Bloodbound
War Of Dragons

()

Voto:

Lo ammetto, mi ero avvicinato a questo lavoro dei Bloodbound con parecchie aspettative positive, nella speranza che la band svedese avesse finalmente capito i suoi errori passati, e che non li commettesse più. Da fan del genere poi, sono perfettamente conscio che il Power sia uno dei sottogeneri del metal più difficile se si parla di qualità continuativa, ovvero di saper continuare a produrre dischi di ottima fattura negli anni senza cadere nel riciclo o nelle autocitazioni. Si sono già visti parecchi gruppi, anche troppi, non saper rispettare questa continuità e cadere in un vortice di inutilità espressiva, Dragonforce, Firewind, Dream Evil, o i più conosciuti Rhapsody Of Fire e Stratovarius per elencarne alcuni.

Parlando del gruppo qui recensito, i Bloodbound non sono certo una sorpresa in ambito power. Fondata nel 2004 da Fredrik Bergh e Tomaso Olsson, questo gruppo aveva già evidenziato sia il suo talento, ma anche i limiti, nel disco d'esordio, "Tabula Rasa" (2009). Canzoni orecchiabili, tastiere a fare da contorno, e tanta voglia di divertire. Delle prime due, con il passare degli anni qualcosa è rimasto, ma la terza ormai sembra essere sparita completamente. Avete presente quando sentito un disco per la prima volta e poi dite fra voi e voi "Va' che me lo riascolto un'altra volta, magari c'è qualche passaggio che mi sono perso." Con i Bloodbound, no. Sentita una volta un qualsiasi disco della band, non vi verrà quasi mai sicuramente la voglia di riascoltarlo una seconda volta, vuoi le canzoni che ti si stampano in testa al primo ascolto, vuoi l'eccessiva ostentazione da parte del gruppo del termine già clonato dai citati Manowar, "true metal", i Bloodbound non hanno mai voluto fare retrofront, cercare di dare una svecchiata al loro sound, svecchiata che avrebbe fatto sicuramente bene, come successe agli Hammerfall nel 2011 con "Infected".

E viste le recenti uscite dei Bloodbound, come l'ottimo "Stormborn" (2014), aspettarsi un album non dico eccellente, ma perlomeno ascoltabile, era il minimo da aspettarsi. Prima di mettere su il disco sapevo di non voler ascoltare di nuovo un clone di "In The Name Of Metal" (2011), con sonorità e testi talmente semplici e tamarri da far concorrenza ai Manowar. Ero già preparato a mettere in vendita il disco su Ebay se avessi riscontrato una di queste prerogative.

Ho trovato particolarmente difficile ascoltare per intero questo nuovo "War Of Dragons", principalmente per un solo ed unico motivo, ovvero la devastante semplicità e banalità delle canzoni. Non riesce a sorprendermi "Battle In The Sky", piena di quesi fastidiosi cori che teoricamente dovrebero farti venire la pelle d'oca, farti sentire invicibile, ma che in realtà ti fanno capire che forse hai appena speso i 15 euro della tua vita nel modo più sbagliato possibile. "Silver Wings" per quanto abbia un pre-chorus e una costruzione interessante, perde tutto nel ritornello, che è perfettamente identico a quello di "White Masque" dei Running Wild. Non passa neanche la pompatissima "Tears Of A Dragonheart", dove sono sopratutto i testi a far cadere le braccia. Unità, lealtà, amicizia, potenza di gruppo, spade e principesse. Abbiamo in sola canzone tutti gli stereotipi che hanno contribuito a far definire il Power uno dei generi più banali del mondo. Guadagna qualche punto la buona "Dragons Are Forever", che si rivela essere una delle pochissime canzoni interessanti del disco, assieme a "Starfall", che ha dalla sua un riffing massiccio seguito da un'ottima prova dietro le pelli. Pezzi come "Stand And Fight" e "Fallen Heroes" invece non fanno altro che alimentare la voglia di spegnere tutto e tornare ad ascoltare altro, con sopratutto la seconda canzone che risulta l'ennesimo pezzo anthemico da cantare a squarciagola assieme al pubblico.

Tutte le aspettative che avevo perciò, sono scomparse. Posso capire che, come detto ad inizio recensione, cercare di comporre un album di questo genere sia difficile, sopratutto quando già tutto è stato detto e composto, ma chiedere un album perlomeno ascoltabile e che risultasse divertente non penso fosse una richiesta esagerata. Spero solo che i Bloodbound possano riprendersi, e che capiscano l'enorme errore che hanno compiuto con questa uscita. Bocciato.

Questa DeRecensione di War Of Dragons è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/bloodbound/war-of-dragons/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (Cinque)

Pinhead
Opera: | Recensione: |
Ho appena chiesto di creare un gruppo giusto giusto per te: se la cosa va a buon fine, proporrò la tua nomina a presidente supremo.
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

Harlan: Addirittura? Ahahah!
Pinhead: C'era già il gruppo Immaginifico per mandare le copertine dei dischi, lì ti puoi scatenare.
IlConte
Opera: | Recensione: |
Ma che cazzo pretendi da un disco con una copertina così ahahah! Oh, tranne i Manowar e i Running Wild ne avessi sentito nominare uno!!! Grande, ragazzo del Metal! Coerente anche con i "voti" ai dischi, come sempre! @[Pinhead] (5)
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

Harlan: E ti consiglio vivamente di non ascoltarli (di quelli che dici di non conoscere), poco ma sicuro :-D
hjhhjij
Opera: | Recensione: |
Sembra la copertina di un videogioco anni '90. Ma di quelle tarocche che compravi dal marocchino sotto casa tua.
BËL ( 02 )
BRÜ ( 00 )

Harlan: Guarda, se devo essere sincero a me ha ricordato parecchio la copertina di un videogioco che comprai quando avevo 8 anni, quelli che uscivano in allegati con Topolino..
hjhhjij: Ecco si, tipo.
Chainsaw
Opera: | Recensione: |
Questa fissazione dei poweroni per il fuoco e i draghi deve essere spiegata scientificamente
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Lo bocci tu stesso il disco; non ci provo minimamente ad ascoltarlo. Quel suono irritante di tastiere; mi citi i Dragonforce e gli Stratovarius che ritengo ancora i peggiori gruppi mai visti dal vivo. Sei sempre estremamente descrittivo nelle tue pagine, forse fin troppo uguali. Ecco perchè ti consiglio magari di cambiar genere, tralasciando l'orripilante, per me, Power. Copertina inenarrabile da tanto tamarrosa.
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

Harlan: Dici bene! I Dragonforce ho avuto anche io la sfortuna di vederli dal vivo, una noia mortale. E fidati, penso che se tu ascoltassi un album del genere ti verrebbe l'orticaria! Concordo anche quando dici che le pagine forse stanno diventando troppo uguali, ho intenzione di fermarmi un attimo con i CD/Live, e recensire altro, per vedere come va. A fine mese forse recensirò un evento sportivo, ma chissà! ^

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: