Ferzan Ozpetek
Napoli velata

()

Voto:

L’ultimo film di Ozpetek non è male.

Col pretesto del thriller, del mistero attorno al quale si svolge la vicenda, il nostro ci racconta una Napoli velata.

È la Napoli delle opere d’arte, del teatro, della cabala e delle veggenti.

La Napoli della pazzia e della solitudine, dei veleni e delle ipocrisie, dei “malamente” ricchi, potenti, eleganti, insospettabili.

Il film, raffinato ed elegante, ha una costruzione di tipo classico per il genere thriller: un prologo, il fattaccio, il mistero (che non viene mai svelato perché è in realtà solo “velato” come Napoli, è chiaro che sono state loro no?)

Come è chiaro che sì insomma lei…

Un film che ha un che di anni 70 per l’atmosfera, per come è girato, lenti piani sequenza indugiando sugli oggetti (le opere d’arte “recitano” in un certo qual senso facendo bella mostra di loro stesse). Inoltre, la maggior parte del cast (Peppe Barra, Anna Bonaiuto, Lina Sastri, Isabella Ferrari) viaggia tra i 50 ed i 70 anni di età e si muove tra sentenze e ricordi…

Ma i protagonisti sono due e sono più giovani (tra i 30 ed i 40 anni): Giovanna Mezzogiorno è Adriana. Ad una festa, in un elegante salotto napoletano conosce Andrea, più giovane di lei (Alessandro Borghi, ancora lui, gettonatissimo). Finiranno a letto la notte stessa, in una scandalosa scena di sesso che pare abbia suscitato forte imbarazzo nella Mezzogiorno e vorrei vedere, siamo quasi sul porno...

Adriana è una donna sola di mezza età (un medico, fa le autopsie ai cadaveri) e viene, in una sola notte e in tutti i sensi, completamente travolta da Andrea. Un amore passionale e violento, immediato, viscerale, potente.

I due si danno appuntamento il giorno dopo al museo alle 18:00 ma Andrea non si presenta e non risponde al telefono.

Inizia il mistero, il fattaccio.

Non vado oltre e si vi interessa il film, che merita, non leggete in rete che vi dicono le cose.

Il film mi ha colpito molto dal punto di vista tecnico, l’utilizzo della MDP, si veda il prologo ed i piani sequenza sugli sfarzosi interni dei salotti, si veda ancora come la MDP passeggi lentamente e meticolosamente a svelare i vicoli di Napoli.

Anche i dialoghi sono piuttosto buoni e gli attori (per lo più teatrali) sono bravissimi, gli aforismi, le perle di saggezza, le “sentenze” dicevamo, tipicamente napoletane.

Anche il montaggio e la colonna sonora sono di rilievo.

Insomma il film è tecnicamente quasi ineccepibile.

Non posso dire altrettanto del soggetto. Sebbene ben costruito, forse fin troppo (c’è molta cura nel dipanare la vicenda) si ha l’impressione di un che di scontato, di “troppo costruito” appunto. Infine non ho apprezzato la “trovata” finale che ho considerato piuttosto telefonata e gratuita (per me non “c’azzecca niente” per dirla alla napoletana).

Trattasi tutto sommato di peccati veniali, il film merita.

Ne metto 4 perché sono buono ma forse sono 3 e mezzo.

Voto 7 meno meno.

Questa DeRecensione di Napoli velata è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/ferzan-ozpetek/napoli-velata/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

voiceface
Opera: | Recensione: |
Non voglio peccare di provincialismo, ma rispetto a questo film sono un po' prevenuto. Non che Napoli costituisca una nazione a parte (quasi), ma la verosimiglianza quando si gira un film così integrato nel tessuto sociale della città dovrebbe essere garantita. Invece dal cast leggo (ma come premesso sono prevenuto) il solito approccio della selezione degli attori per i personaggi di cont
orno fra la popolazione locale e per i protagonisti secondo tutt'altri criteri.
Poi magari il film è bellissimo e verosimile.
BËL (00)
BRÜ (00)

Cialtronius: In effetti la protagonista è romana e quelle due o tre volte che s'azzarda a dire mezza cosa in dialetto "stona", lo stesso dicasi per Borghi, anche lui romano che però parla poco e niente... Questo non va a sminuire o in qualche modo ad alterare la napoletanità del film che è presente in modo importante, già a partire dal titolo.
nangaparbat
Opera: | Recensione: |
Me lo immagino come una specie di "Un posto al sole" trasportato al cinema. I film di Ozpetek visti in passato, su tutti l'agghiacciante" Saturno Contro", mi hanno sempre dato l'idea di avere la struttura delle telenovelas.
BËL (00)
BRÜ (00)

Cialtronius: Guarda, neanche a me Ozpetek fa impazzire... nella rece (per ridere ma non l'ho fatto che sono tempi oscuri, ormai dici mezza cosa e ti etichettano), avrei voluto dire che s-frocia a più non posso nei primi 20 minuti del film e qua e là a seguire. Insomma non riesce proprio a non mettere in tavola la sua gay-tudine. Saturno Contro non l'ho visto. Di lui ho visto solo il celebre Le fate ignoranti (un buon film) e Mine vaganti (simpatico).
lector: Hai fatto bene a controllarti, noi guardiani dell'ortodossia raramente abbassiamo le armi.....
madcat
Opera: | Recensione: |
"Ma come le fate 'ste paste? Le fate ignoranti? - 'Le Fate Ignoranti'; al cinema - "
BËL (02)
BRÜ (00)

lector
Opera: | Recensione: |
Mi incuriosisce, anche se - da napoletano - raramente riconosco Napoli quando la vedo al cinema. E mi incazzo.
BËL (01)
BRÜ (00)

sotomayor
sotomayor Divèrs
Opera: | Recensione: |
Tu sei bravo ma questo è un film che non vedrei neanche sotto tortura.
BËL (00)
BRÜ (00)

IlConte
Opera: | Recensione: |
Non so un cazzo di musica e meno di film anche se ne vedo parecchi. "Un giorno perfetto" era suo?! se si mi era piaciuto, gli altri mica tanto.
BËL (00)
BRÜ (00)

Geo@Geo
Geo@Geo Divèrs
Opera: | Recensione: |
Voglio proprio vederlo e poi ripasso...
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: