Sto caricando...

Dmitrij Sostakovic
Sinfonia n.7 "Leningrad"

()

Voto:

Dovevano essere timpani ed invece erano fuochi di armi belliche. Si sperava fossero ottoni ma a morte accertata di quest'ultima si capì che era il fragore delle bombe, a caduta incessante sulla città. Forse potevano essere violini ma non erano altro che i lamenti dei feriti.

Dmitrij Sostakovic compose la sua settima sinfonia, fortunatamente lontano dai bombardamenti, durante il terrificante assedio nazista che sconvolse Leningrado. La dura corteccia della città sovietica costrinse però i tedeschi alla ritirata. Dopo quasi tre anni.

L'opera si divide in quattro fasi, dove la prima, marchia a fuoco l'intera struttura della sinfonia. L'immagine che appare ad un ascolto attento è quello di uno strano silenzio iniziale, sinistro, quasi irreale. Qualche flebile rumore ben interpretato dagli strumenti balza sulla scena tra la sorpresa e un annuncio mal comunicato. Qualcosa di inquietante sta per giungere nonostante i tentativi inani di nascondere i rumori di fondo. Parte il primo movimento, allegretto. I tedeschi stanno calpestando il suolo della città, bisogna correre ai ripari. Gli aerei ci stanno sorvolando. Se qualcuno può salvarsi, lo faccia. I resistenti non si abbattono e contrattaccano senza remore. Si entra nel pieno di una battaglia sonora con il movimento principale che si ripete in crescendo. Ed è intorno al dodicesimo minuto che le frasi si espandono in tutta la loro grandezza. Volano timpani, archi, fiati ed ottoni, quasi a voler prendere il posto delle granate in impatto sul terreno. Con un pizzico di immaginazione ci sono alcuni passi in cui sembra di ascoltare il crepitare dei mitragliatori ben avvicendati dal ritmo incalzante delle percussioni. Con un geniale fuori tempo, alcuni piatti si immergono nei panni delle bombe in caduta libera, per poi riallacciarsi alla metrica briosa della marcia.

La seconda fase, in moderato, funge come passaggio dal fragore della scarica dell'artiglieria ad un silenzio metallico da coprifuoco. Un violino fa percepire i corpi adagiati sul selciato non ancora privati del respiro. Le macerie ancora resistenti trovano il tempo di abbandonarsi al suolo con un rumore sordo. Ricorre il movimento principale ma con qualche variazione. L'idea è quella della pianificazione di una strategia, l'azionare dei cervelli per difendere la città. Una mano amica che separi il collo di Leningrado dal cappio mortale dei tedeschi.

L'adagio sconfina in una lentezza pesante. Mille aghi pizzicano l'anima sanguinante della sinfonia. Le lacrime trovano spazi sufficienti per correre indisturbate. I risultati di ogni guerra non sono mai solari. Inutile dirlo ma, qui si sente.

Uno strano ma profetico ritmo incalzante caratterizza l'ultimo movimento. Il prosieguo dell'adagio, la fase più profonda della sinfonia, si scontra con un arrembaggio del primo movimento che starebbe a definire un successo sul nemico. L'Armata Rossa avrebbe respinto i rostri dell'avanzata nazista, avrebbe resistito all'invasione con immani sacrifici e ciò viene evidenziato con una metrica estremamente trionfante, carica di suoni potenti a determinare l'importanza dell'evento e l'enfasi della vittoria. Strano in quanto, dal termine della stesura alla prima nel marzo del 1942, l'assedio era ancora in piena tregenda e mi risulta difficile immaginare che qualcuno abbia avuto l'ardimentosa velleità di giocarsi qualche rublo sulla vittoria sovietica. Profezia quanto mai azzeccata, tra l'altro.

L'anima dell'opera è indubbiamente molto critica, profonda ma intrisa di un'acredine alimentata dalla sopraffazione, dal totalitarismo e dagli orrori di un conflitto assurdo. Anche Sostakovic fu, come per molte altre eccellenze della società sovietica dell'epoca, oggetto additato dallo "j'accuse" idiota della fetida claque guidata da Stalin. Non è difficile immaginare quante volte, nonostante prestigiosi riconoscimenti, il compositore abbia dovuto pulire quelle lacrime amare che avrebbero appannato quelle lenti dalla montatura spessa. Con la dovuta cautela Sostakovic era critico nei confronti della politica staliniana, cosa che ha potuto esternare solo dopo la morte del tiranno, a pari passo con una meritevole riabilitazione.

In circolazione esistono diverse versioni. Tra le eccelse, quella diretta da Kurt Masur e da Vladimir Askenazij. Quella in mio possesso, che consiglio per l'enfasi è quella diretta da Mstislav Rostropovic, tra l'altro validissimo collaboratore di Sostakovic tra le corde di un violoncello.

Commenti (Diciassette)

extro91
extro91
Opera:
Recensione:
Devo ancora approfondirlo per bene. Di lui ho sentito solo la Sinfonia n.10 e questa. Per me sono due capolavori immensi. Recensione molto bella.


holdsworth
holdsworth
Opera:
Recensione:
Per me è il migliore artista del novecento quindi non posso che dare cinque a questa opera. Ultimamente però la sto sempre più ridimensionando. Diciamo che in questo caso aveva un pochino esagerato con la prolissità!XD La recensione è scritta molto bene però indugia nelle solite cose della vita di Sostakovic, sul fatto che le sue opere vogliono sempre rappresentare il popolo distrutto e il regime autoritario, che lui era sempre "preso male" (come si dice dalle mie parti), eccecc. Sembra sempre che si parli di un personaggio storico-politico più che di un musicista! Ultima cosa: leggendo un pò in giro su internet avevo notato che le sinfonie dirette da rostropovich erano sconsigliate vivamente quasi all'unanimità, a sto punto mi sa che dovrò verificare di persona.


jdv666
jdv666
Opera:
Recensione:
bravo! bello leggerti anche ogni tanto in ambito musicale :)


zaireeka
zaireeka
Opera:
Recensione:
Come si diceva una volta da queste parti, Chapeau.


Nico63
Nico63
Opera:
Recensione:
Conosco poche cose di questo musicista, ma hanno lasciato il segno. Questa sinfonia prima o poi devo sentirla. La recensione è ottima e descrive in maniera accessibile anche per gli sgrammaticati (quanto a grammatica della musica) come il sottoscritto.


Coelum
Coelum Divèrs
Opera:
Recensione:
Ecco, mi serviva un'idea per approfondire questo compositore... Grazie dell'ispirazione!


Felo
Felo
Opera:
Recensione:
Preferisco la decima e la quinta.


holdsworth: beh sì, se è per questo preferisco anche l'ottava, la quindicesima e la prima
IL SICILIANO
IL SICILIANO
Opera:
Recensione:
a me basta una terza


lazy84
lazy84
Opera:
Recensione:
pagina piacevolissima da leggere...5 d'obbligo


Stefano90
Stefano90
Opera:
Recensione:
CAZZO ENBARRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR!


Stefano90
Stefano90
Opera:
Recensione:
Preferisco le interpretazioni di Bernard Haitink, comunque. Quella di Rostropovic non mi ha mai preso più di tanto...


panapp
panapp Divèrs
Opera:
Recensione:
Recensione eccellente di opera estremamente significativa; non è la mia opera preferita di Šostakovic, ma un doppio 5 qui ci sta molto bene.


The Decline
The Decline Divèrs
Opera:
Recensione:
L'opera non la conosco, i complimenti sono già piovuti (più che meritatamente) come grandine, io posso solo salutarti, schiaffarti un monumentale 5 e sperare di vederti nella home musicale più spesso.


jorgemiliano
jorgemiliano
Opera:
Recensione:
dejan stankovich?


uh!
uh!
Opera:
Recensione:
La sette non la conosco la 14 e la 15 sono le prediletta tra quelle che . cmq preferisco i compositori un po piu' incazzati tipo Mossolov


enbar77
enbar77
Opera:
Recensione:
Grazie a tutti, amici. Sempre.


TheJargonKing
TheJargonKing
Opera:
Recensione:
ai vertici della musica mondiale. Bravo sempre.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Sinfonia n.7 "Leningrad" è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link