Sto caricando...

La lista d'ascolto



lector
Vulisseve pruvà quaccos'e nuovo?
Un giro (per forza di cose non esaustivo) nello straordinario patrimonio musicale napoletano.
Vesuvio
E Zezi (gruppo operaio) di Marcello Colasurdo sono stati (e sono) gli esponenti più lucidamente "politici" della canzone popolare napoletana.
Nascono a Pomigliano d'Arco nel '75 e Pomigliano d'Arco non è un posto come un altro: a Pomigliano c'era l'Alfasud, "la fabbrica", il tentativo fallito di creare un polo industriale su di un tessuto contadino. Un paradosso ed una forzatura il cui fallimento ha fatto terra bruciata sia delle tradizioni popolari che delle speranze di riscatto e di sviluppo di un territorio che oggi non ha più una identità.
I Zezi credono nella Cultura e nell'Arte come strumento di riscatto e di recupero di una identità, ma quando parlano di Cultura guardano essenzialmente alla cultura popolare, da cui traggono la linfa della loro musica. Una musica nuova ma con le radici ben piantate nel passato, che parla del presente con la forza di una identità ben piantata nel passato.
"Vesuvio" è uno dei loro pezzi più belli.


Carlos
Carlos | Artista del Popolo
Buona Festa della Repubblica fondata sulle stragi e sulle galere. Bloody Riot - Anarchia per l' Italia


lector
lector | Artista del Popolo
NCCP - Lo Guarracino
Corrado Sfogli se n'è andato, in silenzio (anche il mio, colpevole) un po' più di un anno fa. Prima, però, ha sposato la sua Fausta suggellando una storia d'Arte e d'amore lunga quarant'anni.
L'amore è cosa loro, privata e struggente, ma la loro Arte è cosa di tutti noi e non va dimenticata. Storia ricchissima che non è cominciata con Corrado e Fausta ma che con loro è finita. Storia di un gruppo straordinario e non abbastanza celebrato.
Storia che andrebbe raccontata.


iside
tutti hanno il diritto di cercarsi un futuro migliore. pierangelo bertoli: rosso colore