Henryk Górecki
III Symfonia op. 36 (Sinfonia n. 3 per soprano e orchestra, opus 36)

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Devo aver già scritto, su questo sito, di come spesso mi sento parte di un universo dove centri gravitazionali mi spingono a muovermi attorno ad orbite apparentemente slegate tra loro. Come un satellite troiano inconsapevole ma mai solo.

Potrei scrivere una di quelle recensioni in cui il fervore enciclopedico mi porterebbe ad annoiarvi (ma per quello vi rimando alle info in cui allegherò l’esauriente pagina wiki) o potrei lasciarmi andare a sensazioni “atmosferointimiste” parlandovi di questo Maggio dal meteo instabile, della crisi del pensiero occidentale e di come quello orientale non dia le risposte che vogliamo sentire, di viaggi della disperazione adolescenziale e/o senile o di come “Beethoven sia contemporaneamente il Pre-romanticismo, il Romanticismo e il Post-romanticismo” (Theodor Adorno).

In questa indecisione non mi resta che fare la conta di quel che c’è e di quel che non c’è.

Ci sono tre movimenti (tutti in Lento) per due fagotti, due controfagotti, quattro tromboni (questi otto solo nel primo), quattro corni, quattro flauti, quattro clarinetti, un piano, un’arpa, una sezione standard di cordofoni e un soprano solista.

Ci sono le più disparate efferatezze ermeneutiche di una buona parte della vita politica e sociale dell’Europa del dopo Guerra e oltre, fino alla metà degli anni ’70.

Non ci sono i virtuosismi armonici della Classica ma nemmeno certe frivole acrobazie di molta “avanguardistica” contemporanea.

Non c’è nessun tentativo di catarsi: solo minimali “canti lamentosi.

In tempi in cui il termine bello ha perso ogni valenza non mi vergogno di scrivere che il primo movimento è di una bellezza sconvolgente e unilaterale: qualcosa che costringe a svuotarti.

Mo.

Questa DeRecensione di III Symfonia op. 36 (Sinfonia n. 3 per soprano e orchestra, opus 36) è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/henryk-gorecki/iii-symfonia-op-36-sinfonia-n-3-per-soprano-e-orchestra-opus/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Cinque)

musicanidi
Opera: | Recensione: |
Visto che ultimamente le mie orbite celesti tendono a gravitazionare verso il Veneto, non posso che dare ascolto al Bottesin (e non posso che applaudire questa piacevole pagina). Gorecky ? Mai sentito nemmeno nominare. Sono un superignorante ?
BËL (01)
BRÜ (00)

MorenoBottesin: In realtà questa sinfonia è abbastanza conosciuta ma soprattutto all'estero Górecki: Sinfonia n.3, op. 36 per soprano e orchestra Comunque il bello di siti come questo è appunto farsi suggerire cose di cui non siamo a conoscenza e presa letteralmente siamo tutti "ignoranti" su molte cose (sai che noia non esserlo). Per quel che mi riguarda Gorecki l'ho conosciuto grazie al fatto che è uno dei musicisti preferiti da uno dei Maiden ma l'ho approfondito solo quando ho saputo che lo era anche della Amos: non ti dico la sorpresa di trovarmelo citato anni dopo dai Lamb Lamb - Gorecki (Live on 2 meter sessies NL | 1997) e dai Godspeed You! Black Emperor! Moya - Godspeed You! Black Emperor ;-)
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
povero adorno, ogni tanto le sparava anche lui...
BËL (00)
BRÜ (00)

Kyrielison: BEn più che ogni tanto, a rifletterci bene. L'intera "Filosofia della Musica Moderna" è un patetico tentativo di far passare Schoenberg per il mejo figo der bigoncio del '900, relegando Stravinskij alla peggiore incarnazione del più bieco passatismo. Grazie a dio, il Tempo ci ha spiegato che T.W.A. ne ha detta una sola, di cazzata. Ma del numero di pagine de "La filosofia della musica moderna", appunto.
proggen_ait94: per quello che ne so (poco) ti quoto.
imasoulman
Opera: | Recensione: |
grazie per avermi ricordato che c'è ancora tanta roba da ascoltare. Per fortuna.
BËL (01)
BRÜ (00)

odradek
Opera: | Recensione: |
Beh, c'è una recensione del 2005, per mano del tenero Enea, di questo disco. Symphony No.3 for Soprano and Orchestra, "Symphony of Sorrowful Songs" - Henryk Mikolaj Gòrecki - Recensione di Eneathedevil
Nel caso a qualcuno interessi saperne qualcosa di più. Ciao
BËL (00)
BRÜ (00)

MorenoBottesin: Il link non si apre e non riesco a trovarla nel dedatabase....
MorenoBottesin: Cercando nella scheda del soggetto in questione l'ho trovata alla fine: non comparendo nel dedatabase credevo non fosse mai stata recensita. Pazienza. Comunque ci sono delle imprecisioni, meglio la pagina wiki che ho allegato.
odradek
Opera: | Recensione: |
Si, può essere ci siano imprecisioni. Poi, meglio o peggio magari lo decide chi le leggerà, nel caso. Apposta la segnalai. Saluti.
BËL (00)
BRÜ (00)

MorenoBottesin: Sai che l'affetto che nutro per te è immenso ma, per una volta, dammi retta ;-) (già che il soggetto l'ha definita come "Classica" dice molto). Ciao e senza polemica.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: