Il nuovo cibo per cani

Apri gli occhi in una delle tante giornate di quest'epoca indecifrabile. Accendi la tv e saltando un po' annoiato (già di primo mattino? non è bene) da un canale all'altro noti che se non sono film (sempre meno) o programmi di cucina, già si inizia a dibattere di politica o economia in trasmissioni che penseresti avere tutt'altro taglio. Giornalisti dalla sintomatica mascella e soubrettes che fino a ieri ancheggiavano ammiccanti in un reality o in una televendita, oggi conducono una finestra di attualità politica a tutte le ore. Eh sì perché anche nel pomeriggio la cosa va avanti, tra "programmi demenziali con tribune elettorali" e contenitori più vasti che comunque non si fanno mancare un approfondimento (reale?) politico, passando per tutti i telegiornali, le trasmissioni politiche successive fino ai veri e propri e "sacri" format politici di prima serata (ma anche di seconda), comunque circondati da trasmissioni d'inchiesta o di denuncia a buon mercato dove le notizie "strisciano" rapidamente tra "iene" d'assalto, tapiri e pupazzi rossi.
Tutti, insomma, rincorrono notizie e si rincorrono a vicenda nel darle, gareggiando tra chi "sgamma" per primo un politico affarista o uno approffittatore, un cittadino indignato o uno incazzato proprio. Tutti, ma proprio tutti, anche in trasmissioni, come dicevo, che penseresti avere altri argomenti da trattare o stile da seguire. Ovviamente i giornali non sono da meno e gettano benzina sul fuoco della denuncia con titoloni gonfiati l'un contro l'altro armati. Ogni testata è rigorosamente schierata e confeziona quelle che i propri lettori pagherebbero, e infatti pagano, per leggere.
In questo scenario bollente (in tutti i sensi), ormai anche d'estate - c'avete fatto caso? Prima la politica di questi tempi andava in vacanza, si staccava la spina, ma dall'anno scorso coi mastini del Giornale sguinzagliati sulla casa a Montecarlo di Fini non è più così, e allora giù con la crisi, lo spread, Monti e la Merkel - ovviamente non è da meno internet, anzi. Con la sua rapidità di circolazione divulga notizie a raffica su tutti e tutto, prontamente gettate in pasto ai blog dove cittadini super informati e consapevoli le addentano affamati e le masticano avidamente, bisognosi di sfogare coi denti dell'invettiva tutto lo stress da crisi che li attanaglia. Gente che aveva sempre seguito poco o nulla la politica ora gongola nello sparare a zero su ministri, sottosegretari, dirigenti e chi più ne ha più ne metta, pontifica di macroeconomia e di teoria politica e getta tutto l'astio di cui è capace su intere categorie di persone sull'onda della notizia calda del giorno che una di quelle persone ha appena infangato: politici appunto, ma anche immigrati (per la cronaca nera il discorso è lo stesso e l'isteria collettiva analoga), tassisti, operai, statali, comandanti di nave distratti in un inchino, folli omicidi e compagnia cantante.

La domanda che mi sovviene, e che mi ha suggerito questo editoriale, l'avrete a questo punto già capita: non sarà che in quest'epoca multimediale d'informazione in tempo reale alla fin fine si viva peggio di ieri? Non sarà che ci stiamo consumando e logorando lentamente in una patologica follia generale da troppa informazione? Non sarà che non abbiamo fatto altro che creare cittadini più impauriti e ansiosi e dunque rabbiosi e nevrotici piuttosto che liberi, informati e consapevoli? Viva internet, viva la libera informazione, la circolazione delle idee e viva la competizione tra fonti f'informazione diverse e di segno opposto. Viva tutto. Ma forse non eravamo pronti a maneggiare tutto questo così in fretta.
Forse la nostra vita interiore non è veloce quanto quella che ci circonda.
Forse abbiamo bisogno di quieta lentezza.
Non c'è proprio niente da correre...

"And you run and you run to catch up with the sun, but it's sinking
And racing around to come up behind you again
The sun is the same in the relative way, but you're older
Shorter of breath and one day closer to death…
"

federock , Il 14 agosto 2012 — DeRango: 0,00

BËL (00)
BRÜ (00)

I commenti che questo editoriale ha voluto ricevere

federock
per spiegare meglio il concetto, aggiungo solo che 30, 40, o 50 anni fa' si parlava di politica con passione, per esprimere idee - anche con forza - e progetti, ideali, utopie. Oggi prevale l'antipolitica e invece di costruire si pensa solo a distruggere, delegittimare, attaccare, criticare, denigrare, inveire, spesso aprioristicamente e sull'onda di un pregiudizio sempre più diffuso. Non so quale sia la causa e quale l'effetto, ma so che il risultato è una preoccupante crisi non solo economica, ma anche culturale e morale, che si riflette in una triste mancanza di personalità e idee nelle persone, preoccupate soprattutto di sparare a zero su qualcuno.
BËL (00)
BRÜ (00)

elv: L'antipolitica è costruita (qualunquisticamente parlando) sulla figura di servi del sistema economico europeo. Hanno il compito di intrattenerci mentre molto più in alto ci massacrano.
nes: se avessi scritto solo queste 4 righe invece di tutto l'editoriale il mio commento sarebbe stato : "AMEN". PS: ma la casa di Fini (che poi di fini non è mai stata ma pazienza) non era 2 anni fa? Magari no eh, tanto è stata una cosa così ridicola che prima ce la dimentichiamo meglio è.
ILM_igliore
.
BËL (00)
BRÜ (00)

iside
iside Divèrs
uno dei motivi per cui pago Sky. almeno posso vedere documentari a gogo. poi come link all'edetiriole stava meglio questo

BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio: Secondo me dovresti preparare un bell'editoriale sulla stagione degli amori del Tamarino Imperatore.
iside: pensavo di farlo sugli alieni e le piramidi.
senzastile: beato te, io ogni tanto mi ricordo di linea blu- molto raramente in realtà- e mi tocca al meglio il soporifero duo Alberto Piero superquakko
nes: ormai di documentari decenti esistono solo quelli della bbc e poco altro Pianeta Blu - Una Grande Enciclopedia del Mare - BBC . e comunque è tutta roba da che o compri o becchi per caso. io ad esempio 3 o 4 anni fa ho visto quello della bbc sugli abissi alle 2,30 di notte su rai 2... recuperatevelo è la cosa più bella che ho visto in tv in vita mia. Sky ha un sacco di canaliriservati ai documentari, ma il 90% di essi non si occupa di quelli naturalistici e anche quando ne becchi uno non è mai in HD
nes: e a me viene spontanea una domanda: ma se non mi fai vedere i leoni, le tigri, i pinguini, le giraffe e i calamari bioluminescent in hd che cavolo mi fai vedere, le "MMMMMmmmegacostuzioni" e i punti neri di Messi??? Ma vai a cagare!
iside: animali? mannò guardo solo i documentari sull'universo, i documentari come l'Italia dal cielo e Vision il mondo dal cielo, poi resta Histori.
The Decline
The Decline Divèrs
Ormai la tv è piena di quei giornalisti ''importanti'', i Travaglio, i Telese, figli (il)legittimi che la stessa televisione ha creato e poi plasmato ad immagine e somiglianza del volere dei grandi editori. Personaggi ''amiconi di'' che imperterriti parassitano dal vero giornalismo, quello di provincia, quello di chi scopre notizie a suo rischio per pochi euri al mese; gli stessi personaggi che sputano fuori monologhi a destra ed a manca e poi, quando hanno la possibilità di intervistare Grillo, gli chiedono se vede mai i dibattiti in tv o come stanno i suoi figli invece di domandare come mai nel Non-Statuto del M5S c’è scritto che si possono iscrivere solamente cittadini italiani, una limitazione che non hanno nemmeno Lega Nord e La Destra. Ma non mi stupisco poi molto...
BËL (00)
BRÜ (00)

The Decline
The Decline Divèrs
...in fondo è molto più facile ponticare su Cassano che chiama froci i gay, su Schwazer che si dopa e poi scoppia in lacrime in conferenza piuttosto che inferocirsi per la riforma del mercato del lavoro che ci fotterà (quasi) tutti o ridere in faccia a chi osa mettere per la trecentesima volta in discussione la legge 194. Insomma: le vere notizie spesso sono noiose e la gente comune preferisce le beghe, commentare gli scivoloni linguistici, fare come le comari di paese e spettegolare costantemente su questo e su quello, piuttosto che parlare di idee, di propositi. E anche la politica dei salottini se n'è accorta.
BËL (00)
BRÜ (00)

nes: "Insomma: le vere notizie spesso sono noiose e la gente comune preferisce le beghe," Non sono d'accordo: si parla (i media parlano...) soprattutto di beghe e la gente comune si adegua. YouTube video non trovato _WRcwcAjAnc ps: travaglio io ormai lo vedo solo su canali locali (santoro)... In effetti di tv non ne guardo molta però e potrei essere mal informato..
dosankos
dosankos Divèrs
Bei tempi quando Bruno Vespa era un semplice conduttore di TG. Bei tempi quando Piero Angela... Ops, lui è ancora al suo posto. :-)
BËL (00)
BRÜ (00)

JohnHolmes
Io non avrei scomodato i Pink Floyd: anche i Police di Too Much Information seppero esprimere bene il concetto, seppur in modo diverso. Ripasso dopo a commentare seriamente.
BËL (00)
BRÜ (00)

Nicola Laiosa
Io al mio cane gli do sempre cibo cucinato. I giornali sono ottimi per accendere il caminetto o per pulire i vetri, la tv e' nel cassonetto dell'immondizia da un bel po'. Hai mai provato hurra'?
BËL (00)
BRÜ (00)

JURIX
JURIX Divèrs
"Programmi demenziali tribune elettorali, non possono bastarmi 96 canali"... F.D.S.
BËL (00)
BRÜ (00)

federock: ottimo link a tema, dosankos!
iside: ping png era una trasmissione televisiva di confronto politico, Rino ci fece una canzoncina...https://www.debaser.it/main/Video.aspx?y=qDmY2knQx1M
iside: e per non citare "quelli della notte".
JURIX: E per Zconcludere, un must: Paolino Paperino Band - La Pentola
nes
nes
dos il primo link è sbagliato, il secondo non l'ho ancora aperto, ma prima di aprirlo e vedere se effettivamente tu già sai le cose, ti passo il titolo della canzone di rino: "ping Pong" così faccio vedere che pure io so le cose:)
BËL (00)
BRÜ (00)

nes: ecco dos ho aperto il tuo secondo coso e ho visto che le cose non le cosi troppo bene... allora cosa su questo coso qui: "Ping Pong" - Rino Gaetano così anche tu coserai le cose di rino!
dosankos: Non rammentavo codesto pezzo. Si trova nell'ultimo album di Rino prima del decesso. Album che ho talvolta snobbato devo dire la verità. Ripescaggio a go-go :-)
nes: l'ultimo di rino non lo ricordo malissimo, l'unico inascoltabile secondo me è resta vile maschio dove vai. Tutto quello che lo precede invece lo reputo fondamentale. Ma non fondamentale per la discografia di Rino, è proprio fondamentale per il corretto sviluppo di una persona. Meglio degli omogeneizzati di manzo e dei Plasmon.
dosankos: Mi trovo 'bbastanza d'accordo. Su tutti "Mio fratello" e "Aida".
iside: bravo nes. concordo quasi in toto con te
nes
nes


Ecco io se proprio devo sceglierne uno scelgo ingresso libero, ma bisogna tener presente due cose: la prima è che come qualcuno ha giustamente già detto, ogni fan ha il suo disco preferito. e secondariamente vengo dal metal e tutti sanno che i metallari sanno ( perchè sono metallari e hanno quindi la verità di odino in mano) che il miglior disco di qualsiasi gruppo è il primo. Perchè i primi dischi sono più genuini e true. poi coi soldi e il successo arriva la commercializzazione.. Stay metal! Stay pawer! Stay Rino! yeahhhhhhhhhhhhhh evimetalisdelouuuuuuuuuuuuuuuu!
BËL (00)
BRÜ (00)

dosankos: Infatti a mio avviso la parabola discendente di Rino avviene dopo Sanremo '78
kosmogabri
kosmogabri Divèrs
"Non sarà che ci stiamo consumando e logorando lentamente in una patologica follia generale da troppa informazione? " Ho un amico il cui psicanalista gli dice sempre di smetterla di ascoltare guardare e sentire. Smettere di ascoltare guardare e sentire... non è un consiglio meraviglioso di questi tempi?
BËL (00)
BRÜ (00)

Carpanix: Una proposta di lettura, tenendo conto che eliminerò fisicamente il documento al quale punta il collegamento entro un paio di giorni al massimo: Redirecting... . Una volta terminato il racconto, mi raccomando, fai bene caso alla data...
kosmogabri: grazie!... copiato incollato stampato.
JURIX
JURIX Divèrs
"Smettere di ascoltare guardare e sentire... "...

BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri: ...
Carpanix: Dopo nemmeno una ventina di battute ho DOVUTO chiudere la pagina col filmato per un violento attacco di orticaria.
JURIX: Dici la canZone dei Discharge? Cazzo pezzone storico di una band storica, altrochè!
macaco
Tutto e il contrario di tutto. Non c´é piú spazio per agrapparsi a qualcosa anche solo credendoci. Nessuno poi puó giustificarsi nascondendosi nell´ignoranza e a volte, veritá nel nostro intimo vengono annullate quando sono ampiamente divulgate e banalizzate dalla societá mediatica.
BËL (00)
BRÜ (00)

federock: riletto oggi, ben detto.
Carpanix
Dopo nemmeno una ventina di battute ho DOVUTO chiudere la pagina col filmato per un violento attacco di orticaria.
BËL (00)
BRÜ (00)

ZannaB
ZannaB Divèrs
Mi hai ricordato una risposta di Tom Waits ad una intervista che diceva più o meno "Siamo sepolti dal peso dell'informazione che molti confondono con la conoscenza. Siamo scimmie con i soldi e la pistola".
BËL (00)
BRÜ (00)

SilasLang
La TV è stata l'unica cosa che nei miei bui periodi di devozione alla chimica ho rivenduto e non nme ne son mai pentito una volta rinsavito. Ti dirò, non ne possiedo più una da allora, ovvero 7 anni fa. Vivo meglio con il mio computer, i miei strumenti musicali, libri e piatto per vinile.
BËL (00)
BRÜ (00)

hobermallow
No, non si viveva meglio ieri.

BËL (00)
BRÜ (00)

vortex
Oi!, editors: la vogliamo levare dalla casapagina questa roba piena di buonsenso, che mi sta causando un poco di congiuntivite ogni volta che mi ci cade l'occhio? Che a scambiare le cause con gli effetti c'è chi è moolto più bravo.
BËL (00)
BRÜ (00)

federock: sì, ok, non è un granchè, è un pensiero che mi balenava per la testa anche leggendo i precedenti editoriali, oltrechè avendo a che fare con gente davvero fomentata contro tutto e tutti, tutto quà. E' il primo che scrivo, abbi pazienza, tu sicuramente avrai riflessioni mooolto più profonde da proporci...

Dì la tua! (Se proprio devi)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi: