Division Speed
Division Speed

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Buonasera! Oggi vi insegnerò come preparare una pietanza metallica cazzuta e prelibata!

Prendete il Thrash Metal teutonico più pesante e cazzuto, mettetelo in un frullatore, buttateci dentro 2 bei mestoloni pieni di Speed Metal, un' alito Black (veramente pochissimo, guai a esagerare), concludete mettendo due spruzzate di POGO, infine chiudete e premete ON. Cosa viene fuori? UNA MARMELLATA DI CEFFONI!

Questo Division Speed è il debutto omonimo dei crucchi Division Speed, attivi dal 2008 e arrivati con questo primo parto nel 2015 dopo 2 demo, 2 split e varie robe, ed è una vera pioggia di marmo dritta in faccia all'ascoltatore. Già l'iniziale Panzerkommando è un biglietto da visita che ti spara addosso tutto ciò che ti aspetta in tutto il disco: riff pesantissimi e cazzutissimi, batteria esplosiva che ti spara a velocità talmente elevate da farti entrare gli occhi fin dentro al cervello, voce urlata e incazzatissima che fomenta in maniera indicibile, e dulcis in fundo la copertina BELLISSIMA fatta dal mostro PAOLO GIRARDI. Division Speed è puro, semplice e potentissimo FOMENTO. Il fomento che ti carica addosso sto disco è fottutamente inquantificabile, passerete tutti i 45 minuti del disco a fare headbanging, pogo e mulinate a mitraglia, talmente veloce e violento che il tutto si concluderà in 3 modi, i più probabili:

1) Vi vola via la testa dal collo, alla Sekibanki style proprio;

2) Vi crolla la casa addosso perchè avete sfondato tutti i muri a testate;

3) Vi lasciate dietro una carneficina di gente ammazzata col pogo.

Questa DeRecensione di Division Speed è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/division-speed/division-speed/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Cinque)

minguch
Opera: | Recensione: |
mo me lo segno, spero che la nota di black metal sia veramente piccola!
BËL (00)
BRÜ (00)

tonysoprano
Opera: | Recensione: |
La voglio sentire questa Marea di Ceffoni!
BËL (01)
BRÜ (00)

minguch
Opera: | Recensione: |
bravo zio gufo!!!! veramente degni di nota!!!!!
BËL (01)
BRÜ (00)

lector
Opera: | Recensione: |
Quando posso cerco di evitare le maree di ceffoni.
BËL (01)
BRÜ (00)

Harlan
Opera: | Recensione: |
Non li ho mai sentiti, ma essendo un amante dello Speed, cercherò di ascoltarlo! E da non amante del Black, spero sia veramente poco, eh! ^^
BËL (00)
BRÜ (00)

Zio Gufo: la componente Black riguarda lo stile delle vocals e delle reminiscenze Bathoryane in certi riff, infatti il Black che intendo io è proprio quello vecchia scuola di prima ondata dei primissimi Bathory/Venom
Zio Gufo: e ci aggiungerei anche i Sodom, avendo anche loro una larga componente Black Metal nel loro sound
Harlan: Beh, allora sembrano esser fatti per me, contando che i Venom dei primi tre album li adoro.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: