Matteo Righetto
Savana Padana

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


"Savana Padana" ti fa lo stesso effetto di un bicchiere di grappa bevuto tutto d'un fiato dopo una bella cena con gli amici sui colli Euganei, quelle cene in cui ti sfondi di bigoli in salsa, pollo fritto, polenta e fasoi e sioe. E sto parlando del primo bicchiere di grappa della serata, quello che va giù che è un piacere ma che allo stesso tempo ti brucia un po' in gola. Però fa niente, con il primo bicchiere è sempre così. Poi passa e te ne sbatti.
La trama del romanzo, o racconto lungo che dir si voglia, di Matteo Righetto è figlia di un Joe Lansdale ubriaco di grintòn, e deve molto anche al Guy Ritchie dei suoi primi due (bellissimi) film: una banda di zingari, quattro scalcagnati cazzoni della mala del Brenta al seguito di un boss da antologia, un carabiniere rigorosamente teròn che va dove non dovrebbe andare, un mafioso Cinese detto "il Tigre" e una statua di Sant'Antonio che sparisce poco prima del 13 giugno, proprio quando l'afa umida e tignosa della Pianura Padana si fa insopportabile. Il tutto in attesa di un temporale da iradiddio.


Questo libro comunque se ne fotte dei tanti padri putativi che potremmo affibiargli, è un figlio che ha le palle piene dei mondi patinati che vediamo al cinema e che leggiamo in libri miracolati dal marketing e proprio per questo manda tutto e tutti a fanculo anzi, in mona. Per questo ogni pagina ha un qualcosa di nuovo anche quando può sembrare già vista o sentita, per questo il Veneto che esce dalle pagine di Matteo Righetto è assolutamente inedito e, soprattutto, vivissimo. Quello che fa fare il salto di qualità a questa storia dal dissacrante sapore sugarpulp (movimento letterario di cui Righetto è uno dei fondatori) sono le emozioni che nascono dai tanti piccoli dettagli, invenzioni, personaggi e situazioni che ti sorprendono pagina dopo pagina. E poi l'ironia, quell'ironia che non ha rispetto di niente e di nessuno e che ti fa ridere di gusto.


Un libro da leggere così come si beve un bicchiere di grappa dopo un bella cena con gli amici, si diceva: in fretta, senza pensarci troppo e divertendosi come un matto. E poi, vaffanculo, ditemi voi se non ha ragione il vecchio Nane quando, seduto al suo solito posto sotto il poster di Fausto Coppi al Bar Sport, ripete sconsolato "Ah, povera Italia. Ormai ze 'nda tutto ramengo!".

Questa DeRecensione di Savana Padana è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/matteo-righetto/savana-padana/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Undici)

iside
iside Divèrs
Opera: | Recensione: |
polenta fasoi e sioe .......................sioe = cipolle? mi interessa assai. cipolle e fagiole credo che diventerei radioattivo
BËL (00)
BRÜ (00)

macaco
Opera: | Recensione: |
Se bea sta rece. Mi in Brasil me magno tanti de quei fasoi, e i se proprio boni. No ghe se la poenta ma mi fasso il cus-cus de biava. So me manca el vin bon, boia de un mondo can!
BËL (00)
BRÜ (00)

lazy84
Opera: | Recensione: |
ne ho sentito parlare molto bene e, anche se non è proprio il mio genere, la recensione m'ingolosisce!
BËL (00)
BRÜ (00)

psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera: | Recensione: |
iside mi sa che cipolla ze segoa, o g'ho sbaglià? Mi sto scordando tutto il veneziano imparato in duri anni in osteria, mi morti!
BËL (00)
BRÜ (00)

gbrunoro
Opera: | Recensione: |
Eh eh eh... sioe significa cipolle in padovano, poi come in tutte le regioni d'Italia le parole dialettali cambiano da provincia a provincia (a volte addirittura da paese a paese), quindi direi che ci sta un po' tutto... grazie comunque per i commenti
BËL (00)
BRÜ (00)

odradek
Opera: | Recensione: |
Bravo GBrunoro, daremo una possibilità al Righetto, anche se parte male, fondando l'ennesimo movimento(sugarpulp, giusto quello ci mancava). Curioso che Nane pronunci il suo epitaffio sulla società sotto il poster di Coppi, essendo passate alla storia le parole del suo eterno rivale Bartali: "E'tutto sbagliato, è tutto da rifare.."
BËL (00)
BRÜ (00)

JURIX
JURIX Divèrs
Opera: | Recensione: |
Diobel non che ghe opie capì tant, voi che vegnè daa cità parlè tuti quanti massa fighet! Comunque te me ha fat vegner voia de cromparlo sto libret. E qua da mi no ghinè sioe ma ZEOLE e la SGNAPA le tant pi ciusa, ma me sa anca che sea beve pi de gusto. Steme puito!
BËL (00)
BRÜ (00)

geenoo
Opera: | Recensione: |
Quoto il commento n.7
BËL (00)
BRÜ (00)

emily
Opera: | Recensione: |
Che robba! Quasi quasi credea chel fusse el Matteo Righetto che conosso mi... e invesse el zè un omonimo. Ghè poco da scrivare dea bassa, zona depressa, piena de pieni de m****. Se la fusse mejo, ghe ne scrivaria mi.
BËL (00)
BRÜ (00)

emily
Opera: | Recensione: |
El voto...
BËL (00)
BRÜ (00)

fiquata
Opera: | Recensione: |
Mai visto un buco di culo più esteso della pianura padana. Salut'
BËL (00)
BRÜ (01)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: