Sto caricando...

Jack Thorne
The Eddy

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


The Eddy è una miniserie uscita poco fa su Netflix. Si compone di 8 puntate da 45min ca.

The Eddy narra le vicende di Elliot Udo (Andrè Holland che interpretò Kevin nel pluri-premiato Moonlighting del 2016), un ex-pianista jazz americano che una volta a riposo, apre un jazz-club a Parigi.

Farid è il suo socio in affari nonché amico del cuore. Elliot si occupa della musica, compone musica jazz per la sua band che si esibisce nel locale e Farid amministra la contabilità. Farid però si caccia in guai grossi con la malavita locale e (dopo pochi minuti dall’inizio) ci rimette le penne.

Elliot era totalmente all’oscuro dei loschi traffici del suo socio-amico e si ritroverà in un mare di guai. A complicare le cose, l’arrivo dagli Stati Uniti della sua figlia di 16 anni, Julie (è Amanda Stenberg, attrice-modella di origini afro-americane-danesi, ha al suo attivo The Hunger Games). Julie è una ragazza difficile con un passato recente di abbandoni sesso e droga e ne combinerà di tutti i colori. Julie è strepitosa, è il diamante grezzo della serie, da sola vale la visione.

La sceneggiatura è di Jack Thorne e le prime due puntate sono state dirette da Damien Chazelle (il regista di Whiplash e La la land). Un regista “musicale” dunque che si avvale di uno stile raffinato che punta al realismo, sulla vicinanza di luoghi e corpi, con un taglio ruvido e sporco atto ad esaltare l’ambiente spartano ma raffinato di un jazz-club e che esplora scorci di una Parigi proletaria e multi-culturale. A tal proposito risulta interessante anche il linguaggio utilizzato che si compone di francese, inglese, arabo e slang delle banlieu.

The Eddy si muove e si dipana su tre fronti. I personaggi, ogni puntata ha come titolo il nome di uno dei personaggi, la musica jazz e la sottotrama criminale, la quale sebbene sulla carta abbia il compito di profondere una dose di tensione ed adrenalina resta la meno convincente delle tre.

Forse è proprio il jazz l’ingrediente più azzeccato. Vengono proposti molti brani ben suonati ed accattivanti, non sono un esperto di questo genere musicale ma il tipo di jazz scelto è piuttosto fruibile e decisamente piacevole. Non so nemmeno se tali brani siano stati composti appositamente per la serie, forse sì. E, ancora, sarà proprio la musica a regalare momenti “emozionali” di lirismo e poesia, di gioia e libertà in una miscela selvaggia e raffinata tipica del jazz.

Non so che seguito stia avendo The Eddy, non è il classico prodotto Netflix “commerciale” ma in fondo spero che girino una seconda serie per vedere come va a finire…

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quattro)

IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Come ho già detto Parigi è la mia città del cuore... quasi tre anni che non vado e mi sembrano venti. Dovrei andare In autunno vediamo. Solo per le scene della Parigi vecchia e di quel jazz che molti anni fa mi ha fatto passare nottate incredibili la guarderò.

Se hai altre serie fate ti sono piaciute passa i titoli.


IlConte: *che non fate
JOHNDOE: e allora dovrebbe piacerti...
Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
The Eddie sta per Daddy?


Almotasim : Cioè The Eddy...
JOHNDOE: no non credo... a meno che eddie o eddy non sia un modo di dire daddy in america boh
lector
lector
Opera:
Recensione:
Se avessi Netflix me lo guarderei.....


lector: Ma non ho nessuna voglia di mettermi Netflix in casa
snes
snes
Opera:
Recensione:
Mi sfugge qualche cosa: Amanda Stenberg è un'attrice di colore, la tizia in locandina no.

A parte questo grazie: da quattro anni avevo in lista La la land. Non sapevo fosse del regista di Wiplash. L'ho depennato senza mezza remora.


IlConte: Quella è un’altra infatti...
Per adesso è moscio...
snes: Ma quindi sulla locandina manca la protagonista?
IlConte: Ho visto due puntate, Lei è una dei protagonisti come i due che sono sulla locandina...
Certo Lei è molto più gnocca...

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di The Eddy è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link