Francisco de Goya y Lucientes
El tres de mayo de 1808 en Madrid

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Quando si scrive una recensione si dovrebbe tentare di esprimere una posizione, se non originale visto che non si è mai soli a parlare di un qualcosa, cosa buona e giusta, almeno di livello personale, emozioni et similia, così da rendere lo scritto non del tutto simile ad un noioso trattato didascalico. Purtroppo quando si parla di un'opera con quasi duecento anni di storia si hanno alle spalle altrettanti anni non solo di commenti e critiche ma anche di esposizioni emozionali che statisticamente rendono una propria esposizione accostabile a molte altre, più antiche e, probabilmente, più intelligenti. Esiste sempre la possibilità di voler allontanarsi a tutti i costi da quella che è una linea comune ed accettata ma il rischio è quello di cadere in facili ed inutili boutade provocatorie.

Dico questo perchè in questa recensione del "3 Maggio 1808", olio su tela dipinto da Goya nel 1814 e ora esposto al Prado di Madrid, leggerete cose che tutti conoscete benissimo, e che si possono trovare già in enciclopedie e sulla rete, ma pure un'idea così personale da sembrare una bestemmia a livello di Storia dell'Arte. Per togliermi subito questo pensiero devo fare un distinguo: in arte esistono le correnti ed esistono pure le definizioni, spesso alle prime vengono associate le seconde ma altrettanto spesso le seconde possono esulare dalle prime. Con il termine "Espressionismo" si è soliti indicare un'epoca artistica esplosa nei primi venti anni del XX secolo ma a voler dare una definizione, e la copio da una trovata in rete che mi è piaciuta, espressionista è qualcosa che "pone l'attenzione su un acuto sentire soggettivo piuttosto che sull'osservazione oggettiva". Detto questo tutti sono d'accordo che un paio di artisti, che non cito, indovinateli, tra XV e XVII secolo siano stati espressionisti prima del'"Espressionismo" duro e puro, ma, a mia memoria, nessuno ha mai accostato il grande Goya, o una delle sue opere, al termine: io lo faccio e se avete pazienza nelle prossime righe, forse, riuscirò a spiegarvi questa mia idea.

Raramente in pittura si è mai raggiunto un livello così drammatico come quello raffigurato in questo dipinto, la scena è cruda: è buio, un gruppo di soldati francesi sta per fucilare, dopo averne uccisi altri, presenti nel dipinto, dei civili disarmati, probabilmente arrestati durante i moti del giorno precedente, cui Goya dedicò il "gemello" "El dos de Mayo de 1808 en Madrid". Ad illuminare la scena una lampada: a destra i soldati sono dipinti di lato, in modo di celare le espressioni dei volti, in mezzo futuri condannati presi in gesti di sconforto, a sinistra le vittime, di fronte, qualcuna sgomenta, qualcuna fiera, arrabbiata, impavida. La figura centrale, in camicia bianca, è colta con le braccia alzate, ad offrire, orgogliosa, il petto ai carnefici.

La forza di questo quadro è duplice: da una parte si è affascinati dalla descrizione "fotografica" e feroce di una realtà obbiettiva, l'accaduto, dall'altra la soggettività del pittore sorprende. La forza evocativa con cui descrive la scena richiama sentimenti fortemente pacifisti, ripudianti guerra e violenza, ma anche patriottici, il popolo spagnolo che si ribella all'invasore napoleonico, la foga di una passione nata dal popolo, sempre prima vittima di potenti ed usurpatori. In questo senso Goya non è e non vuole essere obiettivo: "butta fuori" un profondo senso di delusione drammatica che prova mentre i soldati, ma in loro c'è lo stesso Napoleone, tradiscono gli ideali illuministi della Rivoluzione francese e le promesse di progresso e di rivincita dell'uguaglianza fraterna tra le genti. Questo è profondamente espressionista: quell'uomo, inerme, in camicia bianca esprime, nel suo fiero cipiglio, l'orrore profondo che l'artista provava e allo stesso tempo la sconfitta di tutti gli ideali umani e umanisti.

Inutile dire che qui la tecnica di Goya è al massimo: la pennellata sicura rafforza le sue doti grottesche ed il gioco di chiaro-scuri influenzerà tutta la pittura dei successivi 150 anni, inoltre da questo dipinto in poi, anche se a sua volta, probabilmente, influenzato un'opera di qualche anno prima di Jacques-Louis David di cui parlerò, seppur indirettamente, in un'altra recensione, la guerra, in pittura, non sarà più trattata solo dal punto di vista celebrativo ed eroico ma anche per risaltarne l'orrore e le negatività: chiedere a Picasso, per esempio.

Questa DeRecensione di El tres de mayo de 1808 en Madrid è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/francisco-de-goya-y-lucientes/el-tres-de-mayo-de-1808-en-madrid/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentiTre)

Darkeve
Opera: | Recensione: |
ho sempre pensato che i volti dei soldati fossero nascosti come dire:"la morte e l'orrore non hanno un volto" davvero bella rece...
BËL (00)
BRÜ (00)

enbar77
Opera: | Recensione: |
Bella recensione per una grande opera. La luce che evidenzia l'uomo implorante è l'ultima richiesta di Dio sull'evento. "Non ammazzate questo angelo..."
BËL (00)
BRÜ (00)

Workhorse
Opera: | Recensione: |
E vai con il doppio cinque!
BËL (00)
BRÜ (00)

lazy84
Opera: | Recensione: |
il buon francisco non mi ha mai delusa...
BËL (00)
BRÜ (00)

MuffinMan
Opera: | Recensione: |
uno dei miei pittori preferiti...uno dei suoi quadri più storici...tu come sempre impeccabile...
BËL (00)
BRÜ (00)

macaco
Opera: | Recensione: |
World SBK Fan
Opera: | Recensione: |
Il mejo è Saturno(dicasi l'allora sovrano di Spagna, ora non ricordo chi fosse)che divora i figli.
BËL (00)
BRÜ (00)

(!)
(!)
Opera: | Recensione: |
Quelle mani grosse aperte e disarmate sono più potenti dell'acciaio delle armi spianate..
BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera: | Recensione: |
Come Darkeve mi ha sempre impressionato il viso nascosto dei soldati. Quel capo chinato che non si capisce se per vergogna o se per rispetto (tutte e due). Quadro immenso, e universale. Ti riferisci a Guernica, vero? In attesa della tua prossima, ciao.
BËL (00)
BRÜ (00)

(!)
(!)
Opera: | Recensione: |
Quelle mani grosse aperte e disarmate sono più potenti dell'acciaio delle armi spianate..
BËL (00)
BRÜ (00)

KyraCollins
Opera: | Recensione: |
Grazie a tutti per l'accoglienza. World SBK FAN, il re durante la restaurazione in Spagna era Ferdinando VII, mi pare di ricordare, ed effettivamente una delle interpretazioni postume a "Saturno che divora i suoi figli" era quella di associare il monarca alla figura spaventosa del dio ma ce ne sono altre qui Goya | The Black Paintings | Saturn potrai averne un bel quadro se ti interessa. Darkeve e Kosmogabri, io credo che Goya non volesse dare una personificazione ai carnefici per rafforzare l'umanità delle vittime ma credo che questo quadro sia affatto apposta per lasciar libero spazio alle emozioni personali. Il quadro cui mi riferisco, Kosmogabri, non è "Guernica", anche se indirettamente è stato sicuramente influenzato da Goya ma mi riferivo in particolare a "Massacro in Corea"
BËL (00)
BRÜ (00)

Nosebleed
Opera: | Recensione: |
Sempre piaciuto Goya e sempre piaciuto questo quadro...e anche l'Espressionismo, tra l'altro. Condivido l'idea di accostarli, dunque. Stavo pensando ai due enigmatici artisti ma non mi viene nulla...dal profondo della mia ignoranza.
BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera: | Recensione: |
ah, non lo conoscevo! Bellissimo. Perfetto.
BËL (00)
BRÜ (00)

KyraCollins
Opera: | Recensione: |
El Greco ma soprattutto Matthias Grünewald, Nosebleed.
BËL (00)
BRÜ (00)

Darkeve
Opera: | Recensione: |
azz..anch'io avevo pensato a guernica...massacro in corea è proprio una versione di picasso di quet'opera...non la conoscevo,stupenda...
BËL (00)
BRÜ (00)

Nosebleed
Opera: | Recensione: |
Ehm..O_O Il primo lo conosco di nome, il secondo mai sentito! Consigliami qualche disco, magari! :-) Comunque mi sento ignorantissimo, e pensare che di arte e di artisti dovrei saperne...ehppazienza.
BËL (00)
BRÜ (00)

KyraCollins
Opera: | Recensione: |
Darkeve e Nosebleed non si può conoscere tutto, credo che questo sito sia fatto apposta per la condivisione senza troppi intellettualismi: ci saranno sicuramente cose che io non conosco su cui voi potrete darmi delle dritte. Comunque, Nosebleed, per vedere un Grünewald credo che i luoghi più vicini all'Italia siano Basilea, Monaco di Baviera, Friburgo e Colmar. Nell'Alte Pinakothek di Monaco, in particolare, c'è una delle copie, l'unica di attribuzione certa, se non erro, di quello che, a mio avviso, è il suo capolavoro e cioè "Il Cristo Deriso" Di El Greco invece esistono opere a Firenze, a Roma e a Napoli e se non ricordo male pure a Modena e Parma.
BËL (00)
BRÜ (00)

lazy84
Opera: | Recensione: |
quadro tra i miei preferiti, ottima recensione
BËL (00)
BRÜ (00)

Appestato mantrico
Opera: | Recensione: |
Non gestiamo frasi cosi' lunghe. [DeBaser Staff]
BËL (01)
BRÜ (00)

Appestato mantrico
Opera: | Recensione: |
ahah fantastico! Vabbè, rifo, Lawrence Ferlinghetti, "In Goya's greatest scenes we seem to see". In Goya’s Greatest Scenes We Seem to See . . . by Lawrence Ferlinghetti : The Poetry Foundation
BËL (00)
BRÜ (00)

the green manalishi
Opera: | Recensione: |
Grande recensione, bellissimo dipinto
BËL (00)
BRÜ (00)

CoolOras
Opera: | Recensione: |
Grande quadro, mi ricordo che era nella copertina di un libro di storia del liceo :D
BËL (00)
BRÜ (00)

panapp
Opera: | Recensione: |
Buona recensione per un'opera d'arte semplicemente eccezionale.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: