Anche Emofiliaco ama la Vita e DeBaser (parte seconda)

Gia... se volete leggere la prima parte andate qui

Questo editoriale sarà letto da, poco meno, la metà dei visitatori di DeBaser. Di questa metà tre ottavi non lo capiranno (ma non per un loro limite ma perchè così va il mondo e così deve andare) mentre un ottavo lo traviserà irrimediabilmente (ma è un bene pure questo). Il 24% dei DeBaseriani (utenti e non) che l'avrà (o crederà di averlo) capito sarà ulteriormente diviso (in parti che però non son quantificabili perchè legate a motivi "eterei und qvasi celestiali") tra chi lo deamerà, tra chi lo deodierà e tra chi gli starà deindifferente.

Trilussa scrisse che: "Da li conti che se fanno seconno le statistiche d'adesso risurta che te tocca un pollo all' anno: e, se nun entra ne le spese tue, t'entra ne la statistica lo stesso perché c'è un antro che ne magna due", e poco importa se, ragionandoci su, ste parole posson essere smontate semplicemente: sono vincenti, c'è poco da fare, imbattibili.

Sia chiaro: non c'entra nulla la cultura, l'intelligenza, od il titolo di studio di chi legge. La loro forza risiede nella semplicità e nell'immediatezza che emanano, tutti finiamo per esserne sedotti (belli e brutti, stupidi e colti, poveri e ricchi) a meno che non approfondiamo e facciamo le pulci parola per parola, lettera per lettera...

Diviso tra il "buonismo" e la "finta-educazione" in cui sono stato catalogato comincio a chiedermi se è proprio vero che: "Quando molti ti ripetono che sei un mostro alla fine cominci pure a crederci". Sarà che io buono non lo sono (e probabilmente nemmeno umano) ed un certo equilibrio "social-espressivo" mi viene spontaneo (non sono un vile "poseur" insomma)  solo per deformazione professionale che la cosa non mi tange molto. Mi importerebbe molto di più che i miei scritti fossero compresi (compresi, non apprezzati: è diverso) ma purtroppo le cose (anche se Trilussa, a cui voglio, comunque, un bene dell'anima, nonostante tutto, dice il contrario) vanno come devono andare e quindi devo rassegnarmi al triste fato.

Un destino gramigno che spesso mi fa andare contro, pure,  ad un mio principio (di Pauschiana memoria) e cioè che: "Se hai pazienza tutti, prima o poi, ti mostrano la loro parte buona".

Se riuscissi a dimostrare un collegamento statistico tra Randy Pausch e Carlo Salustri abbandonerei il mio "modus operandi". Per ora rimango come sono: vedete voi se dovete averne paura.

Ps.: quanti, secondo voi, prima di arrivare qui avran capito che le statistiche citate all'inizio son messe a cazzo?


emofiliaco , Il 30 agosto 2009 — DeRango: 0,00

BËL (00)
BRÜ (00)

I commenti che questo editoriale ha voluto ricevere

Alexander77
Dove sono i commenti?!
BËL (00)
BRÜ (00)

iside
iside Divèrs
oibò!
BËL (00)
BRÜ (00)

Dì la tua! (Se proprio devi)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi: