente una recensione su questo bellissimo disco!


geenoo
geenoo
Opera:
Recensione:
Un mio SuperEroe (The Ghign!). Fantasticissimo.


Occulto Supersovrano
Opera:
Recensione:
gran bella recensine; "shock to the system" aveva anche un video assurdo, con cyber-billy che guidava una rivolta popolare contro la polizia... bello!


dEDOLUZ
dEDOLUZ
Opera:
Recensione:
sai che mi hai invogliato a prenderlo!ne avevo sempre sentito parlare male ma se quello che dici è vero...Io del tamarrone ho solo Charmed Life: bel dischetto, nulla di esponenziale, ma si fa sentire. Cmq: me lo consigliate questo oppure è meglio uno dei primi?ottima scelta: quel gigno malefico mancava


dEDOLUZ
dEDOLUZ
Opera:
Recensione:
pardon: gHigno


gbrunoro
gbrunoro
Opera:
Recensione:
per dEDOLUZ: se vuoi conoscere il "vero" Billy Idol sicuramente è meglio prendere Rebell Yell e Whiplash Smile (ma anche l'ultimo Scream non è affato male), Cyberpunk resta un lavoro atipico all'interno della discografia di Billy


dEDOLUZ
dEDOLUZ
Opera:
Recensione:
grazie gbrunoro :)) avevo sentito parlare bene soprattutto del primo omonimo. vedrò.


Meson
Meson
Opera:
Recensione:
Disco che una decina di anni fa (ero proprio giovane) ascoltai moltissimo. E' un pezzo però che l'ho lasciato stare. Al di la dei gusti non lo considererei molto innovativo (decisamente no). E' vero che in quegli anni la questione grunge aveva occupato moltissimi spazi, ma il fenomeno cyberpunk stava già diventando moda, look, design (diciamo così..). Bho, io credo che Idol si sia fatto male i conti, di sicuro 'sta svolta non gli ha giovato a livello commerciale (che è poi, a parer mio, l'unico livello sul quale stava Idol).
La rece non è male; una cosa sola, alle chitarre non c'è Stevens. La cover di Heroin è terribile.
Ciao.


Meson
Meson
Opera:
Recensione:
gbrunoro
gbrunoro
Opera:
Recensione:
per Meson: 'azz se hai ragione! ho controllato i credits e Steve Stevens non c'è! alle chitarre (che poi sono molto poco elettriche e molto più "elettroniche") c'è un non meglio precisato Miike Younger-Smith...


Surferkangaroo
Surferkangaroo
Opera:
Recensione:
Io Billy Idol l'ho sempre odiato!


S4doll
S4doll
Opera:
Recensione:
Mah! buona rece, ma personaggio discutibile...


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Quanto me fa ridere sto disco e il buon billy non potete manco immaginarlo


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
Ho comprato PER CASO questo disco usato, per via del tutolo, e lo trovo molto bello tutto dall'inizio alla fine. le canzoni valide si sprecano ma la mia preferita è "Shock to the System". Travolgente.


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
il grande billy sotto "effetti speciali" è stato semplicemente molto avanti!!!


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
CYBER NON VUOL DIRE UN CAZZO esiste il cyberpunk e basta.


Garaliya
Garaliya
Opera:
Recensione:
Non per andare contro all'autorevole critico di Billboard che nella recensione distrusse letterelamente questo disco, ma credo che Tomorrow People sia un vero gioiello e che ci siano diversi pezzi davvero forti come Westeland, Shock to the System e Love labours on. Gli ultimi 30 secondi di Heroin con chitarre elettroniche + voci gospel + voce di Billy per me sono sensazionali


axel
axel
Opera:
Recensione:
in effetti l'album fù un flop xké come dice meson billy + ke altro era un personaggio ke stava sul commerciale xò questo album é a mio parere il + bello k ha fatto...sarà xké é il meno commerciale o boh..x un qualke motivo ne sono rimasto affascinato...nn é certo innovativo sia kiaro xò é diverso dalle sonorita di quell'epoca! poi c'é da dire ke nn é invekkiato male come molti album...l'ho riscoperto poco fà e lo trovo ankora molto apprezzabile!


Donzia81
Donzia81
Opera:
Recensione:
stra-quoto gli ultimi due commenti qui sopra!!!
per Me veramente un bellissimo disco! Come allora anche oggi lo ascolto con piacere... in particolar modo adoro TOMORROW PEOPLE, CONCRETE KINGDOM & LOVE LABOURS ON che non mi stancherò mai di apprezzare.


stonecoldcrazy
stonecoldcrazy
Opera:
Recensione:
Senza dubbiamente, nettamente il miglior disculo del parakulo Billy "Ballo" Idol, un cyber-concept fresco, piacevole et leggero... concordo abbastanza con il recenZore, it's underrated, tant'è che fu snobbato da pubblico, critica, amici & parenti, tutti assieme appassionatamente. LIKE ADAM IN CHAINS, I WANT REVENGE...


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Cyberpunk è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link