Charles Monroe Schulz
I Classici del Fumetto: Peanuts di Charles Monroe Schulz

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


"Peanuts" di Charles Monroe Schulz (U.S.A.), con presentazione di Umberto Eco (Ita). Volume pubblicato dalla BUR (Rizzoli) nel 2001 nell'ambito della Collana "I Classici del Fumetto"

"Non beve, non fuma, non bestemmia. E' nato nel 1922 nel Minnesota. Vive modestamente ed è "lay preacher" in una setta detta la Chiesa di Dio; è sposato e ha, credo, quattro bambini. Gioca a golf e a bridge e ascolta musica classica. Lavora da solo. Non ha nevrosi di alcun genere. Quest'uomo dalla vita così sciaguratamente normale si chiama Charles M. Schulz. E' un Poeta." (Umberto Eco. Dalla prefazione di "Arriva Charlie Brown" edito da Milano Libri nel 1963 e riproposta nel volume qui recensito)

Piccola Formalità:

Non potendo recensire (per, rispettabile, linea editoriale del Sito) singole edizioni di uscite "seriali" fumettistiche, e non volendo (e non potendo) non parlare di uno dei più (se non il più) importante autori di strip e tavole umoristiche di sempre, ho scelto di parlare di un volume che è uscito tramite le vie editoriali normali. Cosa ulteriore che lo rende "libro" vero e proprio è il fatto che, lungi dall'essere solo un "Best Of" (contiene un florilegio di strisce quotidiane e tavole domenicali pubblicate dall'UFS dal 1950 al 13-02-2000, il giorno dopo la scomparsa dell'autore), presentando una bellissima, e completa,  biografia dell'autore, un'esaustiva bibliografia, una raccolta vastissima d'informazioni, approfondimenti, curiosità ed omaggi di importanti personalità del mondo della cultura, è da considerare come un prodotto editoriale "unico" ed un omaggio ad un uomo che ha saputo portare la, sottovalutata, Arte dei Fumetti alla ribalta della Letteratura a tutto tondo. Va da se che "tecnicamente" queste poche righe forniscono già una recensione del volume quindi ora parlerò dei "Peanuts" e di Schulz in senso lato (ed il più sintetico possibile).

"Sono solo un cartoonist. Uno che deve disegnare la stessa cosa tutti i giorni cercando di non ripetersi" (C.M. Schulz)

Charles Monroe Schulz nasce a Saint Paul, Minnesota, il 26 Novembre del 1922. Figlio di due immigrati tedeschi (suo padre era barbiere come lo sarà quello di Charlie Brown: prima di moltissime note autobiografiche che metterà nelle sue creature) fin da piccolo mostra propensione per il disegno, tanto che i suoi gli fecero fare un corso per corrispondenza della "Federal School of Art". Dopo essersi diplomato, nel 1943, viene chiamato dall'esercito statunitense a combattere in Europa durante la Seconda Guerra Mondiale. Le sue doti artistiche saranno molto apprezzate dai suoi commilitoni tanto che moltissimi gli chiesero di "abbellire", con i suoi disegni,  le lettere destinate ai propri familiari (curiosa analogia con Walt Disney che durante il primo conflitto mondiale decorava le ambulanze militari con piccole illustrazioni). Tornato, negli States, nel '47 creò "Li'l Folks" strisce che furono vere e proprie anticipazioni di quella che sarà la sua creatura futura. Nel 1950, notando il suo lavoro, l'UFS lo pose sotto contratto: da li le sue strisce quotidiane e le sue tavole domenicali vennero pubblicate, prima su 7 giornali americani e via via in varie pubblicazioni in tutto il mondo (tradotte in 26 lingue e pubblicate in 75 nazioni) ininterrottamente per quasi 50 anni. Il nome "Peanuts" ("noccioline" in inglese ma nello slang americano di allora anche "piccole persone", "piccoli personaggi"...) venne dato dall'UFS e Schulz non lo apprezzo' mai: "Peanuts è il peggior titolo pensato per una striscia. Non c'entra niente, non significa nulla!..."

"Come nella grande satira di Swift e Orwel, nei Peanuts soltanto a un animale è dato di essere davvero "umano": Snoopy." (Curzio Maltese)

L'importanza dei "Peanuts", oltre che nell'enorme successo popolare, va ricercata nella seminale (uno schifo di aggettivo, lo so...) influenza che ebbe in tutte le creazioni (anche non a fumetti) umoristiche successive. Infatti è impossibile non ritrovare, pure in successi planetari come i "Simpsons" di Groening od in avanguardie satiriche come "South Park" di Parker e Stone, tecniche narrative e stilistiche "inventate" e portate avanti da Schulz: la più importante di tutte, quella del "Piccolo Accadimento", una notiziola di cronaca, una curiosità della vita quotidiana etc. etc. che occupava solo lo spazio di poche strisce per poi dare pretesto ad altri sviluppi nelle successive "avventure" fu una vera e propria rivoluzione. Ma anche le più banali, come l'aspetto corale dell'universo dei "Peanuts" (e prerogative come quella di non far mai vedere gli adulti), il tratto minimale e semplice del disegno, una capacità di sintesi che fino a quel momento era sconosciuta, diventarono dei veri e propri germogli che influenzarono tutto il modo di "fare fumetto" umoristico (e anche non) successivo. Senza poi citare dei veri e propri "luoghi comuni" del nostro vivere quotidiano (come la coperta di Linus, la frase "era una notte buia e tempestosa" od il Grande Cocomero) nati dalla matita di Schulz.

Una matita che per quasi cinquant'anni ha disegnato bambini che ci hanno mostrato ansie e nevrosi, difetti e peculiarità, miserie e bassezze di noi, uomini e donne,  adulti cresciuti nel ricco e capitalistico occidente in modo apparentemente "mansueto" e da "favoletta" ma, in realtà, spietato e (iper)realistico.

C.G. (Girlanachronism)

"La forza di Charlie Brown e dei Peanuts è che ripetono sempre, con ostinazione, ma con senso del ritmo, qualche elemento fondamentale. Come certp Jazz ripete con ostinazione una certa frase musicale"  (Umberto Eco. Dalla prefazione di "Arriva Charlie Brown" edito da Milano Libri nel 1963 e riproposta nel volume qui recensito)

Questa DeRecensione di I Classici del Fumetto: Peanuts di Charles Monroe Schulz è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/charles-monroe-schulz/i-classici-del-fumetto-peanuts-di-charles-monroe-schulz/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Cinquanta commenti su CinquantaDue

ratman
Opera: | Recensione: |
l'ho citato nella mia tesina su Maus... mi piacciono le sue strisce, ma ha un umorismo troppo sottile, che spesso non arrivo ad apprezzare
BËL (00)
BRÜ (00)

Workhorse
Opera: | Recensione: |
Per me sotto il cinque con Schulz non si va mai!
BËL (00)
BRÜ (00)

Oo° Terry °oO
Opera: | Recensione: |
Credo di aver letto TUTTE le strip possibili e immaginabili. :D
BËL (00)
BRÜ (00)

CiripiripìKodak
Opera: | Recensione: |
Ciripiripììì....................... .Kodak! :)
BËL (00)
BRÜ (00)

iside
iside Divèrs
Opera: | Recensione: |
Nosebleed
Opera: | Recensione: |
Il recensore sa di cosa parla, pagina esplicativa e approfondita; autore e opera di grande importanza, un'istituzione non solo a livello fumettistico ma culturale. E' da un sacco che non li leggo.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ringrazio tutti quanti per esser passati e per gli apprezzamenti, vedo che non ci son questioni in sospeso percio' mi fermo qui. Ciao!
BËL (00)
BRÜ (00)

4urelio
4urelio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Recensione ottima. Shulz non si discute. Ma i giovani moderni li leggono i fumetti?
BËL (00)
BRÜ (00)

Hell
Hell Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ma io mi sa che quoto la Terry. In ogni caso, rece ottima.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ardalo
Opera: | Recensione: |
Ardalo
Opera: | Recensione: |
Recensione tributo impeccabile. Beccati un altro 5
BËL (00)
BRÜ (00)

boredom
Opera: | Recensione: |
tiè. perchè mi sento molto Charlie Brown...
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Non e' possibile che la mia recensione abbia una media superiore al recensito quindi me la abbasso. Grazie a tutti quanti:troppo buoni!
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
perche' non si e' abbassata?
BËL (00)
BRÜ (00)

iside
iside Divèrs
Opera: | Recensione: |
non valgono i voti doppi, semplice. eppoi meglio un 1 preso da un utente col derango alto o un 5 preso da un utente col derango basso?
BËL (00)
BRÜ (00)

TheJargonKing
Opera: | Recensione: |
Azz, caro Iside, deduco che tu hai capito a cosa serve il derango e come è formato. Io non ho capito un'emerita mazza. Me lo spieghi. P.S. per le noccioline 5 grantito.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ho capito Isi, ma nemmeno il mio primo 1 ha abbassato la media (il secondo mi e' scappato di default). Io ho altri parametri per pesare gli 1 od i 5 e non guardo certo il derango di chi li mette ma altro...;-) Intanto ringrazio Jargon per esser passato.
BËL (00)
BRÜ (00)

Nosebleed
Opera: | Recensione: |
Ma non ho capito, se è tua la rece perchè non l'hai postata tu cptgaio? Comunque bel casino il tuo profilo, io non c'ho su niente.
BËL (00)
BRÜ (00)

S4doll
Opera: | Recensione: |
mi fai pensare che ho alcuni volumetti originali degli anni '60, chissà se sono saliti di valore :D
BËL (00)
BRÜ (00)

MuffinMan
Opera: | Recensione: |
inarrivabile
BËL (00)
BRÜ (00)

Ancora D'Oro
Opera: | Recensione: |
Mi sono letto la rece e i commenti, ma scusa perchè la recensione è scritta ta tale Girlanachronism e commentata in prima persona da cptgaio? Vabuò, comunque tutto bello.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ancora D'Oro
Opera: | Recensione: |
les votes
BËL (00)
BRÜ (00)

Ancora D'Oro
Opera: | Recensione: |
sorry, ora ho visto il profilo e ho capito, anche se mi rimanse oscuro il senso.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Mille grazie a chi e' voluto passare. Riguardo l'uso delle varie utenze con "Girlanachronism" recensisco solo fumetti: commento come "cptgaio" per far capire chi "c'e' dietro". Tutto qui. Potrei spiegare anche le altre mie utenze e perche' sono nate ("emofiliaco" per esempio nacque per scherzare dopo un "dibattito" con Iside e decisi di usarlo per firmare il mio primo editoriale, in data 11-07-2007, poi a dire il vero con sto nick mi cimentai anche in una recensione "zot!" anche se allora non si chiamavano cosi'..., e poi pure il secondo e se ne verranno pure gli altri) ma rischierei di annoiare (gia' mi si accusa abbastanza di farlo ;-) ) ma se proprio volete posso pur farlo. Alla domanda "Ok, grazie delle motivazioni ma, lo stesso, che senso ha?" la mia risposta e' "Perche' in un Sito come DeBaser dove solitamente non si usano nomi e cognomi e siam tutti fake di noi stessi mi sento libero ed incoraggiato ad essere multiplo (Isi direbbe uno e trino...)". Quello che posso assicurarvi e' che ho solo utenze "rivelate" (risalibili dalla mia scheda personale) e non "fake". A dire il vero sono titolare pure dell'utenza "cptgay" ma quella l'ho creata per "rubarla" ai troppi buontemponi che girano su ste pagine e credo di averla usata (sempre con l'amico Isi) due-tre volte e sempre allo "scoperto". Spero di aver chiarito le vostre perplessita'. Ciao e grazie ancora!
BËL (00)
BRÜ (00)

HetfieldGod
Opera: | Recensione: |
C.M. Schulz era un genio.
BËL (00)
BRÜ (00)

Nosebleed
Opera: | Recensione: |
Scusa cptgaio...ma seriamente..datti al modellismo o alla proverbiale ippica XD A me solo all'idea di ricordarmi più password per un sito solo mi viene mal di testa!
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ringrazio Hetfield per il commento. @Nosebleed: piu' password? quando ne hai una, il piu' possibile sicura, questa basta e avanza. Certo se basta cosi' poco per farti venir mal di testa il consiglio dell'ippica o del modellismo lo vedo come un complimento. Aloha.
BËL (00)
BRÜ (00)

iside
iside Divèrs
Opera: | Recensione: |
Emofiliaco era un bel nick!!!! avresti dovuto proseguire con quello. io sono dio e quindi io sono trino o CRE-trino?...........
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Hai ragione ma e' li che cova... Io sono cretino e basta invece ;-)
BËL (00)
BRÜ (00)

uxo
uxo Divèrs
Opera: | Recensione: |
secondo me è il fumetto più noioso e statico di sempre, non lo reggo. La rece è buona, morbida, elegante
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ti ringrazio per il complimento alla recensione ma, va da se, che non son d'accordo con "noioso" (anche se questo e' termine che varia da persona a persona) e "statico" riferiti ai Peanuts perche' sono l'incipit dello stesse genere umoristico nel mondo dei baloons. I personaggi non sono statici, tutt'altro, le loro caratteristiche (dal carattere ai sentimenti passando per i valori etici e via via con cose piu' leggere) sono "raccontati" con una complessita' che ha influenzato almeno 2 generazioni(ora la terza) di cartoonist che hanno attinto alla capacita' di Schulz di dare peso "corale" a delle piccolissime "avventure" che mai si era vista prima del suo avvento. Poi ricordiamoci la longevita' e l'incredibile varieta' di situazioni che Schulz e' riuscito a creare in 50 anni "sguazzando" sempre negli stessi 7-8 personaggi: incredibile e genio puro (nonche' poesia allo stato brado)
BËL (00)
BRÜ (00)

basterchiton
Opera: | Recensione: |
"adoro il genere umano,è la gente che non sopporto"(Linus)splendida recensione
BËL (00)
BRÜ (00)

Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera: | Recensione: |
Credo di non averne mai letto una sola striscia... ad eccezione, forse, di quelle sui diari alle elementari :)). Bella rece, capitano
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Troppo gentili, grazie!
BËL (00)
BRÜ (00)

gemini
Opera: | Recensione: |
Ricordo ancora quando lessi per la prima volta "I romanzi di Snoopy" di mio papà: doveva esser un'edizione tarocca, ma da lì in poi li ho recuperati tutti. Bellissimo!
BËL (00)
BRÜ (00)

il giustiziere
Opera: | Recensione: |
scusa cpt, ma qual'è il senso del fake "girlanachronism"? :D
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Grazie ad entrambi! (Giu', non te lo dico ;-) )
BËL (00)
BRÜ (00)

S4doll
Opera: | Recensione: |
credo che Uxo faccia riferimento al fatto che i Peanuts non siano particolarmente divertenti, ma è una striscia da prendere o lasciare, o trovi un certo magnetismo nelle anomalie della piccola quotidianità mostrata dalle striscie, oppure non puoi che trovarlo noioso.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Si,si. Avevo capito cio' che intendendeva, la mia replica si basava sul fatto che dietro un'apparente staticita' l'universo dei "Peanuts" era (ed e' anche se e' "concluso") assolutamente al passo con le vicende (buone e cattive) umane e che la grandezza di Schulz era, appunto, nel riuscire a far cio' sempre con gli stessi personaggi e ambientazioni, per 50 anni!
BËL (00)
BRÜ (00)

manliuzzo
Opera: | Recensione: |
I Peanuts, insieme a Mafalda (che io reputo un gradino superiore), sono il meglio che ci sia in giro.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Eh, "Mafalda"...al tempo! ;-)
BËL (00)
BRÜ (00)

R2061478
Opera: | Recensione: |
Bella recensione, mia madre leggeva sempre i Peanuts, io sono un po' più grezzo e preferivo Lupo Alberto. E comunque secondo me anche i Simpson hanno raggiunto vette eccelse, soprattutto nei primi anni 90.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Lupo Alberto non e' poi grezzo, anzi. I "Simpsons" fino alla seconda serie lo son stati poi son migliorati: comunque trattasi di cose abbastanza diverse e se LA e' molto accostabile ai "Peanuts" per stessa ammissione di Silver (mi autopubblicizzo, vai qui se t'interessa il discorso: Il Grande Lupo Alberto 1 - Silver - Recensione di Girlanachronism i "Simpsons" (pur se nell'idea primigenia di Groening nacquero come fumetto ma che poi sviluppo' direttamente nel mezzo televisivo senza passare per il cartaceo creato successivamente) sono accostabili nel uso della tecnica del "piccolo accadimento" (creata da Schulz) e nella dimensione corale dell'universo in cui si muovono (cosa che Schulz aveva intuito per primo) per il resto il linguaggio (ed il fine ultimo) son stati abbastanza diversi. Comunque nonostante cio' che si puo' pensare epidermicamente i "Peanuts" son molto piu' "universali" dei "Simpsons" (che per sempre rimarranno legati al loro contesto e alla loro epoca) e a distanza di quasi 60 anni dalla loro creazione lo stanno ancora dimostrando, vedremo se le creature di Groening (comunque geniali a loro modo) tra 40 saranno ancora al passo. Ti ringrazio per esser passato. PS: penso comunque che il vero tocco di genio di Groening sia "Futurama" piu' che i "gialli" ma anche qui staremo a vedere.
BËL (00)
BRÜ (00)

madcat
Opera: | Recensione: |
non sapevo che era un altro tuo nick ma mentre leggevo la rece pensavo "questo sembra cptgaio":-D sono un appassionato di fumetti anche e i peanuts naturalmente li conosco e li apprezzo
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ace! Miiii, sono cosi' riconoscibile? Devo migliorare ;-)
BËL (00)
BRÜ (00)

R2061478
Opera: | Recensione: |
E' vero CPTGAIO, i Simpson fanno più satira sociale, di costume e anche con riferimenti alla politica e all'attualità.
Non sono un appassionato di fumetti ma l'altro fumetto che ho letto molto da piccolo era Asterix... Anche i cartoni non erano male, specie "le 12 fatiche" :-)
BËL (00)
BRÜ (00)

fusillo
Opera: | Recensione: |
fusillo
Opera: | Recensione: |
Cacchio, Mi sono lasciato trasportare, giuro che non volevo!!
BËL (00)
BRÜ (01)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Fusillo, amico mio, non ti preoccupare ;-) @Ezekiel: per la serie facciamoci pubblicita' ancora: Le Dodici Fatiche di Asterix - René Goscinny - Albert Uderzo - Recensione di cptgaio
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: