Scaricare, ascoltare, cestinare

Con il downloading, si dice, possiamo finalmente ascoltare quello che vogliamo e quindi scegliere a ragion veduta cosa eventualmente acquistare. (…) Ci sono però aspetti psicologici, nel meccanismo formativo di qualunque scelta, che non andrebbero sottovalutati; se la nostra predisposizione verso una forma d'arte o l'altra (o nessuna) è probabilmente innata, non lo sono però i nostri gusti specifici, che nascono da visioni, ascolti, letture e contatti di mille tipi diversi, cambiano col passare del tempo e maturano con l’accumularsi dell'esperienza.

Eppure non potrò mai ringraziare abbastanza Federico Guglielmi che nel 1980 mi fece comprare "Fresh Fruit For Rotting Vegetables" dei Dead Kennedys, un disco che appena sentito mi parve così cacofonico e registrato da cani da escogitare rito voodoo per punire il dannato giornalista; o lo sconosciuto (probabilmente Red Ronnie) che nello stesso anno sulle pagine di Rockstar, scriveva: "…qualche etto di paranoia purissima in scatola di alluminio... ascoltare è una tentazione, non ascoltare è meglio..." a proposito del " Metal Box" dei Public Image Ltd: mi sembrò che il vinile fosse sbilenco e difettoso e quella che suonava solo una parente povera dell'odiata discomusic.
Lì lasciai entrambi a marcire per qualche mese nella sezione più alta del mio armadietto, quella che lo sgabello teneva a debita distanza dall'ascolto facile.

Ogni tanto però li riprendevo tra le mani, anche perché ne avevo così pochi, di dischi, che ero quasi obbligato; cercavo tra le parole delle recensioni il motivo di tanto entusiasmo e puntualmente li riponevo, nonostante ci fossero sempre dei dettagli che si aggiungevano e un quadro che da vago e indistinto si metteva lentamente sempre più a fuoco: la voce sardonica di Jello Biafra, quella sfasata di John Lydon, le chitarre che - come era possibile? - non facevano nessun assolo, i ritmi assolutamente frenetici o assolutamente monolitici...
Puntualmente ci tornavo sopra e puntualmente li riponevo; ma sempre più in basso, poi andò come andò.

Se a diciannove anni avessi avuto a disposizione milioni di altri dischi non avrei mai più riascoltato né "Fresh Fruit" né "Metal Box", mi sarei dedicato esclusivamente a quello che passava il convento delle radio "libere" - libere un cazzo, diciamolo una volta tanto: al 98% trasmettevano musica di merda.

"Con il downloading posso ascoltare tutta la musica che mi piace e evitare quella che non mi piace". Così facendo non avrai mai incertezze, dubbi, ripensamenti, nessuna trappola ti costringerà a restare ingabbiato in percorsi laterali, strani, difficili, minoritari, diversi da te.


tratto da: Blow Up, Giugno 2010, di Stefano I. Bianchi


kosmogabri , Il 21 ottobre 2010 — DeRango: 0,00

BËL (00)
BRÜ (00)

I commenti che questo editoriale ha voluto ricevere

Gallagher87
Mi sembra una riflessione un pò scontata, ma comunque giusta.
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
Nel mio caso il discorso downloading è diverso, nel senso che non ha sostituito l'acquisto di dischi, ha solo fornito un ascolto preventivo, che serve indubbiamente. Delle volte con questo metodo ho risparmiato qualche soldo, che non fa mai male. Sul discorso hard-disk pieni di musica che non verrà mai ascoltata sono d'accordissimo, ci sono cascato anch'io qualche anno fa appena ho avuto accesso al web, ma poco dopo ho detto..ALT! :)
BËL (00)
BRÜ (00)

fedezan76
Io non sono nato "nell'era del downloading", ma non mi trovo per niente d'accordo con l'ultima frase dell'editoriale. Il downloading non è mica fermo nel tempo. Posso eccome cambiare idea, a meno di non essere mentalmente tarato. Credo che il punto focale sia solo quello di ascoltare la musica e non scaricarla solo per "deformazione". Non è che questo Stefano Bianchi vuole solo farci buttare via i soldi che non abbiamo?
BËL (00)
BRÜ (00)

popoloitaliano
Bravo Iside, anche a me aveva colpito quell'editoriale e concordo in pieno con Mr. SIB. Aggiungo che se ai tempi riuscivo a racimolare un 9.000 lire per un LP (si, era proprio Red Ronnie)me lo ascoltavo per forza almeno una volta al giorno e, magia, finiva per piacermi: l'allenamento rinforza.
BËL (00)
BRÜ (00)

Skeletron
sul mio hard-disk c'è una coda che manco alle poste, ma comunque non tornerei mai indietro. che senso ha, oggi? nell'epoca di internet l'acquisto di un cd-vinile è per forza di cose demodé, a meno che non ci si voglia dare al collezionismo. non mi vorrete far credere che c'è ancora qualcuno che ascolta musica sullo stereo o sui giradischi??
BËL (00)
BRÜ (00)

popoloitaliano
Eccomi!
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
Le cose che dici, skeletron, mi giungono nuove. Compro ancora i cd e ascolto ancora la musica con lo stereo. Dove la dovrei ascoltare?
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
Ahah questa è bella: una volta il tizio che comperava i dischi era un APPASSIONATO DI MUSICA, adesso è un COLLEZIONISTA. :DD
BËL (00)
BRÜ (00)

dipsomane
io ascolto ancora molti vinili (pur avendo l'hard disk strapieno) e alcuni hanno una qualità insuperabile, tra l'altro non credo di essere uno degli ultimi rimasti, trovo sempre più vinili nei negozi specializzati... per me, l'ascolto di qualità è ancora legato a un buon piatto/ampli/casse e non credo sia una questione di abitudine o nostalgia...
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
Dipsomane: la questione è che l'ascoltare la musica solamente sul pc con gli mp3, imho, è di una tristezza allucinante.
BËL (00)
BRÜ (00)

fedezan76
Vorrei puntualizzare che il mio discorso si riferiva all'ascolto preventivo della musica, per non scegliere "alla cieca". Ma concordo la musica su cd-vinile è comunque tutta un'altra cosa, a livello emotivo (soprattutto) ma anche sonoro.
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
"una volta il tizio che comperava i dischi era un APPASSIONATO DI MUSICA, adesso è un COLLEZIONISTA" no adesso è uno pieno di grano.
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
Beh Nes, di musica ne compro sempre e sono un semplice magazziniere, quindi tutt'altro che "pieno di grano".
BËL (00)
BRÜ (00)

teenagelobotomy
teenagelobotomy Divèrs
Non esageriamo dai, di CD se ne trovano anche a 10 euro se è per quello. Non bisogna essere pieni di grano per prendere dei CD... Già quando si parla di roba nuova allora capisco di più, anche a me girano a spendere dai 20 euro in su per un disco... Bello l'editoriale.
BËL (00)
BRÜ (00)

4urelio
4urelio Divèrs
Effettivamente adesso è molto più difficile "consumare" i dischi ascoltandoli, perchè la moltitudine di possibilità che abbiamo in rete ci fa girare la testa... Però io leggo una recensione su debaser di un disco che non conosco, se lo scrittore mi mette curiosità me lo vado a scaricare e poi in caso approfondisco... Il fatto che da quando esiste l'ADSL abbia scaricato qualche TB di file non mi ha vietato di comprare centinaia di cd, ma anzi mi ha aiutato a non fare acquisti sbagliati.
BËL (00)
BRÜ (00)

Skeletron
alfred, tutti i cd che hai li trovi al 100% e gratis su internet(se poi vuoi gratificare il lavoro degli artisti, compra, accomodati, hai pure la mia stima). pertanto non vedo (o sento?) la necessità dell'acquisto fisico (inteso come CD - il vinile è un altro paio di maniche), a meno che non vuoi darti al collezionismo (arte nobile, tra l'altro - mica è un'offesa, io finchè c'aveva soldi da buttare l'ho fatto). ascoltare musica solo su pc è allucinante? no, solo più comodo. ma molto molto più comodo.
BËL (00)
BRÜ (00)

cappio al pollo
cappio al pollo Divèrs
Ascoltatela dove vi pare, per me il problema sorge quando il downloading è compulsivo e l'ascolto fugace. La musica ha bisogno dei tempi che merita. Per il resto quoto il primo commento di Alfredo. Ma anche skeletron, perché, se i tempi cambiano e nell'era di internet questo, tra le altre cose, offre un nuovo metodo per fruire della musica, teoricamente non è d'uopo comprare un disco. Tuttavia, chiamatemi appassionato di musica o collezionista, io i dischi li voglio comprare. Non saprei come meglio buttare i soldi.
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
Quelli che sono appassionati dimusica, che comprano dischi, comprano, al buio o quasi, un cd/lp a settimana, ( almeno, io facevo così quando la nonna era viva e mi passava larghe mancette settimanali, si parla di 15 anni fa ormai, credo). Oggi come oggi sarebbe una spesa tra i 60 e i 100 euro ( se non di più) al mese. Credo che chi si possa permettere di spendere tale cifra tutti i mesi, per comprare a scatola chiusa della musica sia pieno di grano. Sarò io che sono pezzente. Poi se per comperare la musica intendiamo acquistare un cd ogni 2 mesi, allora grazie, ci sono anche io dentro...
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
"alfred, tutti i cd che hai li trovi al 100% e gratis"--> certo, ma quelli che mi piacciono voglio averli originali. poi il discorso ironico sul gratificare gli artisti che cazzo vuol dire? li voglio originali per me stesso, mica per gratificare artisti, etichette e SIAE.
BËL (00)
BRÜ (00)

iside
iside Divèrs
Ora è: scarico- ascolto- non mi piace- cestino. semplice ed economico, quasi nessuno oramai osa farsi sanguinare le orecchie. 9.000 lire erano un sabato pomeriggio di lavoro e col caz che mi permettevo un LP a prendere polvere.
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
Comunque siamo sempre al si stava meglio quando si stava peggio mi sembra.
BËL (00)
BRÜ (00)

Skeletron
cappio, misà che sei un appassionista...
BËL (00)
BRÜ (00)

cappio al pollo
cappio al pollo Divèrs
Sul discorso qualitativo non mi pare sia necessario rimarcare che puoi avere il file meno compresso o il bitrate più alto, ma la qualità CD (o ancora meglio, quella analogica del vinile) sarà ben lungi da uscire dalle casse di un pc, o magari di un portatile. Ma, come detto, il problema sorge quando si svaluta la musica che (non) si ascolta avendo accesso in pochi istanti ad un elevato numero di informazioni che innescano una sorta di, boh, frenesia patologica.
BËL (00)
BRÜ (00)

cappio al pollo
cappio al pollo Divèrs
Iside, a me più che semplice ed economico sembra uno dei maggiori contro della questione. Nel senso che dischi più ostici, secondo quella teoria, verrebbero cestinati in pochi minuti precludendosi la possibilità di apprezzare un disco della madonna (di solito questo si nasconde dietro i dischi più "difficilii")
BËL (00)
BRÜ (00)

Sid
Sid
Un pochino, il costringerci a farci piacere i dischi che andrebbero bene (forse) come sotto-bicchieri, ci manca, sì. Come il dover accendere il fuoco nella stufa le mattine di gennaio. Altri tempi. Per fortuna il Dio Capitalismo ha avuto come figli i dischi rigidi capienti e la noia, che permettono il ripescaggio a caso--e in momenti diversi dal download--delle varie schifezze scaricate nel tempo che, grazie al lifting operato dalla polvere fatta di zeri e di uno, divengono dischi fondamentali. Risultato, un surrogato dell'agoniato "effetto sgabello".
BËL (00)
BRÜ (00)

geenoo
Senza fare i discorsi del tipo: "Quando aprivo il vinile sentivo un odore afrodisiaco..." che non è più il caso (anche se era vero)... direi che il rpobelma dell'usa e getta sta proprio nella percentuale di errore del rpimo ascolto e soprattutto nello squagliemtno dell'interesse verso tutto e verso l'impossibile. Ai miei tempi (che bella frase) prima si acqusitava Mucchio Selvaggio, poi ci si confidava con gli amici più grandi, si sentiva il negoziante di fiducia, si leggevano le recensioni (!) ed alla fine si faceva il grande passo... ma... cazzo che godimento all'ascolto di tutto un elleppì! Oh, non dico che adesso ci siano indubbi vantaggi eh, è solo che sono un fottuto nostalgico.
BËL (00)
BRÜ (00)

jack daniel's
A me piace avere il supporto fisico, ma non per forza originale, quindi scarico, ma masterizzo. Tenere i pezzi come mp3 sul pc non mi piace. Per il resto quoto Cappio Al Pollo al 100%: la musica richiede i suoi tempi, scaricarsi dieci dischi a settimana o anche più è una cosa assurda. Poi ogni tanto lo sfizio di qualche vinile originale quando posso me lo levo, magari rinuncio ad altre spese, me se trovo un vinile di quelli che piaciono a me a prezzo buono cerco di farlo mio, l'ascolto in vinile è impagabile. Per i cd originali invece solo se very special price, cioè robe sui 4.90 o 5.90, e per la musica che piace a me, un po' vecchiotta, ce ne sono parecchie di offerte del genere. Poi io non sono uno che ha fretta, se un disco mi piace sono capace di ascoltare per settimane solo quello, mi piace gustarmi le cose con calma.
BËL (00)
BRÜ (00)

geenoo
vabbè, leggete a concetto...
BËL (00)
BRÜ (00)

iside
iside Divèrs
per chi vuole leggersi tutto l'editoriali di S.I. Bianchi link rotto @@@Cappio stiamo dicendo le stesse cose, mo' riparto con Below the Line....
BËL (00)
BRÜ (00)

Skeletron
cd e musica scaricata = musica formato digitale. tutti e due. solo che uno costa, l'altro no. alfred, io ti ho capito perfettamente, e ti ho detto che finché c'avevo soldi da "buttare", lo facevo anche io. se stasera vincessi all'enalotto continuerei col download e ad ascoltare musica digitale (perchè è troppo più pratico), ma, se volessi l'"originale" dei dischi che prediligo, tornerei all'opera, ma buttandomi sul vinile, che aldilà della musica, da soddisfazioni del tutto estranee al cd che finisce, inesorabilmente, riversato sul pc-mp3... d'altronde non è altro che un dischetto verbatim colorato per dargli una parvenza di "originalità" e messo dentro una scatola di platica, che elimina, a tutti gli effetti, la copertina, sostituita da un libretto (quando va bene - a volte mettono un foglietto...). capisci? a me il cd non sembra nemmeno oroginale, oramai. i tempi son quelli che sono: scoperto il dounlod, non si torna indietro. quello che dicono iside-cappio è purtroppo vero.
BËL (00)
BRÜ (00)

Skeletron
ma, personalmente, se un disco non mi piace, lo tengo in disparte ma non lo cestino, che fastidio da? avrà modo di rifarsi in futuro, e almeno per un 70% dei dischi che amo è stato così. quando compravo originale ero costretto agli scongiuri e cmq a pochissimi artisti "fidati". i led zeppelin li potevo comprare a scatola chiusa, mi sarebbero piaciuti tutti (così è stato), bitches brew di davis, per fare un esempio, non lo avrei proprio preso in considerazione, non dopo aver avuto per le mani il cd di a kind of blue, rispedito al mittente.
BËL (00)
BRÜ (00)

Skeletron
ah, spezzo un'ascia (si dirà così?) per i cocainomani del download (mi ci metto pure io), ma che danno almeno un minimo continuità ai propri ascolti (di quello che non è ancora in coda, ovviamente). velo pietoso su chi scarica le canzoni singolarmente, sentite per caso chissà dove, senza poi prendersi la briga di ascoltare altro dello stesso artista. associare immagini-sentimenti-musica in modo così superficiale quasi mi irrita. quelle persone lì le obbligherei al cd a vita. c'entra poco col discorso, ma mi andava di dirlo. saluti.
BËL (00)
BRÜ (00)

popoloitaliano
L'editoriale di Bianchi era molto più articolato e complesso. Iside ovviamente ha dovuto sintetizzarlo con sagacia perchè altrimenti diventava una replica di quello di B.U. Il succo del discorso è che una volta un quindicenne doveva sudarsi l'ascolto di certa musica, sia in termini economici (il disco o te lo facevi prestare - si, ma da chi? eravamo in pochi... - o te lo compravi) sia in termini di informazioni (ovvio non c'era internet, ti dovevi fidare delle recensioni o del tuo sesto senso) sia in termini di andarsi a cercare il negozio che vendeva "quei" dischi, una dozzina in tutta italia. E poi non è che lo riportavi indietro se non ti piaceva: lo ascoltavi più volte lo stesso, affinando così la tua "sensibilità musicale". Per dire, 154 dei Wire al primo ascolto non mi diceva niente, al terzo mi ha fatto cadere dalla sedia. Oggi invece trovi tutto in un secondo, gli dai un ascolto distratto e se non ti piace vai oltre, niente più "educazione del gusto".
BËL (00)
BRÜ (00)

seagullinthesky
Se è musica su major non la comprerò mai. Ben venga il download. Se invece parliamo di etichette indipendenti ed urderground il discorso è un filino diverso, quelle che mi piacciono le sosterrò economicamente (comprando l'originale) sempre.
BËL (00)
BRÜ (00)

pixies77
Che palle ste' pubblicità mascherate. Ciò che resta dell'industria discografica ordina, Bianchi scodinzola. A me gli mp3 hanno salvato la vita. Ero arrivato al punto che in casa mia: o uscivo io o i dischi. Davvero, non sapevo più dove metterli. E i discorsi sulla troppa musica che ti rincoglionisce, sul fatto che non dai una seconda possibilità ad un disco sono balle. La qualità emerge sempre, basta avere qualche anno di ascolto sulle spalle. Se non riconosci la bellezza di un disco ai primi ascolti è perchè sei giovane, ergo confuso ed inesperto. Ma essere giovani, non c'entra niente con gli mp3 i vinile e bla bla bla
BËL (00)
BRÜ (00)

seagullinthesky
Cavoli, noto solo ora che l'editoriale è tratto da Blow Up. Stica.
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
"che aldilà della musica, da soddisfazioni del tutto estranee al cd che finisce, inesorabilmente, riversato sul pc-mp3"..finisce riversato sul pc??? forse a casa tua, non nella mia. Ma vivi con il computer in groppa, Ske? :)
BËL (00)
BRÜ (00)

pixies77
<<< "Con il downloading posso ascoltare tutta la musica che mi piace e evitare quella che non mi piace". Così facendo non avrai mai incertezze, dubbi, ripensamenti, nessuna trappola ti costringerà a restare ingabbiato in percorsi laterali, strani, difficili, minoritari, diversi da te. >>> Questa poi è matematicamente una cazzata. Se oggi posso sperimentare è proprio perchè tutto è gratis. Diciamo che scarico un disco di un gruppo che fa un genere che so che probabilmente non mi piacerà. L'ascolto 3-4 volte perchè sono una persona superficiale e ho troppa roba da ascoltare. 3-4 ascolti sono maggiori di 0, ovvero gli ascolti che avrei dato al medesimo disco se avessi dovuto compralo, perchè, dati i rischi, non l'avrei comprato.
BËL (00)
BRÜ (00)

Skeletron
d'accordo con pixies, che sbuca dalle retrovie e compie il miracolo

BËL (00)
BRÜ (00)

popoloitaliano
Si Pixies, ma la qualità la devi saper riconoscere. E per farlo, un minimo di senso critico maturato su ascolti impegnativi è necessario. Ma che senso critico puoi avere se ti ascolti un pezzo su You Tube o non so dove e te ne disfi subito se non è di tuo gradimento? I giovani, i nostri cari giovani di oggi che si bevono minchiate come il brutal death metal?
BËL (00)
BRÜ (00)

Skeletron
alfred: pc(e)-(lettore)mp3. un 50 e 50 giusto giusto. vivo con la musica in testa, è diverso.
BËL (00)
BRÜ (00)

Skeletron
se poi mi inventano un ipod da 200 GB, il pc potrei anche rottamarlo.
BËL (00)
BRÜ (00)

Skeletron
non "inventano", ma ci siamo capiti.
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
Anche il discorso Ipod: utilissimo e pratico, ne ho 2 anch'io, però mi accorgo molto spesso di saltare da un brano all'altro senza neanche aver finito di ascoltarlo perchè magari te ne viene in mente un altro da ascoltare e sei già li con la testa, boh hai la possibilità di ascoltare tutto, ma in realtà non ascolti niente.
BËL (00)
BRÜ (00)

pixies77
popolo, io sono cresciuto in tempi differenti, quindi non so, anche se probabilmente come ipotizzi te, oggi per un ragazzino è più difficile "educarsi" musicalmente, proprio perchè sei bombardato da 2000000 di stimoli. Io però sono sempre più realista del re, bella o brutta la situazione musicale è questa, i discorsi di Bianchi lasciano il tempo che trovano, anzi mi fanno leggermente irritare, che se ce stata una categoria che prima di tutti "noi" riusciva ad avere i dischi gratis, beh quelli erano i giornalisti. Che oggi facciano l'elogio dell'azione "comprare il vinile" mi fa un pò sorridere. Concludo: non so di che generazione sei tu (spero che tu sia giovine e forte)ma ti posso assicurare che cagate come il death metal, se le sono bevute anche le vecchie generazioni. E pure peggio :)))
BËL (00)
BRÜ (00)

Skeletron
pixi giù le mani dal death metal! alfred, spetta a te gestire gli impulsi skipposi che suggerisce un marchingegno infernale della portata del pc o dell'ipod. io ci riesco abbastanza bene, poi tutto dipende, come dicevano i jarabe de palo. sempre meglio del dover cambiare cd ogni due minuti, comunque.
BËL (00)
BRÜ (00)

fedezan76
Io poi sono curioso di sapere quali sono "quei" dischi.
BËL (00)
BRÜ (00)

popoloitaliano
Dei giornalisti e critici non so e non mi importa. Se tu vuoi far intendere che Bianchi stia cercando di far comprare la musica perchè cosi lui ci guadagna, liberissimo. L'aspetto che mi interessa è quello musicale: sarò vecchio ma non concepisco un ascolto mordi e fuggi, questo non è ascoltare musica. E' anche vero che ci metto un quarto d'ora per inviare un SMS...
BËL (00)
BRÜ (00)

popoloitaliano
"quei" dischi sono quelli di cui parla Iside, tipo quelli che recensisci tu. Li trovi nel negozietto sotto casa?
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
"sempre meglio del dover cambiare cd ogni due minuti, comunque"--> appunto, è proprio questa "scomodità" che ti porta ad ascoltare veramente la musica. Poi degustibus, ma per me ritrovarmi 3000 artisti in shuffle non è ascoltare musica. Sono un romantico, perdonatemi. :D
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
Popolo, direi che sono in perfetta sintonia con il tuo pensiero.
BËL (00)
BRÜ (00)

jack daniel's
Come dicevo prima, quello che scarico lo masterizzo, se mi piace ovviamente, ma se non mi piace nemmeno scarico, perchè scarico solo dopo aver ascoltato diverse volte. Riguardo all'Ipod, lettori mp3 e cose simili: odio le cuffiette, quindi li uso raramente; la musica che piace a me è la migliore, quindi la devolo sentire tutti, ecco! Ergo ho un sacco di cd masterizzati che mi diverto a pasticciare con disegnini e simboletti del cazzo (cioè, mica ci disegno il fallo, del cazzo cioè del cazzo, no?). Però è tutto molto divertente. Quando li presto poi ritornano sempre, perchè non sono originali e per via dei disegnini del cazzo. In macchina quelle copertine decorate a mano fanno la loro porca figura con le femmine, perchè le femmine amano il lato artistico che c'è dentro un uomo. Fidatevi, se volete far colpo con una tipa fatele una compilesciòn romantica con tanti disegnini del tipo sole, cuore, amore... funziona.
BËL (00)
BRÜ (00)

fedezan76
Ma, e se la tipa ascolta solo l'I-pod le possiamo fare i disegnini dove vogliamo?
BËL (00)
BRÜ (00)

jack daniel's
:) comunque mi scuso con le ladies del sito per quel ''femmine'' che è un po' volgarotto, mannaggia a me, a volte sono un vero cafone :(
BËL (00)
BRÜ (00)

RepartoAmena
ma quindi non ho capito, oggi è più difficile farsi una cultura musicale perchè abbiamo 2000000000 stimoli e prima era difficile farsi una cultura musicale perchè se ne avevano 2...dov'è il problema? Il problema è che oggi i discografici non vendono dischi e gli sta in culo e quindi mandano Bianchi e Bianconi a frantumarci le palle su quanto i giovani d'oggi non comprano dischi, cercano pure di mettere del romantico nella loro pubblicità, lo fa pure la fiat qualche anno...ci sarà sempre chi ascolta la musica col culo, chi con la pancia, chi con la testa, chi giusto coi padiglioni auricolari, ma questo aldilà del supporto, questo è discorso sterilissimo, per gente banalissima. per continuatre nella banalità termino con una citazione "Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla." Banale. Banane. Van Halen.
BËL (00)
BRÜ (00)

fusillo
Gli ultimi due paragrafi dell'editoriale son due belle scemenze. Se avendo a disposizione milioni di dischi, uno ascolta ciò che passa il convento (radio libere, occupate, ecc...) è stupido lui (con tutto il rispetto e la simpatia) non il download gratuito. Inoltre, più ampia è la scelta e più sono le incertezze, i dubbi, i ripensamenti e le altre menate. Tra l'altro, la rete ti consente di fare tranquillamente a meno di certe riviste... Che sia questa la vera preoccupazione del giornalista di Blow Up?
BËL (00)
BRÜ (00)

fusillo
Ah, aveva già detto quasi tutto Pixies77. Vabbè, ormai...
BËL (00)
BRÜ (00)

Skeletron
lo shuffle non piace nemmeno a me. ma mi piace avere 3000 artisti a disposizione, da cui attingo un po' alla volta - uno per volta- , come e quando ne ho voglia. ma vade retro l'ascolto a casaccio, per carità. alfred, a te che sei un romanticone, immagino ti si debba regalare cd vergini per farti contento:D (battutone dell'aNo)
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
No, anche i cd vergini non mi piacciono, preferisco quelli originali, con più esperienza. :D
BËL (00)
BRÜ (00)

Skeletron
e allora lo vedi che preferisci l'alto bordo? buongustaio ;)
BËL (00)
BRÜ (00)

Greg*89*
Bello
BËL (00)
BRÜ (00)

ilfreddo
ilfreddo Divèrs
Leggo diversi commenti bianchi o neri. Scaricare ha indubbiamente lati positivi e quello maggiore, come ha detto qualcuno, è avere la grande possibilità di cercare qualcosa di diverso dai propri gusti (in questo mi trovo in completo disaccordo con l'editoriale). Poi però ci si fa prendere inesorabilmente la mano e quello che ne consegue è sentire (non ascoltare) decine di cd in successione, etichettarli/giudicarli sulla base di 2 rapidi ascolti su cuffie sfigate magari mentre si chatta, quando molto spesso i dischi si apprezzano solo con il tempo. Mi piace molto avere un qualcosa di fisico in mano e la musica la voglio ascoltare su uno stereo decente ad alto volume e quindi coniugo spesso lo scaricare ed il comprare. [...]
BËL (00)
BRÜ (00)

ilfreddo
ilfreddo Divèrs
[...] Non nego che ho un sfilza così di cd inascoltati, frutto dei primi anni di emule, ma ora scarico pochi cd e quelli che mi hanno interessato e colpito me li compro con calma e me li gusto aprendo il cellophane e leggendomi il booklet. Qualcuno ha detto 100 euro al mese. Cazzo 100 eurI significa 10 cd (in internet costano 9): comprare 6/10 dischi in un mese per me è impossibile. Per almeno 2 settimane un cd originale, che sa di filigrana, vive nel mio stereo e lo consumo prima di passare ad altro. E 20 euro al mese sono una pizza, due birre medie e un amaro. E a una pizza al mese posso farne a meno per la mia fichissima sfilza di cd frutto di anni.
BËL (00)
BRÜ (00)

gnagnera
beh a parte il fatto che ascolto (e compro) ancora musica sul buon vecchio vinile, oltre ch su cd, pur essendo vero che il problema di avere troppa roba da ascoltare è che si rischia per ascoltarla velocemente e poi via e se è anche vero che un disco comprato lo ascolto di più (almeno all'inzio poi se non mi piace difficlmente lo rimetterò su)) col downloading ascolto musica che altrimenti non avrei mai ascoltato, anche perchè soldi per prendere un disco così per curiosità non li ho mai avuti. Il punto, al di là del mezzo con cui si ottiene è l'eccesso di abbondanza che, gioco froza, ti fa godere meno quello che hai
BËL (00)
BRÜ (00)

Skeletron
alfred, l'ultimo mio post potrei averlo scritto in malo modo. forse stona un pochettino, ma era solo una metafora piuttosto sbilenca, non ti si "accusava" di nulla, sia chiaro:D
BËL (00)
BRÜ (00)

cappio al pollo
cappio al pollo Divèrs
Mi chiedo perché allungare il brodo inutilmente, quando, modestie a parte, avevo già fatto luce su tutto io, misteri di Fatima, Carmen Sandiego, templari e alieni inclusi. Siete ridondanti.
BËL (00)
BRÜ (00)

jdv666
anch'io all'inizio mi davo al download selvaggio... poi mi hanno regalato neanche troppo tempo fa (un paio di anni) il mio primo cd è da là ho cominciato ad acquistare quelli che mi piacciono e devo dire che è stato veramente un riscoprire la musica; riesci ad apprezzarla molto di più! e vuoi mettere la giuoia di aprire il cd per la prima volta e metterlo su? poi io son feticista e ho bisogno del supporto fisico!

poi se vogliam proprio dirla tutta (ma mica per fare il moralista eh) ma è solo giusto pagare gli sforzi degli artisti (almeno quelli che ci regalano emozioni, gli ascolti preventivi li faccio pure io :)), alla fine uno può girarci attorno quanto vuole ma è pur sempre una sorta di rubare (o perlomeno approffitare a sbafo del lavoro altrui
BËL (00)
BRÜ (00)

Mike76
Oggi sicuramente faccio più fatica ad innamorarmi di un disco, sarà anche l'età ma mentre anni fa acquistato un CD restava dentro il lettore come minimo una settimana adesso con la possibilità degli mp3 la rotazione è molto più veloce e le possibilità di far crescere un disco con gli ascolti è senza dubbio minore. In questi giorni sto scoltando album che avrò scaricato un anno fa o forse due, il dowload "bulimico" può portarti alla sindrome di Scaruffi (ovvero un ascolto e basta), il che ti permette di conoscere un sacco di musica in breve tempo ma non di amarla.
Comprare un disco è un po' come andare al cinema, anche se l'inizio non ti piace resti lì a vedere tutto il film in virtù dei soldi spesi e magari alla fine ti trovi insperatamente soddisfatto.
Il dowload invece è come la TV, ti porta a fare un dispersivo zapping finchè non trovi qualcosa che attira la tua attenzione.
La cosa migliore da fare è comportarsi come al cinema anche davanti alla TV.


BËL (00)
BRÜ (00)

Alexander77
Boh, io sottoscrivo ogni singola parola di Alfredo...quest'estate probabilmente ero l'unico in tutta europa ad esser in giro con un raccoglitore di cd (originali) e un vecchio lettore cd! Non so chi abbia ragione, ma a me l'mp3 sta sulle palle...e il discorso del download compulsivo ha una sua verità: conosco un pacco di gente con giga di musica che non ascolteranno mai e fanno i completisti di questa cippa di minkia...
BËL (00)
BRÜ (00)

Alexander77
poi un punto mi pare fondamentale: spendi 10 (massimo 15/16) euro per un cd...la spesa non è eccessiva ma è pur sempre una spesa! A quel punto il disco vale la pena ascoltarlo con un minimo di attenzione! Ecco, l'mp3 pare (a me), il fast food, il Mcdonald dell'ascolto moderno...e a me il Mc fa schifo...
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
Do ragione ad alfredo quando dice che con l'ipod puoi ascoltare tutto ma alla fine non ascolti nulla. Ne ho avuto uno da 15 giga anni fa (era il secondo modello credo), una volta che è morto ho comperato chiavette da max un giga. Ascolto molti più dischi da quel giorno. a dirla tutta, sul mio lettore ci carico un disco alla volta, così facendo l'ascolto è più "critico" ( che brutta parola). Il discorso secondo il quale i giovani non avranni mai un vero gusto musicale maturo perchè non ascoltano i dischi che non gli piacciono lo trovo assurdo. come già aha detto pixies se scarichi un disco a caso, lo ascolti 2 volte e poi lo cestini avrai comunque ascoltato una cosa che se fossi stato obbligato a comperare non avresti mai ascoltato, e poi, soprattutto, ma che vi fotte di cosa e come ascoltano la musica i giovani di oggi, e poi, cazzo, ma chi sono i giovani di oggi, tutti nonni su questa pagina?
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
concludo: @ ilfreddo: 2 dischi al mese mi sembrano pochini per affermare di essere uno che ama la musica e la compra tutta originale (perchè era di quello che io parlavo); poi saresti gentile se mi passassi i siti da cui riesci a portare via 2 vinili a 20 euri mi fai un regalone.
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
a ma tu parlavi di cd scusa. beh comunque cd a 9 euro io non ne trovo, passa comunque.
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
"ma che vi fotte di cosa e come ascoltano la musica i giovani di oggi"--> difatti, personalmente non me ne frega niente, ho solo partecipato dicendo come uso io il downloading e come usufruisco della musica in generale. Che nonni?? io sono giovane. :D
BËL (00)
BRÜ (00)

JURIX
JURIX Divèrs
Innanzitutto: a me piace molto lo fotografia 'colorabilissima'. Poi: io non ho mai capito sta cosa di pro-download Vs contro-download. E' uno strumento in più, ben venga, c'è il pirla che scarica discografie intere senza mai ascoltarle ma per dire "ce l'ho anch'io", c'è quello che vuole ascoltare il nuovo album di una band prima di andare al negozio e spendere 27,99 Euri. Io grazie a internet ho scovato live dei Clash o degli Who dei quali non saprei dove andare a trovare il cd (se mai esiste).
BËL (00)
BRÜ (00)

Alexander77
"2 dischi al mese mi sembrano pochini per affermare di essere uno che ama la musica e la compra tutta originale": nes, ma cosa cazzo vuol dire questa frase? Fammi capire, adesso esiste un numero di cd/dischi che vanno necessariamente ascoltati per esser "uno che ama la musica"??? Due settimane sono il minimo di ascolti che un buon cd si merita, se prendi un disco dei Tool (dico loro perchè in questo modo l'esempio mostra palesemente ciò che intendo) pensi di cogliere ogni sfumatura ascoltandolo un paio di volte?
BËL (00)
BRÜ (00)

Alexander77
Comunque di cd a 9,99 ne trovi una sfilza...tra mercatini dell'usato, libraccio, offerte della fnac e di mediaworld, ce n'è un fracco di roba da comprare...chiaramente le ultime uscite hanno prezzi superiori, ma spesso si attestano anche sui 15/16 euro (specialmente a mediaworld...)
BËL (00)
BRÜ (00)

JURIX
JURIX Divèrs
Un'altra cosa: io avrò 8-900 musicassette in casa, delle quali ben 100 (ehm...no dai facciamo 85), dicevo... delle quali ben 70 originali. Io mi sento investito del potere di-vino nonchè della forza di Greyskull di poter downlodare uno di quegli album e potermelo ascoltare in auto o nel computer invece di trafficare col mangianastri tenuto insieme dallo skotch e trastullare le rotelline con la penna perchè codesto mangianastri non rivendichi il suo nome alla lettera.
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
Poi non sono d'accordo sul ritenere l'acquisto di dischi un "buttare via i soldi", o almeno per chi li compra per passione non lo sarà mai. C'è chi li spende in macchine fotografiche, chi in biciclette da corsa ecc ecc insomma tutte le passioni/hobby prevedono un certo dispendio di denaro. Personalmente, non essendo appassionato di fotografia, lo spendere centinaia di euro per una macchina fotografica è assolutamente folle, ma sarà giustamente normale per chi è interessato.
BËL (00)
BRÜ (00)

Olsen Olsen
La libidine contorta di perdere 5/10 minuti nello scegliere il vinile da mettere sul giradischi...ok, scelto...tolgo il coperchio, appoggio il disco che inizia a girare...passatina di spazzola a pulire i solchi. Poi pulisco la puntina che dolcemente appoggio...mi siedo in poltrona davanti all'hi-fi con un libro o una sigaretta tra le labbra (prima, ora ho smesso e ne ricavo 5/6 dischi al mese). Oppure nella penombra con le cuffie (attaccate all'amplificatore, non al PC o all'Ipod). Mi scruto per l'ennesima volta la copertina e gli inserti, se ci sono...imparagonabili rispetto al libretto di un cd o alla copertina scaricata dalla rete (orrore). Finito il primo lato, che per forza di cose ho ascoltato tutto, mi alzo e faccio partire il secondo...ehi, il vinile è pure tutto rosso! Bellissimo...non c'e ne!!! Analogico batte Digitale 3-0. La qualità sonora è pure superiore...
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
"nes, ma cosa cazzo vuol dire questa frase? Fammi capire, adesso esiste un numero di cd/dischi che vanno necessariamente ascoltati per esser "uno che ama la musica"??? " certo che non esiste ma il discorso che facevo era relativo al pensiero secondo il quale un tempo esisteva chi amava e comprava la musica e ora invece i cllezionisti ( vattelo a ricercare di sopra se vuoi) un collezionista non compra 2 cd al mese( perchè sono stato collezionista e so di cosa parlo se vuoi vatti a leggere, sempre sopra, i commenti in cui dico anche di questo) quindi se vuoi venirmi a dire che compri 2 cd al mese e ami la musica a me sta benissimo, però non puoi paragonarti a coloro che negli anni 70 tornavano a casa ogni 3 giorni con un vinile differente, o che ( come me) comperavano un cd a settimana...

BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
Il discorso non era centrato su sei/sono un collezionista figo o meno, (cosa di cui m'importa na sega,citando Ferretti) quello che dicevo era che per comperare tutti i cd o vinili che si vogliono ascoltare, oggi, devi essere pieno di grano. Tutto qua. Tra l'altro a 9.99 troverai anche un sacco di roba, ma quando io compro un cd esco dicasa con le idee più o meno chiare, so cosa voglio. e la maggior parte delle volte quello che voglio o non lo trovo o costa: ieri sono riuscito a trovare insperatamente we live degli electric wizard... a 18.90, che non sono 9.90... L'ho lasciato sugli scaffali.
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
erò hai detto Libraccio... io davanti a una vetrina del libraccio (a milano quello sui navigli, dietro via vigevano) sono passato lunedì e c'era qulache libro che mi aveva colpito... non ricordo però quale, questo pomeriggio ci ripass. Grazie per avermi fatto ricordare 'sta cosa.
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
"comperare tutti i cd o vinili che si vogliono ascoltare" ecco questo è un vantaggio del poter ascoltare preventivamente l'album su internet.
BËL (00)
BRÜ (00)

geb
geb
Comprare cd/vinili è rock, scaricare è lento. L'investimento, cazzo. Conta l'investimento. Ciò che dice Skeletron è di una tristezza indicibile, ma disperatamente vero. Siamo etichettati come "collezionisti": poveri noi.
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
per essere ancora più chiaro, anche per chi ha le pigne al posto del cervello: quello che dice olsen è tutto vero! come dargli torto? aggiungo solo che io non posso però più permettermelo. L'ho già detto prima che forse sono io un pezzente e non è la musica ad essere cara.
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
@Nes: per esempio su Play.com We Live è a 13.99, che non saranno 9.90, ma nemmeno 18.90. Spedizione gratuita oltretutto.
BËL (00)
BRÜ (00)

geb
geb
@ALEXANDER77: fatti un giro su play.com, roba nuovissima a 11-12 €. Senza spese di spedizione. Fare l'ordine, aspettare pazientemente il pacco, quando arriva scartarlo avidamente, ascoltare i cd/lp ancora più avidamente, rigirarsi tra le mani booklet/copertine...tutto questo non ha prezzo.
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
bella alffredo! vado a vedere se c'è pure supercoven che qua è introvabile

BËL (00)
BRÜ (00)

Alexander77
ok, così il discorso è già più sensato...a 18/19 anni pure io compravo un cd (e pure più di uno) a settimana, mi divertivo a spiluccar nei negozi dell'usato, e ogni tanto mi compravo pure l'ultima uscita (per esempio Superunknown, le 25.000 lire meglio spese in vita mia...). Del resto tutto quello che guadagnavo lo investivo in musica e divertimenti vari...oggi i costi sono comunque lievitati, le spese sono notevolmente aumentate, il tempo per l'ascolto diminuito...io ne facevo semplicemente un discorso di numeri, non credo il numero di dischi ascoltati identifichi un appassionato (anche se ammetto mi piacerebbe aver più tempo da dedicar ad un maggior numero di dischi), e comunque rimango dell'opinione che un paio di settimane siano proprio il minimo per assimilare un buon disco...
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
11.50 per un ep usato... considerato che a meno non ho trovato altro ci faccio un pensiero... ma non venitemi a dire che non si spende tanto a coprarla originale la musica...
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
"io ne facevo semplicemente un discorso di numeri," io no ma mi rendo conto che per rendersene conto era necessario leggere anche gli altri commenti."comunque rimango dell'opinione che un paio di settimane siano proprio il minimo per assimilare un buon disco...
" e chi ti dice niente?
BËL (00)
BRÜ (00)

Alexander77
Grazie ad alfredo e geb per la dritta...ci faccio un giro a breve, ho una lista di cd da comprare...
@nes: al libraccio ho trovato anche qualche bel cd usato, un'occhiata potrebbe rivelar qualche perla nascosta...comunque sul discorso dei soldi abbiamo la stessa opinione...infatti, pure io ho tagliato il budget per gli acquisti...
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
Certo che si spende, mica dico di no. Se non vuoi spendere c'è sempre il download. :))
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
quello che sto cercando di dire è semplicemente questo:"una volta il tizio che comperava i dischi era un APPASSIONATO DI MUSICA, adesso è un COLLEZIONISTA" no adesso è uno pieno di grano." che è il primo commento che ho postato l'altro giorno... Del resto m' importa una sega ( na sega sai... ma fatta bene , che non si sa mai, che non si sa mai, che non si sa mai, che non si sa mai, che non si sa mai...). Senza offesa per nessuno, ovvio, ma non si può discutere su 'sta michiata per giorni.
BËL (00)
BRÜ (00)

gnagnera
resta il fatto che a me manca lo spulciare tra i vinili e i dischi ordinarli on-line o anche spulciarli alla Fnac, Mediaworld e simili non è la stessa cosa che farlo nei negozi specializzati, che ormai sono sempre meno. a Milano parlando di negozi dischi garage punk HardCore e simili che anni fa compravo a tonnellate hanno chiuso Zabrinskie, Riot e Hangover (che è ancora aperto ma come negozio di vestiti), mi ricordo quando ci passavo i pomeriggi che Stiv o Il Cattaruzza da bravi e fidati pusher di vinili mi consigliavano, o sconsigliavano, piazzavano sul piatto il disco che volevo testare, a volte senza che enacnhe glielo chiedessi "senti questo, secondo me ti piace" era una frase ormai classica
BËL (00)
BRÜ (00)

gnagnera
Ed adesso dove? Rimane giusto Psycho, ma per il resto manca la passione di quelle persone. E poi certi dichi ai supermercati della musica non si trovano, senza parlare che i vinili (ok in versione 200 gr) li vendono a prezzi che definire furti è un eufemismo. Rimango giusto le distro on-line dove si possono trovare anche ottime offerte (consiglio sempre sul genere punk e affini Broken Bones) ma non è la stessa cosa
BËL (00)
BRÜ (00)

geb
geb
@gnagnera: sul discorso dei negozietti specializzati hai ragione, anche a Roma c'è stata la mòria. Il problema di questi negozietti è sempre stato però l'eccessivo prezzo dei supporti: sul web c'è meno poesia, è vero, ma molto più risparmio...vado a spulciare Broken Bones. visto che stiamo in vena di dritte, consiglio, per la robba underground italica post-noise-core, l'ottima distro Escape From Today.
BËL (00)
BRÜ (00)

gnagnera
@geb ho sbagliato il nome, è rockin bones
BËL (00)
BRÜ (00)

Appestato mantrico
Io sono il tipico che quando entra nei negozietti fichi sta tre quarti d'ora a spulciare vinili, ne tira fuori qualcuno facendo la faccia compiaciuta come a dire "deh, sticazzi" giusto per far vedere al pubblico circostante che cerco i vinili fichi e poi non compro nulla. Però fa fico.
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
gnagera dici psycho quello che una volta era a fianco di piazza vetra? Mi sai dire dove si è trasferito? ( so che è dalle parti di buenos aires, ma non so in quale della miriade di viette che ci sono lì in zona, si trovi)
BËL (00)
BRÜ (00)

Skeletron
"L'investimento, cazzo. Conta l'investimento" tradotto: io che ascolto musica comprata sono giusto, tu che ascolti la stessa musica, ma presa gratis, sei nel torto. 'sta cosa puo valere solo per chi scarica a manetta senza ascoltare o per gli ascoltatori occasionali che poi magari si definiscono pure amanti della musica. io avevo solo espresso "meraviglia" (virgolette, eh) per il fatto che molti, ancora oggi, preferiscano la via dispendiosa all'alternativa gratuita, ma ho anche espresso simpatia e stima per chi lo fa (qualche commento più in su), mica compassione. il termine collezionista non mi sembra un offesa, comunque.
BËL (00)
BRÜ (00)

SUPERBOIA
|
BËL (00)
BRÜ (00)

jdv666
ma scusate tutta sta gente dice che non trova cd a 10 euro... a parte su play.com anche su amazon se non cerchi roba stranissima di solito te lo trovi a volte anche già a 4-7 euro e in media stai sui 10
BËL (00)
BRÜ (00)

geb
geb
No, non ne faccio una questione di giusto e sbagliato; parlavo per me, e per quelli che la pensano e agiscono come me. Anch'io sono stato affetto da download compulsivo: ben presto mi sono accorto che non godevo più della musica, che non riuscivo ad apprezzare un disco come si deve. Allora ho smesso, ed ora (tranne rare eccezioni) compro solo originale. Ma questa è la mia personale strategia, dettata anche dal fatto che non ascolto musica dal pc. Proprio non ci riesco. Sarà perché sono del '75? Mah. Per me i collezionisti sono sostanzialmente dei pipparoli, quindi capisci che non amo il termine. Preferisco appassionato, malato. Fai tu. Comunque ognuno è libero di fruire la musica come vuole; ripeto, parlavo per me.
BËL (00)
BRÜ (00)

fedezan76
@skeletron: resta il fatto che la qualità sonora della musica scaricata non può essere quella della musica su cd(originale) nè tantomeno vinile. E ad ogni modo possedere in originale un qualcosa che ti piace (musica o non musica) è un valore aggiunto non trascurabile dal punto di vista emotivo. Altrimenti sei tu a diventare "collezionista": questo ce l'ho e poco importa cosa ti lascia. Se posso evitare però di comprare in originale una serie di ciofeche è meglio e qui ritorna il discorso dell'ascolto preventivo. Infatti ho una lista di cd originali acquistati in passato che ora proprio non ce la faccio a riascoltare...
BËL (00)
BRÜ (00)

gnagnera
@nes: si era quello vicino a piazza vetra, ma si è trasferito in zona ticinese, una traversa di via meda appena dopo san gottardo, mi sembra si chiami via zamenof
p.s. anche supporti fonografici ha chiuso, adesso c'è un orrido negozio da diggei
BËL (00)
BRÜ (00)

panNZZOone
nes non ho capito .... "una volta era un appassionato adesso e' uno che ha il grano"... secondo te' gli Lp 20 anni fa li regalavano ? Oggi non c'e e non c'e stato periodo migliore per acquistare cosi in economica cd di QUALSIASI genere ( 4.99 . 5.9o 9.90 11.90 la quasi totalita' dell'offerta) e le novita' ( che rimangono per qualche mese e puoi anche aspettare.. a 16.90) ma cosa vuoi di piu' ?
BËL (00)
BRÜ (00)

jdv666
a parte che non capisco il discorso eh ma la musica costa... perchè libri e film non costano uguale se non di più? e spesso il cd te lo gusti molte più volte a confronto...
BËL (00)
BRÜ (00)

gnagnera
beh obiettivamente il vinile ora costa parecchio di più, ormai è diventato un oggetto da collezione, preso perchè fa "figo" e poi magari neanche ascoltato perchè si rovina, certo in questi casi le edizioni in vinile sono strabelle (copertina apribile, vinile in 200gr, ecc.) ma hanno anche dei prezzi che definire da ladro è dir poco. per fortuna esistono ancora alcune etichette che continuano a pubblicare vinile a prezzi umani per appassionati che lo ascoltano. però costa parecchio di più, mi ricordo una quindicina di anni fa avevo preso lp degli stitches (grande acquisto!) e mi ero detto "cazzo, quanto costa!": 15.000 lire! In ambito punk et simili gli lp dei gruppi italiani erano fra le 5.000 e le 7.000 lire quelli stranieri fra le 10.000 e ole 13.000, i singoli a 45 giri d'importazione più costosi non superavano le 5.000 ok che passa il tempo ma ormai vinili a meno di 15-18 euro non li trovo tranne che puntare su usato o offerte
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
Gnagnera, ma quanti anni hai? se mi dici più di 30 mi perplimo! :))
BËL (00)
BRÜ (00)

gnagnera
e allora caro lei si perplima pure, sono un non più giovan cazzaro :)
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
Le cazzate mi avevano fuorviato!(senza offesa s'intende) comunque che ci facciamo qua dentro se non per divertirci un po'? :DD
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
@ panzone: ok hai ragione tu.
BËL (00)
BRÜ (00)

panNZZOone
gnanera guarda che L'Lp era gia belle che sepolto , ai tempi se volevi risparmiare prendevi la musicassetta , gli ultimi che vedevi in circolazione alla fine degli ottanta costavano 20 carte ( ed erano soldi ) adesso l'hanno rimesso sul mercato dopo il flop del Sacd cercando di rinvogliare all'acquisto facendo spendere un po di soldini in piu' . Mah han fatto su di quesi casini, prima rompendo i coglioni registrando gli ultimi lp da cani facendo credere che il digitale fosse migliore ( e' diverso ) infatti se ti ricordi per alcuni anni i cd avevano un prezzo di 25 euro e al max trovavi qualcosa a 14.99 ( tranne che l'usato ovviamente ). per me rimane tutto un discorso di marketing , e allora ben venga anche la musica scaricata , meno vendite e prezzi piu' bassi.
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
@gnagera. non dire che i vinili costano, panzone dice che oggi è il tempo migliore per comperare dischi! E lui ha ragione! Secondariamente: nel posto che c'è al posto di supporti fonografici, mi sono fatto recapitare il secondo dei radio moscow... Tanto orrido non è. E, per finire, meno male che non ho mai girato troppo per buenos aires alla ricerca di psycho, visto che mi dici essere dalla parte opposta di milano:) Prima o poi andrò a controllare in zemenhof.
BËL (00)
BRÜ (00)

panNZZOone
Nes non ho ragione, questi sono i prezzi dei cd attuali se vuoi contestare l'oggettivita'.
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
"Nes non ho ragione" beh deciditi...
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
comunque i prezzi da mariposa sono: cd 16/18 euri cadauno moltiplicato per quattro fa 64/72 euri mensili... io tutti sti soldi non ce li ho. e 10 anni fa non avevo problemi a comperare 1 cd a settimana, ma come ho già detto 3 o 4 volte( ma ovvio, per essersi accorti che l'ho detto bisogenrebbe aver letto i commenti) forse sono solo io ad essere diventato un pezzente.
BËL (00)
BRÜ (00)

panNZZOone
nes : i nuovi Lp costano esattamente come i nuovi Cd che uscirono nei primi anni 90 . 24 Euri ( circa )
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
panz scusa ma che cazzo me ne frega di stare qua con te a parlare? negli anni 90 un cd metal costava ( ripeto da mariposa, il negozio che ho più rfequentato e sul quale mi baso di conseguenza) 20 mila lire. oggi costano dai 16 ai 18 euro e novanta. e lo so perchè ho appena preso "jesu" a 18.90. Nel '98 the angel & "the dark river" mi costò 20 mila lire. Il resto sono chiacchiere (e non provare a dirmi che come è raddoppiato il prezzo dei cd sono raddoppiati gli stipendi dal 98 al 2010, grazie). Comunque ha
i ragione tu. E soprattutto: non me ne frega un cazzo.
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
Io ultimamente, se ho voglia di risparmiare qualcosa, oltre a Play.com, ordino alla Cduniverse. Esempio: ultimo degli Interpol a 13.59$ che sono 9.77 euro, NUOVO! (non che abbia comperato quello degli Interpol, era solo un esempio). Vale la pena però solo per acquisti di un po' di cd, così le spese di spedizione (circa 13/14 euro se non ricordo male per posta ordinaria) non fanno perdere la convenienza. Poi c'è il corriere, ma oltre che costare molto di più si rischiano pure le tasse doganali.
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
alfredo. come aveva già detto qualcuno con internet si risparmia, è verissimo. Ma comae ha detto qualcun altro, vuoi mettere prenderti del tempo per recarti al negozio di fiducia, spulciare tra gli ultimi arrivi, chiacchierare con il propietario del negozio di musica e gruppi vari? Conoscere gente mentre ascolti un brano direttamente in negozio, e farti consigliare da lui (e viceversa)nuova roba... No nn c'è paragone.
BËL (00)
BRÜ (00)

panNZZOone
Costavano 24.000 lire i cd nuovi non euro nei primi anni 90 ( rapporto euro lira son passati 20 anni ) , nel 2002 e son passati 8 anni costavano esattamente come adesso se non di piu' con la differenza non trascurabile che le offerte scontate a prezzi cosi' bassi erano pochissime . Mariposa andavo una volta ma se tu passi davanti oggi ci vedi la vetrata di cd heavy metal a 5 euro cadauno .
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
Si hai ragione, anche se ho fatto poche volte esperienze simili, vivo in un posto in cui i negozietti di roba fica underground non sono mai esistiti e i negozi di musica che esistono sono gestiti da persone non appassionate che manco conoscono la roba che vendono. :D
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
"Mariposa andavo una volta ma se tu passi davanti oggi ci vedi la vetrata di cd heavy metal a 5 euro cadauno .
" scusami panz, ma mariposa vende praticamente solo cd metal... a 5 7/9 euro ( e novanta) ci sono le offerte, è vero... roba vecchia, che già ho o inascoltabile (per me). Sai, se vai da lidl puoi trovare fondi di magazzino a 0.99 centesimi. Cazzo! Al giorno d'oggi non costa nulla niente!
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
La mia ultima frase qua sopra non è in italiano, probabilmente è incomprensibile, del resto Page not found | LinkCuts
BËL (00)
BRÜ (00)

panNZZOone
Nes dove vuoi arrivare non l'ho ancora capito , mah
BËL (00)
BRÜ (00)

Purpulan
Boh, io i miei 2/3 CD mensili me li piglio, più o meno come negli anni '90 (con l'aggiunta della botta di 13a+14a Natalizia, proprio in coincidenza con i consuntivi "best records of the year" ; ). La cosa fica è che, paraculissimo, sono almeno 7 anni che non mi arrivano più impalate di sorta da acquisto avventato a "scatola chiusa" ed "ano inopinatamente spalancato e manco ben oliato" (Ueh, c'ho solo prodotti equo solidali non sodomiti, a lunga conservazione e sempre di prima qualità, insomma. Meglio di così... ; ).
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
voglio arrivare a dire che per comperare i dischi oggi, come li si comperava negli anni 90 ( parlo ovviamente per chi come me oggi ha 30 circa) serve più grano... Come non lo hai capito? E' la prima cosa che ho detto su questa pagina e la prima cosa che mi hai contestato. Comunque, se proprio non ti è chiaro... M'importa una sega.
BËL (00)
BRÜ (00)

panNZZOone
E hai detto una cosa non vera , ti ho fatto l'elenco dei prezzi e le occasioni , e le novita' costano meno di otto anni fa' , se ti ricordi i cd appena usciti andavano oltre i 20 e ci rimanevano nel tempo , oggi a prezzo pieno tre mesi max poi giu' di sconto. ma tu mica vorrai lp non l'hai mai cagato eh .
BËL (00)
BRÜ (00)

panNZZOone
Ancora con sti anni 90 ... i cd erano a prezzi pieno negli anni 90 24000 millalire ed erano soldiii occasioni nada e gli Lp erano alla frutta e costavano 18000 almeno . Loro si che avevano le occasioni da mariposa compravi il metal a 7 8 mila lire , un po come i cd adesso . hai capito si e' invertita la frittata .
BËL (00)
BRÜ (00)

gnagnera
panNZZOone gli lp è vero che erano alla frutta, ma io mi riferivo a sottogenere (punk, garage,hardcore e commistioni varie) di negozi specializzati e piccole eitchette che di vinile nè stampavano un sacco negli anni '90 (in the red, cryot, rip offs, empty, estrus e in Italia maddriver, hangover ecc.) e ti assicuro che quei dischi si trovavano e non costavano più di 15.000 lire (ed era già uno spesone). Adesso quasi tutte quelle etichette sono più o meno sparite (l'unica che esiste attivamente è la In The Red) ed il vinile è diventato un oggetto da collezionismo (a parte casi ed etichette rari) con costi spropositati. Sui cd la cosa positiva di adesso è che si trovano un sacco di offerte
BËL (00)
BRÜ (00)

panNZZOone
gnanera non lo metto in dubbio ma 15000 mila lire erano poche nei primi anni 90 ? i nuovi costavano 18000 e i cd 24ooo , nel senso se mi avessi detto 7 / 8 come il metal di mariposa ok . oggi i sottogeneri li paghi anche 8 euro in cd . oggi la novita' e' lp !il cd e' roba vecchia! .ahahahahah . le comiche
BËL (00)
BRÜ (00)

fedezan76
La verità è che il costo dei cd (soprattutto) e lp è aumentato molto meno rispetto a tutto il resto. Noi siamo fottuti per il modello di vita consumistico che si è instaurato. Nel 90 manco avevo il cellulare e quindi magari i soldi che spendo adesso per cellulare (ma potrebbe essere internet stesso, sky che non ho etc.) li usavo in parte per i cd. E lo stesso dicasi per innumerevoli accessori che oggi ci sembrano la normalità o per gli happy hour, le cene fuori (meglio il pesce della pizza, no?) etc.
BËL (00)
BRÜ (00)

gnagnera
il prezzo massimo era 15.000 si trovavano tranquillamente a 10.000 quelli esteri e 5.000/7.000 quelli italiani. molto semplice
BËL (00)
BRÜ (00)

Workhorse
Vera sta cosa, le cose più belle ho imparato ad ascoltarle causa masochismo.
BËL (00)
BRÜ (00)

panNZZOone
gnanera scusa ma quali negozi a Milano vendevano a questi prezzi le novita' a 7000 Lire nei primi anni 90 ( dopo la meta' non ne ho piu' visti di lp nuovi ) ? io ti dico nessuno
BËL (00)
BRÜ (00)

gnagnera
lp italiani? ribadisco spesso autoproduzioni o di microetichette: zabrinskie, riot, hangover del cataruzza. Band come Paolino Paperino Band, Sottopressione, Killer Klown, STP, Temporal Sluts e così via. dopo la metà i prezzi erano un pò aumentati ma al massimo arrivavano sulle 10.000, col 2000 sono inziati a sparire per davvero
BËL (00)
BRÜ (00)

Carpanix
Da un punto di vista strettamente tecnico/qualitativo, come fate a sentire tutta questa nostalgia per il vinile? A me pare che la tecnologia digitale abbia apportato un bel po' di passi avanti. Senza contare che con la tecnologia digitale con un paio di migliaia d'euro posso avere in casa uno studio di registrazione attrezzato in un modo che trent'anni fa sarebbe stato impensabile ottenere con un paio di miliardi di lire. Direi che non è poco. Siamo all'assurdo per cui oggigiorno c'è gente che si impegna anche spendendo fior di soldoni per rendere "analogico" il suono, laddove anni fa la stessa gente si lagnava senza ritegno per il fruscio, il wow-and-flutter, la scarsa separazione dei canali, la distorsione armonica, e bla bla bla spendendo fior di soldoni per liberarsi di quella "analogicità" che oggi ricerca. Oggettivamente, è una follia!
BËL (00)
BRÜ (00)

panNZZOone
Gnanera solo il punk hard core forse ma ci fermiamo li' , Supporti che era ben fornito ad ampio raggio d'azione anche di ristampe e pur essendo conveniente a quei prezzi era dura . con 5000 lire compravi l'usato in sinigallia e con 7500 un Lp al discomane. vedi tu .
BËL (00)
BRÜ (00)

panNZZOone
Carpanix non hai tutti i torti ma sarebbe un discorso troppo lungo in cui nessuno avrebbe ragione .... Non c'e un meglio e un peggio , ci sono due realta' differenti e due ascolti differenti , si potrebbe dire che un giradischi con i controcazzi ed una testina coi controcoglioni potrebbe farne un baffo di qualsiasi lettore e supporto in digitale ... ma non vorrebbe dire niente
BËL (00)
BRÜ (00)

iside
iside Divèrs
comunque il discorso di Stefano Bianchi era diverso, lui parlava dell'appassionarsi alle poche cose che si avevano. PS i dischi son sempre costati un pacco di soldi difatti ce li duplicavamo sulle cassette un LP bastava per 30 persone, un po' come il download. PS (e 2) a Brescia abbiamo ancora un negozio di dischi dove puoi passarci tre giorni ad ascoltare finché non trovi ciò che più ti aggrada.
BËL (00)
BRÜ (00)

popoloitaliano
Ideona!! Certe volte ho delle pensate che mi sorprendo di me stesso (è ironico) ATTENZIONE EDITORS: perchè Debaser non si rende promotore di un'inchiesta interna sull'uso e consumo della musica? Che sappia io non è mai stato fatto prima. Andrebbe studiata un pò ma non è complicatissimo:Inviare una mail a tutti gli utenti registrati con una serie di domande: Quantità di downloading, quanti dischi e cd si acquistano al mese, quanto si spende al mese per la musica, quanto tempo si dedica all'ascolto alla settimana etc. Fatto da un sito che si occupa prevalentemente di questo potrebbe diventare un data base abbastanza utile. Eh?
BËL (00)
BRÜ (00)

panNZZOone
aspetta aspetta adesso che mi viene quasi quasi in mente : ( accetto smentite ) ma non e' che i primi cd ( come avevo scritto precedentemente non costassero 24000 mila lire ma 35 40 alla fine degli ottanta? . Potrei sbagliarmi ma ricordo lontanamente cifre di questo genere , nel caso ci sarebbe qualche " vecchietto" che si ricordi se e' un semplice delirio ?
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
@Popolo: se mi mandassero il questionario che tu dici via e-mail la mia risposta sarebbe: "fatti i cazzi tui!" (stile Cetto Laqualunque) :DDD
BËL (00)
BRÜ (00)

gnagnera
@pannzzonne da quanto mi ricordi costavano sulle 20/25.000 lire al massimo forse (e dico forse) raggiungevano le 30.000 quelli di importazione ma erano casi rarerrimi, certo non 40.000
@popolo: se si fa mi offro volontario per l'elaborazione dati, un bel modellazzo sugli utenti debaseriani!
BËL (00)
BRÜ (00)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Vero. Ma è anche vero che io non ho più tutto sto tempo e sta voglia di sbattermi per "la musica"... c'è anche ALTRO da fare.
BËL (00)
BRÜ (00)

iside
iside Divèrs
quanti cd compro all'anno? dipende da Fausto :-))) qunate ore ascolto? 7 ore dal lunedi al venerdì sul lavoro. qunati files .mp3 ho nel pc? pochi saranno al massimo 40.000 e 30.000 li ascolto o avevo l'Lp o Cd originale.
BËL (00)
BRÜ (00)

popoloitaliano
Musica scaricata=zero. Ascolto Settimanale=20/25 ore. CD e dischi all'anno=150/200. Soldi spesi=lasciamo perdere.
BËL (00)
BRÜ (00)

dreamwarrior
Avere 10.000 mp3 o avere 10.000 cd poco importa perchè difficilmente si avrebbe il tempo da dedicare a tale mole di musica. Anzi, probabilmente chi ingurgita mp3 almeno risparmia sul costo o non paga affatto a differenza di chi impila cd su cd i quali, per la gran parte, a stento verranno ascoltati una volta. In realtà bisogna sapersi contenere sia nell'uno che nell'altro caso, fermo restando che la preferenza per la musica liquida o fisica dipende in primis dalle disponibilità economiche e secondo dall'importanza che viene dato al supporto rispetto alla musica in esso contenuta.
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
Ora che ricordo negli anni '80 i cd costaano 40.000 negli anni '70 60.000 e negli anni '60 110.000 più un servizio di bocca al negoziante.
BËL (00)
BRÜ (00)

panNZZOone
bravo nes fai lo spitiroso che ti riesce come a nessuno , le puttanate piu' grosse son sempre le tue anzi stavolta ti sei superato hai detto esattamente il contrario della realta', continua cosi' . @ Dreamwarrior disponibilita' economiche fino a un certo punto , c'e gente che compra pochi cd e ha la macchina nuova ogni 3 anni . E' anche una scelta .
BËL (00)
BRÜ (00)

dreamwarrior
@Panzoone: nell'uno o nell'altro caso devi sempre avere una certa disponibilità economica, poi naturalmente si spende di più per ciò che si ritiene prioritario.
BËL (00)
BRÜ (00)

panNZZOone
testina negli 80 avrai avuto si e' no ZERO anni ma che cazzo ne sai ? telefona al paparino al limite e ripassa , prima di sbrodolare minchiate a ripetizione .
BËL (00)
BRÜ (00)

panNZZOone
dreamwarrior anche per i divertimenti tutti servirebbe una certa disponibilita economica , cosa cambia ? cioe' non e' un discorso inerente alla musica e' un discorso in generale . ricordo due amici ( per modo di dire ) due ragazzi che avevano circa 12000 lp scovavano le cose piu' assurde avevano in casa una muraglia disumana le madri disperate , poi Li vedevi vestiti e ti mettevi le mani nei capelli , tutto quello che avevano era per il disco per la musica . insomma e' anche una questione di testa, non solo di soldi .
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
Poi non capisco sto cazzo di discorso che la musica dovrebbe essere gratuita, che l'artista non paga a nessuno la musica che crea, ma che razza di minchiate sono? Domani vado alla prima mostra di pittura che becco, prendo un quadro e me lo porto a casa dicendo che l'arte non ha prezzo, poi vediamo cosa mi dicono. Poi sono d'accordo sullo schifo rappresentato dalle major, dalla Siae e da tutte le tasse e merde che ci girano intorno, ma i discorsi pseudo-romantici (che sento spesso in giro anche da conoscenti) di cui sopra mi fanno veramente cadere le bolas al piano terra.
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
Come dimenticare poi le superofferte lidl di oggi: 50 brani dell'orchestra Raul casadei, reinterpretati dalla filarmonica ucraina музыка левой a soli 0,99 euri!
BËL (00)
BRÜ (00)

panNZZOone
C'e anche da farsi una cultura jazz oggi a pochi spicci , si vabbe' per lui e' fantascienza . Cia' andiamo a vedere il Milan parliamo di cose serie
BËL (00)
BRÜ (00)

nes
nes
perchè la gente è convinta che basti ascoltare il jazz per essere speciali? comunque assieme al cd da lidl allegano anche uno sgabello in truciolato e una calamita/orologio da frigorifero. Certe offerte di oggi sono veramente imperdibili.
BËL (00)
BRÜ (00)

Dì la tua! (Se proprio devi)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi: