Marc Johnson
The Sound Of Summer Running

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Marc Johnson è come Beppe Bergomi: campione del mondo a 19 anni, dopo non puoi più deludere.

Perchè a 19 anni questo signore, Johnson non Bergomi, ha cominciato la carriera accompagnando Bill Evans nel suo ultimo trio che è come diventare campione del mondo. Bando ai parallelismi filocalcistici, non credo che abbia bisogno di particolare presentazione questo talentuoso contrabbassista jazz, raffinato, virtuoso, che ha dato un grosso contributo all'innovazione jazzistica con i suoi Bass Desires (Bill Frisel, John Scofield, Peter Erskine) fino ad arrivare ad un album eccezionale come "The Sound Of Summer Running", inciso per la “Verve” nel 1998.

Qui Johnson è il leader di una formazione micidiale ed intrigante dove per un verso lo stile chitarristico aereo e pulsante di Pat Metheny, è affiancato da quello onirico e descrittivo di Bill Frisell, per l'altro il fido contrabbasso del leader sostenuto dall’inventivo drummer Joey Baron. Tutte personalità fortissime e difficili da mantenere equilibrate eppure Marc Johnson, alla regia, è riuscito in questo miracolo; tutti i suoni sono totalmente integrati e complementari tra loro pur non trascurando proprio le individualità che emergono chiare e forti.
La prima traccia, “Faith In You” , è l’ingresso in un mondo sonoro affascinante, ricco delle suggestioni che emergono dal tema doppiato di due chitarre, su un rutilante e discreto tappeto ritmico, che rievoca atmosfere vagamente folk, ancor più pronunciate nel successivo “Ghost Town” quasi dal sapore di una ballad di Jackson Browne.

Si respira grande raffinatezza ma anche voglia di semplicità, melodie popolari filtrate dal gergo jazzistico ed un connubio artistico, tra Metheny e Frisell, deliziosamente riuscito, per la sensibilità e la complementarietà dei due mondi musicali, che si apprezza anche nel blues di “With My Boots On” dove, peraltro, Marc Johnson oltre al grande lavoro di cesello in fase di accompagnamento, si produce in un mirabile solo pieno di sapienti bending (ovvero stiratura di note). Lo swingante treno di “Union Pacific” ci riporta in un ambito più ortodossamente jazz, in cui Johnson “cammina” con le sue bass lines indicando la strada agli assolo delle due ispirate chitarre e sostando, poi, nella quiete di “Porch swing” che, malgrado il titolo, ha il potere evocativo di un film di John Ford con un bivacco di cow-boys nel tramonto rosso fuoco del Missouri.
Inaspettatamente con un “twist” ludico e leggero, “Dingy-dong day”, la band si sbizzarrisce in giochetti musicali di classe con tanto di chitarre alla Hank Marvin degli Shadows, prima di “avventurarsi” in “The Adventures Of Max And Ben”, contributo compositivo di Frisell ed uno dei pezzi più di ricerca dell’album, in cui armonie molto spigolose si avvitano creando e distruggendo continuamente mondi sonori in cui Frisell da sfoggio di tutto il suo sconfinato bagaglio sonoro. “In A Quiet Place” è una dolce melodia composta da Marc con Eliane Elias, eseguita mirabilmente e “methenyanizzata” da Pat con l’acustica che anticipa la fine dell’album, all’insegna della raffinatezza, con “For A Thousand Years”, il “cadeau” compositivo che Metheny fa all’amico Marc.

L’album è corso via in fretta, come fanno certe emozioni che ci rapiscono completamente, ma lascia un animo carezzato e quieto, arricchito dalle musiche di un ensemble straordinario mirabilmente diretto da questo grande bassista. Questo gioiellino musicale, a mio parere, merita sicuramente un posto negli scaffali e nei cuori di appassionati jazz e non, si distingue infatti, per originale creatività e ricercata raffinatezza, patrimonio non comunissimo nella copiosa produzione del jazz contemporaneo.

Buon ascolto.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Ultimi Trenta commenti su TrentaQuattro

Symbad_Bassist
Opera:
Recensione:
...dei 19 anni di Marc l'ho letto da qualche parte; probabilmente la... "fonte" era sbagliata o aveva avuto già un approccio in precedenza con Bill prima di far parte stabile del gruppo preso lezioni o fatto sostituzioni volanti etc. Comunque 19 o 25 la sostanza della cosa non cambia molto...


nightwalker10
Opera:
Recensione:
E' vero sai...beh perdonatemela;)


Skep_90
Opera:
Recensione:
Solo una cosa..se marc johnson è nato nel 1953 e ha suonato con evans dal 78 all'80..non aveva proprio 19 anni


Skep_90
Opera:
Recensione:
Questo disco è stupendo,la cosa che mi sorprende di più è l'assoluto senso di colmpletezza, di unità che le due chitarre di Pat e Bill sono in grado di offrire. Entrambi fanno soli ispiratissimi che uniti fanno parte di una sola perfetta armonia.Io sinceramente non avrei mai azzardato la coppia Metheny-Frisell,ma la scelta del maestro johnson si è rivelata illuminante.Questo per me significa fare musica, calpestare terreni mai percorsi, magari fondendo anche stili di musicisti diversi, con storie differenti, ma con la stessa voglia di avventura, sebbene "attrezzati" diversamente..


JakeChambers
JakeChambers Divèrs
Opera:
Recensione:
Lo preferisco in altri ambiti, bel discuzzo però.


nightwalker10
Opera:
Recensione:
Odra contento di averlo fatto, non per me, ma per la musica;)


odradek
Opera:
Recensione:
E' occorso più tempo del previsto, per averlo, ma lo sto ascoltando. E sembra disegnato dalla luce di questo pomeriggio che diventa sera, attraverso le finestre aperte, nell'antro. Ringrazio per aver generato la curoiosità sufficiente con la tua pagina.


Wanderer
Opera:
Recensione:
Raffinatissimo e cesellato con cura: insomma un gioiellino da avere assolutamente, dici bene nigtwalker10. Io propendo per un 5 pure al disco.


Symbad_Bassist
Opera:
Recensione:
Sexy: normalmente i più grandi equivoci escono fuori quando ci si mette fronte a fronte pretendendo di trovare a tutti i costi un "nemico" (vedi l'Iraq!) non sapendo (o non volendo sapere) un coosa semplice semplice: il dramma della vita è che ciascuno ha le sue buone ragioni! D'ora in poi, se ti andasse, PRETENDO un tuo commento in ogni mia recensione. Di' un po' quello che ti pare. ;-) Odradek, Dante: vecchio saggio io? Spesso si appare più seriosi e "Sibilla cumana" di quello che non si è veramente! Un buon bicchiere di rosso d'annata agli amici e... facciamocela 'na risata ogni tanto, come raccomanda Sexyaiax!!! :-) V.


sexyajax
Opera:
Recensione:
zii..devo dire un sincero grazie a tutti i decommentatori qua sopra che finalmente hanno capito che sono sempre il primo ad esere punzecchiato, altrimenti non andrebbe sempre cosi'....ragazzi vi stimo perche' avete avuto il coraggio di dire qualcosa a mio favore e non lo hanno mai fatto..avete protetto l'ultimo della classe...queste sono prove di onore.....bella riga


odradek
Opera:
Recensione:
In versione vecchio saggio, Symbad? Sottoscrivo tutto. E ne approfitto per girare a te (o ad Hal)la richiesta di samples di Pacino,(anche se finirò per farlo mio, 'sto tripudio in musica)perchè noto che molti recensori fan orecchie da mercante. Eddai, buttateli, 'sti samples.


DanteCruciani
Opera:
Recensione:
si scherza sexy; ma cruciverba che cosa? forse ti riferivi alla citazione da un sacco bello di verdone......Comunque io non sono un depresso come gli altri: mi sento anche del buon hip hop che pompa e spacca, man........comunque grande insulto quello del topo, devo ammetterlo. Se ribeccamo, bella.......


Symbad_Bassist
Opera:
Recensione:
sorry, ma vorrei offrire un punto di vista alternativo: forse se la si smettesse di sfottere Sexiajax anche lui smetterebbe. A tale scopo farei notare alcune cose: 1)ha comunque coraggio e schiettezza, in quanto si presenta sempre con firma 2) ha dato un 4 al recensore, non 1, quindi legge e valuta secondo il suo giudizio, poi ha espresso il proprio parere. Discutibile sino a domani, ma nei limiti del lecito 3) ha ripreso le ostilità solo 'di rimessa', dietro una esplicita provocazione di "maleparole". Leggere per credere. Se si smettesse di alimentare un cerchio vizioso ed inutile, forse i suoi interventi si limiterebbero ad essere un marchio del territorio ed una "caratteristica" di DeBaser. Neanche troppo invasivi. Vero Sexy? Un saluto. V.


Castaldo
Opera:
Recensione:
...sei un topo de fogna ma a alti livelli... L'INSULTO PIù EDUCATO CHE ABBIA MAI LETTO SU DEBASER!


pacino
Opera:
Recensione:
sarebbe bello a questo punto capire se si potessero avere anche dei sample (odradek way of debaser life)...


Anonimo
Opera:
Recensione:
Ma non sa parlare in un normale italiano?


sexyajax
Opera:
Recensione:
si brutto cojone chai na capoccia che me pari er genio della lampadina


Fidia
Opera:
Recensione:
Ma è una minaccia?


sexyajax
Opera:
Recensione:
senti brutto cojone de maledetta primavera...viemme sotto


Fidia
Opera:
Recensione:
Ma cos'avrà voluto ridire?


sexyajax
Opera:
Recensione:
ma cosa vuole maledetta droga????'


Fidia
Opera:
Recensione:
Ma cos'avrà voluto dire?


sexyajax
Opera:
Recensione:
a dante cruciverba.......ma nun me te accolla' ma se ti senti i musicisti tristi e squallidi nun te la prende co me.....fatte na vita...sentite qualcosina de piu' tranquillo..e' na cosa terribile ..sei un topo de fogna ma a alti livelli...


Mauri
Opera:
Recensione:
Come Mullah, non conosco il disco ma la rece invoglia all'acquisto.
Bravo Bravo, anche i paragoni che hai fatto nella rece mi incuriosicono non poco.Curiosità che aumenta anche grazie ai commenti.Poi come dice Hal la copertina trasmette solarità e gioia.
I miei complimenti.Ciao


DanteCruciani
Opera:
Recensione:
DanteCruciani
Opera:
Recensione:
sexyajax ma tu sei proprio un coglione o hai un canovaccio che segui? stai in ogni recensione e te sei fatto tutti li semafori de roma: basta!


Mullah
Opera:
Recensione:
Il disco non lo conosco, ma la bellissima rece è un ottimo consiglio per gli acquisti


geenoo
Opera:
Recensione:
Bellissimo disco.


mauriziotesti
Opera:
Recensione:
votiiiiiiiiiiiiiiii


mauriziotesti
Opera:
Recensione:
nun se po' senti....veramente squallido sia come personaggio(triste)sia come musica(per tristi)..la vita e' molto piu' bella di cosi'..aripiate


Questa DeRecensione di The Sound Of Summer Running è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link