Sto caricando...

Liam Gallagher
Acoustic Sessions

()

Voto:

Sono ormai lontani i tempi di gloria per Liam Gallagher, quando nell' ormai lontano 2008 con gli Oasis cantava su "Dig out your soul", un album in cui la band si ripresentava con una nuova veste che faceva ben sperare per la creatività futura. Poi pero però arrivarono le ennesime liti con suo fratello Noel e lo scioglimento nel bel mezzo del tour con entrambi a ripresentarsi con carriere soliste, il secondo con gli High Flying Birds mentre Liam prima con i Bready Eye e ora con questo progetto omonimo dove c'è lo zampino di vari produttori sparsi tra tracce ed album come ad esempio l'hit-maker Greg Kurstin, il tutto in uno stile che ricorda ovviamente il suo gruppo di appartenenza pagando il tributo ai Beatles più del solito, sopratutto in questo EP, in cui ripropone i suoi pezzi in versione Unplugged.
Per parlare di questo album uscito a sorpresa, è inevitabile quindi andare a rivedere ciò che il frontman inglese ha prodotto finora nel periodo post-Oasis: salvando l'album "As you Were", una manciata di album e canzoni discrete e piacevoli all'ascolto che però a volte risultano prevedibili e si può dire che risultano molto più interessanti i tre album di suo fratello (e facciamolo sto paragone dai, tralasciando la piega che ha preso con i recentissimi EP tipo "Black star dancing").
Qui non c'è eccezione, scorre benissimo ma la cosa finisce lì, anche perchè vista la durata e le 7 canzoni (più una demo) sinceramente non si capisce bene l'utilità dell' operazione, vista anche la mancanza di inediti e l'inclusione di ben 3 canzoni degli Oasis che, è triste dirlo, rappresentano l'apice del disco come era ovvio aspettarsi, anche se c'è da dire che "Once" sa difendersi bene. Tuttavia come già accennato l'occasione di quest'uscita poteva essere sfruttata per proporre una tracklist più ampia e fare un album Unplugged come si deve, cosi invece rimaniamo su una release dedicata esclusivamente ai die-hard fans, quindi a chi non lo ha ancora fatto e vuole rimanere su queste atmosfere, consiglierei più di ascoltare il bellissimo MTV Unplugged '96 degli Oasis, peccato solo per la mancanza di Liam in quel live a causa di una laringite e nel mentre gira voce che dal balcone sfotteva il fratello nelle pause tra i brani, insomma un burlone.

Commenti (Tre)

ElPibeDeOro
ElPibeDeOro
Opera:
Recensione:
Ti stimo per aver menzionato l'unplugged del 96, tra le mie cose preferite degli Oasis, ed esempio emblematico di una idea che mi porto dietro da sempre: pur ammettendo che alcuni brani calzano meglio alla voce di Liam, e che quest'ultimo
rappresenta l'immagine del gruppo, gli Oasis sono Noel Gallagher.


SubHomesikAlien: quell'unplugged è un capolavoro per il resto concordo su tutta la linea, l'unica cosa che a Noel manca ma Liam ha da vendere è il carisma sul palco, per il resto i fatti parlano chiaro: quasi tutto il materiale era scritto da lui.
RinaldiACHTUNG
RinaldiACHTUNG
Opera:
Recensione:
hai portato Liam in home, ti deamo per correttezza


SubHomesikAlien: finchè lui e Noel sono in giro è un dovere
Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
Ehm, che strano non ci siano tracce di @[Valentyna] in giro...


Valentyna: Vedi a non seguire le recensioni che succede???! Grazie della dritta.
Direi che a questo punto andrebbe creato un tag automatico al mio nome ogni qualvolta si scrive di Oasis gruppo e solisti.
@[G] ci pensi capo! 😂
Stanlio: Mi sembra "più che doveroso" Milady!
G: Oasi valentyniche nel deserto debaseriano

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Acoustic Sessions è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link