Jay Farrar
Sebastopol

()

Voto:

Il disco prodotto dallo stesso Jay Farrar e da John Agnello arriva dopo il temporaneo scioglimento dei Son Volt, siamo nel 2001 e mentre il suo ex compagno Uncle Tupelo Jeff Tweddy deve dare alle stampe il suo capolavoro Yankee Hotel Foxtrot il buon Farrar si circonda di un piccolo gruppo di amici (tra cui Steve Drozd dei Flaming Lips) per il suo esordio da solista. Veniamo al dettaglio: apre le danze Feel Free bella ballata sorretta dalla profonda voce del nostro, chitarra elettrica e tastiere arricchiscono la canzone, segue Clear Day Thunder e qui il ritmo accelera, il brano è rock tuttavia l'arrangiamento mischia moderno e classico in un perfetto equilibrio. È la volta di Voodoo Candle altra ballata con una bella melodia, la successiva Barstow impreziosita dalla presenza dei coniugi Gillian Welch - David Rawling è fedele alla tradizione e evoca il migliore Neil Young. Damn Shame è influenzata dal blues, Damaged Son è una ballata con chitarra acustica basso e credo melodica, segue lo stesso schema la successiva Dead Promises. Feed Kill Chain è a mio parere uno degli episodi meno riusciti, ci pensa la quasi pop Make it Alright a risollevare il disco, sulla stessa falsariga sono anche le conclusive Direction con un bel Sax e Vitamins. Da segnalare anche il country blues Outside the Door con ospite Kelly Joe Phelps alla chitarra slide.

Questa DeRecensione di Sebastopol è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/jay-farrar/sebastopol/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (Quattro)

DottZudo
Opera: | Recensione: |
Tanto di cappello
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

odradek: Era facile, ma l'hai fatta a tempo. Quindi BEL per te.
DottZudo: BËL anche per te
Stanlio
Opera: | Recensione: |
Leggo che il Ns. ha collaborato con Ben Gibbard (?) dell'indie rock band Death Cab for Cutie (?) per creare tutta la musica per la soundtrack del film documentario "One Fast Move or I'm Gone" del 2009, sul tempo trascorso da Jack Kerouac a Big Sur, e niente, bienvenido nel DeClub...

BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

 cappello
Opera: | Recensione: |
Grazie mi troverò bene

BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

 cappello
Opera: | Recensione: |
Sapevo di questa collaborazione,l'ho trascurata all'epoca tuttavia si può sempre rimediare
Credo ne valga la pena
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: