C'era una volta in Sudafrica. Ma anche in Italia.

L'allenatore della nazionale italiana di calcio è un duro. Somiglia a Paul Newman. Fuma il sigaro. Ha più conflitti di interessi di Berlusconi. La simpatia di Belpietro. Va in Sudafrica per la Confederations Cup e dichiara di non volerla vincere. Perché: "Chi vince la Confederations Cup, poi non vince il Mondiale". Ragionamento ineccepibile: nessuna squadra ha mai vinto le due competizioni di seguito. Ma nessuno lo ha spiegato ai brasiliani.
Il ventuno giugno a Pretoria la Seleção prende a pallate la nazionale italiana sotto gli occhi del pubblico pallonaro dell'intero pianeta. Finisce tre a zero. L'Italia, "in mutande" contro l'Egitto, è fuori dalla Confederations Cup. Un altro allenatore avrebbe rassegnato le dimissioni. Paul Newman no. Respinge ogni critica e, come è costume nel nostro paese, chiude la bocca ai giornalisti.
Per stampa e televisione la Confederations Cup diventa un trofeo da bar e Paul Newman viene assolto. Ma insorge il popolo di internet. Quello che fa tremare i poteri forti. Quello dei social network. Chiede un rinnovamento della squadra, la testa del tecnico.
Paul Newman però se ne frega dei social network e resta al suo posto.

I social network piacciono a tutti. Ma non servono a un cazzo. Sono un toccasana per le istituzioni, che difatti ci vogliono far credere il contrario e ne hanno fatto argomento e materia di esame. Il venticinque giugno il "tema di attualità" sui social network è stato scelto dal 30% dei partecipanti agli esami (povero Svevo). Dell'argomento, come di calcio del resto, tutti hanno qualcosa da dire.
Grazie ai social network sembriamo tutti migliori. Distanti, ma più belli e più buoni. Ed allora, in qualche modo, più vicini. Ad un anno dal Mondiale, il Sudafrica non è poi così lontano. E' questo che deve aver pensato Robert von Palace quando si è registrato su Facebook.

Costui ha sessantadue anni. A molti ricorderà il cattivo torturatore con la mano di legno di "Vamos a Matar Compañeros", ma Robert non ha alcuna parentela con Jack Palance. E' italiano, ma dal 1986 latitante in Sudafrica, dove si occupa di finanza e acque minerali. Il suo vero nome è Vito Roberto Palazzolo. Noto perché "Cassiere dei corleonesi" e per la frequentazione di simpatici personaggi che siedono nel nostro parlamento, è stato condannato a nove anni di carcere per associazione mafiosa. Ha amici potenti e molti soldi. Non basterà la Seleção per rispedirlo a casa..

Poveri sudafricani. Magari prima o poi gliene mandiamo giù uno buono. Forse.

carlo cimmino , Il 16 luglio 2009 — DeRango: 0,00

BËL (00)
BRÜ (00)

I commenti che questo editoriale ha voluto ricevere

Skeletron
"paul newman" mi sta decisamemente sui maroni, più o meno come i social network.
BËL (00)
BRÜ (00)

carlo cimmino
carlo cimmino Divèrs
Mitico skeletron. Sei stato eroico a "ripescare" codesto editoriale. Grazie tante!
BËL (00)
BRÜ (00)

Dì la tua! (Se proprio devi)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi: